Muore in ospedale Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

L'arresto di Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

L’arresto di Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra

PALERMO. – Quando, dopo 43 anni di latitanza, gli uomini della Mobile di Palermo entrarono nel suo ultimo covo, una povera masseria a due passi da Corleone, li guardò accennando un mezzo sorriso e disse: “non sapete cosa state facendo”. Una frase aperta a mille interpretazioni, misteriosa. Come gran parte della sua vita e della sua latitanza.

Da quel giorno, l’11 aprile del 2006, nessuno ha più chiesto a Bernardo Provenzano, capo dei capi di Cosa nostra, cosa avesse voluto dire. Il senso di quelle parole è uno dei tanti segreti che il padrino di Corleone, morto a 83 anni nel reparto 41 bis dell’ospedale San Paolo di Milano, porterà con sé.

Dopo l’arresto e i primi anni nel carcere di Terni, il padrino viene trasferito a Parma, poi a Milano. Sempre in regime di 41 bis, nonostante le sue condizioni di salute siano giudicate da diversi periti molto gravi.

La parabola discendente del boss, riuscito a traghettare Cosa nostra oltre le secche in cui era finita dopo la stagione stragista voluta dal compaesano Totò Riina, comincia nel 2012, quando un agente penitenziario lo trova con un sacchetto in testa.

Prove di suicidio o le prime manifestazioni di una malattia neurologica da cui non guarirà mai? La procura di Palermo sulla vicenda apre un fascicolo: l’occasione per i pm per andare a interrogarlo in carcere e sondarne le intenzioni di pentirsi.

Troveranno un boss confuso, che non distingue presente e passato. Poi arriva la caduta in carcere e l’intervento per la rimozione di un ematoma. Un lento declino che lo renderà incapace anche di partecipare all’ultimo dei grandi processi a cui dovrebbe essere sottoposto, quello sulla trattativa Stato-mafia che lo vuole interlocutore di pezzi infedeli dello Stato in un dialogo avviato per fare cessare le stragi.

Decine di perizie dicono che sta male – molte le patologie di cui soffre – e che le sue condizioni non sono compatibili col carcere. Altre ne escludono la pericolosità che è presupposto per l’applicazione del 41 bis. Ma sia la magistratura di sorveglianza di Roma, competente per le decisioni sul carcere duro, sia i tribunali di sorveglianza di Bologna e Milano, a cui i suoi legali chiedono la sospensione della pena, non cedono di un passo.

Provenzano, decine di ergastoli per omicidio e strage da scontare, resta al 41 bis e in galera: lì è curato meglio, scrivono i magistrati. Anche se tre Procure mettono nero su bianco il parere favorevole alla revoca del regime detentivo speciale.

Con i familiari, la moglie Saveria Palazzolo e i figli Angelo e Francesco Paolo, si vede una volta al mese. Venerdì scorso, quando i sanitari hanno capito che la broncopolmonite da cui era affetto non gli avrebbe dato scampo, chiamano i parenti per l’ultimo incontro. Stavolta a separarli non c’è il vetro divisorio del 41 bis: unica eccezione al rigore della legge.

“Provenzano per me è morto quattro anni fa, dopo la caduta nel carcere di Parma e l’intervento che ha subito. Da allora il 41 bis è stato applicato ai parenti e non a lui, visto che non era più in grado di intendere e volere e di parlare da tempo”, dice, polemica, l’avvocato del boss Rosalba Di Gregorio, che negli ultimi anni ha chiesto due volte la revoca del carcere duro, una volta la sospensione della pena e una la detenzione domiciliare ospedaliera. Istanze tutte respinte.

Tre giorni fa il primario del reparto del San Paolo ha inviato al giudice di sorveglianza di Milano l’ultima relazione sulla salute del detenuto. Ma per il giudice, che ha detto no al differimento pena, i “trascorsi criminali” del boss e il “valore simbolico del suo percorso criminale” lo avrebbero esposto, “qualora non adeguatamente protetto nella persona” e “trovandosi in condizioni di assoluta debolezza fisica”, ad “eventuali ‘rappresaglie’ connesse al suo percorso criminale”.

Il corpo del vecchio padrino è ora all’istituto di Medicina Legale. I pm di Milano hanno disposto l’autopsia. Mentre il questore di Palermo ha già fatto sapere che i funerali si svolgeranno per motivi di ordine pubblico in forma privata. Solo i familiari potranno accompagnare il feretro al cimitero.

Probabilmente quello di Corleone, paese in cui il boss è nato e in cui, dieci anni fa, venne catturato seguendo la biancheria sporca che, dopo l’arresto dei suoi principali favoreggiatori, era costretto a far lavare dalla moglie.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

14:37Totti: Zanetti, grazie ultimo imperatore Roma

(ANSA) - MILANO, 28 MAG - Da una bandiera ad un'altra bandiera, Javier Zanetti omaggia Francesco Totti, con un messaggio su Twitter, a poche ore dalla sua ultima partita con la maglia della Roma. "Caro Francesco - scrive il vicepresidente dell'Inter, ritratto con un paio di scarpini dorati 'griffati' dal capitano giallorosso - mancherai a tutti gli amanti di questo sport! Complimenti per quello che hai dato, ultimo imperatore di Roma!".

