Banco di prova della maggioranza. E’ scontro tra Renzi e D’Alema

Pubblicato il 12 luglio 2016 da redazione

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, al Tempio di Adriano per presentare il libro di Massimo D'Alema (S) "Non solo euro", Roma, 18 marzo 2014. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, al Tempio di Adriano per presentare il libro di Massimo D’Alema (S) “Non solo euro”, Roma, 18 marzo 2014.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA. – Nessuna “imboscata” sul ddl enti locali, la maggioranza assoluta di 161 ci sarà. I centristi sminano così, all’indomani di un voto del Senato per il quale tra i Dem qualche preoccupazione resta, il campo da possibili trabocchetti estivi al governo. Governo che si avvia alla sua cruciale partita referendaria in un contesto nel quale aumentano, tra i partiti alleati del Pd e anche tra i Dem, le pressioni per modificare l’Italicum.

Mentre, nel caso dell’ex premier Massimo D’Alema, il clima ormai è quello dello scontro frontale e spazia dalla legge elettorale alle riforme con la novità della Banca Etruria. “C’e’ stato qualche governo di sinistra che ha privatizzato la Telecom. Ci sono stati capitani coraggiosi che hanno fato operazioni discutibili…”, è la stoccata che Renzi indirizza a D’Alema dai microfoni di Rtl.

E D’Alema reagisce tornando a bocciare, nettamente, riforme e legge elettorale, e andando a toccare, ai microfoni del Tg5, un nuovo tasto delicato degli ultimi mesi del governo. “Renzi parla di cose che non conosce. Potrebbe parlarci delle fughe di notizie sulla Banca Etruria e dell’insider trading, questo è un argomento che forse conosce bene…”, è il suo affondo. Affondo che, secondo fonti parlamentari, avrebbe irritato non poco Renzi che, tuttavia, preferisce non parlare.

A replicare ci sono invece parlamentari renziani come Alessia Morani o Andrea Marcucci: “D’Alema che parla di banche non è credibile, se sa qualcosa vada in procura”, è la loro reazione. Matteo Renzi, nel frattempo, prova a cambiare, abbassandoli, i toni della campagna, sgombrando il campo “da fantasmagorici retroscena” su eventuali suoi successori per un governo ‘di scopo’ e dicendosi “allucinato” da politici che vivono “in un cappa di vetro” e che parlano di cose che riguardano il loro futuro, e non quello della gente comune.

Ed anche il suo recarsi subito in Puglia risponde – fanno notare in Transatlantico – ad un cambio d’atteggiamento che peraltro era stato sollecitato dalla stessa minoranza, critica sul fatto che il premier finora avrebbe evitato di mettere la faccia su disastri come quelli dell’alluvione in Liguria.

Ma, in vista del referendum, le ‘spine’ nel fianco del premier restano diverse. C’è il nodo Italicum, sul quale forte è il pressing non solo nel Pd ma anche da parte dei centristi, che spingono per un modifica (con premio alla coalizione) prima di un appuntamento referendario in vista del quale anche Lamberto Dini manifesta la sua contrarietà.

Mentre in Ap le distanze tra governativi e dissidenti, benché sul voto di domani si assicuri che non vi saranno sorprese, restano evidenti e risultano anzi amplificate dalla visita ad Arcore del capogruppo al Senato Renato Schifani.

La rottura, osserva una fonte parlamentare, ormai c’è, a dispetto che ci sia o meno la riunione dei senatori con Angelino Alfano. Riunione che, al momento, si dà per probabile ma in merito alla quale una convocazione non è ancora arrivata. E il giallo, forse, è l’ulteriore sintomo di un partito che rischia la crisi di nervi.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

22:22Arabia Saudita, le donne potranno guidare

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Il re saudita Salman ha emesso un decreto che permette alle donne del Regno di guidare le auto. Lo scrive al Arabiya. La decisione del re, che entrerà in vigore da giugno del prossimo anno, è stata annunciata dalla televisione di stato e contemporaneamente in un evento a Washington, scrive il New York Times. Contro il divieto di guidare era stata lanciata una campagna che ha visto molte donne postare dei video su internet mentre erano al volante. In Arabia Saudita la condizione della donne è sottoposta a numerose restrizioni, tra cui quella di essere accompagnate da un familiare maschio e di avere un tutore legale. Da quando re Salman è salito al trono nel gennaio del 2015 ci sono state delle aperture sul fronte dei diritti delle donne di cui quella odierna appare come la più eclatante.

21:39Pallavolo: Europei donne, Olanda prossima avversaria Italia

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Sarà l'Olanda l'avversaria dell'Italia nei quarti di finale degli Europei di pallavolo femminile, la cui fase finale si disputando a Baku, in Azerbaigian. Le vice campionesse continentali hanno superato nello spareggi la Croazia 3-0 (25-18, 25-8, 25-21), guadagnandosi il passaggio del turno. La sfida tra le azzurre e le olandesi si disputerà giovedì 28 settembre alle ore 16 italiane. Dopo le tante sfide delle ultime stagioni l'Italia troverà quindi ancora una volta sulla propria strada la nazionale Oranje, già affrontata quest'anno due volte in amichevole: i test match si svolsero a fine maggio con un successo per parte. Nell'altro spareggio di oggi la Bielorussia con una grande rimonta ha sconfitto la Repubblica Ceca 3-2 (18-25, 23-25, 27-25, 25-22, 17-15), guadagnandosi il quarto contro la Serbia.

21:36Nuoto: il peso dell’acqua, Paltrinieri si racconta

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Ogni gara la gestisco in maniera diversa, sono alla continua ricerca di uno stato mentale buono per affrontare le gare. Non si arriva mai alla perfezione. Nel mio libro parlo del peso che sentivo addosso nel periodo prima delle Olimpiadi". Lo dice Gregorio Paltrinieri presentando il suo libro 'Il peso dell'acqua', al Circolo Canottieri Aniene a Roma alla presenza del n.1 del Coni Giovanni Malagò. "Per me è sempre come fosse la prima esperienza, e mi è successo anche agli ultimi mondiali nonostante avessi già provato le emozioni delle Olimpiadi - ha aggiunto l'olimpionico dei 1500 sl - È anche il bello dello sport, adesso a freddo accetto bene la sconfitta. Perché c'è sempre modo di migliorare". La prossima sfida è la 10 chilometri in mare: "Le emozioni che provo in vasca nei 800 e 1500 le vorrei riprovare in altre specialità. Credo di poter dare ancora tanto al nuoto ma ci sono anche nuovi orizzonti è il mare mi stimola molto. Sarà un obiettivo da qui a Tokyo 2020".

21:31Calcio: Torino, Iago Falque pensa già al Verona

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Dopo un derby perso è difficile voltare pagina, ma abbiamo già la testa al Verona. Siamo un gruppo forte e sentiamo sempre il sostegno dei tifosi". Iago Falque promette un pronto riscatto del Torino alla ripresa degli allenamenti. "Contro il Verona sarà una partita complicata, perché loro sono partiti male ma questo non vuol dire che non saranno pericolosi - dice l'attaccante granata a Torino Channel -. Anzi, vorranno riscattarsi, è una squadra da non sottovalutare". Lo spagnolo è stato sostituito da Mihajlovic quando il Torino è rimasto in dieci contro la Juventus. "Ci sta in una situazione del genere togliere un esterno - commenta -: stavolta è toccato a me, e chiaramente mi è dispiaciuto lasciare il campo in una partita così sentita. Il mister doveva scegliere ed accetto la sua decisione".

21:26Concorsi truccati: su social avvocato Laroma è ‘eroe’

(ANSA) - FIRENZE, 26 SET - "Caro Philip, sei un grande!!! Le persone come te andrebbero clonate!!! Con grande ammirazione e stima". E' uno dei tantissimi messaggi postati sulla bacheca di facebook dell'avvocato Philip Laroma Jezzi, il tributarista fiorentino che con la sua denuncia ha avviato l'inchiesta della procura di Firenze che ieri ha portato all'arresto di 7 professori universitari, alla sospensione per altri 22 e a 59 indagati. Sui social il legale è già un 'eroe' che "ha avuto il coraggio di denunciare ciò che ormai è consuetudine accettata da tutti", scrive Salvatrice. Stima, complimenti e ringraziamenti arrivano da quasi tutti e Mary scrive: "Grazie Philip da parte dei giovani italiani preparati e bravi come te traditi dall'Italia corrotta. Grazie per la tua rettitudine e il tuo coraggio. Non era facile. Grazie ancora".

21:01Champions: Barzagli, abbiamo tanta voglia di andare avanti

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Siamo tutti molto avvelenati per andare avanti il più possibile in Champions League, sappiamo quanto ci teniamo tutti". C'è tutta la voglia di vincere in Europa, dopo le due finali perse in tre anni, nelle parole di Andrea Barzagli alla vigilia dell'esordio casalingo contro l'Olympiacos. "L'approccio è uguale, più passano gli anni, più cerchi di migliorare - aggiunge il difensore -. Abbiamo tanta voglia di andare avanti, di giocare certe partite, perché la Champions comunque è una competizione che per un giocatore di calcio è il massimo". "Dove giocherò domani? Il mister mi ha provato mezzapunta - scherza Barzagli -. Sono a disposizione dove serve gioco".

20:43Calcio: Allegri, non possiamo sottovalutare l’Olympiacos

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Non possiamo assolutamente sottovalutare l'Olympiacos, non siamo in grado. Le partite di Champions sono tutte difficili". Allegri assicura la massima concentrazione della Juventus nella sfida con i greci, secondo impegno del girone di Champions. "In Europa tutte le squadre giocano fino alla fine - è il monito dell'allenatore -. Loro sono veloci, in campo aperto sanno far male. Inoltre a noi serve un solo risultato, la vittoria, visto che abbiamo iniziato con il ko di Barcellona. Bisogna iniziare a vincere altrimenti il girone si complica". L'assenza dell'infortunato Howedes e il mancato inserimento di Lichsteiner nella lista Uefa costringe Allegri a scegliere tra Sturaro e Barzagli per il ruolo di terzino destro. "O gioca Sturaro terzino e Barzagli centrale o Barzagli sulla fascia e Benatia centrale - dice -. Marchisio è ancora fuori, Khedira è tornato da poco e non è ancora al meglio. Se non succede nulla stanotte giocheranno Pjanic e Matuidi. In attacco? Non ho ancora deciso quali saranno i 4".

Archivio Ultima ora