Renzi, referendum tra ottobre e novembre

Pubblicato il 11 luglio 2016 da redazione

renzi

ROMA. – Non vede l’ora di fare una campagna elettorale Matteo Renzi che, due anni dopo l’ingresso a Palazzo Chigi, annuncia che metterà nero su bianco la ricostruzione di come si passò dall”Enrico stai sereno’ alla sfiducia del Pd al suo premier. In attesa delle politiche, però, il premier si butterà nella campagna per il referendum che “a naso” si svolgerà tra ottobre ed il 6 novembre.

“Non ho paura” sull’esito, scommette il leader dem negando di aver moderato i toni per timore di una sconfitta e tirando dritto sul quesito unico sostenuto dal governo perchè “la Costituzione non si cambia à la carte”.

Nonostante non voglia ammettere di aver cambiato strategia, Renzi riconosce che forse l’impressione di essere stato troppo sicuro e arrogante lo ha danneggiato. Per questo in vista del referendum istituzionale – dice – “non aprirò più bocca sul mio futuro” politico.

Che non vuol dire che in caso di sconfitta il premier non trarrà le conseguenze ma che per vincere il referendum il governo insisterà sui temi di merito. E, pur escludendo paralleli con Brexit, il segretario dem ammette di aver imparato da Cameron una lezione: “Non bisogna mai utilizzare le istituzioni per regolare i conti con la minoranza interna”.

Per compattare il partito sul referendum, ai vertici del Nazareno si lavora ancora per cercare una tregua con la minoranza fino al congresso, evitando lacerazioni dannose sull’esito della riforma istituzionale. Ed è proprio spiegando i vantaggi di una riforma che “riduce la politica ed i suoi costi” che Renzi pensa che un elettore M5S o della Lega potrà votare a favore.

Se la data del voto non è ancora certa – oggi il leader dem parla per la prima volta di un’ipotesi del 6 novembre – va in soffitta l’ipotesi dello spacchettamento del quesito, sostenuto dai radicali. E valutato, ma poi scartato, nella maggioranza per la difficoltà del Pd di spiegare agli elettori come si possa sostenere il quesito unico e la riforma votata per parti.

“A mio avviso lo spacchettamento non sta in piedi”, chiude la porta il premier. Che si tiene lontano dall’impegnare il governo anche in una riforma dell’Italicum, chiesta dalla minoranza ma anche dagli alleati di governo.

“Per me ora c’è una legge e prima non c’era, era stata cancellata dalla Consulta, se il Parlamento è in grado di farne un’altra si accomodi”, è la linea del presidente del consiglio. Se sull’esito del referendum è ottimista il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni che alla Bbc spiega che “non sarà sul governo”, le opposizioni non sono disposte a fare sconti.

Fi conferma la linea dura del No e solo dopo il partito di Silvio Berlusconi lavorerà per cambiare l’Italicum. E anche da Tel Aviv Luigi Di Maio assicura che M5S sarà impegnata anche ad agosto per la vittoria del no al referendum. Ma il leader grillino non fa paura a Renzi: “Non credo che sarà il mio successore”.

(di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

02:04Rigopiano: riconosciute altre due vittime della tragedia

(ANSA) - Rigopiano (Pescara), 22 gen - Sono state riconosciute altre due vittime della tragedia dell'hotel Rigopiano. Si tratta di Sebastiano Di Carlo, 49 anni, di Loreto Aprutino (Pescara), e di Barbara Nobilio, di 51 anni, anche lei di Loreto Apritino.

01:11Autobomba vicino amb.italiana a Tripoli

(ANSA) - IL CAIRO, 21 GEN - L'ambasciata italiana a Tripoli è già a rischio nel caos libico, a pochi giorni dalla sua riapertura. Due kamikaze hanno tentato di farsi esplodere proprio nei pressi della nostra sede, ma il tentativo è andato a vuoto e nessun membro del personale è rimasto coinvolto. In serata, i media libici hanno diffuso la notizia dell'esplosione di un'autobomba vicino alla sede diplomatica italiana, nella zona di al Dahra, dove si trova anche la sede egiziana. Secondo una fonte della sicurezza, un uomo "ha tentato di parcheggiare" la sua auto carica di esplosivo "proprio nei pressi dell'ambasciata italiana", ma è stato sorpreso dal personale della sicurezza, che lo ha messo in fuga. Così si è fermato in mezzo alla strada, facendosi esplodere di fronte al Ministero della Pianificazione, a circa 400 metri di distanza. La Mezzaluna Rossa poi ha recuperato due corpi dall'auto esplosa, e al momento non ci sono informazioni su altre vittime.

Archivio Ultima ora