Consegnata al governo Renzi la petizione dei pensionati italovenezuelani

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

Da sinistra: il sen. Micheloni, il viceministro Morandi e il deputato Porta.

Da sinistra: il sen. Micheloni, il viceministro Morandi e il deputato Porta.

ROMA – L’ultimo tassello in ordine cronologico, un importante passo avanti per ottenere il ripristino delle prestazioni contributive – leggasi integrazione al trattamento minimo e maggioranza sociale – da ormai troppo tempo bloccate e per restituire dignità ai pensionati italo-venezuelani che oggi ricevono dall’Inps scarsi 200, 300 euro semestrali.

I nostri parlamentari eletti all’estero, il deputato Fabio Porta e il Senatore Claudio Micheloni, presidenti dei rispettivi Comitati per gli Italiani nel mondo (il primo per la Camera e il secondo per il Senato) hanno consegnato a Luciano Pizzetti, Sottosegretario alla presidenza del Consiglio, e a Enrico Morando, vice-Ministro dell’Economia e delle Finanze, la petizione sottoscritta dalle migliaia di pensionati italo-venezuelani.

Si tratta, in sintesi, di ben 2.485 lettere firmate raccolte dal Cepa, l’organismo che raccoglie tutti i patronati che operano in Venezuela, e a suo tempo spedite all’On. Fabio Porta, deputato eletto nella circoscrizione dell’America Meridionale che, assieme al Senatore Claudio Micheloni, eletto nella Circoscrizione Europa, ha sempre spezzato lance a favore dei nostri pensionati.

– L’iniziativa – hanno osservato i nostri eletti – corona una pressante e lunga azione politica e parlamentare che ha già portato ad una presa di posizione dell’INPS e del Ministero del Lavoro in merito alla possibilità di adottare un sistema di cambio che consenta agli interessati di salvaguardare il valore reale delle pensioni italiane. Questa petizione – hanno aggiunto – è il frutto di una vasta mobilitazione che ha coinvolto in primis i Patronati alle prese con una gravissima emergenza di natura sociale ed economica, che i Comitati per gli italiani nel mondo hanno prontamente raccolto e proiettato nelle varie istanze di governo e parlamentari.

Da sinistra: il deputato Porta, il sottosegretario Pizzetti ed il senatore Micheloni.

Da sinistra: il deputato Porta, il sottosegretario Pizzetti ed il senatore Micheloni.

Dopo la notizia della consegna delle firme ai rappresentanti del governo Renzi, Giovanni di Vaira, responsabile del Patronato Inca, ha espresso al deputato Porta, in nome di tutti i patronati, la speranza che finalmente si ponga fine ad un’ingiustizia che colpisce la fascia di connazionali meno abbienti: quella dei pensionati.

– Non è solo una questione di miglioramento delle pensioni – ha precisato Di Vaira -, servirebbe anche per dare un alito di sollievo agli italo-venezuelani, un segnale che l’Italia è presente. Contribuirebbe a recuperare un po’ di fiducia e a sentire che il nostro Paese ti è vicino.

Nelle lettere, oltre a spiegare la situazione in cui versano i pensionati in Venezuela, si chiede espressamente al ministro di autorizzare l’Inps ad utilizzare il cambio Dicom (ex-Simadi) per calcolare l’importo della pensione venezuelana in euro (attualmente al tasso di cambio di Bsf 10 x dollaro e prima a 6,30 Bsf x dollaro) che determina la quota di pensione di competenza dell’Inps.

Se il Governo italiano decidesse finalmente di intervenire, facendo adottare il cambio Dicom-Simadi, il valore corrispondente della pensione venezuelana in euro sarebbe tale da permettere a molti pensionati di recuperare le somme di prestazioni assistenziali che oggi sono negate e ridarebbe agli anziani una pensione piú dignitosa.

Per lo Stato italiano la somma de erogare in più sarebbe quasi irrisoria, considerando anche il fatto che il numero di queste pensioni si aggira intorno alle 4.000 e destinate a diminuire nel tempo.