14:36Totti: Rudi Garcia, ‘non c’è fine, tu sei eterno’

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Oggi vestirai per l'ultima volta la tua seconda pelle Ma non c'é fine perché sei eterno.@Totti". Questo il tweet con cui l'ex allenatore della Roma Rudi Garcia, ora tecnico del Marsiglia, celebra il capitano oggi contro il Genoa all'ultima apparizione con la maglia giallorossa. Ai tempi della comune militanza a Trigoria i rapporti tra Garcia e Totti erano eccellenti.

14:10Tennis: Vinci subito eliminata a Parigi

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Roberta Vinci è stata subito eliminata dal torneo parigino del Roland Garros, cominciato questa mattina. La 34enne tarantina ha ceduto in tre set (6-3, 3-6, 6-2) alla portoricana Monica Puig, oro olimpico ai Giochi di Rio 2016. La sfida tra l'italiana n.33 Wta e la n.41 del ranking mondiale è durata dopo due ore e 50 minuti, con una breve interruzione per la pioggia. Al Roland Garros, secondo slam della stagione, la Vinci non è mai andata oltre gli ottavi e negli ultimi tre anni era uscita sempre al primo turno.

13:58L. elettorale: Salvini, ok qualsiasi legge purché si voti

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Da dicembre diciamo a Renzi di portare in Parlamento qualsiasi legge e la votiamo, portano il tedesco? Va bene il tedesco. Per noi va bene qualsiasi legge perchè confidiamo nella capacità degli elettori di saper scegliere. Ma bisogna andare al voto al più presto, già abbiamo perso troppo tempo e nel frattempo la disoccupazione è cresciuta e l'immigrazione è diventata una calamità naturale una invasione che deve essere bloccata". Così il leader leghista Matteo Salvini all'Intervista di Maria Latella su SkyTg24.

13:57Voucher: Orlando, tema non aprirà crisi ma spero riflessione

(ANSA) - LA SPEZIA, 28 MAG - "Mi auguro di no". Così il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha risposto ha chi ha chiesto se il voto di Forza Italia con il Pd in commissione sui voucher potesse rappresentare un segnale per un patto tra Renzi e Berlusconi, il cosiddetto Renzusconi. Orlando ha escluso che sui voucher si possa aprire una crisi di Governo dopo che i deputati vicini al guardasigilli non hanno partecipato al voto. Alla domanda se sui voucher gli orlandiani potrebbero spaccare il Pd, il ministro ha risposto: "Mi porrò sulla questione come mi sono sempre posto. Io espongo le mie posizioni e poi mi attengo alle decisioni del partito. In un partito si deve stare così. Ma senza rinunciare a esprimere il proprio punto di vista".

13:56L. elettorale: Cicchitto, Renzi vuole liberarsi di Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Non è esatto quello che nell'intervista al Messaggero afferma il presidente Renzi e cioè che vuole attuare direttive del presidente della Repubblica. Anche i sampietrini sanno a Roma che il suo obiettivo principale è quello di liberarsi del governo Gentiloni senza lasciare impronte digitali troppo marcate e per ottenere questo risultato è disponibile a qualunque legge elettorale: tedesca, francese, spagnola o russa che sia". Così Fabrizio Cicchitto (Ap), presidente della Commissione Esteri della Camera.

13:56Gerusalemme avrà una funivia per la Città vecchia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 28 MAG - Gerusalemme avrà presto una funivia in grado di scaricare migliaia di escursionisti all' ingresso meridionale della Città Vecchia: la cosiddetta porta dell'Immondizia, che è la più vicina al Muro del Pianto. Lo ha annunciato oggi il premier Benyamin Netanyahu nel corso di una seduta di governo tenuta in via eccezionale in un'aula sotterranea vicino al Muro del Pianto, nel 50.mo anniversario della guerra dei sei giorni. Nel corso della seduta Netanyahu ha promesso che il suo governo farà investimenti ingenti a Gerusalemme e fra i vari progetti realizzerà anche quello di una funivia che partirà dall'edificio della antica stazione ferroviaria, sulla Hebron Road. I vagoni - secondo il sito del municipio di Gerusalemme - saranno in grado di trasportare quattromila persone all'ora. Il tragitto di 2,3 chilometri - che passerà sopra la vallata Ben Hinom e oltrepasserà il Monte Sion - durerà 5 minuti. ''Il primo viaggiatore sarò io stesso'' ha promesso Netanyahu.

Archivio Ultima ora