Padoan difende le banche italiane, in Ue percezione distorta

Pubblicato il 12 luglio 2016 da redazione

Dutch Finance Minister and chair of the eurogroup finance ministers Jeroen Dijsselbloem, left, speaks with Italian Minister for Economy and Finances Pier Carlo Padoan at the start of the Economic and Financial Affairs Council meeting at the EU Council building in Brussels, Belgium, Tuesday, July 12, 2016. (ANSA/AP Photo/Darko Vojinovic)

Dutch Finance Minister and chair of the eurogroup finance ministers Jeroen Dijsselbloem, left, speaks with Italian Minister for Economy and Finances Pier Carlo Padoan at the start of the Economic and Financial Affairs Council meeting at the EU Council building in Brussels, Belgium, Tuesday, July 12, 2016. (ANSA/AP Photo/Darko Vojinovic)

BRUXELLES. – Nonostante le banche italiane non fossero in alcun modo nell’agenda di Eurogruppo ed Ecofin, nella due giorni di riunioni l’attenzione sul tema è rimasta altissima. Frutto, secondo il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, di una percezione “totalmente distorta” del sistema bancario italiano che invece “rimane solido”, anche se Bankitalia segnala un picco di sofferenze, salite a 200 miliardi.

La trattativa con Bruxelles comunque procede, e il ministro si aspetta un accordo “molto presto”. Segnali positivi anche dalla cancelliera Merkel, convinta che le questioni “possano essere risolte bene”.

Padoan difende il sistema italiano che certamente “è passato da tre anni di recessione profonda da cui sta uscendo”, ma “ci sono molte poche specifiche criticità”. Quindi “il fatto che qualcuno dica che il rischio generato sia così elevato è totalmente infondato”.

Il ministro nota “una percezione del sistema bancario italiano che è totalmente distorta in termini di numeri, di sofferenze, di ciò che è necessario capitalizzare”, ha detto al termine dell’Ecofin, ribadendo di aver letto e sentito dai media in questi giorni molte cose non vere.

Non è facile contrastare una percezione distorta, quando anche alcuni esponenti di governi europei la cavalcano: “Tutti parlano di Brexit come di un grosso problema, ma è solo speculazione. Un problema più grande per l’Europa potrebbe essere la salute di alcune banche italiane”, ha twittato durante l’Ecofin il ministro dell’economia della Repubblica Ceca Andrej Babis.

Nonostante i rumori di fondo, la trattativa prosegue e Padoan vede “molto presto” un accordo “nell’interesse dell’Italia, del’Ue e all’interno delle regole”.

Anche il ministro tedesco Wolfgang Schaeuble vede “margini per intervenire sulle banche italiane, anche se resta aperta la questione degli aiuti di Stato”. Il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, conferma che ci sono varie ipotesi sul tavolo, tutte rispettose delle regole europee e senza “effetti negativi sugli investitori retail”.

Un punto fermo per Padoan è infatti “la totale protezione delle famiglie e dei risparmiatori”, su cui il Governo è impegnato al massimo. Si cerca quindi uno strumento “di natura precauzionale, come già fatto per la liquidità”, ma “solo se serve e con l’obiettivo di sostenere, se necessario, le operazioni di mercato”.

Siamo lontani quindi dall’idea di un paracadute da 150 miliardi di fondi pubblici per le banche europee, evocata dal capo economista della Deutsche Bank. Un’ipotesi che, spiega il ministro, lo appassiona solo a livello accademico, ma non quando si passa sul piano della realtà.

Secondo Standard and Poor’s, “il crescente euroscetticismo in alcuni Paesi e le incertezze economiche e finanziarie” scaturite dalla Brexit “potrebbero dare al governo italiano un certo potere contrattuale nelle discussioni” con Bruxelles. E in effetti, ha sottolineato Padoan, l’Ecofin è concorde nel considerare il referendum britannico un fattore “che ha fatto emergere instabilità in tutto il sistema bancario europeo”, e non solo nel sistema italiano.

(di Chiara De Felice/ANSA)

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora