Usa 2016: guerra di parole tra giudice della Corte Suprema e Trump

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall' allora presidente Bill Clinton

Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall’ allora presidente Bill Clinton

WASHINGTON. – Guerra di parole senza precedenti tra un giudice della corte suprema e un candidato presidenziale, sullo sfondo di una campagna che nei sondaggi vede Hillary Clinton perdere terreno a livello nazionale e anche negli ‘Swing State’, gli stati in bilico.

Da una parte Ruth Bader Ginsburg, 83 anni, icona liberal del massimo organo giuridico americano, nominata nel 1993 dall’allora presidente Bill Clinton. Dall’altra Donald Trump, il candidato repubblicano alla Casa Bianca. La prima lo ha attaccato ripetutamente e pesantemente in una serie di interviste inusuali per un giudice della corte suprema, definendolo un “impostore egocentrico”. Il secondo ne ha chiesto le dimissioni accusandola di essere una “disgrazia” per la corte suprema.

Questa volta la stampa ha dato ragione al magnate, anche se i giudici della corte suprema non sono soggetti ad alcun codice specifico di comportamento: sia il New York Times che il Washington Post hanno censurato nei lori editoriali la discesa in campo dell’alto magistrato, ammonendo sul pericolo di compromettere l’imparzialità della corte ed evocando come esempio quello in cui decise sull’esito delle presidenziali del 2000, decretando la vittoria di George W. Bush sul democratico Al Gore.

Cosa sarebbe successo se uno di quei giudici avesse manifestato in precedenza la sua ostilità verso uno dei due candidati? Certo, neppure Trump brilla per il rispetto dell’indipendenza della magistratura, come ha dimostrato attaccando razzisticamente il giudice ‘messicano’ che si occupa dell’inchiesta per la presunta truffa della sua ex università.

Ma la diatriba rischia di fornire munizioni al magnate, che potrebbe alimentare le sue accuse contro una giustizia faziosa e potrebbe ricusare la Ginsburg in casi che lo dovessero coinvolgere anche come eventuale presidente davanti alla Corte suprema.

Ad accendere la miccia è stato il giudice con una intervista al New York Times: “Non posso immaginare cosa sarebbe questo Paese con Donald Trump come nostro presidente. Per il Paese potrebbero essere quattro anni, per la corte potrebbe essere… non voglio neppure pensarci”, ha denunciato, immaginando che il suo defunto marito le direbbe “è il momento di trasferirci in Nuova Zelanda”.

Nella sua prima replica, Trump è stato abbastanza moderato: “Penso sia altamente inappropriato che un giudice della corte suprema americana entri nella campagna politica. Penso sia una disgrazia per la corte e che dovrebbe scusarsi con essa”.

Ma il giorno dopo la Ginsburg ha rincarato la dose con la Cnn, quasi a confermare che non si era trattata di uno scivolone: “E’ un impostore. Non ha nessuna coerenza. Dice qualsiasi cosa gli venga in mente. Ha davvero un grande ego”, ha tuonato, sollecitandolo a pubblicare la sua dichiarazione dei redditi e chiedendosi perchè la stampa non lo abbia incalzato su questo tema.

A questo punto Trump ha alzato il tiro, via twitter, e l’ha accusata di aver “messo in imbarazzo tutti con i suoi commenti molto stupidi su di me” e di essere mentalmente inadatta, chiedendone le dimissioni.

La battaglia rischia di avere ripercussioni sulla Corte Suprema, in un equilibrio paralizzato dalla mancata approvazione da parte del Congresso – dominato dai repubblicani – del sostituto nominato da Barack Obama per sostituire lo scomparso giudice conservatore Antonin Scalia.

Le convention intanto si avvicinano mentre i due candidati limano la piattaforma (quella repubblicana sta virando molto a destra), riducono la rosa dei vice (Trump lo annuncerà entro venerdì) e spulciano gli ultimi sondaggi: secondo una rilevazione McClatchy-Marist, Hillary ha visto ridursi il vantaggio nazionale su Trump dal 9% di marzo al 3% di oggi, e in base ad un altro sondaggio il tycoon la supera in due stati in bilico come la Florida (42% a 39%) e la Pennsylvania (43% a 41%) mentre in un terzo, l’Ohio, è testa a testa (41% a 41%).

Trump esulta. E declina l’invito a parlare alla Convention della Naacp, la più antica associazione per i diritti dei neri, nonostante la questione razziale sia riesplosa in questi giorni: il pretesto è la parziale coincidenza con la convention.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

00:28Tennis: Atp Miami, Federer stende Del Potro in due set

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - Roger Federer, numero 6 del mondo e 4 del tabellone, ha sconfitto per 6-3, 6-4, in un'ora e 22 minuti di gioco, l'argentino Juan Martin Del Potro, numero 34 e 29esima testa di serie, nel terzo turno del Miami Open, Atp Masters 1000 in corso sui campi in cemento di Crandon Park, in Florida. Prossimo avversario per lo svizzero sarà lo spagnolo Roberto Bautista Agut, numero 18 Atp e 14esima testa di serie, che a sua volta ha prevalso in rimonta (3-6, 6-2, 6-3) sullo statunitense Sam Querrey, numero 27 del ranking e 22 del tabellone. Federer ha vinto tutti e cinque i precedenti confronti diretti senza cedere nemmeno un set.

00:09Calcio: Di Biagio, abbiamo tenuto testa alla Spagna

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "È stato il test che volevamo: abbiamo sempre cercato di competere con squadre di alto livello, proprio com'è la Spagna. I ragazzi hanno dato tutto. Certo, dobbiamo imparare a stringere di più gli spazi, ma bisogna comunque fare un plauso a tutto il gruppo". È il commento a caldo di Gigi Di Biagio, tecnico della Nazionale Under 21, dopo la sconfitta per 2-1, a Roma, con la Spagna, ultima amichevole prima degli Europei. "Nel primo tempo - ha aggiunto sempre intervistato da RaiSport - nonostante una buonissima mezz'ora in cui abbiamo anche avuto le occasione più nette, abbiamo subìto quell'uno-due della Spagna, e rischiato di prendere pure il terzo. Ma poi c'è stata la reazione. I 23 per l'Europeo? Ho 30-35 nomi d'altissimo livello, nelle prossime settimane vedremo. Con Ventura sono in contatto continuo".

00:08Calcio: Under 21, Italia-Spagna 1-2 in amichevole

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - La Spagna Under 21 espugna l'Olimpico, 1-2, ma i pari età dell'Italia non sfigurano in quella che è stata l'ultima amichevole prima degli Europei. E il tecnico Di Biagio può guardare con fiducia all'impegno futuro. Nella sfida di Roma, dove gli azzurrini non giocavano dall'86, gli ospiti partono bene rendendosi subito pericolosi, ma l'occasione migliore è per l'Italia con Berardi che al 9' chiama Lopez ad una grande parata. Quindi, fra il 34' e il 38', il micidiale uno-due degli spagnoli, che segnano prima con Niguez (semirovesciata dopo una respinta di Scuffet) e poi con Mayoral (che, tutto solo, insacca di testa su involontaria torre di Chiesa). Nella ripresa, un legno per parte: traversa di Benassi al 2' e palo di Asensio al 13'. Quindi, Di Biagio inserisce forze fresche e la pressione azzurra è premiata dal colpo di testa di Pellegrini che accorcia le distanze al 27'. La gara si fa un po' meno amichevole, l'Italia ci crede, ma di vere occasioni da gol non ne arrivano più. Resta la bella reazione.

23:20Basket: serie A, Reggio Emilia-Brescia 103-70

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 27 MAR - Contro una Germani Basket fortemente rimaneggiata (assenti Vitali e Moss, Moore in panchina solo per onor di firma) la Grissin Bon Reggio Emilia vince 103-70 nel posticipo della 9/a giornata di ritorno del campionato di serie A di basket e mette in cascina due preziosissimi punti in chiave playoff. Prosegue invece il momento "down" dei lombardi, afflitti dagli infortuni.

22:55Italiano ucciso durante rapina in Nuova Zelanda

(ANSA) - LA SPEZIA, 27 MAR - E' morto dopo tre giorni di agonia, dopo essere stato malmenato e ridotto in fin di vita al culmine di una rapina, avvenuta nel parcheggio di un club di Christchurch, in Nuova Zelanda. Pierclaudio Raviola, 65enne originario della Spezia, da oltre venti anni aveva scelto il Paese oceanico per rifarsi una vita. Ad ammazzarlo, secondo la polizia neozelandese, sarebbero state tre persone, già arrestate e accusate di omicidio: Deborah Jean Tihema, di 38 anni, Cyle Robert Jetson, di 20, e un sedicenne, dovranno comparire davanti alla Corte suprema il prossimo 12 aprile. Proprio a Christchurch, terza città del Paese, da anni Raviola lavorava come autista di scuolabus. Prima ancora aveva aperto un ristorante ad Auckland, chiuso poi qualche anno dopo per difficoltà finanziarie.

22:45Caso Juve-Ultrà: club su Twitter, ‘desecretate Pecoraro’

(ANSA) - TORINO, 27 MAR - "Quello che sta avvenendo è estremamente sbagliato: riportare pezzi di intercettazione, momenti e frasi senza contestualizzarli è fuorviante. Si rischia di far passare per vere cose che non costituiscono fatti provati". L'avvocato Luigi Chiappero, legale della Juventus, interviene così a Jtv nello speciale JTalk dedicato ai presunti rapporti della società bianconera con ultrà ed esponenti della malavita organizzata finito anche sotto la lente della commissione parlamentare Antimafia. "#Desecretate Pecoraro" è l'hashtag twittato dal profilo ufficiale del club bianconero per lanciare la trasmissione. "Un conto sono i fatti, un conto le cose che si dicono al telefono - sostiene Chiappero -. Le intercettazioni sono un fatto delicato, di difficile interpretazione ed è importante contestualizzarle". Il riferimento è al procuratore federale Giuseppe Pecoraro, che sul caso ha deferito la Juve e il suo presidente, Andrea Agnelli, alla giustizia sportiva.

22:45Calcio: Ventura, gli stage stanno dando i loro frutti

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - "La dimostrazione del beneficio degli stage è che alcuni ragazzi che vi hanno partecipato, oggi sono qui. Non ci sono variazioni di programma e non ce ne saranno". Lo ha assicurato Gian Piero Ventura nella conferenza stampa alla vigilia dell'amichevole con l'Olanda, ad Amsterdam. "I nostri giovani stanno dimostrando di valere - ha aggiunto il ct azzurro - Ce ne sono tanti di bravi e che hanno potenzialità: dobbiamo solo dargli tempo e a quel punto avremo fatto un grande passo per il futuro. Ci sono segnali da un'infinità di giovani e ci sono quindi i presupposti per fare qualcosa di importante: sarà poi il campo, ovviamente, a dire l'ultima parola. Ma questo concetto di fiducia l'ho espresso già tante volte. Vedo entusiasmo ed umiltà: due condizioni fondamentali". Quanto alla gara di domani, il tecnico la vede coma una "occasione per verificare cosa dobbiamo ancora fare e cosa invece abbiamo fatto".

Archivio Ultima ora