L’arte di Ozmo conquista San Francisco

Pubblicato il 13 luglio 2016 da redazione

oamo


SAN FRANCISCO – San Francisco celebra Ozmo, pioniere della street art italiana e artista tra i più conosciuti e apprezzati a livello internazionale. Nella città californiana, Ozmo ha appena completato un grande intervento (11×24 metri) sulla parete dello storico strip club Mitchell Brothers O’ Farrell Theatre, nel quartiere di Tenderloin, descritto dallo scrittore e giornalista Hunter S. Thompson come “la Carnegie Hall del sesso pubblico in America”.

Questo luogo simbolico della città della baia, dal 1977, è diventato supporto pubblico di murale. L’opera di Ozmo, Untitled, reinterpreta uno dei quadri più iconici della storia dell’arte occidentale, il Déjeuner sur l’herbe di Édouard Manet, elaborando una nuova personalissima composizione. Untitled è un curioso convivio di figure femminili completamente nude e uomini vestiti mascherati che sdraiati sull’erba, conversano tra di loro.

Tra la ninfa del Tiziano che sta versando dell’acqua in una vasca e una Barbie a farle da contrappunto, sotto lo sguardo dell’artista divenuto Minotauro e quello minaccioso della pantera simbolo di Cartier, si staglia poderosa l’allegoria dell’amore del Bronzino.

Miscelando immagini di nudità sacra e profana, icone delle mitologia classica, Ozmo studia la composizione arricchendola con dettagli ambigui e spregiudicati che si intrecciano in una nuova opera che riporta la purezza dell’estetica classica nel decadimento dell’interpretazione contemporanea.

L’opera è stata realizzata dall’artista, in collaborazione con John Vochatzer e con il contributo dell’associazione no profit a servizio dell’arte It’s Your District. Nonché con il sostegno di Cecilia Botta, Fifty24SF Gallery e Jane Bregman di Street Art SF.

Inoltre, dal 1° luglio scorso e sino al 31 agosto, proprio la Fifty24SF Gallery, storica galleria dell’underground statunitense, nell’Haight Ashbury district, epicentro della Summer of Love, culla della controcultura, incubatore di nuovi ideali, ospita la prima mostra personale dell’artista negli Stati Uniti.

L’esposizione, dal titolo “Ferro e Oro”, presenta un corpo di opere inedite. Piccole e grandi tele di pvc riciclato sulle quali Ozmo assimila le contrad- dizioni di una città ricca di fermenti e iconografie frammentate, traducendole in composizioni enigmatiche, siano esse creature bizzarre, colte tra sculture distese e l’immagine della Madonna, protetta dalla mano del poeta, che conducono al cospetto della gigantesca testa di Medusa dagli occhi chiusi che, privata del mitologico sguardo pietrificante, invita il visitatore a giocarecon le proprie visioni e memorie.

Nato a Pontedera, in provincia di Pisa, nel 1975, Ozmo si forma all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Nel 2001 si trasferisce a Milano, dove comincia a collaborare con le maggiori gallerie della città, firmandosi con il suo nome di battesimo e presentando lavori dalla forte connotazione pittorica e dove, già promettente/affermato ar- tista, contemporaneamente interviene nello spazio pubblico firmandosi con la sua Tag: Ozmo, gettando le basi per quella che sarebbe diventata la Street Art italiana contemporanea, di cui è uno dei pionieri e noti esponenti anche a livello internazionale.

Dal 2003 le opere di Ozmo sono una presenza costante nel circuito dell’arte e in alcune importanti collezioni pubbliche museali. Tra le mostre italiane ricordiamo: Palazzo della Ragione nel 2005, Pac e Palazzo Reale nel 2007, fino alla sua personale “Primo Piano d’Artista” al Museo del 900 di Milano e alla realizzazione di un’opera muraria permanente di 14 metri di altezza sulla terrazza del museo MACRO a Roma nel 2012.

Parallelamente all’attività artistica istituzionale, Ozmo realizza interventi di street art nelle più importanti capi- tali dell’arte contemporanea e urba- na: San Francisco, New York, Miami, Chicago, Baltimora, Londra, Berlino, Mosca, San Paolo, La Habana e Beirut oltre che nelle principali città italiane come Milano, Roma, Torino, Palermo e Bari.

Ultima ora

16:38Attacco Londra: la terza vittima è un turista americano

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Era un turista americano, a Londra per una vacanza con la moglie, la terza vittima dell'attacco di ieri sul ponte di Westminster in cui hanno perso la vita, oltre all'attentatore, anche una insegnante di origini spagnole e un poliziotto. Lo riporta il Mirror che cita familiari dell'uomo, Kurt Cochran, che è stato ferito gravemente dal suv ed è poi spirato in ospedale. Coinvolta anche la moglie Melissa, ancora ricoverata con alcune fratture ed una ferita alla testa. "Con dolore rendiamo noto che Kurt è deceduto per le ferite riportate durante l'attacco a Londra", ha postato su Fb la sorella di Melissa, Sara Payne-McFarland.

