Scontro treni in Puglia: errore umano, indagati i ferrovieri

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

The trains wreckage are removed at the site of the head-on commuter train collision that occurred Tuesday between the towns of Andria and Corato, in the southern Puglia region, Italy, 13 July 2016. ANSA/ GAETANO LO PORTO

The trains wreckage are removed at the site of the head-on commuter train collision that occurred Tuesday between the towns of Andria and Corato, in the southern Puglia region, Italy, 13 July 2016. ANSA/ GAETANO LO PORTO

TRANI. – Quel treno non doveva partire dalla stazione di Andria. La procura di Trani mette il primo tassello nell’indagine sulla strage nelle campagne pugliesi e iscrive i alcuni nominativi nel registro degli indagati. Una decisione maturata in serata ma che il procuratore facente funzioni Francesco Giannella aveva anticipato ai giornalisti nel pomeriggio: “Per qualche ora ancora non ci sono indagati”.

Il fascicolo aperto con le ipotesi di reato di disastro ferroviario colposo e omicidio colposo plurimo punta dunque dritto al personale di Ferrotranviaria che era in servizio ieri nelle stazioni di Andria e Corato: i due capistazione, innanzitutto, ma anche eventuali collaboratori. Perché gli accertamenti fin qui svolti se non hanno ancora consentito di ricostruire con esattezza la dinamica dell’incidente, hanno però permesso di avere alcuni punti fermi.

Primo tra tutti il segnale di partenza dato al treno fermo ad Andria: quel convoglio si è mosso quando non doveva, con l’ok del capostazione e il semaforo verde di via libera. Cosa è accaduto? C’è stato solo un errore umano, ipotesi prevalente tra gli inquirenti, o anche un guasto tecnico che ha azionato il semaforo?

Prima di iscrivere i nominativi dei dipendenti di Ferrotramviaria, la prima mossa del procuratore è stata quella di costituire un pool di quattro magistrati che, assieme a lui, indagherà in ogni direzione. “Dobbiamo scandagliare ogni possibilità – ha spiegato il pm – anche per non fare l’errore di fermarci a quello che è accaduto ieri”.

La linea, dunque, è chiara ed ipotizza tre livelli d’indagine: da un lato si procederà ad individuare le singole responsabilità nella catena di controllo che ha autorizzato il treno a lasciare la stazione di Andria, dall’altro si prenderanno in considerazione la sicurezza dei controlli da parte degli enti preposti e la questione del raddoppio della linea, la sua messa in sicurezza e l’utilizzo dei fondi per arrivare all’individuazione di altri soggetti che potrebbero avere ruoli tutt’altro che marginali.

Come sono stati usati i fondi europei stanziati per il raddoppio della linea Bari-Barletta? Perché i lavori hanno accumulato così tanto ritardo? E ancora: i sistemi di sicurezza sono adeguati rispetto alla normativa in vigore? Già in passato si erano verificate delle criticità che dovevano far scattare l’allarme e che non sono state segnalate?

Tutte domande che richiedono una risposta chiara, perché non è pensabile che le responsabilità di un simile disastro possano essere addebitate solo ad un errore umano. La decisione di procedere fin da subito su più fronti ha fatto sì che ogni magistrato si occuperà di un aspetto dell’inchiesta.

Ed è ovvio che i primi accertamenti riguarderanno proprio le responsabilità dei capistazione V.P e A.P e gli eventuali loro collaboratori per accertare chi ha sbagliato nel dare il segnale di partenza. Senza dimenticare che la catena di controllo prevede un ruolo ‘attivo’ anche per i capitreno a bordo dei convogli: uno dei due, Albino Di Nicolo, è però morto nello schianto; l’altro, Nicola Lorizzo, è ricoverato in ospedale.

E’ questo il motivo per cui gli investigatori della Polfer, dopo aver recuperato le scatole nere, hanno proceduto a sequestrare una serie di documenti che serviranno proprio a chiarire i ruoli di ciascuno: i brogliacci di movimento dei treni, le immagini delle telecamere delle stazioni di Andria e Corato e del sistema di videosorveglianza installato su almeno uno dei due convogli, le conversazioni telefoniche tra i due capistazione, trascritte in un fonogramma.

Proprio dalla visione delle immagini delle stazioni, gli investigatori avrebbero già potuto accertare due elementi importanti. Dopo la partenza del treno da Andria, infatti, non si sono registrate scene di disperazione o attività particolari: significa che nessuno dei due capistazione si è accorto di aver commesso un errore. Inoltre, il macchinista del treno proveniente da Andria non poteva far altro che partire: oltre all’ok del capostazione, aveva anche il segnale di via libera sulla linea.

Gli investigatori hanno inoltre verificato che erano due i treni delle Ferrovie del nord barese provenienti da Corato e diretti verso nord e che uno di questi viaggiava in ritardo: potrebbe essere stata questa la circostanza che avrebbe indotto il capostazione di Andria a dare il via libera al treno.

Un errore che nessuno nega. “Il treno che è partito per secondo – dice il procuratore Giannella – non doveva partire”. “L’unica stazione di incrocio è quella di Andria – aggiunge il direttore generale di Ferrotranviaria Massimo Nitti – Quel treno che scendeva da Andria, lì non ci doveva essere”.

Ma Nitti ha anche difeso il sistema di comunicazione e sicurezza basato su un fonogramma, il cosiddetto “consenso telefonico”: “è una delle modalità di esercizio che viene regolarmente utilizzata nelle ferrovie”.

Sicuramente ha ragione, ma i magistrati vogliono capire se davvero tutti i regolamenti e le norme in vigore sono state rispettate. Così come vogliono far luce sulla questione del raddoppio della linea: il progetto è previsto dal 2008 e doveva concludersi nel 2015. Ovviamente non si è concluso. Perché? “Dobbiamo capire. Ci sono tante cose da vedere e da incrociare” si limita a dire il procuratore.

L’indagine è soltanto all’inizio.

(di Matteo Guidelli e Roberto Buonavoglia/Ansa)

Ultima ora

21:39Pallavolo: Europei donne, Olanda prossima avversaria Italia

(ANSA) - ROMA, 26 SET - Sarà l'Olanda l'avversaria dell'Italia nei quarti di finale degli Europei di pallavolo femminile, la cui fase finale si disputando a Baku, in Azerbaigian. Le vice campionesse continentali hanno superato nello spareggi la Croazia 3-0 (25-18, 25-8, 25-21), guadagnandosi il passaggio del turno. La sfida tra le azzurre e le olandesi si disputerà giovedì 28 settembre alle ore 16 italiane. Dopo le tante sfide delle ultime stagioni l'Italia troverà quindi ancora una volta sulla propria strada la nazionale Oranje, già affrontata quest'anno due volte in amichevole: i test match si svolsero a fine maggio con un successo per parte. Nell'altro spareggio di oggi la Bielorussia con una grande rimonta ha sconfitto la Repubblica Ceca 3-2 (18-25, 23-25, 27-25, 25-22, 17-15), guadagnandosi il quarto contro la Serbia.

21:36Nuoto: il peso dell’acqua, Paltrinieri si racconta

(ANSA) - ROMA, 26 SET - "Ogni gara la gestisco in maniera diversa, sono alla continua ricerca di uno stato mentale buono per affrontare le gare. Non si arriva mai alla perfezione. Nel mio libro parlo del peso che sentivo addosso nel periodo prima delle Olimpiadi". Lo dice Gregorio Paltrinieri presentando il suo libro 'Il peso dell'acqua', al Circolo Canottieri Aniene a Roma alla presenza del n.1 del Coni Giovanni Malagò. "Per me è sempre come fosse la prima esperienza, e mi è successo anche agli ultimi mondiali nonostante avessi già provato le emozioni delle Olimpiadi - ha aggiunto l'olimpionico dei 1500 sl - È anche il bello dello sport, adesso a freddo accetto bene la sconfitta. Perché c'è sempre modo di migliorare". La prossima sfida è la 10 chilometri in mare: "Le emozioni che provo in vasca nei 800 e 1500 le vorrei riprovare in altre specialità. Credo di poter dare ancora tanto al nuoto ma ci sono anche nuovi orizzonti è il mare mi stimola molto. Sarà un obiettivo da qui a Tokyo 2020".

21:31Calcio: Torino, Iago Falque pensa già al Verona

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Dopo un derby perso è difficile voltare pagina, ma abbiamo già la testa al Verona. Siamo un gruppo forte e sentiamo sempre il sostegno dei tifosi". Iago Falque promette un pronto riscatto del Torino alla ripresa degli allenamenti. "Contro il Verona sarà una partita complicata, perché loro sono partiti male ma questo non vuol dire che non saranno pericolosi - dice l'attaccante granata a Torino Channel -. Anzi, vorranno riscattarsi, è una squadra da non sottovalutare". Lo spagnolo è stato sostituito da Mihajlovic quando il Torino è rimasto in dieci contro la Juventus. "Ci sta in una situazione del genere togliere un esterno - commenta -: stavolta è toccato a me, e chiaramente mi è dispiaciuto lasciare il campo in una partita così sentita. Il mister doveva scegliere ed accetto la sua decisione".

