Allarme dell’Istat, in povertà assoluta 4,6 milioni di italiani

Pubblicato il 14 luglio 2016 da redazione

Clochard nel centro cittadino a Napoli, 09 ottobre 2012.  ANSA/CIRO FUSCO

Clochard nel centro cittadino a Napoli, 09 ottobre 2012.
ANSA/CIRO FUSCO

CARACAS. – Mentre alla Camera è in discussione, in prima lettura, il disegno di legge delega con le misure per il contrasto alla povertà e il riordino delle prestazioni sociali un report dell’Istat certifica che circa quattro milioni e mezzo di persone in Italia vivono in condizioni di povertà assoluta.

Un record negativo che ha sollevato indignazione. Nel 2015 l’istituto di statistica stima che le famiglie in condizione di povertà assoluta siano pari a 1 milione e 582 mila e le persone a 4 milioni e 598 mila, il numero più alto dal 2005.

Il quadro che emerge dalle statistiche è poco confortante. L’incidenza della povertà assoluta si mantiene stabile negli ultimi tre anni per le famiglie, ma cresce se misurata in termini di persone: 7,6% della popolazione residente nel 2015, 6,8% nel 2014 e 7,3% nel 2013.

Questo andamento nel corso dell’ultimo anno si deve principalmente all’aumento della condizione di povertà assoluta tra le famiglie più numerose (per le coppie con 2 figli sale dal 5,9 del 2015 all’8,6%) e tra quelle di soli stranieri: si passa dal 23,4% del 2014 al 28,3% del 2015, con margini più accentuati al Nord (dal 24% al 32,1%. Segnali di peggioramento si registrano anche tra chi vive nelle aree metropolitane (sale dal 5,3% al 7,2%) e tra i 45-54enni.

La povertà assoluta invece diminuisce se aumenta l’età del capofamiglia (il valore minimo, 4%, nelle famiglie con un’ultra 64enne come riferimento) e il titolo di studio: se chi ha in mano i cordoni della borsa è almeno diplomato l’incidenza della povertà è poco più di un terzo di quella rilevata per chi ha al massimo la licenza elementare.

Si amplia l’incidenza della povertà assoluta se il capofamiglia è operaio mentre resta contenuta se la persona di riferimento è dirigente, quadro o impiegato.

A livello territoriale è il Mezzogiorno a registrare i valori più elevati di povertà assoluta.

L’Istat stima anche l’incidenza della povertà relativa che viene calcolata sulla base di una soglia convenzionale che individua la spesa per consumi al di sotto del quale una famiglia viene definiti povera in termini relativi: nel 2015 sono stimate in 2 milioni 678 mila le famiglie in condizione di povertà relativa per un totale di 8 milioni 307 mila persone.

L’intensità della povertà nel 2015 corrisponde a una spesa media equivalente delle famiglie pari a 808,36 euro mensili; nel 2014 era di 811,31 euro mensili. Nel Mezzogiorno, alla più ampia diffusione della povertà si associa la maggiore gravità del fenomeno: la spesa media mensile equivalente delle famiglie povere è pari a 785,75 euro, contro 804,23 euro rilevati nel 2014.

L’Unione nazionale dei consumatori parla di “vergogna nazionale” mentre Federconsumatori e Adusbef ricordano che il campanello d’allarme era già suonato: “dal 2008 a oggi le famiglie hanno ridotto i propri consumi, alimentari -11%, quelli relativi alle spese per la salute e per le cure -28,8%”.

Rispetto al 2014, secondo la Caritas, le persone in povertà assoluta nel 2015 sono quasi mezzo milione in più. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan rassicura che il Governo “è impegnato a migliorare le condizioni di vita dei cittadini”, anche attraverso la riduzione della pressione fiscale, “e a creare occupazione. L’occupazione è il primo strumento di contrasto delle diseguaglianze”.

Ultima ora

21:19Calcio: Lazio, domani visite mediche Felipe Caicedo

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Felipe Caicedo è sbarcato oggi a Roma e svolgerà le visite di idoneità domani mattina presso la clinica Paideia. L'attaccante proveniente dall'Espanyol, verrà tesserato dalla Lazio dopo l'ok dei medici, l'annuncio potrebbe arrivare già per la giornata di domani indipendentemente dalla situazione legata alle caselle degli extracomunitari, al momento occupate. Nei piani del club biancoceleste, la punta ecuadoriana dovrà ricoprire il ruolo di vice di Ciro Immobile. Intanto la Lazio è sbarcata oggi a Walchsee, in Austria, dove svolgerà la seconda parte di ritiro in vista della Supercoppa contro la Juventus.

21:13Calcio: Roma, Monchi ‘Mahrez? Valutiamo anche altri nomi’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Abbiamo presentato due offerte per Mahrez, la seconda la riteniamo giusta. Dopo questa ci siamo fermati e stiamo valutando altre opzioni". Quello di Monchi sembra essere un vero e proprio ultimatum al Leicester per l'attaccante algerino. "Percentuali? Non esiste un misuratore, la trattativa va in porto oppure no. Mahrez è un'opzione, non l'unica. Dopo l'ultima offerta stiamo virando su altre opzioni", ha proseguito il ds giallorosso in conferenza stampa di presentazione di Hector Moreno. Monchi ha anche fatto il punto su Manolas: "A oggi è un calciatore della Roma e credo che continuerà ad esserlo per molto tempo. Mi risulta che lui è contentissimo di essere alla Roma. Difensore centrale? Ad oggi la priorità è l'esterno destro".

21:10Lotta a degrado città, Venezia vieta bevute per strada

(ANSA) - VENEZIA, 28 LUG - Nuova crociata contro il degrado cittadino a Venezia, questa volta per evitare i sempre più frequenti episodi di disturbo e rischio per l'incolumità pubblica legati a chi si ubriaca per strada. Il sindaco Luigi Brugnaro, con un'ordinanza che si rifà al decreto Minniti sulla sicurezza, ha vietato l'assunzione di bevande alcoliche di qualsiasi genere al di fuori dei bar e dei locali pubblici (e relativi plateatici). Il divieto varrà nelle giornate di venerdì, sabato e domenica dei mesi di agosto, settembre e ottobre, dalle ore 18 fino alle 8 del giorno successivo. Si tratta di un provvedimento - spiega il Comune - dettato dai casi di gruppi di persone, anche molto giovani, arrivate già ubriache in alcuni locali pubblici, tanto da rendere necessario il ricorso a cure ospedaliere, o di veri e propri "tour alcolici" organizzati da chi giunge in città per eventi come come gli addii al celibato.

21:03Siccità: Regione-Governo, continua prelievo Bracciano

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Acea potrà continuare a prelevare acqua dal lago di Bracciano, anche se in forma ridotta, dai 900 litri al secondo di adesso a 400 litri. Lo ha deciso la Regione Lazio a seguito di una trattativa con il ministero dell'Ambiente. Lo ha annunciato oggi alla Camera il ministro, Gian Luca Galletti. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha annunciato che "oggi abbiamo emesso una nuova ordinanza che conferma il blocco delle captazioni dal Lago di Bracciano dal 1 settembre e introduce solo la possibilità di una captazione minima di 400 litri al secondo fino al 10 agosto e di 200 litri al secondo dal 11 agosto alla fine del mese".

21:02Caos Atac, tolte deleghe a dg. Rota, mi ero già dimesso

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Atac, di nuovo tutto da rifare. Ancora una volta l'azienda capitolina perde il suo dg che ieri aveva comunicato la disastrosa situazione dei conti di Atac "a un passo dal crac". Il manager milanese atteso come chi avrebbe potuto traghettare l'azienda di trasporti in acque più calme, se ne va. E non senza togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Manuel Fantasia, amministratore unico di Atac, ha ritirato oggi le deleghe al dg. Ma Rota lo corregge non senza una vena polemica: "Mi ero dimesso già una settimana fa". E, per l'ennesima volta, ricomincia il toto nomi. La palla passa adesso al Campidoglio che, a quanto si apprende, avrebbe già individuato il nuovo dg. In pole ci sarebbe Carlo Tosti, già ad di Atac sotto Alemanno. Cgil ricorda l'enorme "buco finanziario di Atac" e "la drammatica situazione delle infrastrutture e del parco mezzi". Ma "i dirigenti hanno avuto un benefit sostanzioso rispetto anche all'anno precedente.", spiega il segretario generale Filt Cgil Roma e Lazio Eugenio Stanziale.

20:45Sede Forza Nuova inaugurata accanto a monumento partigiani

(ANSA) - LA SPEZIA, 28 LUG - A La Spezia apre una sede di Forza Nuova nel quartiere simbolo della resistenza al nazifascismo, a pochi metri dal monumento ai caduti partigiani. Per questo oltre 300 persone stasera alla Chiappa, quartiere di La Spezia, hanno preso parte al presidio antifascista organizzato da oltre 40 tra partiti della sinistra e del centro sinistra, associazioni partigiane e culturali. "Il fascismo non sarà mai la risposta. Siamo qui per rilanciare un messaggio diverso che parla di apertura e allontanamento della paura" hanno detto gli organizzatori. Al presidio erano presenti rappresentanti di Pd, Rete a Sinistra-LiberaMente Liguria, Possibile, Rifondazione Comunista, Psi, Cgil, Cisl, Uil, Anpi, Aned. Il corteo antifascista non è stato autorizzato per ragioni di sicurezza. Una delegazione si è potuta avvicinare per portare un mazzo di fiori al monumento cantando Bella Ciao e urlando "viva i partigiani, viva la resistenza". Da lontano i militanti di Forza Nuova hanno risposto con altri cori.

20:42Calcio: Bernardeschi, insulti da parte società malsana

(ANSA) - TORINO, 28 LUG - "C'è una parte della società malsana che non voglio alimentare". Dal ritiro di Boston, Federico Bernardeschi commenta così, nella conferenza stampa trasmessa da Sky e Premium, gli striscioni di insulti contro di lui di una parte della tifoseria della Fiorentina. "Nel mondo di oggi viviamo situazioni particolari, come il tifoso sui social che augura la morte o brutti mali. Questa parte di società malsana non va alimentata. Ringrazio i tifosi che nonostante tutto mi hanno fatto gli auguri".

Archivio Ultima ora