A Nizza un massacro che coinvolge anche tanti stranieri ed italiani

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

Authorities investigate a truck after it plowed through Bastille Day revelers in the French resort city of Nice, France, Thursday, July 14, 2016.  (Sasha Goldsmith via AP)

Authorities investigate a truck after it plowed through Bastille Day revelers in the French resort city of Nice, France, Thursday, July 14, 2016. (Sasha Goldsmith via AP)

PARIGI. – Almeno 84 morti, tra cui dieci bambini e adolescenti, e duecento feriti, di cui una cinquantina ancora in pericolo di vita: all’indomani della strage del 14 luglio sul lungomare di Nizza la Francia fa i conti con una delle più sanguinarie tragedie della sua storia dopo gli attentati parigini dello scorso 13 novembre allo Stade Saint-Denis e nei locali del centro di Parigi.

Un massacro che coinvolge anche tanti stranieri ed italiani. “I nemici colpiranno ancora ma non cederemo”, garantisce il presidente Francois Hollande, che è volato in quella che è una delle più importanti stazioni balneari di Francia, tra le principali mete turistiche del mondo, per solidarizzare con i superstiti e le forze dell’ordine.

Sul camion bianco della morte sono stati ritrovati i documenti dell’attentatore, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, franco-tunisino di 31 anni residente a Nizza, noto alla polizia per violenze e uso di armi, ma senza apparenti legami con il terrorismo. O almeno sconosciuto agli 007.

“E’ un terrorista indubbiamente legato all’Islam radicale”, ha detto infatti il premier Manuel Valls in diretta su France 2, mentre il Paese ha decretato tre giorni di lutto nazionale durante i quali le bandiere saranno listate a lutto e la Torre Eiffel verrà invece illuminata con il tricolore bianco rosso e blu della bandiera nazionale.

La Francia “vincerà la guerra” contro la barbarie, anche se ci saranno “altri attacchi” e “altre vittime innocenti”, ha avvertito il primo ministro socialista, mentre la parentesi di unità nazionale osservata dopo gli attentati di Charlie e del Bataclan sembra volare in frantumi, con l’opposizione partita all’attacco contro un governo accusato di “impotenza” davanti alla jihad.

Secondo il procuratore, Francois Molins, che è volato a Nizza per fare il punto della situazione, il bilancio delle vittime “è provvisorio” e “potrebbe essere rivisto al rialzo”. “Faremo di tutto per accelerare l’identificazione”, ha riferito.

Poco prima, il presidente aveva detto che tra le vittime ci sono anche “tanti stranieri”. Potrebbero esserci anche italiani. Fonti della Farnesina parlano al momento di tre connazionali feriti, di cui due gravi. Ma all’appello ne mancano ancora molti.

Nella sua dichiarazione Molins ha riferito che l’attentatore era “da solo” alla guida del “camion frigorifero” che ha falciato quasi un centinaio di persone. Per assistere ai fuochi d’artificio del 14 luglio sulla Promenade erano giunti in trentamila.

Alle 21.34, il killer, che aveva ottenuto da poco una patente per i mezzi pesanti, arriva in bici nel posteggio in cui aveva lasciato il tir da 19 tonnellate noleggiato pochi giorni prima, l’11 luglio, presso l’agenzia ‘Via Location’ di Saint-Laurent-du-Var.

Per l’uomo, sposato con tre figli, descritto come “instabile e depresso” dopo l’avvio della procedura di divorzio dalla moglie, è giunto il momento di avviare un’atroce missione di morte. Secondo la tv M6, una volta giunto sul lungomare, avrebbe beffato i servizi di sicurezza fingendosi un fornitore di gelati. Ma la notizia non trova conferme ufficiali nella ricostruzione della procura.

