L’altra Italia: Bianca Delli Priscoli

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

ozmo_frisco

Bianca è una ballerina di 24 anni, viene da Salerno e nei suoi occhi brucia la fiamma di un grande sogno: sfondare a Broadway.

Un’amica di famiglia che apre una scuola proprio nel suo quartiere, la curiosità che diventa gioco, il gioco che si trasforma in passione. E così via lungo il cammino di una vita.

I primi volteggi e dopo 5 anni le punte. Faticose e dolorosissime, ma, nonostante le serate trascorse in lacrime con la mamma, in grado di strutturare ancora di più la sua determinazione.

E non solo danza classica: tournée, musical, spettacoli di contemporanea.

Bianca è tutto questo, il suo sorriso e molto di più.

Ha studiato un po’ ovunque, dal M.A.C., il Molinari Art Center di Roma, alla prestigiosa Dance Haus di Susanna Beltrami a Milano, passando per il Villaggio della Danza di Bari e la Mostra d’Oltremare di Napoli. Sempre al fianco di grandi talenti e artisti italiani e internazionali.

Poi la svolta nel 2011: grazie ad una borsa di studio del Dance Theatre of Harlem, sbarca a New York. Un mese e mezzo che è valso una vita intera. Una rivoluzione dentro e fuori la sua testa.

«Era la mia prima volta così lontana da casa e New York, per quanto incredibile, non è una città semplicissima. Avevo 19 anni e dunque ero al di sotto della famosa soglia dei 21. Proprio per questo, non potendo entrare nei locali, mi sono sentita in qualche modo tagliata fuori dal circuito sociale della Grande Mela. A ripensarci, tuttavia, è stata una maniera per concentrarmi sul mio lavoro. Ad essere sincera, inoltre, ero ancora iscritta all’Accademia di Danza di Roma, per cui stavo ancora valutando da che parte dell’Oceano trascorrere il resto della mia vita».

Un approdo non facile, dunque. E non soltanto per questioni legate alla giovane età.

«Già, un’esperienza forte: in Italia mi ero abituata quasi senza rendermene conto ad essere una della migliori. Colpa di un ambiente assai ristretto nel quale non tutti facevano davvero sul serio. Completamente diverso il quadro qui a New York, dove l’asticella è altissima e mi è toccato faticare il triplo per raggiungere il livello dei miei compagni. Qui tutto si fonda su dei programmi professionali che prevedono dei ritmi scolastici, con lezioni ripartite tra mattina e pomeriggio che si traducono in giornate estenuanti. Uno sforzo non soltanto di natura fisica, ma anche sul piano intellettuale: accanto alla consueta durissima pratica, infatti, una montagna di teoria, già difficile di per sé e resa ancor più complicata dalla barriera della lingua».

New York, il nucleo attorno al quale inizia a ruotare tutto.

«Questa città mi ha spaventata ed incantata al tempo stesso. Grande, sconfinata, quasi “troppo” in molti sensi, in tutto, in tutte le direzioni. Ma ipnotica.
Dopo una breve pausa italiana nel 2013, sono tornata qui per frequentare un corso estivo per il quale ero stata selezionata. E mi sono detta che il mio destino iniziava a delinearsi.
Perché accontentarmi soltanto dell’estate, allora? Ho dato il cuore in un’audizione e, senza neanche rendermene troppo bene conto, mi sono vista ammessa ad un intero anno accademico. Due lunghi semestri che mi avrebbero legata a doppio nodo a questo posto.
Di corsa in Italia per preparare tutti i documenti necessari e, subito dopo, di nuovo qui, in quella che non è soltanto la mia città, ma anche e soprattutto la mia sfida più importante».

Bianca Delli Priscoli con Luca Marfé

Bianca Delli Priscoli con Luca Marfé

Un anno trascorso in fretta, volato via.

«Mi tengo stretta il mio attestato e le mie valutazioni e, cosa ancor più importante, mi godo il mio OPT (Optional Pratical Training), con cui la scuola mi fa da garante per un anno, dandomi così la possibilità di vivere qui e di poter esercitare come libera professionista. Felice, felicissima delle tante collaborazioni e degli spettacoli meravigliosi cui ho avuto la fortuna di prendere parte tra Manhattan e Long Island».

Ma torniamo al sogno.

«Danza classica, moderna, musical. Nella mia testa, però, c’è solo e soltanto Broadway. Il mio spettacolo preferito è The Lion King e, chissà, un giorno…
Non è facile, certo, ma il mio futuro e qui, comunque. Ci sono opportunità e audizioni sparpagliate dappertutto e troverò la mia strada, ne sono certa».

Un accenno dovuto, ma carico di cuore, per il suo punto di riferimento.

«All’inizio sono stata portata qui da Teresa Howard, la mia insegnante nonché mia mentore. Mi ha aiutata moltissimo, ma ora tocca a me. Devo imparare a cavarmela da sola e ci sto provando con tutta me stessa. Restano i suoi consigli, il suo supporto e questa base rappresenta e rappresenterà sempre la mia spina dorsale».

Le chiedo come sia cambiato il suo rapporto con la città in questa fase che ha marcato il suo ritorno. E mi spiega che lo scenario è completamente diverso.

«È cambiato tutto. Oltre ad avere la possibilità di viverla di più, infatti, il mio percorso fatto di crescita e responsabilità mi ha portato a vederla con occhi diversi. Non più soltanto una grande giostra di contatti e divertimento, ma anche un universo da “spremere” per fare in modo di non pesare sulle economie dei miei genitori. Un contesto che mi ha dato modo di essere indipendente, di mettermi alla prova.
La “mia” New York, in particolare, è Harlem ed è in continua trasformazione, proprio come me. Posso essere sincera? (Sa che sto registrando)
5 anni fa avevo paura ad uscire di casa. Ora è tutto più tranquillo, l’ambiente è rinnovato e cordiale. Tanti addirittura mi “proteggono”, si prendono cura di me. E mi fanno sentire a casa».

C’è un’altra casa, però, ed è a Salerno.

«Ho una sorella più piccola ed i miei genitori inizialmente erano contenti perché pensavano che questa mia fase americana fosse soltanto un’esperienza. Poi ho deciso di restare e non sono mancati i contrasti.
“Ok, vuoi andare? Ma devi cavartela da sola.”
Ed è quello che sto facendo».

Luca Marfé

Twitter: @marfeluca – Instagram: @lucamarfe

Ultima ora

23:43Trump: Ivanka ‘assunta’ come dipendente federale

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Ivanka Trump sara' assunta come dipendente federale nel ruolo di assistente del padre alla Casa Bianca. Non percepira' pero' alcuno stipendio, cosi'come avviene per il marito Jared Kushner. Lo ha annunciato la stessa figlia del presidente americano, spiegando che la decisione e' stata presa per porre fine alle preoccupazioni di tipo etico solevate da piu' parti e legate alla sua presenza alla Casa Bianca dove ha anche un ufficio.

22:56Calcio: Messi “Nessuna offesa, le mie erano parole al vento”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Non volevo insultare l'assistente, le mie erano solo parole al vento". Così Leo Messi si discolpa, secondo quanto apprende La Nacion, nell'arringa difensiva che l'Afa (la Federcalcio argentina) presenterà alla Commissione d'appello della Fifa, nel tentativo di ricevere uno sconto sulle quattro giornate di squalifica inflitte alla 'Pulce' per le offese rivolte a un assistente dopo la sfida contro il Cile. Nel caso in cui in appello dovessero essere confermate le giornate di stop a Messi, l'Afa si rivolgerà al Tas di Losanna; in questo caso, però, i tempi della sentenza si allungherebbero fino alla fine dell'estate prossima. In particolare, nel ricorso, la Federcalcio argentina sottolinea di come l'arbitro brasiliano Ricci, nelle 16 pagine di relazione presentata alla Fifa, non abbia menzionato l'alterco verbale fra Messi e l'assistente.

21:05Migranti: #Withrefugees, scatti per capire un dramma

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Grazie alla fotografia sono i migranti che ci parlano. E' nel diffondere questa consapevolezza che l'immagine può davvero rappresentare un veicolo importante per far capire le problematiche di queste persone che attraversano il mondo". Lo ha detto Carlotta Sami, portavoce per il Sud Europa dell'Unhcr, l'agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite. L'occasione per una riflessione sulle migrazioni è stata l'inaugurazione della mostra #Withrefugees - Fotografi per i rifugiati, oggi, alla spazio Big Santa Marta di Milano. A promuovere la serata è stata MIA Photo fair (la fiera internazionale della fotografia), che apre proprio nel giorno dell'approvazione della legge sulla protezione dei minori stranieri non accompagnati. A essere esposti sono 45 scatti di fotografi che si sono dedicati al tema: Yuri Catania, Franco Paggetti, Pierre Andrè Podbilesky, Massimo Sestini e Paolo Solari Bozzi, che hanno messo le loro opere a disposizione per beneficenza.

