Euro 2016: Griezmann contro Ronaldo, sfida tra numeri 7

Pubblicato il 08 luglio 2016 da redazione

ronaldo-frnacia

ROMA. – “Le petit diable” da una parte, CR7 dall’altra, una partita nella partita, la sfida tra i due numeri 7. Sono loro gli uomini copertina delle due nazionali, Francia e Portogallo, che saranno una di fronte all’altra domenica sera per il titolo continentale.

“La vendetta è un piatto che va servito freddo”, deve aver pensato Antoine Griezmann dopo aver eliminato la Germania con una doppietta, trascinando i bleus alla finale di Parigi. A 43 giorni dalla finale di Champions a Milano in cui il francese sbagliò un rigore nei tempi regolamentari e il portoghese segnò quello decisivo nella lotteria dei tiri dal dischetto dopo i supplementari, eccoli di fronte in un’altra finale che dimostra il valore di questi due giocatori.

Protagonisti nei rispettivi club e decisivi anche in nazionale, con la coincidenza che a fischiare sarà lo stesso arbitro: l’inglese Mark Clattenburg. In questi Europei, finora, Cristiano Ronaldo è all’inseguimento di Griezmann, autentico eroe della Francia, con i suoi goal ha messo persino Pogba in un angolo, oscurando anche la ‘dab dance’ del compagno con la sua esultanza ispirata al rapper Drake, il cantante di “Hotline Bling”, e meritandosi in patria il nuovo soprannome di ‘Monsier Plus’.

Partito in sordina, con tanto di sostituzione all’esordio, l’attaccante di Simeone che Capello paragona per intuito del gol a Paolo Rossi, ha già segnato sei gol. Cristiano Ronaldo è fermo a tre, ma ha eguagliato il record di gol nel torneo, che apparteneva a Platini da 32 anni, in una graduatoria dove Griezmann ora è quarto, dietro anche all’inglese Shearer, ma in compagnia di gente come Henry e Van Nistelrooy.

Soltanto Platini ha segnato più gol del 25enne attaccante dell’Atletico Madrid in una sola edizione, 9 nel 1984. Ma sia Griezmann che Cristiano Ronaldo possono ancora aumentare il bottino, anche se è difficile che CR7 possa ormai raggiungere il giovane avversario francese, che domenica sera proverà a diventare il nuovo eroe del calcio transalpino.

I francesi, in quanto a eroi dello sport più popolare del mondo vantano fuoriclasse del calibro di Platini e Zidane, più un congruo numero di degne spalle ai due Palloni d’Oro. La generazione dell’Europeo vinto nel 1984 (superando proprio il Portagallo in semifinale), la madre di tutte le vittorie, e quella del Mondiale 1998 e dell’Europeo 2000, hanno fornito tanti campioni alla causa di una nazione che quando organizza un grande evento, spesso poi vince.

Ma Antoine Griezmann si candida a diventare qualcosa in più degli altri e a restare appena sotto le ‘Roi’ Michel e Zizou. E’ il capocannoniere di Euro 2016 e ha avvicinato la Francia al titolo: in caso di vittoria contro il Portogallo, nella finale parigina, sarebbe impossibile non riconoscergli il merito principale nell’impresa.

In un eccesso di ottimismo c’è chi ha profetizzato al ‘piccolo diavolo’ la conquista del Pallone d’oro 2016, con annessa fine della diarchia Messi-Cristiano Ronaldo.

Certo di fronte ci sarà proprio Ronaldo il cannibale, quello che non ha ancora dimenticato la cocente sconfitta nella finale di Lisbona del 2004 contro la Grecia, quello che ha vinto 3 Palloni d’Oro, quello che ha alzato due Champions in tre anni (tre in carriera), che ha segnato in sette edizioni di grandi tornei internazionali, che detiene il record di gol in un’unica edizione della Champions e che anche quest’anno, per la sesta stagione di fila, ha realizzato più di 50 gol (51 in 47 partite).

Numero 7 contro numero 7 per una rivincita da gustare fino in fondo.

Ultima ora

16:48Francia: primarie gauche,solo 400.000 a urne a metà giornata

(ANSA) - PARIGI, 22 GEN - Confermati a metà giornata i timori di bassa affluenza alle urne nelle primarie della sinistra: soltanto 400.000 elettori si sono recati alle urne, hanno annunciato i due responsabili della consultazione, premettendo che i calcoli sono stati fatti "sul 63% dei seggi" e notando che "fa un freddo più che polare". Lo scorso novembre, nelle primarie della destra, alla stessa ora avevano votato in 1,1 milioni. E nel 2011, alle precedenti primarie della gauche, a recarsi alle urne erano stati 745.000 elettori a metà giornata. (ANSA).

16:47Terremoto: Grandi rischi, diga su faglia riattivata

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Nella zona di Campotosto c'è il secondo bacino più grande d'Europa con tre dighe, una delle quali su una faglia che si è parzialmente riattivata e ci possono essere movimenti importanti di suolo che cascano nel lago, per dirla semplice è 'l'effetto Vajont'". Lo ha detto al Tg3 Sergio Bertolucci, presidente della Commissione Grandi Rischi, aggiungendo che "se si avverte un aumento del rischio, bisogna immediatamente renderlo trasparente alle autorità e alla popolazione".

16:32Calcio: Ausilio stoppa voci Messi, “Basta illudere tifosi”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Moratti ha detto che Suning sta preparando un grande colpo? Trovare giocatori migliori di quelli che abbiamo non è facile, ma faremo il possibile per costruire un'Inter sempre più competitiva": così il ds dell'Inter, Piero Ausilio che però a 'Premium' stoppa ogni indiscrezione relativa a Leo Messi: "Non parlerei di lui, sarebbe un continuo illudere i tifosi: è vero che la proprietà è solida e ha grandi possibilità e ambizioni, ma ci sono dei parametri imposti dalla Uefa cui dobbiamo sempre tenere conto. Altri arrivi a fine gennaio? Noi pensiamo di avere una squadra a posto: sappiamo dove bisogna migliorare, ma non è possibile farlo nel mercato di gennaio. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto con Gagliardini. Quindi in entrata nessuna sorpresa, mentre faremo qualcosa in uscita". (ANSA)

16:30Israele: Rivlin invita Trump a Gerusalemme

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha invitato ufficialmente Donald Trump in Israele e a Gerusalemme. In una lettera inviata al neo capo della Casa Bianca, Rivlin si è congratulato a nome degli israeliani con Trump sottolineando che "l'alleanza tra Israele e Usa non è solo basata sull'amicizia, ma è anche incardinata in valori comuni e un lungo attaccamento alla libertà e alla democrazia: pietre fondanti delle nostre due società".

16:28Calcio: Allegri “Juventus ha vinto con rabbia e qualità”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "C'è stata responsabilità da parte di tutti, ma oltre alla fame e alla rabbia, la squadra ha anche giocato bene tecnicamente". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri dopo il 2-0 sulla Lazio. "Fame e qualità sono entrambe componenti fondamentali per vincere - spiega il tecnico a Premium - specialmente in Champions dove vogliamo fare bene. Il modulo? Mercoledì mattina mi sono svegliato e ho deciso di cambiare. Ho scelto così perché venivamo da una partita non bella a Firenze e oggi c'era la partita giusta per un esperimento del genere. Abbiamo regalato qualche ripartenza alla Lazio e da questo punto di vista bisogna migliorare: se vogliamo fare il salto per vincere il campionato e provarci in Champions, dovremo essere un pochino più spregiudicati. Le critiche nei miei confronti? Non sono mai esagerate, a volte sono giuste e a volte no. Ogni annata, nel calcio, è una storia a sé: non è che prendi i giocatori, li butti dentro e va tutto bene. Ci vuole tempo per assorbire i cambi".

16:25Rigopiano: 24 dispersi,anche senegalese

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - Sale a 24 il numero dei dispersi della tragedia dell'Hotel Rigopiano. All'interno della struttura c'era anche un immigrato senegalese Faye Dame in possesso di un permesso di soggiorno ed era regolarmente assunto. Lo hanno appurato gli investigatori, che confermano anche come l'immigrato fosse nella struttura al momento della tragedia: la sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti.

16:21Pd: Emiliano, se apre Congresso possibile che mi candidi

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Se qualcuno si prende la briga di aprire il Congresso è possibile che mi candido. Di certo non starò a guardare". Lo afferma il governatore della Puglia Michele Emiliano, ospite di 'Faccia a Faccia', in onda questa sera su La7. Emiliano spiega, inoltre, come anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore. Cosa ho imparato da segretario regionale? "Che da solo non si va da nessuno parte, mi auguro che questo sia compreso da tutto il Pd".

Archivio Ultima ora