E’ l’inizio di una impietosa corsa di due chilometri durante la quale ha “schiacciato” e “massacrato”, con la ferma “volontà di uccidere” – sono le parole di Hollande – chiunque trovasse sul suo cammino. Il viaggio finisce davanti all’Hotel Negresco, quando tre agenti replicano al fuoco dell’autista-killer. L’uomo si sposta nel sedile del passeggero, poi viene ucciso dai colpi degli agenti.

Nel camion vengono trovate “una pistola automatica calibro 7.65, un caricatore, delle cartucce, una seconda pistola finta, due repliche fittizie di fucili d’assalto, un kalashnikov e un M16, un telefono cellulare, una granata e diversi documenti”.

Anche se non è stato ancora rivendicato, l’attentato di Nizza corrisponde esattamente agli appelli di omicidio delle organizzazioni terroristiche islamiche diffusi sulle loro riviste” e sui media, ha puntualizzato Molins.

Originario del nord-est della Tunisia, Mohamed Lahouaiej Bouhlel era noto alle autorità francesi “per minacce, violenze, furto ed era stato condannato il 24 marzo del 2016 ad una pena di 6 mesi di carcere per violenza volontaria commessa nel gennaio” dello stesso anno ma non fu mai segnalato per radicalizzazione.

Non era neanche schedato con la ‘S’, l’elenco della polizia transalpina che indica gli individui a rischio. Secondo alcune fonti di polizia del suo villaggio natale di Msaken, nel governatorato di Sousse, il padre sarebbe noto come estremista islamico ed iscritto al partito islamico Ennhadha. Il sindaco della città di Msaken si sarebbe recato questa mattina presso la casa di famiglia di Mohamed senza trovarvi nessuno.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

10:23G7: Donald Trump arriva con oltre mezz’ora di ritardo

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha raggiunto i colleghi del G7 e dei paesi africani al San Domenico Palace di Taormina con oltre mezz'ora di ritardo, nella seconda giornata di lavori. Gli altri leader erano già nella sala pronti a cominciare le discussioni.

10:19Truffavano antiquari e collezionisti, venti denunce

(ANSA) - TORINO, 27 MAG - Murate all'interno di una villa, nel Vercellese, c'erano opere pittoriche attribuite a Van Dyck e Guido Reni. A scoprirle sono stati i carabinieri del nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Torino, che hanno denunciato per truffa aggravata 20 persone. L'organizzazione criminale è stata sgominata nell'ambito delle attività che i militari del nucleo hanno effettuato nel 2016. E che hanno portato alla denuncia di 77 persone (+97,4% rispetto al 2015) e al sequestro di 3.470 beni antiquari, archivistici e librari (+28%). Tra questi ultimi anche un antico libro di preghiere, 'Modus Orandi Deum', acquistato via web da un professore di storia dell'arte dell'università svedese di Lunds. Il docente si è accorto che il libro aveva il timbro della Biblioteca Reale di Torino, da dove era stato rubato nel 2012. Le investigazioni hanno consentito di scoprire la filiera della provenienza del libro fino ad arrivare ad un noto antiquario di Torino. Nel suo magazzino sono stati trovati molti documenti provento di furto.(ANSA).

10:19G7: Gentiloni, serve una partnership forte con Africa

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - "Già Taormina e la Sicilia già dice quanto è importante per noi il rapporto con l'Africa, ci troviamo nel cuore del Mediterraneo e oggi la discussione con l'Africa si concentra sull'esigenza di partnership a tutto campo tra G7, organismi internazionali e paesi africani con l'obiettivo d'innovazione e sviluppo del capitale umano". Così il premier Paolo Gentiloni aprendo la sessione outreach con i paesi africani ospiti al vertice.

