Padoan difende le banche italiane, in Ue percezione distorta

Pubblicato il 12 luglio 2016 da redazione

Dutch Finance Minister and chair of the eurogroup finance ministers Jeroen Dijsselbloem, left, speaks with Italian Minister for Economy and Finances Pier Carlo Padoan at the start of the Economic and Financial Affairs Council meeting at the EU Council building in Brussels, Belgium, Tuesday, July 12, 2016. (ANSA/AP Photo/Darko Vojinovic)

Dutch Finance Minister and chair of the eurogroup finance ministers Jeroen Dijsselbloem, left, speaks with Italian Minister for Economy and Finances Pier Carlo Padoan at the start of the Economic and Financial Affairs Council meeting at the EU Council building in Brussels, Belgium, Tuesday, July 12, 2016. (ANSA/AP Photo/Darko Vojinovic)

BRUXELLES. – Nonostante le banche italiane non fossero in alcun modo nell’agenda di Eurogruppo ed Ecofin, nella due giorni di riunioni l’attenzione sul tema è rimasta altissima. Frutto, secondo il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, di una percezione “totalmente distorta” del sistema bancario italiano che invece “rimane solido”, anche se Bankitalia segnala un picco di sofferenze, salite a 200 miliardi.

La trattativa con Bruxelles comunque procede, e il ministro si aspetta un accordo “molto presto”. Segnali positivi anche dalla cancelliera Merkel, convinta che le questioni “possano essere risolte bene”.

Padoan difende il sistema italiano che certamente “è passato da tre anni di recessione profonda da cui sta uscendo”, ma “ci sono molte poche specifiche criticità”. Quindi “il fatto che qualcuno dica che il rischio generato sia così elevato è totalmente infondato”.

Il ministro nota “una percezione del sistema bancario italiano che è totalmente distorta in termini di numeri, di sofferenze, di ciò che è necessario capitalizzare”, ha detto al termine dell’Ecofin, ribadendo di aver letto e sentito dai media in questi giorni molte cose non vere.

Non è facile contrastare una percezione distorta, quando anche alcuni esponenti di governi europei la cavalcano: “Tutti parlano di Brexit come di un grosso problema, ma è solo speculazione. Un problema più grande per l’Europa potrebbe essere la salute di alcune banche italiane”, ha twittato durante l’Ecofin il ministro dell’economia della Repubblica Ceca Andrej Babis.

Nonostante i rumori di fondo, la trattativa prosegue e Padoan vede “molto presto” un accordo “nell’interesse dell’Italia, del’Ue e all’interno delle regole”.

Anche il ministro tedesco Wolfgang Schaeuble vede “margini per intervenire sulle banche italiane, anche se resta aperta la questione degli aiuti di Stato”. Il vicepresidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis, conferma che ci sono varie ipotesi sul tavolo, tutte rispettose delle regole europee e senza “effetti negativi sugli investitori retail”.

Un punto fermo per Padoan è infatti “la totale protezione delle famiglie e dei risparmiatori”, su cui il Governo è impegnato al massimo. Si cerca quindi uno strumento “di natura precauzionale, come già fatto per la liquidità”, ma “solo se serve e con l’obiettivo di sostenere, se necessario, le operazioni di mercato”.

Siamo lontani quindi dall’idea di un paracadute da 150 miliardi di fondi pubblici per le banche europee, evocata dal capo economista della Deutsche Bank. Un’ipotesi che, spiega il ministro, lo appassiona solo a livello accademico, ma non quando si passa sul piano della realtà.

Secondo Standard and Poor’s, “il crescente euroscetticismo in alcuni Paesi e le incertezze economiche e finanziarie” scaturite dalla Brexit “potrebbero dare al governo italiano un certo potere contrattuale nelle discussioni” con Bruxelles. E in effetti, ha sottolineato Padoan, l’Ecofin è concorde nel considerare il referendum britannico un fattore “che ha fatto emergere instabilità in tutto il sistema bancario europeo”, e non solo nel sistema italiano.

