Muore in ospedale Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

L'arresto di Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

L’arresto di Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

PALERMO. – Quando, dopo 43 anni di latitanza, gli uomini della Mobile di Palermo entrarono nel suo ultimo covo, una povera masseria a due passi da Corleone, li guardò accennando un mezzo sorriso e disse: “non sapete cosa state facendo”. Una frase aperta a mille interpretazioni, misteriosa. Come gran parte della sua vita e della sua latitanza.

Da quel giorno, l’11 aprile del 2006, nessuno ha più chiesto a Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra, cosa avesse voluto dire. Il senso di quelle parole è uno dei tanti segreti che il padrino di Corleone, morto a 83 anni nel reparto 41 bis dell’ospedale San Paolo di Milano, porterà con sé.

Dopo l’arresto e i primi anni nel carcere di Terni, il padrino viene trasferito a Parma, poi a Milano. Sempre in regime di 41 bis, nonostante le sue condizioni di salute siano giudicate da diversi periti molto gravi.

La parabola discendente del boss, riuscito a traghettare Cosa nostra oltre le secche in cui era finita dopo la stagione stragista voluta dal compaesano Totò Riina, comincia nel 2012, quando un agente penitenziario lo trova con un sacchetto in testa.

Prove di suicidio o le prime manifestazioni di una malattia neurologica da cui non guarirà mai? La procura di Palermo sulla vicenda apre un fascicolo: l’occasione per i pm per andare a interrogarlo in carcere e sondarne le intenzioni di pentirsi.

Troveranno un boss confuso, che non distingue presente e passato. Poi arriva la caduta in carcere e l’intervento per la rimozione di un ematoma. Un lento declino che lo renderà incapace anche di partecipare all’ultimo dei grandi processi a cui dovrebbe essere sottoposto, quello sulla trattativa Stato-mafia che lo vuole interlocutore di pezzi infedeli dello Stato in un dialogo avviato per fare cessare le stragi.

Decine di perizie dicono che sta male – molte le patologie di cui soffre – e che le sue condizioni non sono compatibili col carcere. Altre ne escludono la pericolosità che è presupposto per l’applicazione del 41 bis. Ma sia la magistratura di sorveglianza di Roma, competente per le decisioni sul carcere duro, sia i tribunali di sorveglianza di Bologna e Milano, a cui i suoi legali chiedono la sospensione della pena, non cedono di un passo.

Provenzano, decine di ergastoli per omicidio e strage da scontare, resta al 41 bis e in galera: lì è curato meglio, scrivono i magistrati. Anche se tre Procure mettono nero su bianco il parere favorevole alla revoca del regime detentivo speciale.

Con i familiari, la moglie Saveria Palazzolo e i figli Angelo e Francesco Paolo, si vede una volta al mese. Venerdì scorso, quando i sanitari hanno capito che la broncopolmonite da cui era affetto non gli avrebbe dato scampo, chiamano i parenti per l’ultimo incontro. Stavolta a separarli non c’è il vetro divisorio del 41 bis: unica eccezione al rigore della legge.

“Provenzano per me è morto quattro anni fa, dopo la caduta nel carcere di Parma e l’intervento che ha subito. Da allora il 41 bis è stato applicato ai parenti e non a lui, visto che non era più in grado di intendere e volere e di parlare da tempo”, dice, polemica, l’avvocato del boss Rosalba Di Gregorio, che negli ultimi anni ha chiesto due volte la revoca del carcere duro, una volta la sospensione della pena e una la detenzione domiciliare ospedaliera. Istanze tutte respinte.

Tre giorni fa il primario del reparto del San Paolo ha inviato al giudice di sorveglianza di Milano l’ultima relazione sulla salute del detenuto. Ma per il giudice, che ha detto no al differimento pena, i “trascorsi criminali” del boss e il “valore simbolico del suo percorso criminale” lo avrebbero esposto, “qualora non adeguatamente protetto nella persona” e “trovandosi in condizioni di assoluta debolezza fisica”, ad “eventuali ‘rappresaglie’ connesse al suo percorso criminale”.

Il corpo del vecchio padrino è ora all’istituto di Medicina Legale. I pm di Milano hanno disposto l’autopsia. Mentre il questore di Palermo ha già fatto sapere che i funerali si svolgeranno per motivi di ordine pubblico in forma privata. Solo i familiari potranno accompagnare il feretro al cimitero.

Probabilmente quello di Corleone, paese in cui il boss è nato e in cui, dieci anni fa, venne catturato seguendo la biancheria sporca che, dopo l’arresto dei suoi principali favoreggiatori, era costretto a far lavare dalla moglie.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

16:59Riciclaggio: chiesto processo per Fini e Tulliani

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Chiesto il rinvio a giudizio per l'ex presidente della Camera, Gianfranco Fini, accusato dai pm di Roma di riciclaggio. Oltre all'ex leader di An, il pm Barbara Sargenti, ha chiesto il processo per la sua compagna Elisabetta Tulliani, per il padre e il fratello di quest'ultima, Sergio e Giancarlo e per il "Re delle slot" Francesco Corallo. L'inchiesta condotta dal pm Barbara Sargenti della Dda capitolina, che coinvolge anche l'ex parlamentare Amedeo Labocetta e altre 4 persone, ha riguardato anche la vicenda della compravendita dell'appartamento a Montecarlo, lasciato in eredità dalla contessa Annamaria Colleoni ad An. L'immobile sarebbe stato acquistato da Giancarlo Tulliani (attualmente libero su cauzione a Dubai) grazie ai soldi di Corallo attraverso due società (Printemps e Timara) costituite ad hoc. Il coinvolgimento di Fini nell'inchiesta è legato proprio al suo rapporto con Corallo. Un rapporto, per la procura, che sarebbe alla base del patrimonio dei Tulliani.

16:34Valanghe: verso massimo grado di pericolo in Alto Adige

(ANSA) - BOLZANO, 22 GEN - Nel nordovest dell'Alto Adige nelle prossime ore sarà proclamato il massimo livello di pericolo valanghe (5 di 5) e la Protezione civile sarà messa in preallarme ("Bravo"). Lo comunica il meteorologo provinciale Dieter Peterlin. "Lungo la cresta di confine a 2.000 metri di quota registriamo oltre due metri di neve", informa Peterlin. In alcune zone della provincia, soprattutto in alta val Venosta, nessuno si ricorda tanta neve: a Roia di Fuori, per esempio, attualmente si segnalano 190 centimetri di neve, battendo di misura il record storico di 170 centimetri del 1981. La val Venosta è generalmente una delle zone più aride delle Alpi perché incastonata tra montagne che superano i 3.000 metri di altitudine, che formano una barriera naturale per le nuvole. Questo inverno invece è una della zone più ricche di neve.

16:29Diritti tv: presentate 5 buste

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - Sono 5 le buste presentate per i diritti tv della Lega Serie A. Alcune contengono più di un'offerta, secondo fonti vicine al dossier. Sky ha presentato offerta per il pacchetto A (gare di 8 squadre fra cui le big per il satellitare), per il C (stesso contenuto per Internet) e per D1 e D2 (le partite delle altre 12 squadre, Roma inclusa, oltre che per i diritti accessori di A e D1-D2. Mediaset e Italia Way hanno offerto per il B (stesso contenuto di A per il digitale terrestre) e secondo quanto risulta anche Tim e Perform hanno avanzato offerte per il C.

15:51Calcio: Roma-Chelsea, Dzeko prende tempo

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Ore decisive per la trattativa in corso fra Roma e Chelsea. Secondo quanto riferisce SkySports, è tutto fatto per il passaggio di Emerson Palmieri ai Blues, mentre Edin Dzeko avrebbe delle perplessità in merito ai propri emolumenti e il Chelsea si starebbe chiedendo, sempre secondo la stessa fonte, se vale la pena pagare così tanto (per cartellino e stipendio) un calciatore di 31 anni. Così ora i londinesi starebbero prendendo in seria considerazione la candidatura alternativa dell'ex interista Marko Arnautovic, attualmente in forza al West Ham.

15:45Recuperati quadri di Luzzati trafugati a Sesto S.Giovanni

(ANSA) - CREMONA, 22 GEN - Un operaio di 65 anni di Trescore Cremasco (Cremona) è stato denunciato per furto dai carabinieri che hanno rinvenuto nella sua abitazione due quadri di Emanuele Luzzati trafugati lo scorso dicembre dall'Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. L'uomo si era recato nel centro medico per una visita. In quei giorni era in ospedale una retrospettiva di Luzzati. Benché la sala fosse sorvegliata, erano stati asportati due quadri. Dalla visione delle immagini della videosorveglianza dell'ospedale, i carabinieri hanno visto una persona uscire con fare sospetto occultando qualcosa di voluminoso sotto gli abiti. Le immagini sono state sottoposte al vaglio del personale del centro medico che ha riconosciuto la persona che si era sottoposta ad accertamenti sanitari proprio all'Ospedale Multimedica. I carabinieri hanno perquisito la sua casa e lì hanno trovato le due opere: 'La Rosaura' e 'La Rosaura vedova scaltra' di Luzzati, nato a Genova nel 1921 e morto nel 2007.(ANSA).

15:40Calcio: iniziato consiglio Aic, al centro elezioni Figc

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - E' iniziato, con un'ora e mezza di ritardo rispetto all'orario previsto, il Direttivo dell'Associazione italiana calciatori, in cui si discuterà della posizione dell'Aic alle prossime elezioni federali, previste per il 29 gennaio. Prima dell'inizio del Consiglio, il presidente Damiano Tommasi ha incontrato anche il presidente dell'Assoallenatori, Renzo Ulivieri: un faccia a faccia incentrato proprio sulle candidature alla Figc.

15:38Calcio: la Juventus sbarca su Netflix

(ANSA) - TORINO, 22 GEN - La Juventus sbarca su Netflix. La piattaforma dell'intrattenimento online offre dal 16 febbraio ai suoi iscritti, oltre cento milioni in 190 Paesi, 'Prima squadra: Juventus Fc', la docu-serie originale dedicata ai campioni d'Italia. Per realizzarla ci sono voluti quattro mesi di riprese, fianco a fianco ai campioni bianconeri. I primi tre episodi della serie - la seconda parte sarà disponibile in estate - permetteranno di accedere al dietro le quinte del club. Un racconto "avvincente e serrato di questa stagione - si legge sul sito del club bianconero - che si snoda tra le storie dei protagonisti e cattura dentro e fuori dal campo le vere esperienze di vita che rendono la Juventus non solo una squadra vincente, ma anche delle più affascinanti al mondo".

Archivio Ultima ora