Bce e Fmi in campo, in Italia nodo stabilità politica

Pubblicato il 08 luglio 2016 da redazione

Lagarde (Fmi) e Schauble (Eu)

Lagarde (Fmi) e Schauble (Eu)

ROMA. – Obiettivo: un compromesso che salvi la credibilità delle regole europee sulle banche, come vuole Berlino. Ma allo stesso tempo eviti all’Italia un ritorno all’instabilità, che da finanziaria, è il timore, potrebbe diventare politica.

E’ quello su cui ragionano in queste ore i policy-maker di livello più alto in Europa e non solo, visto che il Fondo monetario internazionale chiede di interpretare “in modo flessibile” le norme sui salvataggi bancari.

I mercati prendono nota, con un rimbalzo, insolito alla vigilia di un weekend, dei titoli bancari che suggerisce l’attesa per uno sblocco della trattativa. Dopo la freddezza di Bruxelles sull’idea di evitare perdite agli investitori in un salvataggio pubblico per le banche italiane, e con i crolli in Borsa di Mps a sottolineare l’urgenza, è intervenuta la Bce.

Il presidente Mario Draghi non si espone direttamente sull’Italia ma da tempo invita a non essere dogmatici sugli aiuti di Stato. Ma il suo vice, Vitor Constancio, si è riferito ai sistemi bancari di “alcuni paesi” (chi vuole intendere intenda) spiegando che le regole vanno applicate, certo, ma nel loro insieme, “incluso il possibile utilizzo della deroga per ragioni di stabilità finanziaria”.

Il riferimento è all’articolo 45 della comunicazione della Commissione Ue sugli aiuti di Stato alle banche, che permette, se si rischia l’instabilità finanziaria, di salvare le banche con i soldi dei contribuenti in deroga al principio generale che impone di far pagare, convertendoli in azionisti, i titolari di bond subordinati. Constancio, letto in controluce, vuol dire: in questa fase, quei rischi d’instabilità esistono agli occhi dell’Eurotower.

Non sono un’invenzione italiana. Di fatto un assist al governo. Un’àncora di salvezza finanziaria: banche di rango come Goldman Sachs stimano 40 miliardi di euro necessari per tirare le banche italiane fuori dalle secche. Nessuno può escludere un domino finanziario europeo se la ‘condivisione degli oneri’ nel in un ‘bailout’ italiano sfuggisse di mano.

Ma è un’àncora anche politica. Con le incertezze sull’esito del referendum a ottobre, la ripresa economica ridimensionata, e dopo l’esito del voto amministrativo, in molti temono che un irrigidimento europeo rischi ripercussioni politiche pericolose per il governo Renzi.

E’ vero che l’Europa ha concesso di evitare perdite ai risparmiatori. Ma non va dimenticato, si ragiona, fra gli ‘istituzionali’, quelli chiamati a pagare, ci sono le fondazioni, snodo del potere politico locale.

L’Economist, con una copertina che ritrae un autobus tricolore sull’orlo di un burrone, scrive che un’applicazione rigida delle regole “danneggerebbe gravemente Renzi, distruggendo le sue speranze di vincere il referendum” a cui ha legato la vita del governo: “gestita male, la situazione italiana potrebbe segnare il disfacimento dell’Eurozona”.

E’ in questo clima che Constancio ha invitato tutti a una “profonda riflessione”. Interessante che sia seguito il silenzio da parte di Bruxelles, dopo l’affondo intransigente verso Roma fatto da Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo. Da ambienti europei filtra la volontà di prendersi, appunto, una pausa di riflessione.

Tace, soprattutto, Angela Merkel, da cui potrebbe dipendere l’esito finale del negoziato, e che – anche se non è in programma ufficialmente nessun incontro bilaterale – avrà certo occasione di vedere Renzi al vertice Nato a Bruxelles.

Il 29 giugno la cancelliera aveva bacchettato Roma (“non possiamo ridiscutere le regole bancarie ogni due anni”). Da qualche giorno tuttavia sarebbe partito un canale diplomatico per risolvere il più incisivamente possibile la matassa dei problemi bancari italiani.

La prospettiva di destabilizzare non solo i mercati, ma potenzialmente un partner politico primario, potrebbe essere più costosa, in vista del voto tedesco l’anno prossimo, di qualche concessione all’Italia.

(Domenico Conti/Ansa)

Ultima ora

08:22Contrabbando carburante in Sicilia, 14 arresti

(ANSA) - CATANIA, 18 GEN - Oltre 150 finanzieri del Comando provinciale di Catania, a conclusione di un'indagine coordinata dalla locale Procura distrettuale, stanno eseguendo 29 misure cautelari personali, di cui 14 arresti domiciliari e 15 provvedimenti di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e il sequestro preventivo di 25 impianti di distribuzione stradale di carburante nelle province di Catania, Ragusa, Siracusa ed Enna. Agli indagati è contestata l'associazione a delinquere finalizzata al contrabbando di prodotti petroliferi immessi nel mercato nazionale in evasione d'imposta (accise e iva), utilizzo ed emissione di fatture per operazioni inesistenti, falso ideologico, frode in commercio e turbata libertà del commercio. I particolari dell'operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa che si terrà alle 10.30 nella sede del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catania. (ANSA).

03:26Terremoti, scossa magnitudo 3.4 in provincia di Messina

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.4 è stata registrata alle 22:20 di ieri sulla costa nordest della Sicilia, in provincia di Messina. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 6 km di profondità ed epicentro tra Longi e Frazzanò. Non si segnalano danni a persone o cose. Un'altra scossa, di magnitudo 3, è stata poi registrata alle 23:50 al largo delle isole Eolie, con ipocentro a 14 km di profondità ed epicentro 13 km a sudovest di Leni (isola di Salina). Anche in questo caso non si segnalano danni.

01:19Calcio: 3-2 al Bologna, Inter ai quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - L'Inter vola ai quarti di finale di Coppa Italia, battendo il Bologna 3-2 a San Siro. Ma la squadra di Pioli ha avuto bisogno dei tempi supplementari per eliminare i rossoblù che, sotto 2-0, erano riusciti a mettere a segno la rimonta: l'Inter passa in vantaggio al 34' grazie al gol-capolavoro di Murillo. Il colombiano, sul corner di Joao Mario, batte Da Costa con una rovesciata spettacolare. Cinque minuti più tardi arriva il raddoppio con Palacio. Ma il Bologna trova la forza per reagire e al 43' riapre il match con il gol di Dzemaili. Nella ripresa arriva il pari, grazie alla rete di Donsah al 28'. Rimonta completata per la squadra di Donadoni che costringe così Pioli ai tempi supplementari. All'8 del primo extra time però l'Inter si riporta in vantaggio con Candreva che decide così la sfida e manda i nerazzurri avanti.

23:43Calcio: Coppa d’Africa, Mali-Egitto 0-0

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Esordio in Coppa d'Africa senza reti per l'Egitto di Hector Cuper e del giallorosso Salah. I Faraoni infatti sono stati fermati sullo 0-0 dal Mali, in un match valido per il girone D del torneo.

22:45Calcio:Ceferin in Russia’Uefa favorevole Mondiale allargato’

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - ''Tutte le confederazioni sono nettamente a favore dell'espansione delle partecipanti alla Coppa del Mondo FIFA a 48 squadre a partire dal 2026. Di conseguenza, l'Uefa ha deciso di aderire nel sostenere il nuovo formato della competizione''. Parola del presidente dell'Uefa, Aleksander Ceferin in una intervista alla Tass nel suo primo viaggio pubblico in Russia da numero uno dell'organo che governa il calcio europeo. ''Siamo soddisfatti del fatto che la durata dei Mondiali non aumenterà, questione questa importante per i club preoccupati per il maggior impegno dei rispettivi giocatori''. Ceferin ha risposto così ad una domanda sul fatto che il calcio russo come gli altri sport abbia problemi di doping: ''L'Uefa sta facendo il massimo nella lotta contro il doping. Test rigorosi vengono effettuati sia in occasione dei match internazionali e che delle competizioni Uefa per club. A dicembre abbiamo deciso di mettere in atto un nuovo protocollo per quanto riguarda la conservazione dei campioni''

22:34Prete litiga con amante e le rompe un dito, condanna 2 mesi

(ANSA) - RAVENNA, 17 GEN - Un prete è stato condannato a due mesi di carcere per avere fratturato in canonica un dito a quella che era stata per cinque mesi la sua perpetua e amante. Ma è stato assolto dall'accusa di violenza sessuale (per induzione) perché la perizia psichiatrica disposta dal Tribunale di Ravenna ha stabilito che la giovane, pur segnata da gravi problematiche emotive, era consapevole delle sue azioni. Si è chiuso così il rito abbreviato condizionato a carico di don Alessio Baggetto, 43 anni, all'epoca dei fatti, nel 2013, parroco di Punta Marina Terme, sul litorale ravennate. Per lui la Procura aveva chiesto due anni e mezzo di reclusione. Mentre la difesa - avvocato Enrico Maria Saviotti - aveva chiesto l'assoluzione anche per le lesioni in quanto il prete si sarebbe semplicemente difeso dal lancio di una statuetta in gesso della Madonna. La ragazza - una 26enne dell'est europeo il cui amministratore di sostegno è l'avvocato Christian Biserni - nel frattempo si è sposata e vive a Roma.

22:27Concorsi pilotati: giudici Bari, rete nazionale di controllo

(ANSA) - BARI, 17 GEN - A pilotare i concorsi universitari di cardiologia fino al 2004 c'era "una vera e propria rete nazionale di controllo". Ne è convinto il tribunale di Bari che, tuttavia, nella sentenza dell'ottobre scorso di cui sono state depositate in questi giorni le motivazioni, ha dovuto dichiarare la prescrizione del reato di associazione per delinquere. Nel processo erano imputati il cardiologo barese Paolo Rizzon, arrestato nell'ambito di questa indagine nel 2004 e ritenuto tra i presunti capi dell'associazione, suo figlio Brian Peter e altri due docenti universitari. Con quella sentenza i giudici baresi avevano anche assolto nel merito Rizzon da cinque accuse di falso e tre di truffa. Con riferimento all'ipotesi di associazione per delinquere, i giudici scrivono che "l'istruttoria dibattimentale ha acclarato che gli imputati hanno agito all'interno di un accordo criminoso, destinato a durare nel tempo". Hanno dovuto però prendere atto della prescrizione.

Archivio Ultima ora