L’esercito d’Israele dichiara guerra a Pokemon Go

(ANSA) – TEL AVIV, 14 LUG – Zahal, l’esercito israeliano, e’ in stato di guerra con la app ‘Pokemon Go’. Un ordine divulgato vieta in maniera tassativa ai militari di Israele di andare a caccia delle sue figurine virtuali mentre si trovano all’interno di basi dell’esercito. Il rischio, viene spiegato, e’ che le immagini riprese dai loro cellulari siano rilanciate e raggiungano occhi indiscreti. Ossia che dietro ai simpatici animaletti Pokemon siano visibili installazioni segrete di Israele. “Quel gioco – avverte severamente l’esercito – può essere utilizzato per raccogliere informazioni” utili all’intelligence. Già oggi, secondo Maariv, nelle basi più segrete di Israele è vietato fare un uso qualsiasi di apparecchi cellulari. I militari sono inoltre istruiti di restare il più possibile discreti quando aggiornano le proprie pagine di Facebook o sui social network. Il giornale fa notare che Pokemon Go è stato finora distribuito in pochi Paesi ed Israele non è fra questi.

Condividi: