Dallas: Obama e Bush ai funerali per riunire l’America

Pubblicato il 12 luglio 2016 da redazione

Dallas: Obama e Bush ai funerali per riunire l'America

Dallas: Obama e Bush ai funerali per riunire l’America

WASHINGTON. – Tenta di consolare e riconciliare un Paese inquieto e arrabbiato il presidente Usa Barack Obama, sbarcato in una Dallas blindata per i funerali dei cinque agenti bianchi uccisi da un cecchino nero che voleva vendicarsi dei due afroamericani ammazzati dalla polizia la scorsa settimana.

E’ l’undicesima volta che vola in una città americana colpita da una strage. L’ultima un mese fa a Orlando, in Florida, dove un americano di origine afghana radicalizzatosi negli States e proclamatosi fedele all’Isis ha ucciso 49 persone in un night club per gay.

Ma a Dallas Obama deve fare i conti non solo con l’irrisolta questione della proliferazione delle armi ma anche con la sempre aperta questione razziale, che rischia di pesare sulla sua eredità politica. E questa volta deve fare l’acrobata di fronte ad una polizia vittima e imputata nello stesso tempo, falcidiata da un cecchino a Dallas ma nel mirino per i pregiudizi e la brutalità contro i neri, come Alton Sterling a Baton Rouge (Louisiana) e Philando Castile a St Paul (Minnesota), uccisi da agenti senza apparente giustificazione.

Per questo ha telefonato alle loro famiglie prima di incontrare privatamente quelle dei poliziotti uccisi a Dallas, intervenendo poi ad una commovente cerimonia interreligiosa, dove il sindaco della città, Mike Rawlings, aprendo una maratona di omaggi, ha denunciato un “male comune”: la violenza nelle strade.

Obama è arrivato a Dallas in un clima teso, dopo l’ondata di proteste e arresti in molte città americane, minacce alla polizia e una serie di recenti sparatorie contro le forze dell’ordine, le ultime a Washington e nella contea texana di Ellis, vicino a Dallas, fortunatamente senza feriti, ma anche a Baltimora, dove uno sconosciuto ha fatto fuoco alla veglia per un afroamericano ucciso, colpendo cinque persone.

E ha voluto dare un segnale di unità e di partecipazione ampia e bipartisan, portando con sé non solo Michelle e il vice Joe Biden ma anche un senatore locale come Ted Cruz, che lo aveva a lungo criticato prima di ritirasi dalla primarie repubblicane. E ha voluto che ci fosse pure il suo predecessore repubblicano, George W. Bush con la moglie Laura, anche lui pronto a parlare per dare l’immagine di un Paese comunque unito.

Non la pensa così Donald Trump, che ha rotto la tregua accusando la “debole leadership di Obama” e “la corrotta Hillary” della divisione del Paese, schierandosi prima di tutto con la polizia, come candidato di “legge e ordine”. Gli episodi di violenza della scorsa settimana potrebbero essere “solo l’inizio per questa estate”, ha ammonito, pronto a cavalcare il peggio.

Più equilibrata Hillary, che dopo aver incassato l’atteso endorsement di Bernie Sanders, ha chiesto rispetto per la legge ma anche che “ciascuno sia rispettato dalla legge”, promettendo di fare di più per evitare “la tragedia di uomini e donne e bambini neri uccisi in incidenti con la polizia”. Le tensioni rischiano di ripercuotersi sulle convention di Cleveland e Philadelphia, dove le misure di sicurezza sono già state rafforzate in vista di proteste annunciate.

Intanto le famiglie di Sterling e Castile chiedono giustizia e annunciano che faranno causa. Quella di Sterling chiede inoltre alle forze dell’ordine che rendano pubblico il video ripreso dalle telecamere di sorveglianza del negozio davanti al quale il giovane è morto.

Ma la diffidenza, la sfiducia verso la polizia aumenta, come suggeriscono certi commenti sul web o quello di Kalyn Chapman James, prima ragazza nera ad aver conquistato il titolo di miss Alabama, nel 1993: in un video sul social network ha spiegato i suoi sentimenti verso la strage di Dallas affermando di “sentirsi un po’ in colpa perché non prova tristezza per i poliziotti che hanno perso la vita”. E di considerare un martire Micah Johnson, l’autore della strage.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

20:29Papa: muro Europa cadde con fatica, ora persa memoria

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 24 MAR - L'Europa si adoperò con fatica per far cadere il muro "eppure oggi si è persa memoria della fatica. Si è persa pure la consapevolezza del dramma di famiglie separate, della povertà e della miseria che quella divisione provocò". Lo ha detto il Papa richiamando alla memoria dei leader europei "quell'innaturale barriera che dal Mar Baltico all'Adriatico divideva il continente". "In un mondo che conosceva bene il dramma di muri e divisioni, era ben chiara l'importanza di lavorare per un'Europa unita e aperta". L'Unione Europea ha 60 anni, l'età "della piena maturità. Un'età cruciale nella quale ancora una volta si è chiamati a mettersi in discussione. Anche l'Unione Europea è chiamata oggi a mettersi in discussione, a curare gli inevitabili acciacchi che vengono con gli anni e a trovare percorsi nuovi per proseguire il proprio cammino. A differenza però di un essere umano di sessant'anni, l'Unione Europea non ha davanti a sé un'inevitabile vecchiaia, ma la possibilità di una nuova giovinezza".

