Dallas: Obama e Bush ai funerali per riunire l’America

Pubblicato il 12 luglio 2016 da redazione

Dallas: Obama e Bush ai funerali per riunire l'America

Dallas: Obama e Bush ai funerali per riunire l’America

WASHINGTON. – Tenta di consolare e riconciliare un Paese inquieto e arrabbiato il presidente Usa Barack Obama, sbarcato in una Dallas blindata per i funerali dei cinque agenti bianchi uccisi da un cecchino nero che voleva vendicarsi dei due afroamericani ammazzati dalla polizia la scorsa settimana.

E’ l’undicesima volta che vola in una città americana colpita da una strage. L’ultima un mese fa a Orlando, in Florida, dove un americano di origine afghana radicalizzatosi negli States e proclamatosi fedele all’Isis ha ucciso 49 persone in un night club per gay.

Ma a Dallas Obama deve fare i conti non solo con l’irrisolta questione della proliferazione delle armi ma anche con la sempre aperta questione razziale, che rischia di pesare sulla sua eredità politica. E questa volta deve fare l’acrobata di fronte ad una polizia vittima e imputata nello stesso tempo, falcidiata da un cecchino a Dallas ma nel mirino per i pregiudizi e la brutalità contro i neri, come Alton Sterling a Baton Rouge (Louisiana) e Philando Castile a St Paul (Minnesota), uccisi da agenti senza apparente giustificazione.

Per questo ha telefonato alle loro famiglie prima di incontrare privatamente quelle dei poliziotti uccisi a Dallas, intervenendo poi ad una commovente cerimonia interreligiosa, dove il sindaco della città, Mike Rawlings, aprendo una maratona di omaggi, ha denunciato un “male comune”: la violenza nelle strade.

Obama è arrivato a Dallas in un clima teso, dopo l’ondata di proteste e arresti in molte città americane, minacce alla polizia e una serie di recenti sparatorie contro le forze dell’ordine, le ultime a Washington e nella contea texana di Ellis, vicino a Dallas, fortunatamente senza feriti, ma anche a Baltimora, dove uno sconosciuto ha fatto fuoco alla veglia per un afroamericano ucciso, colpendo cinque persone.

E ha voluto dare un segnale di unità e di partecipazione ampia e bipartisan, portando con sé non solo Michelle e il vice Joe Biden ma anche un senatore locale come Ted Cruz, che lo aveva a lungo criticato prima di ritirasi dalla primarie repubblicane. E ha voluto che ci fosse pure il suo predecessore repubblicano, George W. Bush con la moglie Laura, anche lui pronto a parlare per dare l’immagine di un Paese comunque unito.

Non la pensa così Donald Trump, che ha rotto la tregua accusando la “debole leadership di Obama” e “la corrotta Hillary” della divisione del Paese, schierandosi prima di tutto con la polizia, come candidato di “legge e ordine”. Gli episodi di violenza della scorsa settimana potrebbero essere “solo l’inizio per questa estate”, ha ammonito, pronto a cavalcare il peggio.

Più equilibrata Hillary, che dopo aver incassato l’atteso endorsement di Bernie Sanders, ha chiesto rispetto per la legge ma anche che “ciascuno sia rispettato dalla legge”, promettendo di fare di più per evitare “la tragedia di uomini e donne e bambini neri uccisi in incidenti con la polizia”. Le tensioni rischiano di ripercuotersi sulle convention di Cleveland e Philadelphia, dove le misure di sicurezza sono già state rafforzate in vista di proteste annunciate.

Intanto le famiglie di Sterling e Castile chiedono giustizia e annunciano che faranno causa. Quella di Sterling chiede inoltre alle forze dell’ordine che rendano pubblico il video ripreso dalle telecamere di sorveglianza del negozio davanti al quale il giovane è morto.

Ma la diffidenza, la sfiducia verso la polizia aumenta, come suggeriscono certi commenti sul web o quello di Kalyn Chapman James, prima ragazza nera ad aver conquistato il titolo di miss Alabama, nel 1993: in un video sul social network ha spiegato i suoi sentimenti verso la strage di Dallas affermando di “sentirsi un po’ in colpa perché non prova tristezza per i poliziotti che hanno perso la vita”. E di considerare un martire Micah Johnson, l’autore della strage.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:57Figc: Lnd, delega unanime a Sibilia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Il Consiglio direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, riunitosi presso la sede del Comitato regionale Veneto, ha deliberato all'unanimità di affidare al presidente Cosimo Sibilia l'incarico di incontrare i rappresentanti di tutte le componenti federali in vista della prossima tornata elettorale in Figc - si legge in una nota - per verificare la possibilità di pervenire ad un percorso che, nell'auspicata condivisione di tutti, possa portare all'elezione del nuovo presidente federale tenuto conto della necessità di garantire alla LND un ruolo attivo e determinante per lo sviluppo del calcio italiano.

16:55Natale: presepe detenuti esposto a mostra Città di Castello

(ANSA) - CITTÀ DI CASTELLO (PERUGIA), 15 DIC - Viene dal carcere di Perugia ed è stato realizzato da quattro detenuti - Gennaro, Mario, Pasquale e Roberto - uno dei presepi esposti alla Mostra internazionale di Città di Castello di arte presepiale. I quattro autori hanno avuto dalla direzione del carcere il permesso di utilizzare la sala hobby per poterlo realizzare, con materiali riciclati come cartone, cassette di frutta, plastilina, ghiaia, corteccia di albero, muschio, acquarelli e colla. Hanno impiegato circa venti giorni, adoperando attrezzi di fortuna, una forbice per neonati, vecchi tagliaunghie, taglierini fatti con temperamatite, una sega ricavata con la metà di una bomboletta. Ne è uscita fuori un'opera "bella sotto molti aspetti", ha dichiarato, prendendola in consegna, la presidente dell'associazione Amici del Presepio di Città di Castello, Donatella Antinori. L'opera sarà esposta, insieme alle altre 200 selezionate per l'edizione 2017 della rassegna di Città di Castello, che si concluderà il 7 gennaio prossimo, nella cripta del duomo cittadino. Tra i 'pezzi pregiati' della mostra, quello realizzato dal gruppo presepistico di Monte Porzio Catone, per la prima volta ospite a Città di Castello, con scene ambientate nella città di Assisi. (ANSA).

16:53Fifa: sospeso presidente Federcalcio Brasile

(ANSA) - ZURIGO, 15 DIC - Il presidente della Federcalcio brasiliana (CBF), Marco Polo Del Nero, è stato sospeso dal Comitato etico della Fifa per 90 giorni, prorogabili per ulteriori 45. Durante questo periodo, è bandito da tutte le attività calcistiche a livello nazionale e internazionale. Il divieto entra in vigore immediatamente. Del Nero è rimasto al suo posto in Brasile nonostante nel 2015 sia stato accusato dalle autorità statunitensi di racket e riciclaggio di denaro sporco. Quando nel maggio 2015, a Zurigo, una retata della polizia svizzera portò all'arresto di numerosi dirigenti della Fifa su input delle autorità americane, Del Nero riuscì a sfuggire. Nel dicembre dello stesso anno venne incriminato negli Stati Uniti. Il Brasile non lo ha mai estradato per affrontare le accuse.

16:52Gb: arriva una donna alla guida delle news della Bbc

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - Cresce lo spazio per le donne al vertice della Bbc: lo conferma oggi l'annuncio della nomina a direttore dell'intero settore news di Fran Unsworth, che subentrerà dall'inizio del 2018 a James Harding su una poltrona che secondo l'agenzia Pa vale un contratto da 340.000 sterline all'anno. La decisione è stata formalizzata oggi dal direttore generale dell'emittente pubblica britannica, Tony Hall, e arriva dopo le polemiche sul divario di genere nei compensi fra i grandi nomi televisivi del Regno che non avevano risparmiato neppure la 'zietta': come popolarmente viene chiamata proprio la Bbc. "Sono felice e orgogliosa di poter guidare un team di persone di così tanto talento e dedizione", ha commentato la prescelta, veterana di un'azienda nella quale lavora dal 1980 e in cui aveva finora ricoperto vari ruoli tra cui quello di vicedirettore. "In un mondo complesso come oggi, il giornalismo della Bbc - ha concluso Unsworth - conta più che mai".

16:51Tusk: quote restano contenzioso, ma aria migliora

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - I leader europei hanno dato "risposta positiva" alla creazione di "uno strumento finanziario per frenare i flussi migratori" nel prossimo bilancio pluriennale della Ue. Lo dice Donald Tusk al termine del vertice Ue. Sulla riforma di Dublino, aggiunge, "la questione delle quote obbligatorie resta contenziosa anche se la temperatura è scesa significativamente", aggiungendo che "appare molto difficile trovare un compromesso" ma i leader ne riparleranno del vertice di marzo e "dovranno decidere a giugno".

16:50Germania: Schulz, colloqui al via all’inizio dell’anno

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I colloqui per una possibile Grosse Koalition fra Spd e Unione cominceranno "all'inizio di gennaio", e dovrebbero chiudersi già la seconda settimana di gennaio. Lo ha detto Martin Schulz, rispondendo a una domanda in conferenza stampa alla Willy Brandt Haus. Schulz ha spiegato che mercoledì prossimo, 20 dicembre, ci sarà un altro incontro dei vertici del partito, e l'11 gennaio una giornata di clausura del presidio. Il leader dei socialdemocratici ha anche annunciato una commissione di 12 persone per affrontare i colloqui.

16:50Calcio: De Laurentiis, caso Donnarumma con me non accadrebbe

(ANSA) - NAPOLI, 15 DIC - Un caso Donnarumma al Napoli? Aurelio De Laurentiis lo esclude: "Lo avrei saputo prima", ha detto il presidente del Napoli intervenendo a 24Mattino su Radio 24. "Quando Lavezzi venne da me dicendo che voleva andare via - ha ricordato - io dissi 'Adesso tu stai calmo, stai tranquillo. Ti comporti da giocatore del Napoli, stai un altro anno con noi e se poi io riuscirò a piazzarti da qualche parte, che a te vada bene, al prezzo corretto e giusto per il quale io ti devo piazzare, andrai via. Altrimenti rimani a Napoli. E lui obtorto collo acconsentì". "La società - è la tesi del produttore cinematografico - deve avere la forza, dipende da come fai i contratti. I miei nascono dal cinema e sono di 120 pagine, gli altri cercano di farli con il lapis su due pagine prestampate".

Archivio Ultima ora