20:54Trump: Moore, con nuove norme clima iniziata estinzione vita

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAR - Donald Trump ha appena "iniziato l'estinzione della vita umana sulla terra": ne e' convinto il regista liberal Michael Moore, facendo riferimento all'ordine esecutivo firmato dal presidente americano che spazza via le normative ambientali del predecessore Barack Obama. "Gli storici nel prossimo futuro (e potrebbe essere l'unico futuro che abbiamo) ricorderanno il 28 marzo 2017 come il giorno dell'inizio dell'estinzione della vita umana sulla terra", ha scritto in un post su Facebook. A suo parere, firmando il decreto che ordina di rivedere le norme per la riduzione delle emissioni di gas serra nelle industrie, Trump ha "dichiarato guerra al pianeta e ai suoi abitanti".

20:52Calcio: Lazio, Anderson “La Roma? Pensiamo a noi stessi”

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "La Roma? Pensiamo solo a noi, non a quello che dicono loro. Giocheranno coi loro tifosi ma, se saremo intelligenti, facciamo una grande partita". Così Felipe Anderson, intervistato a Mediaset premium, parla della sfida di ritorno di Coppa Italia contro la Roma, in programma il 4 aprile. Si riparte dal 2-0 sei biancocelesti dell'andata, ma per il brasiliano conta prima di tutto fare bene contro il Sassuolo in campionato. "Questa per noi è una settimana decisiva - spiega l'ex Santos - dobbiamo centrare due obiettivi di stagione, non bisogna sbagliare. Pensiamo prima al Sassuolo, poi al derby". Protagonista della sua miglior stagione a livello di continuità, per Anderson è sempre vivo il sogno della Seleçao: "Giocare il Mondiale è un mio obiettivo - conclude l'attaccante dei biancocelesti - ma so che devo dare il massimo qui, voglio finire bene e sperare di conquistare la Nazionale".

20:41Deltaplano precipita in provincia di Modena, grave 56enne

(ANSA) - MODENA, 29 MAR - Un deltaplano con a bordo un 56enne, D.B., si è schiantato al suolo, in un terreno agricolo, intorno alle 18 a Campogalliano, in provincia di Modena. L'uomo, proprietario sia del velivolo che del terreno agricolo dove è avvenuto l'incidente, in via Vandelli, è stato soccorso dai sanitari del 118, intervenuti con l'ambulanza e con l'elisoccorso. Il ferito, cosciente ma con gravi ferite ad una gamba, è stato così portato all'ospedale Maggiore di Bologna con l'elicottero. Le sue condizioni sono gravi. In via Vandelli sono intervenuti anche i vigili del fuoco ed i carabinieri. Tutte le ipotesi sono al vaglio, ma si propende per un guasto tecnico del deltaplano, che, a quanto pare, è precipitato mentre era ancora in fase di decollo. A chiamare i soccorsi sono stati i parenti del 56enne, che hanno udito il rumore dello schianto. (ANSA).

20:26Consip, sms di Lotti a Emiliano acquisiti da procura Roma

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Il governatore Pd della Puglia Michele Emiliano sentito per oltre un'ora in procura a Roma come testimone nell'inchiesta Consip sulla centrale acquisti della Pubblica amministrazione. Gli é stato chiesto degli sms ricevuti nel 2105 dall'attuale ministro Luca Lotti - all'epoca sottosegretario alla presidenza del Consiglio - che lo invitava a incontrare il faccendiere Carlo Russo, amico del padre dell'allora premier Matteo Renzi, Tiziano. Il pm Mario Palazzi ha acquisito agli atti gli sms di Lotti e di Tiziano Renzi, conservati da Emiliano. L'ipotesi della procura è che l'imprenditore Alfredo Romeo - in carcere per corruzione - abbia beneficiato dell'amicizia tra Tiziano Renzi e Russo per mettere le mani sugli appalti Consip. Il presidente della Puglia dopo l'audizione non ha rilasciato dichiarazioni. "Procura acquisisce gli sms di Lotti a Emiliano, e #Renzi continua a non dire se e quando ha saputo dell'inchiesta. #RenziReticente", commenta con un tweet sull'ex premier il deputato M5S Danilo Toninelli.

Archivio Ultima ora