L’altra Italia: Bianca Delli Priscoli

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

ozmo_frisco

Bianca è una ballerina di 24 anni, viene da Salerno e nei suoi occhi brucia la fiamma di un grande sogno: sfondare a Broadway.

Un’amica di famiglia che apre una scuola proprio nel suo quartiere, la curiosità che diventa gioco, il gioco che si trasforma in passione. E così via lungo il cammino di una vita.

I primi volteggi e dopo 5 anni le punte. Faticose e dolorosissime, ma, nonostante le serate trascorse in lacrime con la mamma, in grado di strutturare ancora di più la sua determinazione.

E non solo danza classica: tournée, musical, spettacoli di contemporanea.

Bianca è tutto questo, il suo sorriso e molto di più.

Ha studiato un po’ ovunque, dal M.A.C., il Molinari Art Center di Roma, alla prestigiosa Dance Haus di Susanna Beltrami a Milano, passando per il Villaggio della Danza di Bari e la Mostra d’Oltremare di Napoli. Sempre al fianco di grandi talenti e artisti italiani e internazionali.

Poi la svolta nel 2011: grazie ad una borsa di studio del Dance Theatre of Harlem, sbarca a New York. Un mese e mezzo che è valso una vita intera. Una rivoluzione dentro e fuori la sua testa.

«Era la mia prima volta così lontana da casa e New York, per quanto incredibile, non è una città semplicissima. Avevo 19 anni e dunque ero al di sotto della famosa soglia dei 21. Proprio per questo, non potendo entrare nei locali, mi sono sentita in qualche modo tagliata fuori dal circuito sociale della Grande Mela. A ripensarci, tuttavia, è stata una maniera per concentrarmi sul mio lavoro. Ad essere sincera, inoltre, ero ancora iscritta all’Accademia di Danza di Roma, per cui stavo ancora valutando da che parte dell’Oceano trascorrere il resto della mia vita».

Un approdo non facile, dunque. E non soltanto per questioni legate alla giovane età.

«Già, un’esperienza forte: in Italia mi ero abituata quasi senza rendermene conto ad essere una della migliori. Colpa di un ambiente assai ristretto nel quale non tutti facevano davvero sul serio. Completamente diverso il quadro qui a New York, dove l’asticella è altissima e mi è toccato faticare il triplo per raggiungere il livello dei miei compagni. Qui tutto si fonda su dei programmi professionali che prevedono dei ritmi scolastici, con lezioni ripartite tra mattina e pomeriggio che si traducono in giornate estenuanti. Uno sforzo non soltanto di natura fisica, ma anche sul piano intellettuale: accanto alla consueta durissima pratica, infatti, una montagna di teoria, già difficile di per sé e resa ancor più complicata dalla barriera della lingua».

New York, il nucleo attorno al quale inizia a ruotare tutto.

«Questa città mi ha spaventata ed incantata al tempo stesso. Grande, sconfinata, quasi “troppo” in molti sensi, in tutto, in tutte le direzioni. Ma ipnotica.
Dopo una breve pausa italiana nel 2013, sono tornata qui per frequentare un corso estivo per il quale ero stata selezionata. E mi sono detta che il mio destino iniziava a delinearsi.
Perché accontentarmi soltanto dell’estate, allora? Ho dato il cuore in un’audizione e, senza neanche rendermene troppo bene conto, mi sono vista ammessa ad un intero anno accademico. Due lunghi semestri che mi avrebbero legata a doppio nodo a questo posto.
Di corsa in Italia per preparare tutti i documenti necessari e, subito dopo, di nuovo qui, in quella che non è soltanto la mia città, ma anche e soprattutto la mia sfida più importante».

Bianca Delli Priscoli con Luca Marfé

Bianca Delli Priscoli con Luca Marfé

Un anno trascorso in fretta, volato via.

«Mi tengo stretta il mio attestato e le mie valutazioni e, cosa ancor più importante, mi godo il mio OPT (Optional Pratical Training), con cui la scuola mi fa da garante per un anno, dandomi così la possibilità di vivere qui e di poter esercitare come libera professionista. Felice, felicissima delle tante collaborazioni e degli spettacoli meravigliosi cui ho avuto la fortuna di prendere parte tra Manhattan e Long Island».

Ma torniamo al sogno.

«Danza classica, moderna, musical. Nella mia testa, però, c’è solo e soltanto Broadway. Il mio spettacolo preferito è The Lion King e, chissà, un giorno…
Non è facile, certo, ma il mio futuro e qui, comunque. Ci sono opportunità e audizioni sparpagliate dappertutto e troverò la mia strada, ne sono certa».

Un accenno dovuto, ma carico di cuore, per il suo punto di riferimento.

«All’inizio sono stata portata qui da Teresa Howard, la mia insegnante nonché mia mentore. Mi ha aiutata moltissimo, ma ora tocca a me. Devo imparare a cavarmela da sola e ci sto provando con tutta me stessa. Restano i suoi consigli, il suo supporto e questa base rappresenta e rappresenterà sempre la mia spina dorsale».

Le chiedo come sia cambiato il suo rapporto con la città in questa fase che ha marcato il suo ritorno. E mi spiega che lo scenario è completamente diverso.

