La salma di Provenzano verrà cremata come chiedono i parenti

Pubblicato il 14 luglio 2016 da redazione

Bernardo Provenzano, il giorno della cattura (Ansa). Provenzano verrà cremato.

Bernardo Provenzano, il giorno della cattura (Ansa). Provenzano verrà cremato.

PALERMO. – Verrà cremata la salma del boss Bernardo Provenzano, morto a 83 anni nel reparto detenuti al 41 bis dell’ospedale San Paolo di Milano. I familiari hanno ottenuto il nullaosta alla restituzione del corpo dalla Procura che aveva disposto l’autopsia. L’esame, effettuato all’istituto di medicina legale, ha confermato che il padrino corleonese, ricoverato da mesi e malato ormai da 4 anni, è deceduto per cause naturali.

La moglie di Provenzano, Saveria Palazzolo, e i figli Angelo e Francesco Paolo hanno chiesto l’autorizzazione a cremare il loro congiunto. La cremazione verrà fatta nel capoluogo lombardo. Non è ancora noto quando le ceneri verranno portate per la tumulazione a Corleone, dove, ha reso noto il questore ieri, non si terranno funerali pubblici. Una scelta in linea con decisioni analoghe adottate in passato per altri capimafia.

E mentre i social si dividono sulla sorte delle spoglie del padrino condannato a decine di ergastoli per omicidi e stragi – alcuni arrivano a chiedere che ne sia impedita la sepoltura in Sicilia – l’arcivescovo di Monreale, diocesi a cui appartiene Corleone, ha annunciato che, prima della tumulazione nel cimitero del paese, si terrà una preghiera celebrata da un frate francescano.

“Verrà benedetto il feretro e ci sarà un momento di preghiera. – ha detto mons. Pennisi – Una preghiera non si può negare a nessuno”. “La mia decisione di vietare i funerali è legata alla ‘pubblicizzazione’ dell’evento, non certo al sacramento. – ha tenuto a precisare il questore di Palermo Guido Longo – Vietare le esequie in chiesa e il corteo funebre è appunto legato al carattere ‘pubblico’ della cerimonia, ma nessuno si sogna di impedire un momento di preghiera privato nel cimitero ai familiari”.

“Provenzano ha subito la giustizia umana. – ha spiegato monsignor Pennisi – Non so se in punto di morte o se prima, durante la detenzione, si sia confessato o si sia pentito davanti a Dio. In punto di morte tutti i peccati, però, possono essere perdonati dal confessore”.

“Nell’anno della misericordia – ha aggiunto facendo cenno alla scomunica papale dei mafiosi – tutti i sacerdoti possono assolvere dalla scomunica che non è una condanna all’inferno, ma una censura ecclesiastica: un modo per dire ‘stai attento'”.

Una posizione che non ha impedito, però al prelato di dichiarare che, dopo la morte di Provenzano, Corleone è più libera. “In paese – ha detto – ci sono mafiosi ma anche tanti cittadini onesti che non meritano di essere marchiati come mafiosi e si sentiranno più liberi. Il vento sta cambiando in tutta la Sicilia”.

Nel dibattito seguito alla morte del boss è intervenuta anche la sociologa Alessandra Dino. “L’ho trovato pieno di cliché vuoti – ha detto – di fronte alla voragine di menzogne ancora da chiarire. Mi sembra ci sia piuttosto la volontà da parte dello Stato di utilizzare l’icona Provenzano, come già accaduto al momento della sua cattura, per coprire tutta una serie di inadempienze.

Che oggi si faccia o no un funerale è irrilevante, e non condivido la posizione del sindaco di Corleone che ha visto la morte di Provenzano come una ‘liberazione’, perché un responsabile delle istituzioni deve mantenere la dimensione del diritto. Piuttosto questa morte mi sembra un’occasione mancata per fare chiarezza su altro, per affrontare i reali problemi legati al ruolo che il boss ha rivestito in passato, ci si è accaniti su una larva che ormai non era era capace di intendere e volere”.

(di Lara Sirignano/ANSA)

Ultima ora

08:52Mo: tensione a Hebron, 100 coloni penetrano in palazzina

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 LUG - Atmosfera di tensione oggi nella citta' cisgiordana di Hebron, dopo che la scorsa notte un centinaio di coloni israeliani hanno fatto irruzione in una palazzina che e' stata al lungo al centro di un dibattito giudiziario per questioni di proprieta'. I coloni affermano di aver dimostrato di esserne adesso i proprietari legittimi, ma finora le autorita' militari avevano impedito loro di prenderne possesso. La scorsa notte i coloni hanno rotto gli indugi e sono entrati cogliendo di sorpresa le forze militari. Hanno annunciato che non usciranno spontaneamente.

