Puglia, incidente ferroviario tra Andria e Corato: almeno 23 morti e 50 feriti

Pubblicato il 12 luglio 2016 da redazione

Rescue tems at the site of the head-on train collision between the towns of Andria and Corato in the southern Puglia region, Italy, 12 July 2016. The crash, that took place on a single-track stretch, has left at least 20 dead. ANSA/ LUCA TURI

Rescue tems at the site of the head-on train collision between the towns of Andria and Corato in the southern Puglia region, Italy, 12 July 2016. The crash, that took place on a single-track stretch, has left at least 20 dead. ANSA/ LUCA TURI

CARACAS. – E’ salito a 23 il numero delle vittime dello scontro fra i due treni che viaggiavano lungo la linea ferroviaria Bari nord, fra Corato e Andria. Sono, invece, una cinquantina i feriti, ricoverati negli ospedali della zona, la maggior parte dei quali ad Andria, Corato, Barletta, Bisceglie, alcuni a Terlizzi, al policlinico di Bari. Il numero delle vittime dello scontro tra i due treni di linea della Bari Nord potrebbe essere destinato a salire ulteriormente.

– C’è una “assoluta richiesta di capire i responsabili e fare totale chiarezza” sull’incidente ferroviario accaduto in Puglia: lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, lasciando Milano per tornare immediatamente a Roma. “Non ci fermeremo finché non chiariremo cosa è accaduto”.

Renzi ha voluto esprimere “il proprio cordoglio per le famiglie” delle vittime. Intervenendo prima del ministro dell’Istruzione Giannini all’inaugurazione del nuovo allestimento del Museo della Scienza ha chiesto scusa per aver rotto il protocollo e ha spiegato che sarebbe partito immediatamente per Roma. “Il capo della protezione civile e il ministro Delrio stanno andando lì ed è doveroso da parte mia tornare a Roma”.

Anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una dichiarazione chiede di “fare piena luce su questa inammissibile tragedia: occorre accertare subito e con precisione responsabilità ed eventuali carenze”.

La procura di Trani intanto indaga per omicidio colposo plurimo e disastro ferroviario. Al momento il fascicolo è stato aperto a carico di ignoti.

Il governo riferirà “probabilmente già domani nell’Aula del Senato” sullo scontro dei treni in Puglia. Lo ha annunciato all’Assemblea di Palazzo Madama il sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento Luciano Pizzetti. 

Nella collisione uno dei due macchinisti è morto mentre non si hanno, al momento, notizie della sorte del collega che era sull’altro convoglio. Lo ha reso noto una fonte della società ferroviaria.

L’impatto frontale, avvenuto all’inizio di una curva su binario unico, è avvenuto in aperta campagna. Uno dei due convogli era partito da Corato ed era diretto ad Andria e l’altro, viceversa, proveniva da Andria e andava in direzione Corato. Ciascuno dei due convogli era formato da quattro vagoni. Nell’incidente sono state coinvolte le prime due carrozze di ogni convoglio.

A bordo di quel treno, ogni giorno, oltre ai pendolari e agli studenti, ci sono anche molti viaggiatori che devono raggiungere l’aeroporto di Bari Palese.

A guardare l’immagine dall’alto si vedono i vagoni sbriciolati nell’impatto e pezzi di lamiere volati per decine di metri nella campagna ai lati dei binari. Proprio le foto scattate dai vigili del fuoco danno l’idea della violenza dello scontro: al centro si vede quel che rimane dei vagoni più coinvolti, soltanto pezzi di lamiera sparsi ovunque. Uno dei treni ha due vagoni rimasti pressochè intatti; l’altro solo l’ultimo.

“E’ inaccettabile che nel 2016 possano ancora verificarsi simili incidenti, e ancora più inaccettabile parlare di ‘errore umano’. Tutti i trasporti ferroviari del mondo godono di tecnologia avanzatissima in grado di evitare collisioni, deragliamenti ed errori, e garantire piena sicurezza”. Lo scrive in una nota il presidente del Codacons Carlo Rienzi.

Sul luogo del disastro è giunto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio. Il ministro aveva inviato subito due Ispettori e chiamato la società Rfi per chiedere di mettersi a disposizione e dare tutto il supporto alle società coinvolte (che non sono del gruppo Fs, si tratta di due treni della società privata Ferrotramviaria SpA) e alle indagini. Il Gruppo FS esprime il proprio cordoglio e attraverso le sue società, Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia, ha offerto la piena disponibilità di tutte le strutture e i tecnici per ogni supporto operativo. 

“Faremo una commissione di indagine”, ha detto Delrio, andando via dal luogo del disastro ferroviario. “Il bilancio – ha aggiunto – è in evoluzione. Non sappiamo quali siano state le cause dello scontro, che è stato violentissimo”. “Siamo vicini – ha detto ancora il ministro – alle famiglie delle vittime. Adesso mi reco in Prefettura per organizzare il da farsi. Esprimo un grazie agli operatori di soccorso”.

Ultima ora

17:15Tiro a volo: Europei,Italia 2 ori in disciplina ‘cancellata’

(ANSA) - BAKU, 23 LUG - "Purtroppo non campo solo di tiro, devo lavorare". E' il commento amaro di Marco Innocenti, argento olimpico a Rio nel Double Trap, la disciplina che da Tokyo 2020 non farà più parte del programma olimpico, soppressa per dare spazio alla gara di Fossa a coppie miste. Innocenti è appena uscito dalla pedana dove il russo Artem Nekrasov lo ha battuto per 4-3 nello spareggio che valeva l'accesso alla finale a 6 nella gara degli Europei di Baku, dopo che i due avevano concluso sul 134 pari. A 39 anni il vicecampione olimpico si dedicherà anima e corpo all'armeria di Montemurlo che porta il suo cognome. Il titolo lo vince il russo Vitaly Fokeev, argento allo slovacco Andrzeij Hubert Olejnik, bronzo all'altro russo Vasily Mosin. Per l'Italia arriva l'oro a squadre: Barillà-Di Spigno-Innocenti vincono con 415/450, 2/a la Russia (411). Medaglie arrivano dalle Lady, perché le 3 azzurre hanno riempito il podio: oro Sofia Maglio, ventenne di Nardò, argento la leccese Claudia De Luca, bronzo la padovana Monica Girotto.

16:47Dipendenti Comune Genova “furbetti”, chieste condanne per 7

(ANSA) - GENOVA, 23 LUG - La procura di Genova ha chiesto nei giorni scorsi la condanna di sette dipendenti comunali, alcuni ancora al lavoro, accusati di truffa aggravata. Le richieste vanno da un massimo di un anno e due mesi a nove mesi. La vicenda risale al 2012 quando gli agenti della polizia municipale iniziano a indagare su un gruppo di tecnici incaricati delle manutenzioni di impianti elettrici e di riscaldamento. Secondo quanto emerso, il gruppo (difeso dagli avvocati Davide Paltrinieri e Giuseppe Pugliese) andava a fare altro durante le ore di lavoro: chi a fare la spesa, chi al mare, chi se ne stava a casa. Uno di loro, a turno, teneva il badge degli altri e timbrava per tutti secondo le accuse. Il sistema era stato scoperto grazie a pedinamenti e appostamenti davanti all'ufficio in Valbisagno. Gli investigatori avevano seguito i "furbetti" documentando tutto e Palazzo Tursi aveva licenziato due dipendenti, mentre per gli altri cinque erano state comminati soltanto alcuni mesi di sospensione.

16:44Migranti: vandalismo contro centro profughi nel Piacentino

(ANSA) - PIACENZA, 23 LUG - Atto vandalico a scopo intimidatorio la scorsa notte in un centro di accoglienza per profughi in provincia di Piacenza. Quattro persone, riprese dalle telecamere di sicurezza, si sono presentate a bordo di un fuoristrada all'ingresso della struttura di accoglienza ad Albone, nel comune di Podenzano. Nello stesso comune proprio ieri pomeriggio attivisti di destra avevano dato vita a una manifestazione di protesta contro i richiedenti asilo. I vandali hanno scardinato con le mani uno dei grossi cancelli di ferro posti all'ingresso, poi sono risaliti in auto e sono fuggiti. Uno degli ospiti della struttura se n'è accorto e ha avvertito il 112. All'arrivo dei carabinieri della Compagnia di Piacenza, che stanno indagando, la vettura sospetta con i quattro uomini era già sparita facendo perdere le tracce. (ANSA).

16:29Calcio: Chiellini “Leo mi mancherà, ma in tanti importanti”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - "A livello umano mi mancherà, per il resto siamo tanti giocatori importanti e, magari, può arrivare un altro difensore che ci permetta di tirare il fiato". Reduce dall'amichevole persa contro il Barcellona negli Stati Uniti, Giorgio Chiellini non nasconde il dispiacere per l'addio di Leonardo Bonucci. "Negli ultimi sette anni ho visto più lui, insieme a Buffon e a Barzagli, di chiunque altro, famiglia compresa", ammette il difensore bianconero. Nella prima uscita stagionale, tra i bianconeri l'assenza di Bonucci si è vista tutta. E non solo per la facilità con cui nel primo tempo Neymar è andato a segno due volte. Oltre a difendere, Bonucci era infatti diventato il regista arretrato della squadra di Allegri, che ora deve affidarsi ai lanci lunghi di Buffon o agli esterni per impostare l'azione. "Eravamo cinque difensori, siamo quattro difensori di altissimo livello, con caratteristiche diverse - taglia corto Chiellini -. Quello sinceramente mi preoccupa meno".

16:05Calcio: Kolarov “Lazio il mio passato, ora è una mia rivale”

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - "Non posso e non voglio negare il mio passato. Però, in questo momento sono alla Roma e, come ho dato il 100% nella Lazio, adesso darò più del 100% alla Roma. La Lazio è stata una bella esperienza, però da oggi loro sono miei rivali sul campo". Si presenta così l'ex biancoceleste, Aleksandar Kolarov, da ieri nuovo rinforzo della difesa giallorossa. "Sono molto contento di essere qui - le parole del serbo - certi giocatori li conoscevo prima, gli altri invece no, ora ci sarà tutto il tempo di conoscerci meglio". Il ds Monchi, riconosce l'ex City, "è stato molto importante in questa trattativa, è stato molto chiaro con me e io molto chiaro con lui: abbiamo trovato l'accordo praticamente in due minuti". A Roma ritroverà Edin Dzeko, con cui ha giocato diversi anni a Manchester: "Io ed Edin siamo rimasti in contatto da quando lui è andato via. Ho parlato con lui della Roma e mi ma raccontato solo cose belle. Sono contento di giocarci ancora insieme. L'obiettivo è sempre quello di vincere. Darò il 100%".

16:03Ap: Alfano, ci uniremo ad altri e andremo avanti

(ANSA) - GIARDINI NAXOS (MESSINA), 23 LUG - "Difenderemo con orgoglio la storia di questi quattro anni. Ci uniremo insieme ad altri ed insieme ad altri, insieme a tutti quegli altri con cui ci siamo uniti, andremo avanti, non per il nostro bene ma per il bene di un Paese che ha bisogno di quest'area politica, di questo centro autonomo e indipendente, forte e coraggioso che noi con tutta la fatica di questi anni siamo riusciti a rappresentare e che siamo convinti di riuscire a rappresentare anche negli anni a venire". Così il leader di Ap Alfano a Giardini Naxos per la chiusura della Summer School.

16:03Ap: Alfano, in atto scontro ma non ci faremo annettere

(ANSA) - GIARDINI NAXOS (MESSINA) - "Ci attendono mesi faticosi perché tutte le aggressioni di questi mesi adesso sono arrivate all'aggressione finale perché è quella pre-elettorale. quindi nei prossimi giorni lo scontro si alzerà, ci sarà ancora maggior violenza nei nostri confronti, potremmo avere qualche altra defezione. A me di tutto questo interessa poco. Da settembre scende in campo la squadra titolare. Noi non ci piegheremo, non ci faremo sottomettere, non ci faremo annettere". Così il leader di Ap Angelino Alfano intervenendo alla Summer School a Giardini Naxos.

Archivio Ultima ora