Usa 2016: guerra di parole tra giudice della Corte Suprema e Trump

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall' allora presidente Bill Clinton

Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall’ allora presidente Bill Clinton

WASHINGTON. – Guerra di parole senza precedenti tra un giudice della corte suprema e un candidato presidenziale, sullo sfondo di una campagna che nei sondaggi vede Hillary Clinton perdere terreno a livello nazionale e anche negli ‘Swing State’, gli stati in bilico.

Da una parte Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall’allora presidente Bill Clinton. Dall’altra Donald Trump, il candidato repubblicano alla Casa Bianca. La prima lo ha attaccato ripetutamente e pesantemente in una serie di interviste inusuali per un giudice della corte suprema, definendolo un “impostore egocentrico”. Il secondo ne ha chiesto le dimissioni accusandola di essere una “disgrazia” per la corte suprema.

Questa volta la stampa ha dato ragione al magnate, anche se i giudici della corte suprema non sono soggetti ad alcun codice specifico di comportamento: sia il New York Times che il Washington Post hanno censurato nei lori editoriali la discesa in campo dell’alto magistrato, ammonendo sul pericolo di compromettere l’imparzialità della corte ed evocando come esempio quello in cui decise sull’esito delle presidenziali del 2000, decretando la vittoria di George W. Bush sul democratico Al Gore.

Cosa sarebbe successo se uno di quei giudici avesse manifestato in precedenza la sua ostilità verso uno dei due candidati? Certo, neppure Trump brilla per il rispetto dell’indipendenza della magistratura, come ha dimostrato attaccando razzisticamente il giudice ‘messicano’ che si occupa dell’inchiesta per la presunta truffa della sua ex università.

Ma la diatriba rischia di fornire munizioni al magnate, che potrebbe alimentare le sue accuse contro una giustizia faziosa e potrebbe ricusare la Ginsburg in casi che lo dovessero coinvolgere anche come eventuale presidente davanti alla Corte suprema.

Ad accendere la miccia è stato il giudice con una intervista al New York Times: “Non posso immaginare cosa sarebbe questo Paese con Donald Trump come nostro presidente. Per il Paese potrebbero essere quattro anni, per la corte potrebbe essere… non voglio neppure pensarci”, ha denunciato, immaginando che il suo defunto marito le direbbe “è il momento di trasferirci in Nuova Zelanda”.

Nella sua prima replica, Trump è stato abbastanza moderato: “Penso sia altamente inappropriato che un giudice della corte suprema americana entri nella campagna politica. Penso sia una disgrazia per la corte e che dovrebbe scusarsi con essa”.

Ma il giorno dopo la Ginsburg ha rincarato la dose con la Cnn, quasi a confermare che non si era trattata di uno scivolone: “E’ un impostore. Non ha nessuna coerenza. Dice qualsiasi cosa gli venga in mente. Ha davvero un grande ego”, ha tuonato, sollecitandolo a pubblicare la sua dichiarazione dei redditi e chiedendosi perchè la stampa non lo abbia incalzato su questo tema.

A questo punto Trump ha alzato il tiro, via twitter, e l’ha accusata di aver “messo in imbarazzo tutti con i suoi commenti molto stupidi su di me” e di essere mentalmente inadatta, chiedendone le dimissioni.

La battaglia rischia di avere ripercussioni sulla Corte Suprema, in un equilibrio paralizzato dalla mancata approvazione da parte del Congresso – dominato dai repubblicani – del sostituto nominato da Barack Obama per sostituire lo scomparso giudice conservatore Antonin Scalia.

Le convention intanto si avvicinano mentre i due candidati limano la piattaforma (quella repubblicana sta virando molto a destra), riducono la rosa dei vice (Trump lo annuncerà entro venerdì) e spulciano gli ultimi sondaggi: secondo una rilevazione McClatchy-Marist, Hillary ha visto ridursi il vantaggio nazionale su Trump dal 9% di marzo al 3% di oggi, e in base ad un altro sondaggio il tycoon la supera in due stati in bilico come la Florida (42% a 39%) e la Pennsylvania (43% a 41%) mentre in un terzo, l’Ohio, è testa a testa (41% a 41%).

Trump esulta. E declina l’invito a parlare alla Convention della Naacp, la più antica associazione per i diritti dei neri, nonostante la questione razziale sia riesplosa in questi giorni: il pretesto è la parziale coincidenza con la convention.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

16:48Francia: primarie gauche,solo 400.000 a urne a metà giornata

(ANSA) - PARIGI, 22 GEN - Confermati a metà giornata i timori di bassa affluenza alle urne nelle primarie della sinistra: soltanto 400.000 elettori si sono recati alle urne, hanno annunciato i due responsabili della consultazione, premettendo che i calcoli sono stati fatti "sul 63% dei seggi" e notando che "fa un freddo più che polare". Lo scorso novembre, nelle primarie della destra, alla stessa ora avevano votato in 1,1 milioni. E nel 2011, alle precedenti primarie della gauche, a recarsi alle urne erano stati 745.000 elettori a metà giornata. (ANSA).

