La Juve già sola al comando del calciomercato, le altre arrancano

Pubblicato il 11 luglio 2016 da redazione

juve

CARACAS. – Il divario che era risicato, da un punto di vista tecnico, con Antonio Conte è cresciuto negli anni del tris del prossimo allenatore del Chelsea. Con Allegri sono venuti altri due tricolori e il 2016-2017 sembra profilare il sesto sigillo.

Se il buongiorno del mercato si vede dalle prime mosse la distanza già netta sulle rivali sta diventando un abisso. Mentre la Juventus ha piazzato una serie di colpi mirati ed efficaci, alle sua spalle Napoli e Roma fanno fatica a raggiungere gli obiettivi di mercato mentre Inter e Milan sono disorientate dal passaggio alle nuove proprietà cinesi. Delle altre di maggior livello, la Fiorentina si barcamena con un budget limitato e la Lazio è divorata dalle polemiche per il gran rifiuto di Marcelo Bielsa.

Per il futuro della Juve sono arrivati Mandragora e Ganz (poi girato al Verona) mentre per il presente gli esterni hanno un nuovo titolare, l’esperto Dani Alves, abituato a vincere col Barca e soprattutto Mire Pjanic, strappato alla Roma con la clausola di 30 milioni. Bonucci e Pogba potrebbere cedere alle lusinghe dei due Manchester portando 160-180 mln da reinvestire.

Intanto Benatia rinforzerà la difesa mentre per colmare la partenza di Morata si parla di Sanchez, Cavani e Lukaku. I giochi sono ancora da fare ma giocatori come Pjaca e Andrè Gomes vengono comunque accostati alla Signora.

Va a rilento il mercato del Napoli: Koulibaly bussa a soldi, Higuain non vuole prolungare mettendo in difficoltà il club, che è stato rifiutato da Zielinski, Lapadula e Vrsaljko. Sta per chiudersi la trattativa per Witsel, preferito a Herrera dopo le esose richieste del Porto. Come esterno il club vorrebbe Candreva che tergiversa, quindi potrebbe dirottarsi su Pereyra.

La Roma dovrebbe correre, visto lo spareggio Champions a metà agosto, e invece Sabatini ha bisogno di tempo . Partito Digne è arrivato Mario Rui, in porta c’è Alisson ma Spalletti prova a riavere Szczesny mentre dovrà gestire il campioncino Gerson. Non ci sarà Pjanic ma Strootman è come se fosse un nuovo grande acquisto. Si attende Diawara ma le carenze maggiori sono in difesa per l’infortunio di Rudiger che si rivedrà a novembre. In arrivo Juan Jesus, Caceres e forse Nacho.

Incertezza anche per l’Inter, passata in mani cinesi. Un formidabile punto fermo è l’arrivo di Banega, mentre scaldano meno i tifosi Ansaldi e Erkin. Ma presto potrebbero arrivare due numeri uno: per 40 milioni dallo Sporting il centrocampista Joao Mario, mentre Candreva sembra preferire la soluzione Inter al Napoli. Un colpo in canna per gennaio è quello di Gabriel Jusus, il diciannovenne brasiliano definito il nuovo Neymar. Sullo sfondo c’è la grana Icardi che vuole prolungare e incrementare il contratto.

Più complicata la situazione del Milan visto l’annuncio del passaggio in mano cinese. L’arrivo di Montella sembra preludere alla partenza di Bacca. Positivo l’avvento di Lapadula, capocannoniere di B. In difesa è partito l’assalto a Musacchio del Villarreal per fa coppia con Romagnoli. Vicino anche Zielinski per la fascia, Galliani non molla la pista Pjaca in concorrenza con la Juve mentre Montella vorrebbe Fernando.

Più modesto il mercato della Fiorentina che ha rinunciato a Blaszczykowski e ha preso i giovani Dragowski e Dicks. In attacco andranno via Gomez e Babacar, rimane il dubbio su Rossi. Corvino sta trattando il fantasista ceco Duda mentre per problemi di bilancio potrebbero partire Ilicic e Badelj. Sousa riparte da Kalinic, Bernardeschi e Borja. Il resto è tutto da scrivere.

Situazione incandescente infine alla Lazio dopo il gran rifiuto di Bielsa e i probabili strascichi legali. Pato non verrà mentre Lotito prova a chiudere per Valencia e Caio. Candreva vuole partire mentre Biglia e Anderson dovrebbero restare. Ora Lotito cambierà strategie ma sarà dura ricucire coi tifosi.

Ultima ora

01:37Corea del Nord, Kim: Trump è folle e pagherà per minacce

(ANSA) - PYONGYANG, 22 SET - Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha definito Donald Trump "un folle" e ha aggiunto che il presidente statunitense "pagherà caro" per le sue minacce. Kim ha accusato Trump di non essere adeguato per ricoprire il ruolo di "comandante in capo di un Paese". Il capo del regime nordcoreano ha descritto il presidente Usa come "una canaglia e un bandito, desideroso di giocare con il fuoco". Le parole di Kim arrivano in risposta al bellicoso discorso fatto da Trump sulla Corea del Nord all'assemblea generale dell'Onu.

