L’altra Italia: Bianca Delli Priscoli

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

ozmo_frisco

Bianca è una ballerina di 24 anni, viene da Salerno e nei suoi occhi brucia la fiamma di un grande sogno: sfondare a Broadway.

Un’amica di famiglia che apre una scuola proprio nel suo quartiere, la curiosità che diventa gioco, il gioco che si trasforma in passione. E così via lungo il cammino di una vita.

I primi volteggi e dopo 5 anni le punte. Faticose e dolorosissime, ma, nonostante le serate trascorse in lacrime con la mamma, in grado di strutturare ancora di più la sua determinazione.

E non solo danza classica: tournée, musical, spettacoli di contemporanea.

Bianca è tutto questo, il suo sorriso e molto di più.

Ha studiato un po’ ovunque, dal M.A.C., il Molinari Art Center di Roma, alla prestigiosa Dance Haus di Susanna Beltrami a Milano, passando per il Villaggio della Danza di Bari e la Mostra d’Oltremare di Napoli. Sempre al fianco di grandi talenti e artisti italiani e internazionali.

Poi la svolta nel 2011: grazie ad una borsa di studio del Dance Theatre of Harlem, sbarca a New York. Un mese e mezzo che è valso una vita intera. Una rivoluzione dentro e fuori la sua testa.

«Era la mia prima volta così lontana da casa e New York, per quanto incredibile, non è una città semplicissima. Avevo 19 anni e dunque ero al di sotto della famosa soglia dei 21. Proprio per questo, non potendo entrare nei locali, mi sono sentita in qualche modo tagliata fuori dal circuito sociale della Grande Mela. A ripensarci, tuttavia, è stata una maniera per concentrarmi sul mio lavoro. Ad essere sincera, inoltre, ero ancora iscritta all’Accademia di Danza di Roma, per cui stavo ancora valutando da che parte dell’Oceano trascorrere il resto della mia vita».

Un approdo non facile, dunque. E non soltanto per questioni legate alla giovane età.

«Già, un’esperienza forte: in Italia mi ero abituata quasi senza rendermene conto ad essere una della migliori. Colpa di un ambiente assai ristretto nel quale non tutti facevano davvero sul serio. Completamente diverso il quadro qui a New York, dove l’asticella è altissima e mi è toccato faticare il triplo per raggiungere il livello dei miei compagni. Qui tutto si fonda su dei programmi professionali che prevedono dei ritmi scolastici, con lezioni ripartite tra mattina e pomeriggio che si traducono in giornate estenuanti. Uno sforzo non soltanto di natura fisica, ma anche sul piano intellettuale: accanto alla consueta durissima pratica, infatti, una montagna di teoria, già difficile di per sé e resa ancor più complicata dalla barriera della lingua».

New York, il nucleo attorno al quale inizia a ruotare tutto.

«Questa città mi ha spaventata ed incantata al tempo stesso. Grande, sconfinata, quasi “troppo” in molti sensi, in tutto, in tutte le direzioni. Ma ipnotica.
Dopo una breve pausa italiana nel 2013, sono tornata qui per frequentare un corso estivo per il quale ero stata selezionata. E mi sono detta che il mio destino iniziava a delinearsi.
Perché accontentarmi soltanto dell’estate, allora? Ho dato il cuore in un’audizione e, senza neanche rendermene troppo bene conto, mi sono vista ammessa ad un intero anno accademico. Due lunghi semestri che mi avrebbero legata a doppio nodo a questo posto.
Di corsa in Italia per preparare tutti i documenti necessari e, subito dopo, di nuovo qui, in quella che non è soltanto la mia città, ma anche e soprattutto la mia sfida più importante».

Bianca Delli Priscoli con Luca Marfé

Bianca Delli Priscoli con Luca Marfé

Un anno trascorso in fretta, volato via.

«Mi tengo stretta il mio attestato e le mie valutazioni e, cosa ancor più importante, mi godo il mio OPT (Optional Pratical Training), con cui la scuola mi fa da garante per un anno, dandomi così la possibilità di vivere qui e di poter esercitare come libera professionista. Felice, felicissima delle tante collaborazioni e degli spettacoli meravigliosi cui ho avuto la fortuna di prendere parte tra Manhattan e Long Island».

Ma torniamo al sogno.

