A Nizza un massacro che coinvolge anche tanti stranieri ed italiani

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

Authorities investigate a truck after it plowed through Bastille Day revelers in the French resort city of Nice, France, Thursday, July 14, 2016.  (Sasha Goldsmith via AP)

Authorities investigate a truck after it plowed through Bastille Day revelers in the French resort city of Nice, France, Thursday, July 14, 2016. (Sasha Goldsmith via AP)

PARIGI. – Almeno 84 morti, tra cui dieci bambini e adolescenti, e duecento feriti, di cui una cinquantina ancora in pericolo di vita: all’indomani della strage del 14 luglio sul lungomare di Nizza la Francia fa i conti con una delle più sanguinarie tragedie della sua storia dopo gli attentati parigini dello scorso 13 novembre allo Stade Saint-Denis e nei locali del centro di Parigi.

Un massacro che coinvolge anche tanti stranieri ed italiani. “I nemici colpiranno ancora ma non cederemo”, garantisce il presidente Francois Hollande, che è volato in quella che è una delle più importanti stazioni balneari di Francia, tra le principali mete turistiche del mondo, per solidarizzare con i superstiti e le forze dell’ordine.

Sul camion bianco della morte sono stati ritrovati i documenti dell’attentatore, Mohamed Lahouaiej Bouhlel, franco-tunisino di 31 anni residente a Nizza, noto alla polizia per violenze e uso di armi, ma senza apparenti legami con il terrorismo. O almeno sconosciuto agli 007.

“E’ un terrorista indubbiamente legato all’Islam radicale”, ha detto infatti il premier Manuel Valls in diretta su France 2, mentre il Paese ha decretato tre giorni di lutto nazionale durante i quali le bandiere saranno listate a lutto e la Torre Eiffel verrà invece illuminata con il tricolore bianco rosso e blu della bandiera nazionale.

La Francia “vincerà la guerra” contro la barbarie, anche se ci saranno “altri attacchi” e “altre vittime innocenti”, ha avvertito il primo ministro socialista, mentre la parentesi di unità nazionale osservata dopo gli attentati di Charlie e del Bataclan sembra volare in frantumi, con l’opposizione partita all’attacco contro un governo accusato di “impotenza” davanti alla jihad.

Secondo il procuratore, Francois Molins, che è volato a Nizza per fare il punto della situazione, il bilancio delle vittime “è provvisorio” e “potrebbe essere rivisto al rialzo”. “Faremo di tutto per accelerare l’identificazione”, ha riferito.

Poco prima, il presidente aveva detto che tra le vittime ci sono anche “tanti stranieri”. Potrebbero esserci anche italiani. Fonti della Farnesina parlano al momento di tre connazionali feriti, di cui due gravi. Ma all’appello ne mancano ancora molti.

Nella sua dichiarazione Molins ha riferito che l’attentatore era “da solo” alla guida del “camion frigorifero” che ha falciato quasi un centinaio di persone. Per assistere ai fuochi d’artificio del 14 luglio sulla Promenade erano giunti in trentamila.

Alle 21.34, il killer, che aveva ottenuto da poco una patente per i mezzi pesanti, arriva in bici nel posteggio in cui aveva lasciato il tir da 19 tonnellate noleggiato pochi giorni prima, l’11 luglio, presso l’agenzia ‘Via Location’ di Saint-Laurent-du-Var.

Per l’uomo, sposato con tre figli, descritto come “instabile e depresso” dopo l’avvio della procedura di divorzio dalla moglie, è giunto il momento di avviare un’atroce missione di morte. Secondo la tv M6, una volta giunto sul lungomare, avrebbe beffato i servizi di sicurezza fingendosi un fornitore di gelati. Ma la notizia non trova conferme ufficiali nella ricostruzione della procura.

E’ l’inizio di una impietosa corsa di due chilometri durante la quale ha “schiacciato” e “massacrato”, con la ferma “volontà di uccidere” – sono le parole di Hollande – chiunque trovasse sul suo cammino. Il viaggio finisce davanti all’Hotel Negresco, quando tre agenti replicano al fuoco dell’autista-killer. L’uomo si sposta nel sedile del passeggero, poi viene ucciso dai colpi degli agenti.

Nel camion vengono trovate “una pistola automatica calibro 7.65, un caricatore, delle cartucce, una seconda pistola finta, due repliche fittizie di fucili d’assalto, un kalashnikov e un M16, un telefono cellulare, una granata e diversi documenti”.

