Asilo uguale per tutti in Ue. Diecimila euro a rifugiato

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

A migrant woman uses her mobile phone at the refugee camp of Idomeni, near the Greek border with Macedonia, in northern Greece, 08 March 2016. EPA/Zoltan Balogh

A migrant woman uses her mobile phone at the refugee camp of Idomeni, near the Greek border with Macedonia, in northern Greece, 08 March 2016. EPA/Zoltan Balogh

BRUXELLES. – Stop allo ‘shopping’ tra i Paesi Ue alla ricerca del sistema d’asilo più generoso, e quindi fine agli spostamenti di massa dei migranti da uno stato all’altro come è avvenuto lo scorso autunno lungo la rotta balcanica. E’ l’obiettivo delle nuove regole Ue per un sistema comune di asilo che assicura gli stessi standard di accoglienza in tutti i 28, tagliando anche i tempi e usando la mano ferma con chi commette abusi.

Non solo. Arriva anche la proposta di un sistema comune di reinsediamenti per rifugiati, dove saranno però gli stati membri a decidere numeri e Paesi terzi di provenienza, e per cui riceveranno 10mila euro dal bilancio Ue a migrante. E’ l’ultimo pacchetto presentato dalla Commissione Ue per riformare il vecchio sistema di Dublino e già criticato dalle associazioni umanitarie.

Nell’Egeo intanto si torna a morire, con 4 vittime di cui 2 bambini, mentre continuano gli sbarchi in Sicilia. Il nuovo regolamento (strumento legislativo più stringente e rapidamente applicabile rispetto a una direttiva) sull’asilo “semplifica, chiarifica e taglia i tempi” per la gestione delle domande, ma fa sì che la Ue sarà “generosa con le persone più vulnerabili, ma severa con chi cerca di abusare” del sistema, ha avvertito il commissario alla migrazione Dimitris Avramopoulos.

In particolare, le decisioni sulle domande dovranno essere prese entro massimo 6 mesi e quelle manifestamente infondate in 1-2 mesi, ma sin dall’inizio i migranti avranno gratuitamente diritto a un avvocato, mentre l’assenza di collaborazione o lo spostamento in un altro stato membro provocheranno il rigetto immediato.

Ci sarà poi una lista Ue di Paesi sicuri, standard comuni di accoglienza su cui dovrà lavorare l’Agenzia per l’asilo Easo, mentre la durata dell’asilo sarà rinnovabile in modo da tener conto dell’evoluzione della situazione nei Paesi d’origine. L’accesso al mercato del lavoro sarà accelerato e i minori non accompagnati verranno subito affidati a un tutore.

Svolta sui toni con i 28 da parte della Commissione anche sui reinsediamenti, dopo il muro contro muro degli scorsi mesi in cui le proposte per far accettare i rifugiati da ricollocare dai Paesi Ue e/o reinsediare dai Paesi terzi sono naufragate.

Saranno “gli stati membri a decidere quante persone reinsediare ogni anno”, ha tenuto a mettere in chiaro Avramopoulos, e “i numeri li comunicherà il Consiglio” Ue dopo aver consultato e raccolto le disponibilità dei governi “sulla base di una proposta della Commissione” europea.

I 28, inoltre, “saranno liberi di decidere se partecipare”, tenuto conto che Gran Bretagna, Irlanda e Danimarca hanno già un opt-out. Nonostante il nuovo schema per i reinsediamenti si basi sulla volontarietà, il commissario si è detto “ottimista” e, anche per quanto riguarda i paesi “riluttanti”, l’obiettivo resta il “dialogo”: “non siamo qui per punire ma per persuadere”, ha sottolineato.

In questo senso vanno letti i 10mila euro per rifugiato che riceveranno i Paesi per reinsediarli da fuori Ue. Per Amnesty International, però, si tratta di proposte che mirano solo a “ridurre gli arrivi irregolari” e il cui “impatto netto sarà probabilmente negativo”.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

16:46Nato, disaccordo con Russia su Ucraina

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - "Gli alleati e la Russia continuano ad avere un chiaro disaccordo sulla crisi in Ucraina" dove "la situazione della sicurezza resta di profonda preoccupazione" e "le violazioni del cessate-il-fuoco nell' Ucraina Orientale hanno raggiunto livelli record". Lo ha detto il segretario generale Jens Stoltenberg dopo il primo Consiglio Nato-Russia del 2017, durato 4 ore. La tregua è "solo sulla carta" ha detto,, aggiungendo che l'Osce "in settimana" ha riferito di violazioni "quasi due volte al minuto".

16:43Camera, ok a legge “toghe in politica”, ora torna al Senato

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Sì dell'Aula della Camera alla proposta di legge sui giudici in politica. Il testo, approvato con 211 voti a favore, 2 contrari e 29 astenuti (Si e Mdp), torna però al Senato che dovrà esaminare lemodifiche introdotte a Montecitorio. Il provvedimento fissa una serie di paletti per il ritorno dei magistrati al loro lavoro dopo l'esperienza politica: dovranno cambiare sede e per tre anni non potranno svolgere funzioni inquirenti né svolgere funzioni direttive e potranno svolgere esclusivamente funzioni giudicanti collegiali.

