Spari tribunale: Giardiello, pistola era lì da 3 mesi

(ANSA) – BRESCIA, 14 LUG – Claudio Giardiello, che il 9 aprile del 2015 a Milano uccise tre persone e ne ferì altre due, ha detto in aula che la pistola che usò “era da tre mesi in tribunale”. Giardiello lo ha detto in dichiarazioni spontanee prima che il gup di Brescia entrasse in camera di consiglio per emettere la sentenza con il rito abbreviato. Le dichiarazioni di Claudio Giardiello, secondo il quale la pistola usata per la strage in tribunale a Milano il 9 aprile dell’anno scorso si sarebbe trovata nell’edificio già da tre mesi, per i familiari della vittima sono “una confessione della premeditazione”, mentre potrebbero avere conseguenze sulla posizione di Roberto Piazza. Si tratta di una delle guardie giurate che, il 9 aprile del 2015, si trovava a controllare il varco dal quale Giardiello era passato. L’uomo è accusato di omicidio colposo per presunte negligenze durante i controlli.

Condividi: