Brexit: nel Labour e’ ora corsa a tre, in lizza pure Smith

Pubblicato il 13 luglio 2016 da ansa

(ANSA) – LONDRA, 13 LUG – Diventa almeno corsa a tre quella per la leadership del Partito Laburista britannico: anche Owen Smith, 45 anni, ex ministro ombra del Lavoro ed ex giornalista della Bbc, annuncia la sua candidatura: sfidando sia il segretario Jeremy Corbyn, sia l’altra ex ministra ombra Angela Eagle, che inizialmente aveva creduto di potersi presentare come candidata unica dei ‘ribelli’ anti-Corbyn. Smith, esponente della sinistra interna, indebolisce le chance della meno innovativa Eagle. Oggi ha detto che al partito serve una guida “radicale”, ma “credibile”. E ha aggiunto che Corbyn “ha ragione su molti punti”, ma “non e’ un leader”. A differenza del segretario, pacifista storico, il più giovane degli sfidanti è favorevole al rinnovo del deterrente nucleare, ma a differenza di Eagle afferma che – se fosse stato ai Comuni nel 2003 – avrebbe votato contro la guerra in Iraq. Ieri, dopo una contrastata riunione, il comitato esecutivo del Labour ha ammesso la candidatura automatica di Corbyn di fronte agli iscritti.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

14:35Bankitalia: Orfini a Calenda, non incidente, è democrazia

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - "Il Parlamento che esprime una valutazione non è "un incidente". È democrazia". Lo scrive su Twitter il presidente del Pd Matteo Orfini, commentando le parole di Carlo Calenda su Bankitalia".

14:35Bankitalia: Gentiloni, non parlo nemmeno sotto tortura

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Sulle soluzioni per Bankitalia non parlo neanche sotto tortura né un tanto al chilo, è un compito rilevante che spetta in parte al Governo, c'è una procedura che investe diverse istituzioni, il Governo prenderà le sue decisioni nel rispetto dell'autonomia della banca. Non facciamo indiscrezioni o cose di questo genere": lo ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine del vertice Ue.

14:34Fidanzati uccisi: Procura chiede ergastolo per Ruotolo

(ANSA) - TRIESTE, 20 OTT - La condanna all'ergastolo con due anni di isolamento diurno è stato chiesto per Giosuè Ruotolo dal pubblico ministero Pier Umberto Vallerin nel processo per il duplice omicidio della coppia di fidanzati, Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone. "Ruotolo ha commesso gli omicidi per salvare la sua carriera", ha affermato il pm nelle ultime battute della sua lunga requisitoria cominciata ieri davanti alla Corte d'Assise di Udine. "L'odio verso Trifone e la gelosia verso Teresa lo avevano assalito già da tempo. Togliendoli di mezzo sparivano due rivali, due minacce viventi, due persone verso cui covava odio già da tempo. E il suo futuro sarebbe tornato ad essere roseo", ha aggiunto. Il processo riprenderà lunedì 23 ottobre con gli interventi delle parti civili.

14:25Tusk, esagerato parlare blocco su Brexit

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - "Dire che i progressi non sono sufficienti non significa che non ci sono progressi". Lo ha detto il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk in merito ai negoziati della Brexit che definisce "esagerate" le insistenze sulle difficoltà dei colloqui. I progressi "non sarebbero stati possibili senza il nuovo slancio dato dal discorso di Firenze della May", ha aggiunto, sottolineando di "sperare di potere passare alla fase 2 del negoziato a dicembre".

14:24Bankitalia: SI a Boldrini, governo riferisca a Camera

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Il gruppo di Sinistra Italiana alla Camera, in una lettera inviata alla presidente Laura Boldrini, ha chiesto, a quanto si apprende, che il governo riferisca in Aula sulla vicenda Bankitalia. Nella lettera, firmata dal capogruppo Giulio Marcon e dal deputato Giovanni Paglia, SI evidenzia "i motivi di viva preoccupazione rispetto alla vicenda che, da giorni, domina le cronache giornalistiche e che si sta pericolosamente allargando a macchia d'olio coinvolgendo diversi livelli istituzionali e gettando nella bufera il governo".

14:23Card. Bassetti, liberi di emigrare ma non per disperazione

(ANSA) - PERUGIA, 20 OTT - "Siamo tutti liberi di emigrare dal nostro Paese, ma questo non può avvenire per disperazione": lo ha detto il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, intervenendo a un convegno a Perugia sul tema "Giovani e il lavoro che (non) c'è", alla presenza di più di 300 studenti. "L'Italia, che ha bisogno di nuove energie morali, ha bisogno di tutti noi - ha sottolineato Bassetti - ma particolarmente di voi giovani, delle vostre antenne che ci spingono a guardare lontano, dei vostri talenti a cui noi, generazione adulta, dobbiamo dare chance e speranza". "Altrimenti - ha continuato - la fila di giovani che lasceranno l'Italia continuerà ad aumentare e i dati recentemente pubblicati dalla Fondazione Migrantes della Cei sono eloquenti e lasciano una profonda inquietudine". "Carissimi giovani, ci attende una grande missione - ha aggiunto - quella di essere una presenza viva, autorevole e concreta, per tante attese che cogliamo nella povera gente e per il bene delle nostre famiglie e per il futuro dell'Italia".

14:14Studente morto a scuola:c’è biglietto, ipotesi suicidio

(ANSA) - ROMA, 20 OTT - Si sarebbe lanciato dalla tromba delle scale al secondo piano dell'istituto S.Maria, una scuola privata tra le più note a Roma, lo studente di 13 anni morto a Roma. E' quanto ipotizzano al momento i carabinieri. Gli investigatori hanno trovato in classe un biglietto scritto dal ragazzino il cui contenuto farebbe propendere per l'ipotesi del suicidio.

Archivio Ultima ora