Bce e Fmi in campo, in Italia nodo stabilità politica

Pubblicato il 08 luglio 2016 da redazione

Lagarde (Fmi) e Schauble (Eu)

Lagarde (Fmi) e Schauble (Eu)

ROMA. – Obiettivo: un compromesso che salvi la credibilità delle regole europee sulle banche, come vuole Berlino. Ma allo stesso tempo eviti all’Italia un ritorno all’instabilità, che da finanziaria, è il timore, potrebbe diventare politica.

E’ quello su cui ragionano in queste ore i policy-maker di livello più alto in Europa e non solo, visto che il Fondo monetario internazionale chiede di interpretare “in modo flessibile” le norme sui salvataggi bancari.

I mercati prendono nota, con un rimbalzo, insolito alla vigilia di un weekend, dei titoli bancari che suggerisce l’attesa per uno sblocco della trattativa. Dopo la freddezza di Bruxelles sull’idea di evitare perdite agli investitori in un salvataggio pubblico per le banche italiane, e con i crolli in Borsa di Mps a sottolineare l’urgenza, è intervenuta la Bce.

Il presidente Mario Draghi non si espone direttamente sull’Italia ma da tempo invita a non essere dogmatici sugli aiuti di Stato. Ma il suo vice, Vitor Constancio, si è riferito ai sistemi bancari di “alcuni paesi” (chi vuole intendere intenda) spiegando che le regole vanno applicate, certo, ma nel loro insieme, “incluso il possibile utilizzo della deroga per ragioni di stabilità finanziaria”.

Il riferimento è all’articolo 45 della comunicazione della Commissione Ue sugli aiuti di Stato alle banche, che permette, se si rischia l’instabilità finanziaria, di salvare le banche con i soldi dei contribuenti in deroga al principio generale che impone di far pagare, convertendoli in azionisti, i titolari di bond subordinati. Constancio, letto in controluce, vuol dire: in questa fase, quei rischi d’instabilità esistono agli occhi dell’Eurotower.

Non sono un’invenzione italiana. Di fatto un assist al governo. Un’àncora di salvezza finanziaria: banche di rango come Goldman Sachs stimano 40 miliardi di euro necessari per tirare le banche italiane fuori dalle secche. Nessuno può escludere un domino finanziario europeo se la ‘condivisione degli oneri’ nel in un ‘bailout’ italiano sfuggisse di mano.

Ma è un’àncora anche politica. Con le incertezze sull’esito del referendum a ottobre, la ripresa economica ridimensionata, e dopo l’esito del voto amministrativo, in molti temono che un irrigidimento europeo rischi ripercussioni politiche pericolose per il governo Renzi.

E’ vero che l’Europa ha concesso di evitare perdite ai risparmiatori. Ma non va dimenticato, si ragiona, fra gli ‘istituzionali’, quelli chiamati a pagare, ci sono le fondazioni, snodo del potere politico locale.

L’Economist, con una copertina che ritrae un autobus tricolore sull’orlo di un burrone, scrive che un’applicazione rigida delle regole “danneggerebbe gravemente Renzi, distruggendo le sue speranze di vincere il referendum” a cui ha legato la vita del governo: “gestita male, la situazione italiana potrebbe segnare il disfacimento dell’Eurozona”.

E’ in questo clima che Constancio ha invitato tutti a una “profonda riflessione”. Interessante che sia seguito il silenzio da parte di Bruxelles, dopo l’affondo intransigente verso Roma fatto da Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo. Da ambienti europei filtra la volontà di prendersi, appunto, una pausa di riflessione.

Tace, soprattutto, Angela Merkel, da cui potrebbe dipendere l’esito finale del negoziato, e che – anche se non è in programma ufficialmente nessun incontro bilaterale – avrà certo occasione di vedere Renzi al vertice Nato a Bruxelles.

Il 29 giugno la cancelliera aveva bacchettato Roma (“non possiamo ridiscutere le regole bancarie ogni due anni”). Da qualche giorno tuttavia sarebbe partito un canale diplomatico per risolvere il più incisivamente possibile la matassa dei problemi bancari italiani.

La prospettiva di destabilizzare non solo i mercati, ma potenzialmente un partner politico primario, potrebbe essere più costosa, in vista del voto tedesco l’anno prossimo, di qualche concessione all’Italia.

(Domenico Conti/Ansa)

Ultima ora

16:12Juve: Matuidi, ‘derby vinto dominando, così in Champions’

(ANSA) - TORINO, 24 SET - "La Juventus è un club di livello mondiale, una squadra che ha vinto tanto e che ha ancora tanto da vincere". Appena arrivato ed è già amore tra Blaise Matuidi e i colori bianconeri. Il centrocampista francese si è confermato un acquisto giusto anche nel derby vinto dominando. "Una partita giocata bene dal primo al novantesimo minuto", sostiene ai microfoni di Sky Sport il giocatore. Che ora vuole una Juve feroce anche in Champions League. "Abbiamo acquisito sicurezza e dobbiamo continuare così - dice -: sarà molto importante vincere in casa, anche se sappiamo che in Champions non ci sono partite facili". Matuidi si è adattato in fretta alla nuova squadra. "Capivo già un po' di italiano e questo mi ha reso tutto più facile, anche per capire le indicazioni dell'allenatore e i consigli dei compagni", spiega il centrocampista, che alle parole preferisce comunque i fatti. "La cosa più importante è dimostrare ciò che si sa fare in campo e dare il massimo per la squadra".

16:09Moto: Aragon, Marquez “Oggi una vittoria importante”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Ad Aragon Marc Marquez ha vinto la quarta delle ultime sei gare della MotoGp. "Oggi è stato un successo importante per mettere un piccolo gap sugli inseguitori", a cominciare da Andrea Dovizioso, solo settimo ed ora staccato di 16 punti in classifica. "Dico piccolo perché mancano ancora quattro gare e tutto può succedere - ha spiegato il pilota della Honda a Sky Sport - ma meglio comunque stare avanti da soli che in compagnia". Marquez aveva deciso di montare entrambe le gomme dure "e sul posteriore è stata la scelta giusta - ha detto ancora - mentre davanti non so se la rifarei. Nelle curve a destro ho sofferto molto. Ad inizio gara il feeling era zero, sono stato tentato di rientrare al box per capire cosa era successo. Dopo aver passato Rossi e Lorenzo ho resettato. Mi sono detto 'sto lottando per il mondiale'. Poi le cose sono andate meglio".

16:00Terremoto: sindaco Norcia, partono progetti dei fondi sms

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 24 SET - "I progetti finanziati con i fondi degli sms solidali qui stanno partendo. Per quanto mi riguarda non ho riscontrato alcuna anomalia": a dirlo è il sindaco di Norcia Nicola Alemanno. Rispondendo all'ANSA dopo le polemiche per la mancata assegnazione dei fondi ad Amatrice. "All'Umbria - ha ha spiegato Alemanno - sono spettati 4 milioni e mezzo di euro derivanti dagli sms di solidarietà. Dopo la ripartizione ci siamo riuniti con la presidente della Regione Catiuscia Marini e gli altri sindaci del cratere decidendo insieme di utilizzare un milione per la dotazione didattica delle scuole, 500 mila euro per i beni culturali e tre milioni per realizzare nelle frazioni centri sociali in grado di fungere da strutture di emergenza in caso di necessità. Le procedure sono andate avanti regolarmente e i progetti stanno partendo". Il sindaco di Norcia ha ribadito di non avere riscontrato problemi. "Lavoriamo tutti insieme - ha concluso Alemanno - individuando le priorità per il territorio". (ANSA).

15:45Terremoto:’fondi sms non andati ad Amatrice’, procura indaga

(ANSA) - RIETI, 24 SET - "Stiamo valutando cosa fare, abbiamo sentito cosa ha dichiarato il sindaco di Amatrice. Domani aprirò un fascicolo a modello 45 e sentiremo anche cosa ha da dire in più il sindaco. Al momento non c'è alcuna ipotesi, si tratta solo di verificare il percorso fatto dalle donazioni". Così all' ANSA il procuratore capo di Rieti, Giuseppe Saieva, sulla vicenda riguardante gli sms solidali destinati alle popolazioni colpite dal terremoto. "Sappiamo, che quei fondi sono nella disponibilità della Protezione Civile, quindi l'indagine avrà vita breve". "Basterebbe chiedere scusa, Collevecchio non è nel cratere, non è questione di edilizia scolastica. Queste decisioni vanno concordate con i sindaci e bisogna tenere conto della volontà popolare, il problema è che oggi la volontà popolare non conta più niente", ha detto il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, su Rainews 24, tornando sulla questione della mancata assegnazione ad Amatrice dei fondi raccolti con gli sms di solidarietà per la ricostruzione.

15:39Vaticano: Milone, obbligato a dimettermi

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non mi sono dimesso volontariamente. Sono stato minacciato di arresto. Il capo della Gendarmeria mi ha intimidito per costringermi a firmare una lettera già pronta". Lo dice Libero Milone, ex primo Revisore generale dei conti vaticani, in un'intervista ad alcuni media, in cui svela i retroscena delle sue dimissioni. "In Vaticano - aggiunge - negli ultimi mesi sono filtrate notizie offensive per la mia reputazione. Non potevo più permettere che un piccolo gruppo di potere esponesse la mia persona per i suoi loschi giochi. Mi spiace molto per il Papa". "Risulta purtroppo - replica la Sala Stampa vaticana - che l'Ufficio diretto dal Dott. Milone, esulando dalle sue competenze, ha incaricato illegalmente una Società esterna per svolgere attività investigative sulla vita privata di esponenti della Santa Sede. Questo costituisce un reato ed ha irrimediabilmente incrinato la fiducia riposta nel Dott. Milone, che, messo davanti alle sue responsabilità, ha accettato liberamente di rassegnare le dimissioni".

15:29Milan: Montella “Insufficienti e sotto i nostri standard”

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Non ci siamo piaciuti, siamo stati insufficienti sul piano agonistico e anche su quello tecnico: non avevamo tranquillità e lucidità per giocare. Dobbiamo capire perché è successo, ma non credo sia una bocciatura per il gruppo o per qualcuno in particolare": Vincenzo Montella non nasconde la delusione per il ko in casa della Samp. "Siamo in crescita e può succedere - dice il tecnico rossonero ai microfoni di Premium Sport -, ma dobbiamo reagire e continuare a lavorare perché siamo un gruppo di qualità. Siamo stati al di sotto dei nostri standard sotto tutti i punti di vista: eravamo scarichi mentalmente, forse ho sbagliato io a non capirlo ma evidentemente qualcuno ha pagato le tante partite ravvicinate. L'esclusione di Musacchio? Zapata somigliava di più al suo dirimpettaio della Sampdoria...".

15:23Moto: ad Aragon vince Marquez, Rossi show ed è quinto

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Marc Marquez ha vinto il Gp di Aragon, 14/a gara del Motomondiale. Secondo posto per Dani Pedrosa, suo compagno nel team Repsol Honda, terza la Ducati di Jorge Lorenzo su Ducati. Quarto Maverick Vinales con la Yamaha. Prova stoica di Valentino Rossi che ha chiuso al quinto posto, nonostante la gamba fratturata. Settimo posto per Andrea Dovizioso con la seconda Ducati ufficiale.

Archivio Ultima ora