10:18Attentato incendiario contro sindaco sardo, bruciata auto

(ANSA) - CAGLIARI, 27 MAG - Ancora attentati e intimidazioni ai danni dei sindaci della Sardegna. Dopo la busta con quattro cartucce inviata ieri al primo cittadino di Siniscola (Nuoro), Gian Luigi Farris, durante la notte è stata presa di mira la sindaca di Villacidro, Marta Cabriolu, comune del Campidano. E' stata incendiata la sua auto, una Ford Fiesta, che era parcheggiata poco distante dall'abitazione. Il fatto alle 2:30 in via della Libertà. Le fiamme hanno avvolto il cofano e il vano motore. Alcuni vicini si sono accorti dell'incendio e hanno fatto scattare l'allarme e sono anche intervenuti per domare le fiamme. Sul posto sono giunti i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Villacidro e i vigili del fuoco di Sanluri. L'auto è stata gravemente danneggiata. I pompieri, a quanto pare, non avrebbero trovato evidenti tracce di acceleranti ma il rogo dell'auto, che è nuova, è di natura dolosa. I carabinieri, coordinati dal cap. Valerio Cadeddu,hanno avviato le indagini non semplici, nel paese non ci sono telecamere. (ANSA).

10:17G7: Gurria, Pil Italia accelera, fiduciosi su banche

(ANSA) - TAORMINA, 27 MAG - "C'è ripresa, c'è crescita positiva con un 2017 meglio del 2016, credo l'accordo con l'Ue su Mps sia vicino a conclusione e ora tocca alle venete". Lo dice in un'intervista all'ANSA Angel Gurrìa, segretario generale dell'Ocse, a margine del G7. "Credo che l'Italia vada nella giusta direzione, naturalmente c'è una questione politica sul quando avremo le prossime elezioni e naturalmente il risultato. Ma questa è una cosa che avviene in tutti i Paesi, non solo in Italia", aggiunge Gurria.(ANSA).

10:12Giro: 20/a tappa, da Pordenone a Asiago, 190 km

(ANSA) - PORDENONE, 26 MAG - La 20/a e penultima tappa del 100/o Giro d'Italia, in programma oggi, si disputa tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto, dalla provincia di Pordenone, a quelle di Treviso, Belluno e Vicenza, su un percorso di 190 km. E sarà molto probabilmente la gara decisiva di questo Giro, che da ieri vede al comando della classifica generale il colombiano Nairo Quintana. Ma Dumoulin, Nibali e Pinot sono a una manciata di secondi. Il via da Pordenone; l'arrivo ad Asiago. Percorso in pianura per un centinaio di km. Poi la salita del Montegrappa, lunga 24,2 km, con un dislivello di 1.287 metri, una pendenza media del 5,3 %, massima dell'11. La discesa è molto lunga e impegnativa (26 km), con numerosi tornanti su strada di media larghezza. Si affronterà quindi l'ultima salita a Foza dove. E' una salita lunga 14 km, con un dislivello di 937 metri, una pendenza media del 6,7 %, massima dell'11. I corridori arriveranno a quota 1.086, prima della discesa con diversi tornanti.

09:55Basket: playoff, Venezia-Avellino 73-80

(ANSA) - VENEZIA, 26 MAG - Reyer Venezia sconfitta in casa da Avellino 73-80 (21-21, 32-32, 49-55) in gara-1 delle semifinali scudetto della serie A di basket. Il segreto della squadra di Sacripanti sono le individualità, con Ragland (miglior realizzatore con 20 punti) ben affiancato da Randolph, 13 punti, buona parte dei quali nel terzo quarto, in cui Avellino ha incanalato il match dopo un primo tempo in sostanziale equilibrio, con nessuna delle due squadre capace di scavare un solco maggiore ai quattro punti. Ma anche i lunghi hanno fatto sentire il loro peso: Avellino ha dominato a rimbalzo (33 a 24). E vanno segnalati anche i sei recuperi di Green, importantissimo nella fase in cui, in avvio di ultimo periodo, Avellino ha portato il vantaggio in doppia cifra. L'unico di Venezia ad esprimersi sui suoi livelli è stato Peric (18 punti), con qualche fiammata di Tonut. McGee e Bramos, mentre sono mancati i punti di Haynes (fermo ad 8). Si torna in campo domenica, di nuovo al Taliercio.

Archivio Ultima ora