Muore in ospedale Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

L'arresto di Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

L’arresto di Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

PALERMO. – Quando, dopo 43 anni di latitanza, gli uomini della Mobile di Palermo entrarono nel suo ultimo covo, una povera masseria a due passi da Corleone, li guardò accennando un mezzo sorriso e disse: “non sapete cosa state facendo”. Una frase aperta a mille interpretazioni, misteriosa. Come gran parte della sua vita e della sua latitanza.

Da quel giorno, l’11 aprile del 2006, nessuno ha più chiesto a Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra, cosa avesse voluto dire. Il senso di quelle parole è uno dei tanti segreti che il padrino di Corleone, morto a 83 anni nel reparto 41 bis dell’ospedale San Paolo di Milano, porterà con sé.

Dopo l’arresto e i primi anni nel carcere di Terni, il padrino viene trasferito a Parma, poi a Milano. Sempre in regime di 41 bis, nonostante le sue condizioni di salute siano giudicate da diversi periti molto gravi.

La parabola discendente del boss, riuscito a traghettare Cosa nostra oltre le secche in cui era finita dopo la stagione stragista voluta dal compaesano Totò Riina, comincia nel 2012, quando un agente penitenziario lo trova con un sacchetto in testa.

Prove di suicidio o le prime manifestazioni di una malattia neurologica da cui non guarirà mai? La procura di Palermo sulla vicenda apre un fascicolo: l’occasione per i pm per andare a interrogarlo in carcere e sondarne le intenzioni di pentirsi.

Troveranno un boss confuso, che non distingue presente e passato. Poi arriva la caduta in carcere e l’intervento per la rimozione di un ematoma. Un lento declino che lo renderà incapace anche di partecipare all’ultimo dei grandi processi a cui dovrebbe essere sottoposto, quello sulla trattativa Stato-mafia che lo vuole interlocutore di pezzi infedeli dello Stato in un dialogo avviato per fare cessare le stragi.

Decine di perizie dicono che sta male – molte le patologie di cui soffre – e che le sue condizioni non sono compatibili col carcere. Altre ne escludono la pericolosità che è presupposto per l’applicazione del 41 bis. Ma sia la magistratura di sorveglianza di Roma, competente per le decisioni sul carcere duro, sia i tribunali di sorveglianza di Bologna e Milano, a cui i suoi legali chiedono la sospensione della pena, non cedono di un passo.

Provenzano, decine di ergastoli per omicidio e strage da scontare, resta al 41 bis e in galera: lì è curato meglio, scrivono i magistrati. Anche se tre Procure mettono nero su bianco il parere favorevole alla revoca del regime detentivo speciale.

Con i familiari, la moglie Saveria Palazzolo e i figli Angelo e Francesco Paolo, si vede una volta al mese. Venerdì scorso, quando i sanitari hanno capito che la broncopolmonite da cui era affetto non gli avrebbe dato scampo, chiamano i parenti per l’ultimo incontro. Stavolta a separarli non c’è il vetro divisorio del 41 bis: unica eccezione al rigore della legge.

“Provenzano per me è morto quattro anni fa, dopo la caduta nel carcere di Parma e l’intervento che ha subito. Da allora il 41 bis è stato applicato ai parenti e non a lui, visto che non era più in grado di intendere e volere e di parlare da tempo”, dice, polemica, l’avvocato del boss Rosalba Di Gregorio, che negli ultimi anni ha chiesto due volte la revoca del carcere duro, una volta la sospensione della pena e una la detenzione domiciliare ospedaliera. Istanze tutte respinte.

Tre giorni fa il primario del reparto del San Paolo ha inviato al giudice di sorveglianza di Milano l’ultima relazione sulla salute del detenuto. Ma per il giudice, che ha detto no al differimento pena, i “trascorsi criminali” del boss e il “valore simbolico del suo percorso criminale” lo avrebbero esposto, “qualora non adeguatamente protetto nella persona” e “trovandosi in condizioni di assoluta debolezza fisica”, ad “eventuali ‘rappresaglie’ connesse al suo percorso criminale”.

Il corpo del vecchio padrino è ora all’istituto di Medicina Legale. I pm di Milano hanno disposto l’autopsia. Mentre il questore di Palermo ha già fatto sapere che i funerali si svolgeranno per motivi di ordine pubblico in forma privata. Solo i familiari potranno accompagnare il feretro al cimitero.

Probabilmente quello di Corleone, paese in cui il boss è nato e in cui, dieci anni fa, venne catturato seguendo la biancheria sporca che, dopo l’arresto dei suoi principali favoreggiatori, era costretto a far lavare dalla moglie.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

19:37Terremoto: M5s, chiediamo informativa urgente Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Chiederemo al governo un'informativa urgente in Parlamento per venire a conoscenza delle conseguenze delle scosse di terremoto che sono tornate a colpire l'Italia Centrale il 18 gennaio e per capire in che modo si sia mossa la macchina dei soccorsi anche a seguito dell'ondata di maltempo. I drammatici eventi di queste ore devono ricevere risposte puntuali". Così i capigruppo di Camera e Senato del Movimento 5Stelle, Vincenzo Caso e Michela Montevecchi. "Le criticità che stanno affiorando rispetto a quanto avviene nella zona colpita dal sisma e dal maltempo sono numerose e riteniamo dunque indispensabile che l'esecutivo venga nella sede istituzionale preposta per relazionare dettagliatamente sull'accaduto. L'informativa sarà anche l'occasione confrontarci in Parlamento sul prolungamento dello stato di emergenza per quei territori e all'ampliamento del Cratere".