00:40Calcio: Liga, nuovo stop per la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Nuovo stop per la Real Sociedad, battuta 3-0 a Valencia dal Levante, in una delle tre gare che giovedì sera hanno chiuso la quinta giornata di Liga. La formazione di San Sebastian, sconfitta in casa domenica scorsa dal Real Madrid, perde così ulteriore terreno dalle zone alte della classifica. Pareggi sugli altri due campi: 0-0 fra Villarreal ed Espanyol, 1-1 fra Celta Vigo e Getafe. Classifica: Barcellona 15 punti; Siviglia 13; Atletico Madrid 11; Valencia, Levante, Real Sociedad e Betis 9; Real Madrid 8; Villarreal, Athletic Bilbao e Leganes 7; Las Palmas ed Eibar 6; Getafe, Girona ed Espanyol 5; Celta e Deportivo 4; Alaves e Malaga 0.

00:16Calcio: primo dispiacere per Mancini, Zenit fuori in Coppa

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Primo dispiacere per Roberto Mancini alla guida dello Zenit: questa sera, infatti, la squadra di San Pietroburgo è stata eliminata dalla Coppa di Russia per mano di un club rivale cittadino di seconda divisione, la Dynamo San Pietroburgo. Lo Zenit, solitario in vetta al campionato (imbattuto dopo dieci giornate), è stato sconfitto per 3-2 ai tempi supplementari in una delle gare dei sedicesimi di finale. Rimasti in dieci dopo pochi minuti per l'espulsione di Mevlja, gli uomini di Mancini sono andati a riposo sotto di due reti ma, grazie alla reazione nella ripresa, sono riusciti a rimettere in equilibrio la situazione con i gol dell'ex romanista Paredes e di Poloz; ai supplementari, tuttavia, è arrivato il terzo gol della Dynamo con un rigore di Kulishev (autore di una doppietta, di Barsov l'altra marcatura).

23:40M5s: votazioni candidato premier proseguono

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Proseguiranno anche domani mattina le votazioni sulla piattaforma Rousseau per la scelta del candidato premier del M5s. Il blog di Beppe Grillo, al termine della prima proroga stabilità alle 23 di questa sera, annuncia che le votazioni verranno riprese anche domani mattina dalle 8 fino alle 12.

23:33Calcio: Emery, rigorista Neymar o Cavani? Conta segnare

(ANSA) - ROMA, 21 SET - "I rigoristi sono Neymar e Cavani. Chi dei due è il numero uno? L'importante è segnare". Unai Emery, tecnico del Paris Saint-Germain, glissa così sulla vicenda della lite tra i fuoriclasse brasiliano e uruguaiano che in questi giorni ha agitato lo spogliatoio del club. L'allenatore, parlando in conferenza stampa in vista del ritorno in campo sabato a Montpellier, ha inteso in questo modo non creare favoritismi tra i due compagni di squadra dopo l'episodio del rigore conteso, domenica scorsa nella gara contro il Lione. Il tecnico spagnolo, d'altronde, avrebbe parlato con entrambi i giocatori ed è lecito ritenere che, se non una gerarchia, quantomeno un accordo sia stato raggiunto per far sì che al prossimo rigore non si ripeta lo stesso problema. Secondo "L'Equipe", intanto, Neymar avrebbe già presentato le sue scuse a tutta la squadra per l'accaduto. Il brasiliano, precisa il quotidiano francese, avrebbe parlato ieri prima dell'allenamento, con il supporto da interprete del connazionale Thiago Silva.

22:55Vaticano: processo, Spina, “Bertone chiarì col Papa”

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 21 SET - La vicenda della ristrutturazione dell'attico del Segretario di Stato emerito, con soldi della Fondazione Bambino Gesù, era stata chiarita dallo stesso cardinale Tarcisio Bertone, "di persona, con il Santo Padre". Lo ha riferito nel corso dell'interrogatorio Massimo Spina, ex tesoriere della Fondazione Bambino Gesù, accusato di peculato. "Me lo disse il presidente Profiti dopo il clamore mediatico" sulla vicenda nel maggio 2014. "Avevo un compito di carattere esecutivo, dovevo dare costante contezza contabile della situazione finanziaria della Fondazione Bambino Gesù"; "Non disponevo neanche di un centesimo"; "Non potevo neanche comprare una penna". E' questa la linea di difesa dell'ex tesoriere del Bambino Gesù, Massimo Spina, accusato con l'ex presidente Giuseppe Profiti, di peculato per la destinazione di 422mila euro della Fondazione per la ristrutturazione dell'appartamento del cardinale Tarcisio Bertone, ex Segretario di Stato.

22:47Tennis: Laver Cup, si parte con Cilic-Tiafoe

(ANSA) - ROMA, 21 SET - Saranno Marin Cilic e Frances Tiafoe a inaugurare domani la prima edizione della Rod Laver Cup, il nuovo format del tennis che vedrà a Praga i campioni della racchetta difendere i colori dell'Europa da una parte e del resto del mondo dall'altra, sulla falsariga della Ryder Cup golfistica. I capitani dei due team, Bjorn Borg per l'Europa e John McEnroe per il Resto del mondo hanno comunicato le loro scelte per la giornata d'esordio che, oltre al croato e allo statunitense, vedrà scendere in campo Dominic Thiem (Europa) e John Isner (Mondo) e nella sessione serale Alexander Zverev (Europa) contro Denis Shapovalov (Mondo) e il primo doppio, Tomas Berdych/Rafa Nadal (Europa) contro Nick Kyrgios/Jack Sock (Mondo). Roger Federer, tra i più attesi nel team Europa, riposerà nella prima giornata. Sede dei match, da domani a domenica, il veloce indoor della O2 Arena della capitale ceca. La formula del torneo prevede tre giorni di incontri, con 3 singolari e un doppio al dì, e un doppio decisivo in caso di parità.

Archivio Ultima ora