La salma di Provenzano verrà cremata come chiedono i parenti

Pubblicato il 14 luglio 2016 da redazione

Bernardo Provenzano, il giorno della cattura (Ansa). Provenzano verrà cremato.

Bernardo Provenzano, il giorno della cattura (Ansa). Provenzano verrà cremato.

PALERMO. – Verrà cremata la salma del boss Bernardo Provenzano, morto a 83 anni nel reparto detenuti al 41 bis dell’ospedale San Paolo di Milano. I familiari hanno ottenuto il nullaosta alla restituzione del corpo dalla Procura che aveva disposto l’autopsia. L’esame, effettuato all’istituto di medicina legale, ha confermato che il padrino corleonese, ricoverato da mesi e malato ormai da 4 anni, è deceduto per cause naturali.

La moglie di Provenzano, Saveria Palazzolo, e i figli Angelo e Francesco Paolo hanno chiesto l’autorizzazione a cremare il loro congiunto. La cremazione verrà fatta nel capoluogo lombardo. Non è ancora noto quando le ceneri verranno portate per la tumulazione a Corleone, dove, ha reso noto il questore ieri, non si terranno funerali pubblici. Una scelta in linea con decisioni analoghe adottate in passato per altri capimafia.

E mentre i social si dividono sulla sorte delle spoglie del padrino condannato a decine di ergastoli per omicidi e stragi – alcuni arrivano a chiedere che ne sia impedita la sepoltura in Sicilia – l’arcivescovo di Monreale, diocesi a cui appartiene Corleone, ha annunciato che, prima della tumulazione nel cimitero del paese, si terrà una preghiera celebrata da un frate francescano.

“Verrà benedetto il feretro e ci sarà un momento di preghiera. – ha detto mons. Pennisi – Una preghiera non si può negare a nessuno”. “La mia decisione di vietare i funerali è legata alla ‘pubblicizzazione’ dell’evento, non certo al sacramento. – ha tenuto a precisare il questore di Palermo Guido Longo – Vietare le esequie in chiesa e il corteo funebre è appunto legato al carattere ‘pubblico’ della cerimonia, ma nessuno si sogna di impedire un momento di preghiera privato nel cimitero ai familiari”.

“Provenzano ha subito la giustizia umana. – ha spiegato monsignor Pennisi – Non so se in punto di morte o se prima, durante la detenzione, si sia confessato o si sia pentito davanti a Dio. In punto di morte tutti i peccati, però, possono essere perdonati dal confessore”.

“Nell’anno della misericordia – ha aggiunto facendo cenno alla scomunica papale dei mafiosi – tutti i sacerdoti possono assolvere dalla scomunica che non è una condanna all’inferno, ma una censura ecclesiastica: un modo per dire ‘stai attento'”.

Una posizione che non ha impedito, però al prelato di dichiarare che, dopo la morte di Provenzano, Corleone è più libera. “In paese – ha detto – ci sono mafiosi ma anche tanti cittadini onesti che non meritano di essere marchiati come mafiosi e si sentiranno più liberi. Il vento sta cambiando in tutta la Sicilia”.

Nel dibattito seguito alla morte del boss è intervenuta anche la sociologa Alessandra Dino. “L’ho trovato pieno di cliché vuoti – ha detto – di fronte alla voragine di menzogne ancora da chiarire. Mi sembra ci sia piuttosto la volontà da parte dello Stato di utilizzare l’icona Provenzano, come già accaduto al momento della sua cattura, per coprire tutta una serie di inadempienze.

Che oggi si faccia o no un funerale è irrilevante, e non condivido la posizione del sindaco di Corleone che ha visto la morte di Provenzano come una ‘liberazione’, perché un responsabile delle istituzioni deve mantenere la dimensione del diritto. Piuttosto questa morte mi sembra un’occasione mancata per fare chiarezza su altro, per affrontare i reali problemi legati al ruolo che il boss ha rivestito in passato, ci si è accaniti su una larva che ormai non era era capace di intendere e volere”.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

08:46Agguato all’alba in un pub a Napoli, ucciso 29enne

(ANSA) - NAPOLI, 27 MAG - Agguato all'alba in un pub di via Riviera di Chiaia a Napoli dove un uomo con il viso nascosto da un passamontagna è entrato nel locale e ha esploso alcuni colpi d'arma da fuoco contro Carmine Picale, 29 anni, già noto alle forze dell'ordine, ferendolo gravemente. L'uomo, di San Giorgio a Cremano (Napoli), è stato accompagnato da alcuni amici nell'ospedale Loreto Mare della città, dove è deceduto. Sull'accaduto sono in corso indagini dei carabinieri. (ANSA).

08:35Libia: assalto carcere Tripoli, giallo su prigionieri

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Una milizia armata fedele al governo di unione nazionale del premier Fayez al Sarraj (le brigate rivoluzionarie di Tripoli di Haitem Tajouri) ha assaltato ieri sera e preso il controllo del carcere di Al Hadaba, a Tripoli. Lo riferiscono i media libici. Nella struttura sono reclusi diversi esponenti dell'ex regime, compresi Saadi Gheddafi - figlio del defunto rais Muammar - e l'ex capo degli 007 Abdallah al Senoussi. Secondo diverse fonti, i prigionieri sono stati trasferiti in un "luogo sicuro".

08:32Mo: finito sciopero fame detenuti palestinesi

(ANSAmed) - TEL AVIV, 27 MAG - Dopo oltre 40 giorni e' terminato oggi lo sciopero della fame dei membri di al-Fatah detenuti in Israele indetto dal loro dirigente Marwan Barghouti. Lo rende noto il servizio carcerario israeliano. Secondo i media nella notte e' stato raggiunto un accordo fra Israele, Anp e la Croce rossa che prevede ''benefici di carattere umanitario'' per i palestinesi detenuti in Israele. Questo sviluppo e' giunto in concomitanza con l'inizio del digiuno del Ramadan.

06:53Usa: morto Brezinski, consigliere sicurezza di Jimmy Carter

WASHINGTON - E' morto Zbigniew Brzezinski, consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti durante la presidenza di Jimmy Carter. La notizia e' stata data dalla figlia Mika, conduttrice televisiva nel programma mattutino 'Morning Joe' dell'emittente MsNbc. Brzezinski aveva 89 anni.

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

Archivio Ultima ora