20:28Trattati Roma: foglio via a 7 persone

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Foglio di via obbligatorio dal Comune di Roma della durata di un anno è stato emesso dalla Questura per sette persone appartenenti a centri sociali del Nord Est. Durante i controlli per individuare violenti giunti nella Capitale per partecipare alle manifestazioni di domani i carabinieri dei Nuclei Informativi di Roma e Torino hanno controllato 7 giovani, appartenenti a centri sociali del Nord Est. Nell'auto sono stati trovati capi di abbigliamento "atti ad occultare l'identità ed impedire l'identificazione".

20:28Papa: solidarietà è antidoto a populismo

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 24 MAR - "L'Europa ritrova speranza nella solidarietà, che è anche il più efficace antidoto ai moderni populismi". Lo ha detto il Papa ai leader d'Europa sottolineando che "i populismi fioriscono dall'egoismo, che chiude in un cerchio ristretto e soffocante e che non consente di superare la limitatezza dei propri pensieri e 'guardare oltre'. Occorre ricominciare a pensare in modo europeo" e "alla politica spetta tale leadership ideale, che eviti di far leva sulle emozioni per guadagnare consenso". Se nell'Europa delle origini si voleva "veder cadere i segni di una forzata inimicizia, ora si discute di come lasciare fuori i 'pericoli' del nostro tempo: a partire dalla lunga colonna di donne, uomini e bambini, in fuga da guerra e povertà, che chiedono solo la possibilità di un avvenire per sé e per i propri cari". "Il nostro tempo è dominato dal concetto di crisi", economica, della famiglia, delle istituzioni, dei migranti, "tante crisi, che celano la paura e lo smarrimento dell'uomo contemporaneo".

20:08Aeroporto di Catania chiuso per nebbia

(ANSA) - CATANIA, 24 MAR - L'aeroporto internazionale di Catania è chiuso per nebbia. La decisione è stata adottata per la presenza di un fitto banco proveniente dal mare che, riducendo su pista e piazzali la visibilità al di sotto del limite consentito dei 550 metri, ha costretto alla sospensione delle attività di volo, decolli e atterraggi. Alcuni aerei in arrivo sono stati dirottati su Palermo e Comiso. Informazioni sui voli in tempo reale sul sito www.aeroporto.catania.it, sull'app CTAairport, su Telegram (@aeroportocatania_bot) e sui profili Facebook e Twitter della Sac.

20:03Pasqua: a Viareggio Via Crucis a Cittadella Carnevale

(ANSA) - VIAREGGIO (LUCCA), 24 MAR - La Cittadella del Carnevale di Viareggio (Lucca) sarà la cornice della solenne Via Crucis presieduta da monsignor Italo Castellani, arcivescovo di Lucca, in programma venerdì 7 aprile alle 21. La solenne cerimonia, si spiega in una nota, nasce da una iniziativa dell'Arcidiocesi di Lucca e dal vescovo Castellani, che ha colto le esortazioni di Papa Francesco, contenute nella sua Enciclica Laudato Si', che fa appello alla comunità cristiana affinché la preghiera e le cerimonie liturgiche si svolgano anche fuori dai luoghi canonici; nei luoghi della vita, del lavoro, della quotidianità. La Cittadella del Carnevale, si spiega ancora, è per la comunità di Viareggio "il luogo simbolo della vita, della creazione, del lavoro, della dedizione e dell'arte. Le opere allegoriche degli artisti del Carnevale, inoltre, offrono numerosi spunti di riflessione su tematiche di attualità come il lavoro, il disgelo, l'inquinamento, l'emigrazione". Ma "anche la creatività, la proiezione nel futuro, lo sviluppo delle capacità, l'esercizio dei valori, la comunicazione con gli altri, temi toccati da Papa Francesco nella sua Enciclica, che si ispira a San Benedetto da Norcia il quale volle che i suoi monaci vivessero in comunità, unendo la preghiera e lo studio con il lavoro manuale. Ecco perché quest'anno è la Cittadella del Carnevale, luogo di arte, creazione e lavoro ad accogliere la processione della Via Crucis".(ANSA).

19:59Ue: Gentiloni, milioni di poveri interrogano coscienze

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - "Oggi la globalizzazione, che è un'opportunità, ha anche creato squilibri insopportabili: milioni di poveri interrogano la nostra responsabilità, la crisi economica ha fatto crescere la disoccupazione. Di fronte a queste sfide abbiamo il dovere di individuare soluzioni comuni". Lo dice il premier Paolo Gentiloni, nell'udienza in Vaticano in occasione dell'anniversario dei Trattati europei.

19:58Comunali Genova: è ufficiale, Bucci candidato c.destra

(ANSA) - GENOVA, 24 MAR - "Con l'accordo di tutte le forze politiche che sostengono l'amministrazione regionale e, più in generale, che si riconoscono nell'area politica del centro destra, Marco Bucci è designato candidato sindaco della città di Genova". Lo ufficializzano le forze della coalizione: Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia e Liguria popolare espressione di area popolare. Sostegno alla candidatura di Bucci anche da Raffaele Fitto leader di Direzione Italia. Bucci, amministratore unico di Liguria digitale, è il nome indicato dalla Lega, fortemente voluto dal segretario regionale del Carroccio e assessore Edoardo Rixi. "Grazie di cuore a chi, con la propria generosità, ha consentito ancora una volta al 'modello Liguria', inaugurato con le scorse elezioni regionali, di imporsi anche per la città di Genova e le altre sfide amministrative imminenti", il commento del governatore Giovanni Toti.

Archivio Ultima ora