«Danza classica, moderna, musical. Nella mia testa, però, c’è solo e soltanto Broadway. Il mio spettacolo preferito è The Lion King e, chissà, un giorno…
Non è facile, certo, ma il mio futuro e qui, comunque. Ci sono opportunità e audizioni sparpagliate dappertutto e troverò la mia strada, ne sono certa».

Un accenno dovuto, ma carico di cuore, per il suo punto di riferimento.

«All’inizio sono stata portata qui da Teresa Howard, la mia insegnante nonché mia mentore. Mi ha aiutata moltissimo, ma ora tocca a me. Devo imparare a cavarmela da sola e ci sto provando con tutta me stessa. Restano i suoi consigli, il suo supporto e questa base rappresenta e rappresenterà sempre la mia spina dorsale».

Le chiedo come sia cambiato il suo rapporto con la città in questa fase che ha marcato il suo ritorno. E mi spiega che lo scenario è completamente diverso.

«È cambiato tutto. Oltre ad avere la possibilità di viverla di più, infatti, il mio percorso fatto di crescita e responsabilità mi ha portato a vederla con occhi diversi. Non più soltanto una grande giostra di contatti e divertimento, ma anche un universo da “spremere” per fare in modo di non pesare sulle economie dei miei genitori. Un contesto che mi ha dato modo di essere indipendente, di mettermi alla prova.
La “mia” New York, in particolare, è Harlem ed è in continua trasformazione, proprio come me. Posso essere sincera? (Sa che sto registrando)
5 anni fa avevo paura ad uscire di casa. Ora è tutto più tranquillo, l’ambiente è rinnovato e cordiale. Tanti addirittura mi “proteggono”, si prendono cura di me. E mi fanno sentire a casa».

C’è un’altra casa, però, ed è a Salerno.

«Ho una sorella più piccola ed i miei genitori inizialmente erano contenti perché pensavano che questa mia fase americana fosse soltanto un’esperienza. Poi ho deciso di restare e non sono mancati i contrasti.
“Ok, vuoi andare? Ma devi cavartela da sola.”
Ed è quello che sto facendo».

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

12:58Nuoto: Mondiali, Quadarella in finale

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - Grande prestazione di Katie Ledecky nella seconda giornata dei Mondiali di nuoto in corso di svolgimento a Budapest. La statunitense, oro ieri nei 400 sl, ha chiuso le batterie dei 1500 sl con il tempo di 15'47"54, distanziando di quasi 18" la seconda classificata della sua batteria, la spagnola Mireia Belmonte (16'05"37). Qualificata per la finale l'azzurra Simona Quadarella, quarta con il tempo di 16'07"08. In chiave azzurra da segnalare il passaggio di Matteo Milli, alla sua prima gara internazionale, alle semifinali dei 100 dorso maschili (11/o tempo, 54"17) e di Arianna Castiglioni alle semifinali dei 100 rana (15/o tempo, 1'07"43). Nella stessa gara eliminata Martina Carraro (22/a, 1'08"11). Fuori nei 100 dorso donne Margherita Panziera (20/o tempo, 1'01"03) e nei 200 sl maschili Filippo Megli (28/o, 1'47"94).

12:54Incendio a Messina, piromani tre minorenni

(ANSA) - PALERMO, 24 LUG - Una ragazzina di 14 anni e due coetanei di 13 e 15 anni sono i responsabili dell'incendio che sabato pomeriggio ha bruciato le colline dell'area di Fondo Fucile, a Messina. Avevano ancora nelle tasche gli accendini con cui hanno appiccato il fuoco quando sono stati sorpresi dai poliziotti. Agli agenti uno dei tre ha detto: "Abbiamo fatto una stupidaggine". Nessuno ha saputo dare una spiegazione sui motivi del gesto. Gli agenti delle volanti sono stati allertati da numerose telefonate di cittadini preoccupati per le fiamme che velocemente si stavano propagando. Alcune persone avevano notato i tre ragazzini muoversi su per la collina. I vigili del fuoco, avvertiti dalla sala operativa della Questura, sono riusciti a bloccare l'incendio e a evitare che le fiamme raggiungessero le vicine abitazioni ai piedi della collina. Una vasta porzione di vegetazione è comunque andata distrutta. I tre ragazzini sono stati deferiti all'autorità giudiziaria per i minorenni per incendio boschivo e riaffidati alle famiglie.

12:48Fisco: blitz M5S in Agenzia Entrate Cagliari per sgravi

(ANSA) - CAGLIARI, 24 LUG - Blitz delle parlamentari del Movimento Cinque stelle, Emanuela Corda e Manuela Serra, assieme agli attivisti del punto Civico di Cagliari SOS Equitalia e una piccola rappresentanza del Movimento Artigiani, negli uffici dell'agenzia delle Entrate di Cagliari per chiedere l'applicazione della legge sugli sgravi contributivi nelle cartelle esattoriali (228/12). "Oggi abbiamo dovuto intraprendere questa azione forte, senza preavviso, perché ci sentiamo presi in giro, dopo mesi di rimandi e promesse mai mantenute - spiega la deputata Corda - chiediamo che vengano concessi gli sgravi a diversi contribuenti che ci hanno conferito delega a rappresentarli in questa sede, così come l'agenzia aveva garantito mesi fa, c'è una disposizione del direttore regionale che impone ai dirigenti di questa agenzia di provvedere immediatamente alla cancellazione del debito di queste persone, in ossequio a ciò che dispone la legge. Oggi vogliamo una risposta chiara e semplice".

12:46Mdp: Rossi, Pisapia chiarisca su sentirsi a casa con il Pd

(ANSA) - ROMA, 24 LUG - "Sarebbe utile qualche chiarimento": è quanto manda a dire a Giuliano Pisapia il governatore della Toscana Enrico Rossi (Mdp), attraverso un post-lettera su facebook. "Caro compagno Giuliano Pisapia, molti compagni - scrive Rossi - mi fanno presente che la tua affermazione che ti senti a casa alla festa del Pd è un po' contraddittoria con la scelta di costruire una forza alternativa al Pd e con la scelta dolorosissima compiuta da molti tuoi sostenitori di abbandonare il Pd per costruire una casa nuova".

12:37‘Ladro per amore’, 25enne patteggia condanna a quattro mesi

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Un "ladro per amore", come ha risposto al giudice Immacolata Iadeluca, A.H., 25 anni, nato da una famiglia marocchina naturalizzata italiana, ha detto di avere rubato perché voleva pagare il biglietto aereo alla fidanzata con cui andare in vacanza: "Io ho il mio ma nessuno la aiuta a comprarne uno". Il giovane (che ha anche detto di avere due 'diplomi professionali' ma di essere in attesa di occupazione) è comparso oggi in tribunale a Torino dopo essere stato arrestato: aveva sfondato il vetro di un'auto parcheggiata in zona Porta Palazzo e si era impadronito di un navigatore satellitare e di un paio di occhiali. Il proprietario è stato risarcito con 250 euro direttamente in aula dal padre del venticinquenne, il quale, con l'assistenza dell'avvocato Roberto Mordà, ha patteggiato quattro mesi ed è stato scarcerato.(ANSA).

12:34Cade da tre metri da palco a Montignoso, morta attrice

(ANSA) - PISA, 24 LUG - (ANSA) - E' morta all'ospedale Cisanello di Pisa, dove era stata ricoverata, l'attrice di 56 anni, del Gruppo Folkloristico di Montignoso, che sabato sera è caduta dal palco, da un'altezza di circa tre metri, subendo un trauma toracico. Lorena Baldi stava recitando, sul palcoscenico allestito in piazza Paolini, nella commedia dialettale 'Amore alla Piazza'. L'attrice è stata soccorsa immediatamente e lo spettacolo è stato interrotto. Il 118 l'ha portata prima all'ospedale Noa di Marina di Massa, poi è stata trasferita con l'elisoccorso Pegaso all'ospedale Cisanello di Pisa. Sarà eseguita l'autopsia, mentre è stato posto sotto sequestro il palco sui cui si esibiva.

12:31Migranti: non si fermano sbarchi nel Sulcis

(ANSA) - CARBONIA, 24 LUG - Non si fermano gli sbarchi di migranti in Sardegna. Ieri sera nel Sulcis sono arrivati altri 10 algerini. Un barchino con a bordo tre persone è stato intercettato dalla Guardia costiera di Sant'Antioco. Gli algerini sono stati trasferiti in porto e affidati alle forze dell'ordine. Alcune ore dopo sulla spiaggia di Is Arenas bianca, nella zona di Teulada vicino al poligono militare, i carabinieri hanno rintracciato altri sette algerini appena sbarcati. I migranti, identificati e visitati, sono stati trasferiti nei centri di accoglienza. (ANSA).

Archivio Ultima ora