«È cambiato tutto. Oltre ad avere la possibilità di viverla di più, infatti, il mio percorso fatto di crescita e responsabilità mi ha portato a vederla con occhi diversi. Non più soltanto una grande giostra di contatti e divertimento, ma anche un universo da “spremere” per fare in modo di non pesare sulle economie dei miei genitori. Un contesto che mi ha dato modo di essere indipendente, di mettermi alla prova.
La “mia” New York, in particolare, è Harlem ed è in continua trasformazione, proprio come me. Posso essere sincera? (Sa che sto registrando)
5 anni fa avevo paura ad uscire di casa. Ora è tutto più tranquillo, l’ambiente è rinnovato e cordiale. Tanti addirittura mi “proteggono”, si prendono cura di me. E mi fanno sentire a casa».

C’è un’altra casa, però, ed è a Salerno.

«Ho una sorella più piccola ed i miei genitori inizialmente erano contenti perché pensavano che questa mia fase americana fosse soltanto un’esperienza. Poi ho deciso di restare e non sono mancati i contrasti.
“Ok, vuoi andare? Ma devi cavartela da sola.”
Ed è quello che sto facendo».

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

00:14Calcio: Europa League, Milan pari e vittoria dell’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Milan-Aek Atene 0-0 e Atalanta-Apollon Limassol 3-1 in due gare della 3/a giornata di Europa League. I rossoneri, nonostante le occasioni sprecate soprattutto nella ripresa, non abbattono il muro greco e chiudono tra i fischi. Nell'altra partita del girone D, Austria Vienna-Rijeka 1-3. Classifica: Milan 7; Aek 5; Rijeka 3; Austria V. 1. A Reggio Emilia, invece, vittoria dell'Atalanta sui ciprioti. Primo gol all'11': Spinazzola scende da sinistra e pesca l'indisturbato Ilicic che insacca da due passi. Nella ripresa, l'Apollon pareggia al 59': cross da destra di Jakolis e Schembri, tutto solo, insacca di testa. Ma dura poco: dopo una traversa di Gomez, sul successivo corner al 64', Petagna salta sull'uscita a vuoto di Bruno Vale e riporta i suoi avanti. E due minuti dopo arriva il 3-1: sull'apertura di Gomez, Ilicic fa sponda di petto per Freuler che fa secco il portiere con un diagonale da dentro l'area. Sull'altro campo del girone E, Everton-Lione 1-2. Classifica: Atalanta 7; Lione 5; Apollon 2; Everton 1.

22:38Sindaco Amatrice candidato alle regionali nel Lazio

(ANSA) - RIETI, 19 OTT - Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, sarebbe in procinto di candidarsi alle regionali del Lazio del 2018 secondo quanto riferisce l'edizione reatina online de Il Messaggero. A sostenerlo, sempre secondo il quotidiano romano, sarà una lista civica con il suo nome, all'interno del centrodestra. L'ufficialità è attesa alla presentazione del suo libro a Roma il 24 ottobre.

22:12Calcio: Mirabelli, Montella? Ognuno ha un suo tempo

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Ognuno di noi ha un tempo nella vita e nel mestiere che fa, non solo Montella. Questo Milan è stato costruito con tutti i rischi del caso: abbiamo voluto dare al mister un gruppo di giocatori giovani, con un buon futuro. La proprietà non è affatto lontana, è vicina e ci sta facendo lavorare tutti al meglio, ma il tempo è un orologio per tutti". Così il ds rossonero Massimiliano Mirabelli su Vincenzo Montella, parlando a Sky poco prima della sfida di Europa League contro l'Aek Atene. "Il futuro dell'allenatore è legato ai risultati? È il rischio del nostro lavoro - ha risposto il dirigente - A volte capita anche a grandi allenatori e grandi dirigenti di non ottenere risultati in un anno. Finora abbiamo fatto vedere buone cose in alcuni momenti, mentre in altri no: non ce lo possiamo permettere. Ma stiamo lavorando affinché la squadra sia consapevole della propria forza. Non dimentichiamo che il Milan è la squadra che dà più giocatori alle Nazionali: è un gruppo forte, deve diventare presto squadra".

22:10Morte Magherini: appello conferma condanne di 3 carabinieri

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - La corte d'appello di Firenze ha confermato nella sostanza la sentenza di primo grado con cui furono condannati tre carabinieri per omicidio colposo nella vicenda della morte di Riccardo Magherini, il 40enne deceduto in strada a Firenze durante un controllo la notte del 3 marzo 2014. Condannati quindi i carabinieri Vincenzo Corni a 8 mesi, Stefano Castellano e Agostino Della Porta a 7 mesi ciascuno. Restano assolte le due volontarie della Croce Rossa, Claudia Matta e Jannetta Mitrea.

22:04‘Marcia su Roma’ di Fn non si farà il 28, ipotesi 4 novembre

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Forza Nuova (Fn) ha rinunciato a tenere qualsiasi iniziativa il 28 ottobre, anniversario della Marcia su Roma fascista del 1922, dopo il divieto notificato dalla Questura della Capitale per la manifestazione annunciata. "Nel pomeriggio odierno i promotori si sono presentati in Questura comunicando nuove modalità di svolgimento dell'iniziativa, che sono oggetto di adeguate valutazioni - si legge in una nota della Questura -. Il 28 ottobre, quindi, non si terrà nessun evento". Forza Nuova ha presentato preavviso per un'altra data. Si lavora all'ipotesi del 4 novembre, giornata dell'Unità della nazione delle forze armate, con un corteo all'Eur sul percorso previsto per il 28. "Non abbiamo ancora sciolto la riserva sul 28 - dice il leader di Forza Nuova Roberto Fiore -, stiamo cercando un modo di risolvere l'impasse". Fn non avrebbe ancora ritirato la comunicazione per quel giorno e lancia un appello online al ministro dell'Interno Marco Minniti, che da settimane ha detto che la Marcia non sarà autorizzata.

Archivio Ultima ora