Anche se non è stato ancora rivendicato, l’attentato di Nizza corrisponde esattamente agli appelli di omicidio delle organizzazioni terroristiche islamiche diffusi sulle loro riviste” e sui media, ha puntualizzato Molins.

Originario del nord-est della Tunisia, Mohamed Lahouaiej Bouhlel era noto alle autorità francesi “per minacce, violenze, furto ed era stato condannato il 24 marzo del 2016 ad una pena di 6 mesi di carcere per violenza volontaria commessa nel gennaio” dello stesso anno ma non fu mai segnalato per radicalizzazione.

Non era neanche schedato con la ‘S’, l’elenco della polizia transalpina che indica gli individui a rischio. Secondo alcune fonti di polizia del suo villaggio natale di Msaken, nel governatorato di Sousse, il padre sarebbe noto come estremista islamico ed iscritto al partito islamico Ennhadha. Il sindaco della città di Msaken si sarebbe recato questa mattina presso la casa di famiglia di Mohamed senza trovarvi nessuno.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

11:03Calcio:Paolo Rossi, questa Nazionale nata sotto buona stella

(ANSA) - ROMA, 27 MAR - ''Questa Italia nasce benissimo, questa è una generazione fortunata e abbastanza prolifica abbiamo tanti giovani già giocatori''. Parola di Paolo Rossi che promuove a pieni voti la Nazionale guidata da Giampiero Ventura che domani affronterà l'Olanda in amichevole. ''Abbiamo bisogno di rodaggio ma c'e' un anno di tempo prima del Mondiale. Secondo me questa Nazionale nasce sotto una buona stella''. Il campione del mondo del 1982 in Spagna dice la sua sul bomber azzurro Belotti: ''ha qualità che si avvicinano a tanti calciatori, per definirlo bisognerebbe fare - aggiunge Paolo Rossi - un bel mix, da Vieri a Graziani, ha forza fisica e senso del gol, è un attaccante davvero molto interessante''.

10:44Assalti ai tir: arresti, recuperata refurtiva mezzo mln euro

(ANSA) - BARI, 27 MAR - Rapinavano i conducenti dei tir che, sotto la minaccia delle armi, venivano rapiti per poi essere rilasciati nelle campagne solo quando l'autoarticolato veniva completamente svuotato della merce: era questo il modo di 'operare' del gruppo di malfattori bloccato oggi dai Carabinieri che stanno eseguendo arresti a Bari e zone limitrofe. Le indagini, condotte dalla Compagnia di Modugno e coordinate dalla Procura della Repubblica di Bari, hanno interessato il capoluogo pugliese a seguito della escalation di furti e rapine ai danni di autotrasportatori. Dalle prime luci dell'alba, circa 100 Carabinieri, con l'ausilio di un elicottero e di unità cinofile, stanno eseguendo numerosi provvedimenti cautelari a carico degli indagati. Le indagini, avviate a marzo del 2015, si sono concluse con il recupero di ingente quantitativo di merce rubata e rapinata, per oltre mezzo milione di euro. Sono in corso perquisizioni a tappeto.

10:32Terremoto: semina Castelluccio, ancora proteste agricoltori

(ANSA) - PERUGIA, 27 MAR - La semina a Castelluccio di Norcia è di nuovo a rischio e gli agricoltori proseguono la loro protesta: stamani c'è un presidio di trattori in un'area della zona industriale di Norcia. "I problemi legati a viabilità, permanenza a Castelluccio e sicurezza sanitaria non sono stati risolti: prima di trasferire i mezzi in quel borgo, vogliamo certezze", spiega Gianni Coccia, portavoce degli agricoltori di Castelluccio. "Abbiamo fatto il percorso della provinciale con le auto - spiega Coccia - è possibile salire e scendere senza grandi problemi, usando cautela". "Sono strade impossibili da percorrere ogni giorno, alcuni tratti fanno paura", dice invece il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. Per gli agricoltori, "va bene portare i trattori attraverso la galleria di Forca Canapine e va bene che l'Esercito ci trasferisca le seminatrici e le sementi: poi è impensabile che per due mesi percorriamo ogni giorno 180 chilometri per salire e scendere da Castelluccio, passando per Pretare", aggiunge Coccia, per il quale la soluzione è passare per la provinciale 477, oppure attraverso la galleria. "Il piano individuato - ribatte il sindaco - oggi è l'unico attuabile: se per gli agricoltori è inaccettabile vorrà dire che non si seminerà la lenticchia". Ma gli agricoltori evidenziano pure come "al momento le due strutture ricettive agibili di Castelluccio non sono state ancora riattivate e quindi non avremmo nemmeno la possibilità di trascorrere la notte sul posto". "Il giorno in cui gli agricoltori decideranno di salire troveranno tutto il necessario, dai rifornimenti di carburante al presidio sanitario", dice Alemanno, "amareggiato dall'atteggiamento degli abitanti di Castelluccio: siamo ancora in una fase di totale emergenza e alcune cose oggi si possono fare solo con la collaborazione e con lo spirito di sacrificio di tutti". (ANSA).