21:26Concorsi truccati: su social avvocato Laroma è ‘eroe’

(ANSA) - FIRENZE, 26 SET - "Caro Philip, sei un grande!!! Le persone come te andrebbero clonate!!! Con grande ammirazione e stima". E' uno dei tantissimi messaggi postati sulla bacheca di facebook dell'avvocato Philip Laroma Jezzi, il tributarista fiorentino che con la sua denuncia ha avviato l'inchiesta della procura di Firenze che ieri ha portato all'arresto di 7 professori universitari, alla sospensione per altri 22 e a 59 indagati. Sui social il legale è già un 'eroe' che "ha avuto il coraggio di denunciare ciò che ormai è consuetudine accettata da tutti", scrive Salvatrice. Stima, complimenti e ringraziamenti arrivano da quasi tutti e Mary scrive: "Grazie Philip da parte dei giovani italiani preparati e bravi come te traditi dall'Italia corrotta. Grazie per la tua rettitudine e il tuo coraggio. Non era facile. Grazie ancora".

21:01Champions: Barzagli, abbiamo tanta voglia di andare avanti

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Siamo tutti molto avvelenati per andare avanti il più possibile in Champions League, sappiamo quanto ci teniamo tutti". C'è tutta la voglia di vincere in Europa, dopo le due finali perse in tre anni, nelle parole di Andrea Barzagli alla vigilia dell'esordio casalingo contro l'Olympiacos. "L'approccio è uguale, più passano gli anni, più cerchi di migliorare - aggiunge il difensore -. Abbiamo tanta voglia di andare avanti, di giocare certe partite, perché la Champions comunque è una competizione che per un giocatore di calcio è il massimo". "Dove giocherò domani? Il mister mi ha provato mezzapunta - scherza Barzagli -. Sono a disposizione dove serve gioco".

20:43Calcio: Allegri, non possiamo sottovalutare l’Olympiacos

(ANSA) - TORINO, 26 SET - "Non possiamo assolutamente sottovalutare l'Olympiacos, non siamo in grado. Le partite di Champions sono tutte difficili". Allegri assicura la massima concentrazione della Juventus nella sfida con i greci, secondo impegno del girone di Champions. "In Europa tutte le squadre giocano fino alla fine - è il monito dell'allenatore -. Loro sono veloci, in campo aperto sanno far male. Inoltre a noi serve un solo risultato, la vittoria, visto che abbiamo iniziato con il ko di Barcellona. Bisogna iniziare a vincere altrimenti il girone si complica". L'assenza dell'infortunato Howedes e il mancato inserimento di Lichsteiner nella lista Uefa costringe Allegri a scegliere tra Sturaro e Barzagli per il ruolo di terzino destro. "O gioca Sturaro terzino e Barzagli centrale o Barzagli sulla fascia e Benatia centrale - dice -. Marchisio è ancora fuori, Khedira è tornato da poco e non è ancora al meglio. Se non succede nulla stanotte giocheranno Pjanic e Matuidi. In attacco? Non ho ancora deciso quali saranno i 4".

20:35Calcio: Milan, cambia il preparatore atletico

(ANSA) - MILANO, 26 SET - "Ripartenza Milan. Ho pensato a lungo su come alzare l'asticella. Partiamo dalla preparazione atletica": così Vincenzo Montella ha annunciato la prima contromossa per rimettere in carreggiata la sua squadra, e a breve l'allenatore sceglierà un nuovo preparatore atletico al posto di quello che per anni ha lavorato al suo fianco. "Dopo un'attenta analisi ho fatto le mie prime valutazioni e, tra le aree di miglioramento, ho individuato la preparazione atletica, per la quale ho deciso di avviare un nuovo piano che purtroppo non ha trovato la piena condivisione del mio collaboratore Emanuele Marra - ha annunciato l'allenatore rossonero sul proprio profilo Twitter, all'indomani del confronto con dirigenza e squadra in seguito alla seconda sconfitta in campionato -. Con Emanuele ho deciso, a malincuore, di interrompere il rapporto professionale. Colgo l'occasione per ringraziarlo per il lavoro svolto in questi anni al mio fianco".

Archivio Ultima ora