08:39Gerusalemme: nuove misure di sicurezza Israele su Spianata

(ANSAmed) - TEL AVIV, 26 LUG - La rimozione dei metal detector dagli accessi alla Spianata delle moschee di Gerusalemme non e' bastata a riportare la calma. Ieri - su istruzione del Mufti di Gerusalemme, approvata a posteriori dal presidente Abu Mazen - i fedeli islamici si sono rifiutati di tornare sulla Spianata e in serata hanno dato vita ad aspri scontri con le forze di sicurezza dislocate alla Porta dei leoni, uno degli ingressi della Citta' vecchia. La radio militare ha riferito che di conseguenza il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha ordinato alla polizia - data la rimozione dei metal detector - di perquisire oggi ogni fedele islamico che si diriga verso la Spianata.

08:36Francia: incendi nel sud est, evacuate 10.000 persone

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Diecimila persone sono state evacuate durante la notte a causa di un nuovo incendio nel sud-est della Francia. Lo riportano i media francesi. Almeno 400 ettari di terreno sono stati bruciati a Bormes-les-Mimosas, nel dipartimento del Var, un'area molto frequentata in estate. Da tre giorni le fiamme stanno divorando migliaia di ettari di terreno lungo la costa mediterranea e in Corsica. Gli incendi sono arrivati fino alla zona del Golfo di Saint Tropez.

07:54Calcio: amichevoli, Roma vince 3-2 col Tottenham

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - La Roma vince 3-2 in amichevole col Tottenham negli Stati Uniti. I giallorossi passano in vantaggio al 13' con Perotti. Nella ripresa il raddoppio di Under (70'), poi nel finale gli inglesi pareggiano in pochi minuti con Winks (87') e Janssen (90'); il diciottenne Tumminello chiude le marcature.

07:51Attentati a Cc, arrestati due boss ‘ndrangheta e mafia

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 26 LUG - Un'operazione della Polizia, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, è in corso per l'esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti elementi di vertice della 'Ndrangheta e di Cosa nostra che, nel quadro di un'unica strategia mafiosa di attacco allo Stato negli anni '93 e '94, sono ritenuti tra i mandanti dei 3 attentati compiuti contro i Carabinieri di Reggio. Nel primo, il 18 gennaio 1994, morirono gli appuntati Antonino Fava e Giuseppe Garofalo; nel secondo, l'1 febbraio '94, furono feriti l'appuntato Bartolomeo Musicò ed il brigadiere Salvatore Serra mentre il 1 dicembre 1994 rimasero illesi il carabiniere Vincenzo Pasqua e l'appuntato Silvio Ricciardo. Sono in corso anche numerose perquisizioni in diverse regioni. Le operazioni sono eseguite dalla squadra mobile di Reggio Calabria, dal Servizio centrale antiterrorismo e dal Servizio centrale operativo della Polizia e partecipano anche i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria.

23:47Nuoto:Mondiali, Settebello ko con Croazia, niente semifinale

(ANSA) - ROMA, 25 LUG - Niente semifinale per il Settebello ai Mondiali di nuoto in corso a Budapest. Nei quarti di finale, gli azzurri sono stati sconfitti dalla Croazia 12-9 (3-2, 5-5, 8-6). Per i croati c'è adesso la Serbia, mentre l'altra semifinale sarà tra Grecia e Ungheria.

21:29Incendi: certo il dolo in roghi sud Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 25 LUG - Il Corpo Forestale della Sardegna ha già avviato le indagini per risalire ai responsabili degli incendi dolosi appiccati nel sud dell'Isola, nei territori di Quartu Sant'Elena e di Muravera. Nel pomeriggio di oggi la linea spegnimento dell'apparato antincendi regionale è stata infatti messa a dura prova dai due pericolosi eventi in concomitanza. Nel primo erano sei i punti-incendio dolosamente appiccati in rapida sequenza in agro di Quartu, località San Martino e Frapponti. Il secondo incendio è divampato nelle campagne di Muravera e ha proseguito velocemente in direzione del villaggio turistico di Santa Giusta sino a lambirne il perimetro. Il Corpo Forestale ha coordinato le operazioni di spegnimento operando su entrambi gli eventi con sette squadre dello stesso Corpo, sette dell'Agenzia Forestas e 13 di associazioni di volontariato. Assegnati sui due eventi tre elicotteri regionali, uno dell'esercito e un Canadair. Le forze statali competenti in materia di soccorso pubblico e pubblica sicurezza hanno curato l'evacuazione del villaggio turistico. Il sistema antincendi sta continuando a contrastare il fuoco e a monitorare l'insorgere di ulteriori roghi nelle zone delle operazioni. (ANSA).

Archivio Ultima ora