Allarme dell’Istat, in povertà assoluta 4,6 milioni di italiani

Pubblicato il 14 luglio 2016 da redazione

Clochard nel centro cittadino a Napoli, 09 ottobre 2012.  ANSA/CIRO FUSCO

Clochard nel centro cittadino a Napoli, 09 ottobre 2012.
ANSA/CIRO FUSCO

CARACAS. – Mentre alla Camera è in discussione, in prima lettura, il disegno di legge delega con le misure per il contrasto alla povertà e il riordino delle prestazioni sociali un report dell’Istat certifica che circa quattro milioni e mezzo di persone in Italia vivono in condizioni di povertà assoluta.

Un record negativo che ha sollevato indignazione. Nel 2015 l’istituto di statistica stima che le famiglie in condizione di povertà assoluta siano pari a 1 milione e 582 mila e le persone a 4 milioni e 598 mila, il numero più alto dal 2005.

Il quadro che emerge dalle statistiche è poco confortante. L’incidenza della povertà assoluta si mantiene stabile negli ultimi tre anni per le famiglie, ma cresce se misurata in termini di persone: 7,6% della popolazione residente nel 2015, 6,8% nel 2014 e 7,3% nel 2013.

Questo andamento nel corso dell’ultimo anno si deve principalmente all’aumento della condizione di povertà assoluta tra le famiglie più numerose (per le coppie con 2 figli sale dal 5,9 del 2015 all’8,6%) e tra quelle di soli stranieri: si passa dal 23,4% del 2014 al 28,3% del 2015, con margini più accentuati al Nord (dal 24% al 32,1%. Segnali di peggioramento si registrano anche tra chi vive nelle aree metropolitane (sale dal 5,3% al 7,2%) e tra i 45-54enni.

La povertà assoluta invece diminuisce se aumenta l’età del capofamiglia (il valore minimo, 4%, nelle famiglie con un’ultra 64enne come riferimento) e il titolo di studio: se chi ha in mano i cordoni della borsa è almeno diplomato l’incidenza della povertà è poco più di un terzo di quella rilevata per chi ha al massimo la licenza elementare.

Si amplia l’incidenza della povertà assoluta se il capofamiglia è operaio mentre resta contenuta se la persona di riferimento è dirigente, quadro o impiegato.

A livello territoriale è il Mezzogiorno a registrare i valori più elevati di povertà assoluta.

L’Istat stima anche l’incidenza della povertà relativa che viene calcolata sulla base di una soglia convenzionale che individua la spesa per consumi al di sotto del quale una famiglia viene definiti povera in termini relativi: nel 2015 sono stimate in 2 milioni 678 mila le famiglie in condizione di povertà relativa per un totale di 8 milioni 307 mila persone.

L’intensità della povertà nel 2015 corrisponde a una spesa media equivalente delle famiglie pari a 808,36 euro mensili; nel 2014 era di 811,31 euro mensili. Nel Mezzogiorno, alla più ampia diffusione della povertà si associa la maggiore gravità del fenomeno: la spesa media mensile equivalente delle famiglie povere è pari a 785,75 euro, contro 804,23 euro rilevati nel 2014.

L’Unione nazionale dei consumatori parla di “vergogna nazionale” mentre Federconsumatori e Adusbef ricordano che il campanello d’allarme era già suonato: “dal 2008 a oggi le famiglie hanno ridotto i propri consumi, alimentari -11%, quelli relativi alle spese per la salute e per le cure -28,8%”.

Rispetto al 2014, secondo la Caritas, le persone in povertà assoluta nel 2015 sono quasi mezzo milione in più. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan rassicura che il Governo “è impegnato a migliorare le condizioni di vita dei cittadini”, anche attraverso la riduzione della pressione fiscale, “e a creare occupazione. L’occupazione è il primo strumento di contrasto delle diseguaglianze”.

Ultima ora

22:34Corea Sud, arrestata ex presidente Park per corruzione

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Si chiude la parabola discendente dell'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye. La donna, accusata di corruzione, è stata arrestata dopo che la Corte distrettuale centrale di Seul aveva dato il via libera al suo mandato di arresto. L'agenzia di stampa Yonhap ha aggiunto che la decisione della Corte è arrivata dopo un'audizione durata circa 9 ore. Il giudice Kang Bu-young ha riferito ai giornalisti di avere preso una decisione in tal senso in quanto c'è la preoccupazione che l'ex presidente possa distruggere le prove che potrebbero essere usate contro di lei nel futuro dibattimento. Park, 65 anni, era decaduta lo scorso 10 marzo, dopo che la Corte costituzionale aveva validato l'impeachment del 9 dicembre votato dal Parlamento. Tre giorni fa la procura aveva deciso di richiedere un mandato d'arresto, descrivendo "molto seri" gli addebiti, nei suoi confronti. E' accusata di aver agito in collaborazione con la 'sciamana' Choi, anch'essa arrestata, per estorcere donazioni alle società sudcoreane.

21:58Sperona auto ex e l’accoltella, fiaccolata a Borgo Vercelli

(ANSA) - VERCELLI, 30 MAR - Fiaccolata nel centro di Borgo Vercelli per Fiorilena Ronco, la donna accoltellata due giorni fa dall'ex marito. Centinaia i cittadini che partecipano alla manifestazione, nel centro della cittadina, organizzata dai compagni di scuola. "Un atto dovuto per la nostra Fiorilena - dice il sindaco Mario Demagistri - e per riaffermare la necessità di stare vicino alle vittime di violenza". Presente anche l'assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti. La piccola folla si è radunata davanti alla chiesa di Santa Caterina per poi passare in via Tavallini, dopo mercoledì l'ex marito della donna l'ha attesa fuori dal lavoro e l'ha aggredita dopo avere speronato l'auto con cui cercava di allontanarsi. L'uomo è stato arrestato. La donna è ricoverata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli in prognosi riservata.(ANSA).

21:52Calcio: Siviglia ufficializza ‘divorzio’ ds Monchi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Adesso c'è anche l'ufficialità: Ramón Rodríguez Verdejo, per tutti Monchi, lascia la direzione tecnica del Siviglia. Lo ha annunciato il club andaluso con una nota pubblicata sul sito. "Il Siviglia ha raggiunto un accordo con il direttore sportivo Monchi, poi ratificato dal Consiglio di amministrazione del club si è riunito oggi pomeriggio". Domani è in programma una conferenza stampa alle 12.30. Da trent'anni al Siviglia, prima come calciatore e poi come dirigente, Monchi è in predicato di passare alla Roma.

21:25Questore Napoli, nessun giudizio negativo sul Comune

(ANSA) - NAPOLI, 30 MAR - "Non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune consapevole delle difficoltà di amministrare una città complessa, anche dal punto di vista degli aspetti di criminalità ancora persistenti, e per la circostanza che per dieci anni sono stato assente dal territorio". Così il questore Antonio De Iesu. "In merito al colloquio tra il presidente della Regione On. De Luca e l'On. Impegno in un fuori onda desidero evidenziare che il contesto che ha caratterizzato l'incontro con il Governatore nel mio ufficio riguardava il sostegno espresso nei confronti delle forze di Polizia per i fatti dell'11 marzo a Fuorigrotta. A tal riguardo ho espresso il mio rammarico per la mancata solidarietà offerta dall'amministrazione comunale in favore dei 27 agenti delle forze dell'ordine coinvolti negli incidenti. Nel corso dell'incontro non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune".

20:39Pd: Marcucci, Renzi vince, chi lo insegue si dia pace

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Renzi è largamente in testa nelle preferenze dei militanti. Chi insegue a grande distanza se ne faccia una ragione, lavori per il proprio programma, senza denigrare. Allo stato attuale, Renzi è il candidato reputato più in grado di far vincere il Pd dagli iscritti che votano nei congressi". Così in una nota il senatore dem Andrea Marcucci replica ai sostenitori delle mozioni Orlando ed Emiliano.

20:37Turchia: scontri con feriti davanti consolato Bruxelles

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - Una serie di scontri tra pro-Erdogan e oppositori curdi sono avvenuti davanti al consolato turco a Bruxelles. Lo riferisce l'agenzia Belga, secondo cui si è sviluppata una rissa con diversi feriti. Non si sa ancora se ci siano stati fermi o arresti e quante persone siano state coinvolte. E' comunque stata aperta un'inchiesta.

20:33Calcio: Bari, audio presunta combine Trapani, club denuncia

(ANSA) - BARI, 30 MAR - Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro ha presentato una querela contro ignoti per calunnia e diffamazione in seguito alla diffusione in rete di un file audio di una persona non identificata che descriveva la partita Trapani-Bari (persa dai pugliesi 4-0 il 18 marzo scorso) come una gara combinata. L'audio ha poi generato forti polemiche sui forum del tifo biancorosso ed è stato commentato con durezza dal tecnico Stefano Colantuono: "Tutte invenzioni e cazz...". Alla denuncia è stato allegato il file audio in questione.

Archivio Ultima ora