Renzi, referendum tra ottobre e novembre

Pubblicato il 11 luglio 2016 da redazione

renzi

ROMA. – Non vede l’ora di fare una campagna elettorale Matteo Renzi che, due anni dopo l’ingresso a Palazzo Chigi, annuncia che metterà nero su bianco la ricostruzione di come si passò dall”Enrico stai sereno’ alla sfiducia del Pd al suo premier. In attesa delle politiche, però, il premier si butterà nella campagna per il referendum che “a naso” si svolgerà tra ottobre ed il 6 novembre.

“Non ho paura” sull’esito, scommette il leader dem negando di aver moderato i toni per timore di una sconfitta e tirando dritto sul quesito unico sostenuto dal governo perchè “la Costituzione non si cambia à la carte”.

Nonostante non voglia ammettere di aver cambiato strategia, Renzi riconosce che forse l’impressione di essere stato troppo sicuro e arrogante lo ha danneggiato. Per questo in vista del referendum istituzionale – dice – “non aprirò più bocca sul mio futuro” politico.

Che non vuol dire che in caso di sconfitta il premier non trarrà le conseguenze ma che per vincere il referendum il governo insisterà sui temi di merito. E, pur escludendo paralleli con Brexit, il segretario dem ammette di aver imparato da Cameron una lezione: “Non bisogna mai utilizzare le istituzioni per regolare i conti con la minoranza interna”.

Per compattare il partito sul referendum, ai vertici del Nazareno si lavora ancora per cercare una tregua con la minoranza fino al congresso, evitando lacerazioni dannose sull’esito della riforma istituzionale. Ed è proprio spiegando i vantaggi di una riforma che “riduce la politica ed i suoi costi” che Renzi pensa che un elettore M5S o della Lega potrà votare a favore.

Se la data del voto non è ancora certa – oggi il leader dem parla per la prima volta di un’ipotesi del 6 novembre – va in soffitta l’ipotesi dello spacchettamento del quesito, sostenuto dai radicali. E valutato, ma poi scartato, nella maggioranza per la difficoltà del Pd di spiegare agli elettori come si possa sostenere il quesito unico e la riforma votata per parti.

“A mio avviso lo spacchettamento non sta in piedi”, chiude la porta il premier. Che si tiene lontano dall’impegnare il governo anche in una riforma dell’Italicum, chiesta dalla minoranza ma anche dagli alleati di governo.

“Per me ora c’è una legge e prima non c’era, era stata cancellata dalla Consulta, se il Parlamento è in grado di farne un’altra si accomodi”, è la linea del presidente del consiglio. Se sull’esito del referendum è ottimista il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni che alla Bbc spiega che “non sarà sul governo”, le opposizioni non sono disposte a fare sconti.

Fi conferma la linea dura del No e solo dopo il partito di Silvio Berlusconi lavorerà per cambiare l’Italicum. E anche da Tel Aviv Luigi Di Maio assicura che M5S sarà impegnata anche ad agosto per la vittoria del no al referendum. Ma il leader grillino non fa paura a Renzi: “Non credo che sarà il mio successore”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

13:31Cartucce e minacce in busta a sindaco nel Nuorese

(ANSA) - NUORO, 26 MAG - Quattro cartucce cal. 12 e una lettera con parole offensive nei confronti del sindaco di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris. E' il contenuto di una busta trovata dallo stesso primo cittadino questa mattina davanti al municipio. La missiva è stata aperta dagli artificieri della Polizia di Cagliari, chiamati dagli agenti del Commissariato, dopo l'allarme lanciato da Farris. Si tratta di una nuova minaccia nei suoi confronti. In meno di un mese è il secondo atto intimidatorio ai danni del sindaco: il 28 aprile all'apertura della suo bar caffetteria aveva trovato una finta bomba davanti alla porta d'ingresso. "Non mi fermeranno, continueremo ad agire nella legalità e trasparenza come abbiamo sempre fatto" aveva detto Farris in quell' occasione. La zona davanti al municipio era stata transennata in attesa dell'arrivo degli artificieri ma ora tutto è tornato alla normalità. Sul posto oltre agli agenti di Siniscola sono giunti anche gli quelli della Digos che hanno avviato le indagini.

13:31Boldrini, Laura Biagiotti un esempio per imprenditoria

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Sono vicina alla famiglia di Laura Biagiotti, una donna che ha rappresentato un modello per l'imprenditoria italiana". Lo dice la presidente della Camera Laura Boldrini dopo la scomparsa della stilista.

13:24Voucher: Lupi, per Palazzo Chigi ci saranno, bene

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Basta fare melina e confusione sui voucher. La nota di palazzo Chigi dice chiaramente che nella manovra verranno inseriti gli strumenti per regolamentare il lavoro saltuario. D'altronde il presidente del Consiglio si era così impegnato con me e con la capogruppo di Alternativa popolare al Senato Laura Bianconi. Ci sono in gioco centinaia di migliaia di giovani che altrimenti resterebbero senza questi lavori o sarebbero costretti ad accettarli in nero, una cosa ingiusta e inaccettabile". Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Alternativa popolare.

13:22Cei: Bassetti, riflettere su grido bimbi in fondo al mare

(ANSA) - PERUGIA, 26 MAG - "Invito a riflettere sul grido dei bambini in fondo al mare mangiati dai pesci, sul grido delle persone straziate e su quello dei tanti poveri che vanno solo in cerca di pace e benessere": lo ha detto stamani il presidente Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, alla sua prima uscita pubblica, a Perugia, dopo la nomina a capo dei vescovi italiani. "Meno male che c'è chi li accoglie e speriamo che l'Europa faccia uno sforzo più grande", ha auspicato Bassetti. Secondo il porporato, "non sono le religioni che provocano violenze e terrorismo, sono loro schegge impazzite. Vediamo creature pazze di furore e impazzite di odio, ma anche per noi in passato è stato così: i terroristi rossi venivano anche dalle nostre università cattoliche". "Musulmani, ebrei e cristiani credono in un unico creatore - ha detto - e il mescolarsi delle razze è inevitabile".

13:22Egitto: attaccato bus copti, almeno 23 morti

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Almeno 23 persone sono morte e altre 25 sono rimaste ferite dopo che un gruppo di uomini armati ha attaccato un bus sul quale viaggiavano cristiani copti. Lo riferiscono i media locali. L'attacco è avvenuto a Minya, nel sud dell'Egitto. Il bilancio delle vittime è stato poi confermato dal governatore di Minya alla Tv CNBC e dal ministero della Sanità. A quanto si apprende, il bus con a bordo i cristiani copti era diretto al monastero di Anba Samuel, sulla rotta desertica a ovest dell'Alto Egitto. Gli uomini armati, riferisce Al Arabiya, hanno usato mitragliatrici nell'attacco contro il bus. Alcuni dei feriti, secondo quanto si apprende, sarebbero gravi.

13:19Migranti: Boldrini, no a commozione selettiva

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Si fa fatica a ricordare i lutti, questa sequenza continua di morti. Ci sono le stragi del terrorismo, ci sono i morti in mare: dovremmo riuscire a sentire lo stesso dolore per gli uni e per gli altri. Invece c'è chi si commuove in modo selettivo, c'è chi dà un ordine di commozione a scopo di consenso politico, abituando le persone alla disumanità. Perché questo è il tentativo: diventare disumani per essere più felici. Delegittimando le ong, che salvano le vite in mare, così nessuno ci farà sapere quanti sono i morti e giù la campagna di fango contro le ong. Tutto questo è molto inquietante". Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, parlando di sicurezza, accoglienza e cittadinanza durante un incontro a Montecitorio per i 60 anni dell'Arci.

13:18Non si ferma all’alt e travolge carabiniere, arrestato

(ANSA) - LA SPEZIA, 26 MAG - Non si ferma all'alt e travolge un carabiniere, nella fuga sperona l'auto dell'Arma e, rimasto con l'auto in panne, prova a fuggire a piedi ma viene arrestato. Protagonista, la notte scorsa a Sarzana (La Spezia), un uomo di 27 anni, Andrea Lombardi, residente a Santo Stefano, nullafacente, già conosciuto per guida in stato di ebbrezza. All'uomo è stata ritirata la patente. Il militare investito, trasportato al pronto soccorso dell'ospedale di Sarzana, e' stato ricoverato per accertamenti. Su una Golf, Lombardi ha rallentato a un posto di controllo ma ha poi accelerato travolgendo uno dei militari. Nel successivo inseguimento ha speronato l'auto dei carabinieri ma quando è fuggito a piedi è stato arrestato a Ponzano Magra. In attesa del rito direttissimo di stamani, è stato fermato per tentato omicidio aggravato, resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale e per essersi rifiutato di sottoporsi all'etilometro.

Archivio Ultima ora