Ultima ora

10:37Libano: stato di allerta esercito a confine Israele

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il capo delle Forze armate libanesi, generale Joseph Aoun, ha disposto il "pieno stato di allerta" dei militari lungo il confine orientale per "fronteggiare le minacce del nemico Israele e delle sue violazioni". Lo annuncia l'esercito su Twitter. Aoun ha chiesto ai soldati di "vigilare" per la "corretta implementazione" della risoluzione 1701 dell'Onu e di "garantire la stabilità" al confine con Israele.

10:08Usa: migranti,nuovo no giudice a stop fondi città-santuario

(ANSA) - SAN FRANCISCO, 21 NOV - Nuova battuta d'arresto per Donald Trump nella sua battaglia per tagliare fondi alle 'citta' santuario', quelle che non collaborano con gli uffici per il controllo dell'immigrazione. Un giudice distrettuale di San Francisco, William Orrick, ha rigettato l'argomentazione dell'amministrazione secondo la quale l'ordine esecutivo si applica solo a una somma di denaro relativamente piccola, e ha stabilito che il presidente non puo' imporre nuove condizioni sulle spese approvate dal Congresso. Il giudice aveva in precedenza argomentato allo stesso modo in una sentenza che aveva sospeso in via solo temporanea l'ordine esecutivo che colpisce le citta'-santuario. L'amministrazione Trump si era appellata contro quella decisione alla nona Corte d'Appello. La sentenza di Orrick era arrivata nella cause proposte da due contee della California, San Francisco e Santa Clara. Il procuratore di San Francisco ha commentato che la sentenza e' ''una vittoria per il popolo americano e per le norme di legge''.

10:00Zimbabwe: vicepresidente a Mugabe, dimettiti

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il vicepresidente dimissionato dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, intima a Robert Mugabe di dimettersi in un comunicato reso noto dalla Cnn. "Mugabe ha sempre detto che se il popolo lo avesse voluto avrebbe lasciato l'incarico. Ora che la gente ha parlato deve accettare la volontà del popolo e dimettersi", ha detto Mnangagwa, sottolineando che non tornerà nel Paese fin quando "non verrà garantita" la sua sicurezza.

09:04Putin incontra Assad

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La "lotta al terrorismo in Siria è prossima alla fine": così il presidente russo Vladimir Putin incontrando ieri a Sochi Bashar al Assad. Lo riferisce Russia Today. Nel corso dell'incontro a sorpresa, il leader del Cremlino ha auspicato che il processo politico in Siria sia "sotto l'egida dell'Onu" auspicando che le Nazioni Unite abbiano "parte attiva". Assad ha sottolineato che Damasco accoglie con favore "coloro realmente interessati a una soluzione politica in Siria, con i quali siamo pronti al dialogo".

04:57Usa:stop Trump a piano residenza temporanea 60.000 haitiani

NEW YORK - L'amministrazione Trump mette fine al programma di residenza temporanea concesso a 60.000 haitiani dopo il terremoto. Lo stop entrera' in vigore nel luglio del 2019 alla luce del fatto che Haiti - spiega l'amministrazione - ha compiuto significativi progressi dal terremoto del 2010.

04:50Kosovo: ballottaggi municipali, Pristina a nazionalisti

PRISTINA - Sara' con ogni probabilita' Shpend Ahmeti, rappresentante del movimento nazionalista 'Autodeterminazione', il nuovo sindaco di Pristina, la capitale del Kosovo che e' stata una delle 19 citta' dove domenica si e' votato per i ballottaggi delle municipali. Lo ha reso noto la commissione elettorale, che ha diffuso i dati ancora preliminari del secondo turno delle amministrative. I risultati definitivi si avranno solo dopo l'arrivo per posta delle schede dall'estero e il conteggio di quelle relative a elettori autorizzati a votare in Comuni diversi da quello di residenza.

04:47Argentina: rumore rilevato non di sommergibile, Marina

BUENOS AIRES - Il rumore rilevato nella zona dell'Atlantico sud dove si svolgono le ricerche del sottomarino San Juan disperso ''non corrisponde a quello di un sommergibile''. Lo ha reso noto il portavoce della marina argentina, Enrique Balbi.

Archivio Ultima ora