(di Chiara De Felice/ANSA)

Ultima ora

21:05Francia: Rihanna all’Eliseo, ‘un incontro incredibile’

(ANSA) - PARIGI, 26 LUG - "Un incontro incredibile", così la cantante Rihanna ha definito il suo colloquio all'Eliseo con "il presidente e la first lady" di Francia, Emanuel Macron e sua moglie Brigitte, che sono, ha detto, "incredibilmente cortesi". Durante i colloqui, "ci siamo concentrati sulla questione dell'insegnamento da un punto di vista globale e faremo un annuncio davvero grande il prossimo settembre, durante la settimana delle Nazioni Unite e faremo anche un ulteriore lavoro ad ottobre in Africa", ha detto ancora Rihanna, che è ambasciatrice dell'organizzazione internazionale Global Partnership for Education. Parlando con i giornalisti, la cantante ha anche affermato di essere "davvero ispirata dalla sua leadership", di Macron.

21:01Scherma: Mondiali, Italia oro nel fioretto uomini

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Italia ha vinto la medaglia d'oro nel fioretto a squadre maschile che chiude i Mondiali di scherma di Lipsia. Daniele Garozzo, Giorgio Avola, Alessio Foconi e Andrea Cassarà hanno battuto in finale gli Stati Uniti col punteggio di 45-41.

20:41Calcio: altro stadio targato Allianz, sarà negli Usa

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Dopo che anche la Juventus ha ribattezzato il proprio impianto 'Allianz Stadium, il colosso assicurativo tedesco darà il proprio nome anche all'arena in cui gioca il Minnesota United, una delle squadre partecipanti alla Major League Soccer nordamericana. Si chiamerà Minnesota Field ed è è previsto che la capienza venga ampliata dagli attuali 19.400 posti a 24.474. Si tratterà dell'ottavo impianto nel mondo 'targato' Allianz, dopo quelli di Bayern Monaco, Rapid Vienna, Sydney FC, Nizza, Palmeiras, Juventus e London Saracens di rugby.

20:35Calcio: Galliani, questo Milan mi piace

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Mi piace questo Milan. Sono un tifoso pazzo del Milan e non cambio maglia. I dirigenti passano, i presidenti passano ma la fede rimane": lo dice l'ex ad rossonero Adriano Galliani a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A. "Bonucci? E' super", aggiunge poi con un sorriso Galliani.

20:35Calcio: Cairo, Belotti continuerà a indossare maglia Torino

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "In Torino-Milan, sicuramente Belotti giocherà con la maglia granata": lo dice il presidente del Torino Urbano Cairo alla presentazione del nuovo calendario di Serie A, in cui il primo derby sarà proprio quello tra i granata e la Juventus. "Quella sul futuro di Belotti è una domanda che mi farete ancora, lo so. E io continuerò a dire che resta. E' un grande attaccante - continua il patron - ma il Toro non è solo Belotti. E' la punta dell'iceberg, è reduce da un campionato molto buono e mi aspetto che lo faccia altrettanto positivo in vista del Mondiale". Cairo commenta anche il sorteggio del derby con la Juventus che si giocherà alla sesta giornata: "Speriamo di non farci rimontare all'ultimo minuto come negli scorsi anni".

20:34Calcio: Marotta, Bonucci?Via campione ma rimasti tanti altri

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "E' stata una cosa molto veloce. Scelte umane e professionali che vanno rispettate. E' andato via un campione ma e' rimasto un gruppo di campioni. Un rischio calcolato". L'ad della Juventus Beppe Marotta commenta così, alla presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, la cessione di Leonardo Bonucci al Milan. "Abbiamo un gruppo di difensori molti forti. Così come Bonucci si è formato da noi, abbiamo giovani interessanti che cresceranno e troveranno continuità".

20:31Calcio: Ferrero, dove va Schick? Da me che gli voglio bene

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - ''Schick va da Ferrero che gli vuole tanto bene''. Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, a margine della presentazione del nuovo calendario di Serie A, risponde così ad una domanda sul futuro di Patrik Schick. La trattativa con la Juventus non sarebbe ancora chiusa definitivamente e sullo sfondo resta l'Inter, molto interessata al giovane attaccante. Schick però potrebbe anche restare un anno alla Sampdoria, come da richiesta di Ferrero. Il patron blucerchiato parla anche di Antonio Cassano che ha dato l'addio al calcio qualche giorno fa: ''E' un grande calciatore non credo che smetterà davvero. E' presto per perdere un talento come il suo''. Infine evita di sbilanciarsi sulla prossima stagione: ''Non faccio pronostici, il calcio è cambiamento''.

Archivio Ultima ora