16:32Trattati Roma: 007, rischio violenze infiltrati in cortei

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - C'è preoccupazione nell'intelligence per la minaccia terroristica dopo l'attacco di Londra. Per quanto riguarda le celebrazioni per i Trattati di Roma di sabato, tuttavia, i pericoli potrebbero arrivare dai violenti infiltrati nei cortei. Lo ha detto, a quanto si apprende, il direttore dell'Aisi, Mario Parente, ascoltato oggi al Copasir per circa tre ore. L'attenzione è puntata sugli antagonisti dei centri sociali più 'duri' - alcune centinaia - che potrebbero strumentalizzare le manifestazioni per fare scontri di piazza. Solo alcune decine sarebbero i manifestanti in arrivo dall'estero, più interessati a eventi come il G20 di Amburgo di luglio ed il G7 di Taormina di fine maggio.

16:22Attacco Londra: King, minaccia estremamente alta in Europa

(ANSA) - BRUXELLES, 23 MAR - "Non credo sia completamente accidentale che l'attacco a Londra sia avvenuto nel giorno del primo anniversario degli attentati a Bruxelles. La minaccia degli attacchi terroristici è estremamente alta in Europa". Così il commissario Ue alla Sicurezza Julian King all'Eurocamera. "Quello di ieri è stato un attacco alla nostra democrazia e credo questo sia un sentimento condiviso in Europa - afferma -. Il loro obiettivo sono il nostro modo di vivere e i nostri valori, ma non li lasceremo vincere. Anche se non ci sarà mai sicurezza al 100% e zero rischio", verrà fatto di tutto per rafforzare la sicurezza.

16:20Attacco Londra: regina, ‘una terribile violenza’

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - La regina Elisabetta offre i suoi ''pensieri, preghiere e la più profonda solidarietà'' a quanti coinvolti dalla ''terribile violenza'' dell'attacco di Londra. E' il messaggio della sovrana diffuso da Buckingham Palace.

16:17Premi: l’ ‘Ischia’ sezione sport a Paolo Condò

(ANSA) - ROMA, 23 MAR -Il Premio Ischia 2017 sezione Sport è stato assegnato a Paolo Condo', di Sky Sport, giornalista triestino gia' inviato della Gazzetta dello Sport. Lo ha deciso la giuria composta dai direttori dei principali quotidiani e agenzie italiane e dai rappresentanti della stampa estera in Italia, riunitasi a Roma. La consegna dei premi è in programma il 30 giugno e il primo luglio ad Ischia e sarà preceduta da una serie di dibattiti, che vedranno come protagonisti giornalisti, politici, esperti in economia e politica estera. Il Premio Ischia è patrocinato tra gli altri dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Regione Campania

16:16Londra: romana ferita ha perso i sensi, ora sta meglio

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - La donna italiana rimasta ferita ieri durante l'attacco a Westminster è stata colpita dal paraurti dell'auto dell'attentatore ed ha perso conoscenza per una decina di minuti. Lo ha raccontato lei stessa all'ambasciatore Pasquale Terracciano che - secondo quanto appreso dall'ANSA - l'ha visitata in ospedale, dove stanotte la donna è stata operata per ridurre una frattura scomposta alla gamba. La donna, una turista romana, ha riportato anche una lesione a due vertebre cervicali e un trauma alla testa, senza conseguenze gravi.

16:15Trump: Obama difende Obamacare, ‘sanità diritto per tutti’

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - Con l'Obamacare si e' stabilito che ''la sanità non e' un privilegio per pochi, ma un diritto per tutti''. ''L'America e' piu' forte grazie all'Affordable Care Act''. Lo afferma l'ex presidente Barack Obama difendendo la riforma sanitaria che porta il suo nome, in occasione del settimo anniversario dell'Obamacare. Una difesa che arriva nel giorno in cui i repubblicani si apprestano a votare alla Camera una misura per abolirla e sostituirla: ogni cambio ''deve rendere il sistema sanitario migliore, non peggio. Questa e' la priorità''. ''Ho sempre detto che questa legge e' una base'' che puo' essere migliorata, mette in evidenza Obama. ''Se i repubblicani sono seri nel voler ridurre i costi e ampliare la copertura sanitaria e se sono pronti a lavorare con i democratici, allora le loro misure sono le benvenute. Ma dobbiamo partire dall'idea che ogni cambio deve rendere il sistema sanitario migliore non peggiore per gli americani. Questa e' la priorità''.

Archivio Ultima ora