Migrante ucciso: a Fermo è il giorno del lutto cittadino

(ANSA) – FERMO, 12 LUG – Bandiere a mezz’asta negli edifici pubblici, un minuto di silenzio nei luoghi di lavoro, saracinesche dei negozi chiuse per mezz’ora nel pomeriggio, e una seduta congiunta del Consiglio regionale e dei Consigli provinciale e comunale. Oggi a Fermo è lutto cittadino in memoria di Emmanuel Chidi Nnamdi, il profugo nigeriano di 36 anni ospite con la moglie del seminario vescovile ammazzato per strada da un ultrà di destra, Amedeo Mancini, che aveva insultato la donna chiamandola ”scimmia africana”. Il sindaco Paolo Calcinaro, una settantina di associazioni e movimenti hanno organizzato una giornata di riflessione su “Integrazione, accoglienza e solidarietà”. Temi che saranno ripresi anche in una manifestazione pubblica in programma alle 21, con la partecipazione di Moni Ovadia, i Modena City Ramblers, Marlene Kuntz.

Condividi: