Puglia, incidente ferroviario tra Andria e Corato: almeno 23 morti e 50 feriti

Pubblicato il 12 luglio 2016 da redazione

Rescue tems at the site of the head-on train collision between the towns of Andria and Corato in the southern Puglia region, Italy, 12 July 2016. The crash, that took place on a single-track stretch, has left at least 20 dead. ANSA/ LUCA TURI

Rescue tems at the site of the head-on train collision between the towns of Andria and Corato in the southern Puglia region, Italy, 12 July 2016. The crash, that took place on a single-track stretch, has left at least 20 dead. ANSA/ LUCA TURI

CARACAS. – E’ salito a 23 il numero delle vittime dello scontro fra i due treni che viaggiavano lungo la linea ferroviaria Bari nord, fra Corato e Andria. Sono, invece, una cinquantina i feriti, ricoverati negli ospedali della zona, la maggior parte dei quali ad Andria, Corato, Barletta, Bisceglie, alcuni a Terlizzi, al policlinico di Bari. Il numero delle vittime dello scontro tra i due treni di linea della Bari Nord potrebbe essere destinato a salire ulteriormente.

– C’è una “assoluta richiesta di capire i responsabili e fare totale chiarezza” sull’incidente ferroviario accaduto in Puglia: lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, lasciando Milano per tornare immediatamente a Roma. “Non ci fermeremo finché non chiariremo cosa è accaduto”.

Renzi ha voluto esprimere “il proprio cordoglio per le famiglie” delle vittime. Intervenendo prima del ministro dell’Istruzione Giannini all’inaugurazione del nuovo allestimento del Museo della Scienza ha chiesto scusa per aver rotto il protocollo e ha spiegato che sarebbe partito immediatamente per Roma. “Il capo della protezione civile e il ministro Delrio stanno andando lì ed è doveroso da parte mia tornare a Roma”.

Anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una dichiarazione chiede di “fare piena luce su questa inammissibile tragedia: occorre accertare subito e con precisione responsabilità ed eventuali carenze”.

La procura di Trani intanto indaga per omicidio colposo plurimo e disastro ferroviario. Al momento il fascicolo è stato aperto a carico di ignoti.

Il governo riferirà “probabilmente già domani nell’Aula del Senato” sullo scontro dei treni in Puglia. Lo ha annunciato all’Assemblea di Palazzo Madama il sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento Luciano Pizzetti. 

Nella collisione uno dei due macchinisti è morto mentre non si hanno, al momento, notizie della sorte del collega che era sull’altro convoglio. Lo ha reso noto una fonte della società ferroviaria.

L’impatto frontale, avvenuto all’inizio di una curva su binario unico, è avvenuto in aperta campagna. Uno dei due convogli era partito da Corato ed era diretto ad Andria e l’altro, viceversa, proveniva da Andria e andava in direzione Corato. Ciascuno dei due convogli era formato da quattro vagoni. Nell’incidente sono state coinvolte le prime due carrozze di ogni convoglio.

A bordo di quel treno, ogni giorno, oltre ai pendolari e agli studenti, ci sono anche molti viaggiatori che devono raggiungere l’aeroporto di Bari Palese.

A guardare l’immagine dall’alto si vedono i vagoni sbriciolati nell’impatto e pezzi di lamiere volati per decine di metri nella campagna ai lati dei binari. Proprio le foto scattate dai vigili del fuoco danno l’idea della violenza dello scontro: al centro si vede quel che rimane dei vagoni più coinvolti, soltanto pezzi di lamiera sparsi ovunque. Uno dei treni ha due vagoni rimasti pressochè intatti; l’altro solo l’ultimo.

“E’ inaccettabile che nel 2016 possano ancora verificarsi simili incidenti, e ancora più inaccettabile parlare di ‘errore umano’. Tutti i trasporti ferroviari del mondo godono di tecnologia avanzatissima in grado di evitare collisioni, deragliamenti ed errori, e garantire piena sicurezza”. Lo scrive in una nota il presidente del Codacons Carlo Rienzi.

Sul luogo del disastro è giunto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio. Il ministro aveva inviato subito due Ispettori e chiamato la società Rfi per chiedere di mettersi a disposizione e dare tutto il supporto alle società coinvolte (che non sono del gruppo Fs, si tratta di due treni della società privata Ferrotramviaria SpA) e alle indagini. Il Gruppo FS esprime il proprio cordoglio e attraverso le sue società, Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia, ha offerto la piena disponibilità di tutte le strutture e i tecnici per ogni supporto operativo. 

“Faremo una commissione di indagine”, ha detto Delrio, andando via dal luogo del disastro ferroviario. “Il bilancio – ha aggiunto – è in evoluzione. Non sappiamo quali siano state le cause dello scontro, che è stato violentissimo”. “Siamo vicini – ha detto ancora il ministro – alle famiglie delle vittime. Adesso mi reco in Prefettura per organizzare il da farsi. Esprimo un grazie agli operatori di soccorso”.

Ultima ora

10:04Delitti di ‘Ndrangheta al Nord nel ’92, arresti della Ps

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 19 OTT - La Polizia di Stato di Reggio Emilia ha eseguito una misura cautelare emessa dal Gip di Bologna per tre persone, definite esponenti di spicco della 'Ndrangheta. L'indagine è su due omidici commessi nel 1992 nel Reggiano, in cui rimasero vittime il 33enne Nicola Vasapollo e il 35enne Giuseppe Ruggiero, nell'ambito di una feroce guerra di mafia combattuta tra Calabria e Nord Italia. E' l'operazione 'Aemilia 1992', coordinata dalla Dda di Reggio Emilia e la squadra mobile reggiana sta perquisendo anche altre persone coinvolte nelle indagini. L'inchiesta ha ricostruito la contrapposizione tra la cosca Grande Aracri-Dragone-Giampà e il sodalizio Vasapollo-Ruggiero in lotta per l'egemonia delle attività illecite tra le province di Crotone e Reggio Emilia. Entrambe le vittime furono uccise nelle loro case, mentre si trovavano ai domiciliari. Per costringere Ruggiero ad aprire la porta, i killer simularono un controllo delle forze dell'ordine in divisa, con auto di servizio camuffata. (ANSA).

09:44Calcio: Juventus, Allegri ‘Vittoria voluta e meritata’

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "I ragazzi hanno voluto e meritato questa vittoria". I complimenti alla Juventus firmati Massimiliano Allegri dopo la vittoria in rimonta per 2-1 con lo Sporting Lisbona: "Il carattere non deve mai mancare" ha concluso l'allenatore bianconero nel suo consueto tweet post partita, rincuorato dall'ottima prestazione dei suoi. Dopo essere passati in svantaggio per 0-1 con una sfortunata autorete di Alex Sandro, è arrivata la risposta dei bianconeri, che hanno ribaltato il match ottenendo una vittoria fondamentale per il passaggio del turno.

09:44Migranti: da Pe primo via libera a riforma Dublino

(ANSA) - BRUXELLES, 19 OTT - La commissione libertà civili del Parlamento europeo ha dato il primo via libera alla modifica del regolamento di Dublino firmata dalla relatrice svedese Cecilia Wikstrom. Il testo è passato con 43 sì e 16 no. Novità principale della misura è l'abolizione del principio del Paese di primo ingresso e l'introduzione di un sistema automatico e permanente di ricollocamenti in tutti i Paesi dell'Ue. La posizione del Parlamento andrà tuttavia negoziata con il Consiglio, che ancora non ha una posizione comune.

09:43Catalogna: Amnesty chiede immediata liberazione ‘due Jordi’

(ANSA) - BARCELLONA, 19 OTT - Amnesty International (AI) ha chiesto la liberazione "immediata" dei due leader indipendentisti catalani Jordi Sanchez e Jordi Cuixart arrestati lunedì a Madrid per ordine di un giudice spagnolo per presunta 'sedizione'. Per AI la misura di detenzione contro i leader di Anc e Omnium è "sproporzionata" e l'incriminazione per sedizione "eccessiva". Amnesty ha chiesto "la fine immediata della loro detenzione provvisoria".

09:35Afghanistan: attacco talebani, uccisi 40 soldati

(ANSA) - KABUL, 19 OTT - I talebani hanno attaccato ieri sera una base dell'esercito nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 40 soldati afghani. Lo riferisce oggi la tv Tolo di Kabul. Secondo fonti ufficiali citate dall'emittente l'offensiva è cominciata con l'intervento di due kamikaze che hanno fatto esplodere altrettante autobomba nel distretto di Maiwand, causando, oltre le vittime fatali, anche 24 feriti.

09:33Puigdemont, indipendenza se Rajoy sospende autonomia

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il presidente catalano Carles Puigdemont attiverà la dichiarazione di indipendenza se il premier Mariano Rajoy respingerà la sua offerta di dialogo e applicherà l'articolo 155 della Costituzione per il commissariamento della regione: lo scrive stamani il quotidiano La Vanguardia. Come è noto, Puigdemont dovrà chiarire con un 'sì' o con un 'no' entro le 10:00 se ha dichiarato l'indipendenza il 10 ottobre.

09:24Truffe anziani: 15 arresti a Milano e Novara

(ANSA) - MILANO, 19 OTT - Sono in corso gli arresti tra Milano e Novara di 15 persone, 10 italiani e 5 polacchi di origine rom lovari, con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa nell'ambito di un'inchiesta coordinata dalla Procura milanese con al centro "numerosissime truffe tentate o consumate" agli anziani che venivano contattati telefonicamente da un finto parente in difficoltà e venivano convinti a dare cifre fino a 8000 euro e, in alcuni casi, anche gioielli. Una parte delle persone arrestate risiedevano in Polonia e avevano organizzato un vero e proprio call center e, come è stato riferito, individuavano in massa le persone anziane da contattare. Al telefono spiegavano alle vittime, in gran parte milanesi e alcune anche in Svizzera, che un loro stretto parente era in difficoltà, in genere per un incidente, e invitavano quindi l'anziano a dare tutto quanto avevano immediatamente disponibile a un uomo che si sarebbe presentato a breve in casa o in un luogo prestabilito.

Archivio Ultima ora