16:39Calcio: squadra invita a pranzo avversari colpiti da sisma

(ANSA) - ALVIANO (TERNI), 30 MAR - Sarà una sorta di terzo tempo anticipato quello organizzato dal Gs Alviano Calcio alla squadra del Cascia, prossima avversaria, domenica, per il campionato di calcio di prima categoria. La società ha infatti deciso di invitare a pranzo la compagine della Valnerina in segno di solidarietà dopo il terremoto. A tavola ci saranno gli atleti e i dirigenti di entrambe le squadre. "Rispondere uniti come una squadra di calcio, questo l'Umbria, questa l'Italia tutta contro il terremoto", ha sottolineato il sindaco di Alviano Giovanni Ciardo. "Per questo - ha aggiunto - l'iniziativa del Gs Alviano ha una valenza forte. Dal primo giorno il nostro paese si è messo all'opera con iniziative benefiche per aiutare i territori più colpiti. Questa si inserisce in quel solco. Ora è anche doveroso ribadire che è il momento di tornare a visitare le bellezze dell'Umbria e di tutte le altre regioni, ferite ma non arrese". "Abbiamo deciso di invitare a pranzo i nostri avversari - ha spiegato invece il presidente del Gs Alviano, Michele Ceccaccio - perché siamo consapevoli di quanto possa costare in termini economici la trasferta di un'intera squadra, considerando, soprattutto, gli sfortunati eventi che hanno colpito il comune di Cascia e gli abitanti della Valnerina". (ANSA).

16:31Patenti turche false, Procura Torino apre inchiesta

(ANSA) - TORINO, 30 MAR - La Procura di Torino ha aperto un'inchiesta su 38 patenti turche false, tra cui circa una decina relative alla guida di autocarri, presentate agli uffici della Motorizzazione per essere convertite in documenti validi sul territorio italiano. L'ha scoperto la Polizia Municipale, grazie a un protocollo di collaborazione con la Motorizzazione. I magistrati hanno emesso 38 decreti di perquisizioni domiciliari in tutta Italia, di cui 23 a Torino, e il materiale recuperato è ora al vaglio degli inquirenti. Gli investigatori pensano che dietro ai documenti falsi ci sia un'articolata rete criminale dedica alla stampa, allo smercio e alla vendita delle patenti. Gli indagati, ad oggi sono 38, tutti di nazionalità turca e residenti in Italia. I reati ipotizzati, oltre al concorso nella falsità materiale del documento di guida straniero, c'è anche l'induzione in errore del pubblico ufficiale. (ANSA).

16:28Terremoto: Cretu,’taglio’ Stati a fondi Ue è brutto segnale

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - "È un cattivo segnale, perché stiamo vivendo in tempi in cui bisogna mostrare solidarietà con le persone che ne hanno bisogno". Così la commissaria Ue alla Politica Regionale, Corina Cretu, commenta la decisione presa ieri daglii ambasciatori dei 28 Stati Ue d'introdurre una quota del 10% di cofinanziamento nazionale per le opere di ricostruzione post-disastri naturali, invece che consentire di finanziarle al 100% con fondi europei. La proposta di cambiare il regolamento del fondo Fesr era stata avanzata nel novembre scorso dalla stessa Cretu, che ora confida "che gli Stati membri possano comprendere che oggi tocca all'Italia, ma domani potrebbe essere un altro Paese". "Non stiamo cambiando le regole solo per uno Stato, ma per tutti quelli che d'ora in avanti dovranno affrontare questi disastri naturali", spiega Cretu, "spero" che al termine dei negoziati fra Consiglio e Parlamento "si torni alla nostra proposta di finanziamento del 100% della ricostruzione". (ANSA).

16:21Francia: hackerato l’account Facebook di François Hollande

(ANSA) - PARIGI, 30 MAR - L'account Facebook di François Hollande invitava ieri sera i cittadini francesi il 7 maggio a partecipare a un brindisi di commiato del presidente dall'Eliseo, riporta il sito di Lelab Europe 1. Ma l'invito era un fake: l'account personale di Hollande è stato piratato da un sedicenete gruppo "Per le dimissioni di François Hollande". L'invito era formulato nel mondo seguente: "Eccoci. Aspettiamo questo momento con impazienza da 5 anni. Lo festeggeremo degnamente, venite numerosi, portate i bambini, è una festa popolare". Aggiungendo poi, a scanso di equivoci e di sbarchi massicci all'Eliseo il 7 maggio, che si trattava di uno scherzo. La pagina è stata cancellata ma l'invito ha ottenuto comunque un discreto successo, visto che 507 persone si erano prenotate e 1000 si erano mostrate interessate. Nel 2011 Nicolas Sarkozy era stato vittima dello stesso scherzo, ancor prima che dichiarasse se intendeva ripresentarsi nel 2012.

16:19Corona: teste ritratta, fino a 20mila euro incassati in nero

(ANSA) - MILANO, 30 MAR - "Fabrizio Corona incassava fino a venti mila euro per le sue serate, non l'ho detto prima quando sono stato interrogato dai carabinieri perché avevo paura". A dirlo, Mario Nicoli, un ex collaboratore di Fabrizio Corona, sentito come teste nel processo a carico dell'ex agente fotografico per i 2,6 milioni di euro ritrovati, in parte, nel controsoffitto dell'abitazione di Francesca Persi (anche lei imputata), in parte in Austria. Nicoli ha riferito in Tribunale di avere accompagnato più volte Corona a sue 'ospitate' nei locali notturni e di averlo visto "incassare molti soldi in contanti. In una discoteca di Verona riservata a 'milf', cioè a signore non più giovanissime, l'ho visto incassare un importo importante". Poco prima anche Alehandro Cardia, che ha deposto in quanto dipendente della 'Atena' (la società di promozione eventi facente capo alla Persi) ha spiegato di avere visto circolare "una grande quantità di denaro" negli uffici della società. "Fabrizio guadagnava in contanti e pagava in contanti".

Archivio Ultima ora