19:34Calcio: Inter, Gagliardini “se avanti così Champions si può”

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - "La Champions e' raggiungibile. Veniamo da diverse vittorie e se andiamo avanti con la stessa voglia di vincere ogni partita, arriveremo in alto". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini e' convinto che la squadra nerazzurra possa completare la rimonta al terzo posto. "A Palermo ci aspetta una partita importantissima per dare continuità ai nostri risultati: se scenderemo in campo con l'atteggiamento visto nelle ultime uscite, sono sicuro che conquisteremo i tre punti".

19:28Fuma con la figlia incinta accanto, automobilista multato

(ANSA) - TRENTO, 19 GEN - Multato a Trento dalla Polizia locale un automobilista perché stava fumando una sigaretta mentre al suo fianco c'era la figlia incinta. Gli agenti, verificato l'avanzato stato di gravidanza della giovane donna, hanno contestato e verbalizzato al conducente, un sessantenne del capoluogo, una sanzione si 110 euro per l'inosservanza della legge 3 del 16/01/2003, recentemente modificata dal decreto legislativo 16 gennaio 2016. L'articolo 51 della norma prevede il "divieto di fumare da parte del conducente di autoveicoli, in sosta o in movimento, e dei passeggeri a bordo degli stessi in presenza di minori di anni diciotto e di donne in stato di gravidanza".

19:26Pompieri su resti relitto Concordia per principio incendio

(ANSA) - GENOVA, 19 GEN - Principio di incendio sui resti del relitto della Concordia, la nave da crociera naufragata nel 2012 davanti alle coste dell'isola del Giglio e ora in superbacino per essere definitivamente smantellata. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco e le squadre antincendio del porto. Secondo quanto appreso, tutto sarebbe partito dalla coibentazione della sala macchine. L'intervento dei pompieri è terminato in pochi minuti.

19:25Terremoto: M5s cancella mobilitazione per voto dopo Consulta

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Il M5s ha deciso di cancellare, per rispetto del difficile momento che sta vivendo il Paese a causa delle conseguenze del terremoto, la manifestazione prevista a ridosso della sentenza della Corte Costituzionale sulla legge elettorale. E' quanto filtra da ambienti del M5s. I 5 Stelle avevano in programma di organizzare per il 24 sera un evento davanti il Parlamento per reclamare le urne elettorali.

19:21Craxi: Berlusconi, onorato ogni volta mio nome accostato suo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "La sua eredita' politica, il socialismo riformatore,liberale, occidentale e' una delle parti migliori della tradizione politica del nostro Paese. La considero parte integrante del progetto politico che ho creato quando ho fondato Forza Italia, anche per impedire che l'Italia cadesse nelle mani della sinistra post-comunista. Continuo a credere che questa tradizione politica riformista, assieme a quella liberale e a quella cristiana, siano i fondamenti sui quali costruire il futuro dell'Italia Bettino Craxi e' anche un simbolo della dignita' della politica. Per questo sono onorato ogni volta che il mio nome viene accostato al suo, per quanto la cosa avvenga spesso con intenti polemici, come qualche giornale ha fatto anche oggi". Lo afferma Silvio Berlusconi in un passaggio della lettera inviata alla famiglia di Bettino Craxi.

19:21Usa: ex presidente Bush e moglie ancora in ospedale

(ANSA) - NEW YORK, 19 GEN - L'ex Presidente degli Stati Uniti George H. W. Bush e la moglie Barbara restano in ospedale a Houston, lui ricoverato in terapia intensiva, lei sotto antibiotici e in osservazione con sintomi di tosse e affaticamento. L'ex capo della Casa Bianca, che ha 92 anni, "ha subito una piccola operazione per liberare le vie aeree, che ha richiesto l'anestesia", ha detto il portavoce della famiglia, Jim McGrath. Alla base dell'intervento, "una crisi respiratoria acuta provocata dalla polmonite", ha spiegato. Quanto a Barbara, che ha un anno meno del marito, non si sentiva bene da un paio di settimane "e ha deciso di mettere la faccenda in mano agli esperti". Inizialmente i medici avevano pronosticato di dimettere lui entro la settimana, ma adesso ci hanno ripensato e non c'è ancora una data per rimandarlo a casa. Idem per la moglie: l'ospedale vuole vedere come reagisce alle terapie. I Bush hanno festeggiato il 6 gennaio il 72esimo anniversario di matrimonio, il più lungo nella storia dei presidenti Usa.

Archivio Ultima ora