16:47Terremoto: Grandi rischi, diga su faglia riattivata

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Nella zona di Campotosto c'è il secondo bacino più grande d'Europa con tre dighe, una delle quali su una faglia che si è parzialmente riattivata e ci possono essere movimenti importanti di suolo che cascano nel lago, per dirla semplice è 'l'effetto Vajont'". Lo ha detto al Tg3 Sergio Bertolucci, presidente della Commissione Grandi Rischi, aggiungendo che "se si avverte un aumento del rischio, bisogna immediatamente renderlo trasparente alle autorità e alla popolazione".

16:32Calcio: Ausilio stoppa voci Messi, “Basta illudere tifosi”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Moratti ha detto che Suning sta preparando un grande colpo? Trovare giocatori migliori di quelli che abbiamo non è facile, ma faremo il possibile per costruire un'Inter sempre più competitiva": così il ds dell'Inter, Piero Ausilio che però a 'Premium' stoppa ogni indiscrezione relativa a Leo Messi: "Non parlerei di lui, sarebbe un continuo illudere i tifosi: è vero che la proprietà è solida e ha grandi possibilità e ambizioni, ma ci sono dei parametri imposti dalla Uefa cui dobbiamo sempre tenere conto. Altri arrivi a fine gennaio? Noi pensiamo di avere una squadra a posto: sappiamo dove bisogna migliorare, ma non è possibile farlo nel mercato di gennaio. Quello che dovevamo fare lo abbiamo fatto con Gagliardini. Quindi in entrata nessuna sorpresa, mentre faremo qualcosa in uscita". (ANSA)

16:30Israele: Rivlin invita Trump a Gerusalemme

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha invitato ufficialmente Donald Trump in Israele e a Gerusalemme. In una lettera inviata al neo capo della Casa Bianca, Rivlin si è congratulato a nome degli israeliani con Trump sottolineando che "l'alleanza tra Israele e Usa non è solo basata sull'amicizia, ma è anche incardinata in valori comuni e un lungo attaccamento alla libertà e alla democrazia: pietre fondanti delle nostre due società".

16:28Calcio: Allegri “Juventus ha vinto con rabbia e qualità”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "C'è stata responsabilità da parte di tutti, ma oltre alla fame e alla rabbia, la squadra ha anche giocato bene tecnicamente". Così il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri dopo il 2-0 sulla Lazio. "Fame e qualità sono entrambe componenti fondamentali per vincere - spiega il tecnico a Premium - specialmente in Champions dove vogliamo fare bene. Il modulo? Mercoledì mattina mi sono svegliato e ho deciso di cambiare. Ho scelto così perché venivamo da una partita non bella a Firenze e oggi c'era la partita giusta per un esperimento del genere. Abbiamo regalato qualche ripartenza alla Lazio e da questo punto di vista bisogna migliorare: se vogliamo fare il salto per vincere il campionato e provarci in Champions, dovremo essere un pochino più spregiudicati. Le critiche nei miei confronti? Non sono mai esagerate, a volte sono giuste e a volte no. Ogni annata, nel calcio, è una storia a sé: non è che prendi i giocatori, li butti dentro e va tutto bene. Ci vuole tempo per assorbire i cambi".

16:25Rigopiano: 24 dispersi,anche senegalese

(ANSA) - PESCARA, 22 GEN - Sale a 24 il numero dei dispersi della tragedia dell'Hotel Rigopiano. All'interno della struttura c'era anche un immigrato senegalese Faye Dame in possesso di un permesso di soggiorno ed era regolarmente assunto. Lo hanno appurato gli investigatori, che confermano anche come l'immigrato fosse nella struttura al momento della tragedia: la sua presenza é stata confermata anche dal direttore dell'hotel Bruno Di Tommaso agli inquirenti.

16:21Pd: Emiliano, se apre Congresso possibile che mi candidi

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Se qualcuno si prende la briga di aprire il Congresso è possibile che mi candido. Di certo non starò a guardare". Lo afferma il governatore della Puglia Michele Emiliano, ospite di 'Faccia a Faccia', in onda questa sera su La7. Emiliano spiega, inoltre, come anche da segretario del partito terminerebbe il suo mandato da governatore. Cosa ho imparato da segretario regionale? "Che da solo non si va da nessuno parte, mi auguro che questo sia compreso da tutto il Pd".

Archivio Ultima ora