Scontro treni: Boccia, controllo telefonico anacronistico

(ANSA) – ROMA, 15 LUG – A partire da domani, dopo i funerali solenni delle vittime del disastro ferroviario che si terranno ad Andria, la politica ha il dovere di interrogarsi e di assumersi tutte le responsabilità del caso; le responsabilità morali sono tutte nostre. Per quale motivo su 6 mila km di binario unico gestiti dai concessionari regionali non è utilizzato il sistema di controllo marcia-treno (SCMT) e ci si affida ancora al controllo telefonico come ultimo filtro per autorizzare il passaggio di un treno, esattamente come 50 anni fa?”. Così Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera.

Condividi: