Usa 2016: guerra di parole tra giudice della Corte Suprema e Trump

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall' allora presidente Bill Clinton

Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall’ allora presidente Bill Clinton

WASHINGTON. – Guerra di parole senza precedenti tra un giudice della corte suprema e un candidato presidenziale, sullo sfondo di una campagna che nei sondaggi vede Hillary Clinton perdere terreno a livello nazionale e anche negli ‘Swing State’, gli stati in bilico.

Da una parte Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall’allora presidente Bill Clinton. Dall’altra Donald Trump, il candidato repubblicano alla Casa Bianca. La prima lo ha attaccato ripetutamente e pesantemente in una serie di interviste inusuali per un giudice della corte suprema, definendolo un “impostore egocentrico”. Il secondo ne ha chiesto le dimissioni accusandola di essere una “disgrazia” per la corte suprema.

Questa volta la stampa ha dato ragione al magnate, anche se i giudici della corte suprema non sono soggetti ad alcun codice specifico di comportamento: sia il New York Times che il Washington Post hanno censurato nei lori editoriali la discesa in campo dell’alto magistrato, ammonendo sul pericolo di compromettere l’imparzialità della corte ed evocando come esempio quello in cui decise sull’esito delle presidenziali del 2000, decretando la vittoria di George W. Bush sul democratico Al Gore.

Cosa sarebbe successo se uno di quei giudici avesse manifestato in precedenza la sua ostilità verso uno dei due candidati? Certo, neppure Trump brilla per il rispetto dell’indipendenza della magistratura, come ha dimostrato attaccando razzisticamente il giudice ‘messicano’ che si occupa dell’inchiesta per la presunta truffa della sua ex università.

Ma la diatriba rischia di fornire munizioni al magnate, che potrebbe alimentare le sue accuse contro una giustizia faziosa e potrebbe ricusare la Ginsburg in casi che lo dovessero coinvolgere anche come eventuale presidente davanti alla Corte suprema.

Ad accendere la miccia è stato il giudice con una intervista al New York Times: “Non posso immaginare cosa sarebbe questo Paese con Donald Trump come nostro presidente. Per il Paese potrebbero essere quattro anni, per la corte potrebbe essere… non voglio neppure pensarci”, ha denunciato, immaginando che il suo defunto marito le direbbe “è il momento di trasferirci in Nuova Zelanda”.

Nella sua prima replica, Trump è stato abbastanza moderato: “Penso sia altamente inappropriato che un giudice della corte suprema americana entri nella campagna politica. Penso sia una disgrazia per la corte e che dovrebbe scusarsi con essa”.

Ma il giorno dopo la Ginsburg ha rincarato la dose con la Cnn, quasi a confermare che non si era trattata di uno scivolone: “E’ un impostore. Non ha nessuna coerenza. Dice qualsiasi cosa gli venga in mente. Ha davvero un grande ego”, ha tuonato, sollecitandolo a pubblicare la sua dichiarazione dei redditi e chiedendosi perchè la stampa non lo abbia incalzato su questo tema.

A questo punto Trump ha alzato il tiro, via twitter, e l’ha accusata di aver “messo in imbarazzo tutti con i suoi commenti molto stupidi su di me” e di essere mentalmente inadatta, chiedendone le dimissioni.

La battaglia rischia di avere ripercussioni sulla Corte Suprema, in un equilibrio paralizzato dalla mancata approvazione da parte del Congresso – dominato dai repubblicani – del sostituto nominato da Barack Obama per sostituire lo scomparso giudice conservatore Antonin Scalia.

Le convention intanto si avvicinano mentre i due candidati limano la piattaforma (quella repubblicana sta virando molto a destra), riducono la rosa dei vice (Trump lo annuncerà entro venerdì) e spulciano gli ultimi sondaggi: secondo una rilevazione McClatchy-Marist, Hillary ha visto ridursi il vantaggio nazionale su Trump dal 9% di marzo al 3% di oggi, e in base ad un altro sondaggio il tycoon la supera in due stati in bilico come la Florida (42% a 39%) e la Pennsylvania (43% a 41%) mentre in un terzo, l’Ohio, è testa a testa (41% a 41%).

Trump esulta. E declina l’invito a parlare alla Convention della Naacp, la più antica associazione per i diritti dei neri, nonostante la questione razziale sia riesplosa in questi giorni: il pretesto è la parziale coincidenza con la convention.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:34Di Maio, sera voto faremo appello, vedremo chi risponde

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Il nostro obiettivo è arrivare al 40% e governare da soli. Se no, ci assumeremo la responsabilità di governare. La sera delle elezioni faremo un appello pubblico. Chi risponderà sarà incontrato per mettere in piedi le priorità di governo". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio a "Mezz'ora in più". Se incontreremo LeU o la Lega? "Io non so quale sarà la consistenza di questo o quel gruppo parlamentare", spiega Di Maio ribadendo: "Io sono certo che saremo la prima forza politica".

16:13Serie A: Milan travolto a Verona, Hellas vince 3-0

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Un'altra 'fatal Verona' nella storia del Milan, travolto oggi al Bentegodi dall'Hellas con un 3-0 che non ammette alibi. Svagati, molli e forse anche un pizzico presuntosi dopo il 3-0 rifilato proprio agli scaligeri in Coppa Italia tre giorni fa, i rossoneri hanno inanellato l'ennesima prova incolore stagionale che li lascia al 7mo posto in classifica, destinato forse a peggiorare dopo la giornata di oggi con Atalanta e Fiorentina che devono ancora scendere uin campo. Fa un grande passo avanti invece il Verona che da penultimo sale al momento in quart'ultima posizione. Il cambio di panchina non sembra dunque aver portato nessuna svolta in casa Milan (9 punti in meno rispetto a un anno fa) travolto dai gol di Caracciolo di testa nel primo tempo e dall'uno-due di Kean, in contropiede, e Bessa dopo un altro micidiale contropiede. A rovinare ulteriormente il clima rossonero anche il 'rosso' diretto a Suso per un fallo di frustrazione e che salterà Milan-Atalanta del prossimo turno.

16:07Ex calciatore ucciso: Rullo a gip, è stata mia madre

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - "Sono innocente, è stata mia madre". Si è difeso in questo modo Raffaele Rullo, fermato per l'omicidio dell'ex calciatore Andrea La Rosa mentre sua madre, Antonietta Biancaniello ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere davanti al gip durante l'udienza di convalida del fermo. Rullo, come la madre accusato di omicidio premeditato e soppressione di cadavere, assistito dall'avvocato Luigi Di Martino è ora in attesa del provvedimento del gip che si è riservato. La donna si era addossata la responsabilità del delitto ed era stata trovata, giovedì sera, mentre, a bordo della sua auto stava probabilmente cercando di liberarsi del corpo dell'ex calciatore di Serie C che era stato messo in un fusto per il gasolio. Avevano anche comperato dell'acido per scioglierlo. All'origine del delitto un debito che Rullo aveva con la vittima per circa 30mila euro.

15:44Gerusalemme: sindaco Nazareth, feste Natale ci saranno

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 DIC - Il sindaco di Nazareth, città arabo israeliana del nord del paese, ha fatto sapere che le feste di Natale si svolgeranno nel luogo da programma e non saranno ridotte come annunciato nei giorni scorsi in protesta contro la decisione di del presidente Usa Donald Trump su Gerusalemme. "Le notizie che gli eventi di Natale erano stati cancellati - ha detto il sindaco Ali Salam citato dai media - non erano corrette. Come ogni anno la città è decorata per le feste". Il 14 dicembre l'agenzia ufficiale palestinese Wafa aveva riportato una dichiarazione di Salam, che è musulmano, in cui si annunciava la sospensione, eccetto per l'illuminazione dell'albero di Natale e per l'annuale marcia di Capodanno, per protesta "contro l'annuncio di Donald Trump su Gerusalemme".

15:40Brexit: May, non ci fermeremo, ci sarà accordo ambizioso

(ANSA) - LONDRA, 17 DIC - Theresa May lancia una offensiva mediatica sui domenicali più vicini al suo partito conservatore, Sunday Telegraph e Sunday Express, affermando che il suo governo non si fermerà nella Brexit e che porterà a termine un "accordo ambizioso" con Bruxelles. L'intervento della premier arriva dopo la cocente sconfitta ai Comuni su un emendamento alla Withdrawal Bill, la legge quadro sul divorzio dall'Ue, in seguito a una ribellione di 12 deputati Tory. La prossima settimana rischia una nuova 'rivolta' contro l'inserimento nel testo di legge della data di addio all'Unione, il 29 marzo 2019. Ma la May punta tutto sul successo ottenuto a Bruxelles con il via libera alla fase due dei negoziati e sottolinea che i "pessimisti avevano torto" e che non c'è limite ora alla "ambizione e alla creatività" di Londra nel raggiungere una intesa finale con l'Ue.

15:37Francia, cresce popolarità Macron e premier Philippe

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Sondaggio decisamente positivo per il presidente francese Emmanuel Macron e il premier Edouard Philippe. Secondo il Journale du Dimanche (Jdd), oltre il 50% dei francesi approva l'operato dei due. Macron, in particolare, vede la sua popolarità risalire al 52%, con il 46% (-6 rispetto al mese precedente) di scontenti. Il massimo era stato raggiunto a luglio con il 54% di pareri positivi. Per Philippe, i pareri positivi sono il 54%, gli scontenti il 42%.

15:05Sci: Hirscher vince gigante Badia, è la 5/a volta di fila

(ANSA) - ALTA BADIA, 17 DIC - Il fuoriclasse austriaco Marcel Hirscher ha vinto alla grande in 2.25.42 lo slalom gigante di Cdm di Alta Badia. E' la sua quinta vittoria in serie sulla pista Gran Risa ed ha cosi' anche staccato Alberto Tomba che aveva vinto quattro volte sul famoso tracciato. In cdm e' poi il 48/o successo di Hirscher che si avvicina alle 50 vittorie ottenute in carriera dall'azzurro. Alle spalle di Hirscher sono arrivati il norvegese Henrik Kristoffersen in 2.27.12 e lo sloveno di 23 anni Zan Kranjec, al primo podio in carriera, in 2.27.24. Il migliore degli azzurri - con una buona seconda manche dopo aver chiuso 10/o la prima - e' stato il trentino Luca De Aliprandini 8/o in 1.27.92. Poi ci sono Roberto Nani e Florian Eisath 16/i appaiati in 2.28.85 e Manfred Moelgg 19/o in 2.29.13. Domani sera, alla luce dei riflettori, e' in programma uno slalom gigante parallelo.

Archivio Ultima ora