10:12Truffe: indennità Inps a lavoratori inesistenti, denuncia

(ANSA) - ROSSANO (COSENZA), 27 MAR - Un ex funzionario pubblico era riuscito ad ottenere false attribuzioni di codice fiscale in modo da poter presentare all'Inps domande per il riconoscimento e l'erogazione delle indennità di disoccupazione, malattia e maternità da parte di presunti lavoratori. La truffa è stata scoperta a Rossano dalla Guardia di finanza che ha denunciato una persona anche per falso materiale in atti amministrativi e falso ideologico in atto pubblico. I finanzieri, coordinati dalla Procura di Castrovillari, hanno scoperto che i soggetti richiedenti erano anagraficamente inesistenti. E' venuto alla luce, infatti, che l'attribuzione dei falsi codici fiscali era opera dell'ex funzionario pubblico, il quale seguiva personalmente l'iter delle assegnazioni, mettendo in atto artifizi e raggiri. L'intervento ha permesso il blocco dell'erogazione delle indennità e l'avvio del recupero delle somme già erogate che si aggirano intorno ai 50 mila euro.(ANSA).

10:02Detenuto tenta suicidio in carcere Tolmezzo, salvato

(ANSA) - TRIESTE, 27 MAR - Un detenuto di origini calabresi da poco sottoposto al regime penitenziario del 41bis ha tentato di uccidersi nella sua cella del carcere di Tolmezzo (Udine) ed è stato salvato dall'intervento degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio nel penitenziario. Lo rende noto il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria (Sappe). "Negli ultimi 20 anni - sottolinea Donato Capece, segretario generale del Sappe - le donne e gli uomini della Polizia Penitenziaria hanno sventato, nelle carceri del Paese, più di 21mila tentati suicidi e impedito che quasi 168mila atti di autolesionismo potessero avere nefaste conseguenze. Il dato oggettivo è che la situazione nelle carceri resta allarmante. Altro che emergenza superata! Contiamo ogni giorno gravi eventi critici nelle carceri italiane, episodi che vengono incomprensibilmente sottovalutati dall'Amministrazione Penitenziaria. Ogni 9 giorni un detenuto si uccide in cella mentre ogni 24 ore ci sono in media 23 atti di autolesionismo e 3 suicidi in cella sventati".

08:05India: autobus precipita in fiume nel nord, almeno 10 morti

(ANSA) - NEW DELHI, 27 MAR - Un autobus per il trasporto di passeggeri è caduto oggi in un fiume nell'India nord-orientale causando la morte di almeno dieci persone ed il ferimento di altre 24. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. L'incidente, si è appreso, è avvenuto per cause ancora da chiarire alle 3.30 locali (la mezzanotte italiana) nel distretto di Senapati dello Stato di Manipur quando il veicolo si dirigeva verso la capitale statale Imphal. Secondo i soccorritori il bilancio delle vittime aumenterà perchè molti dei feriti sono in condizioni gravi.

05:38Corea Sud: procura vuole arresto ex presidente Park

(ANSA) - PECHINO, 27 MAR - La procura sudcoreana chiederà un mandato di cattura per l'ex presidente della Repubblica Park Geun-hye, decaduta il 10 marzo dopo che la Corte costituzionale ha validato la procedura di impeachment approvata il 9 dicembre dal parlamento. Lo riporta l'agenzia Yonhap, ricordando che Park è coinvolta nello scandalo per abuso di potere e corruzione che ha portato all'arresto la sua confidente e "sciamana" Choi Soon-sil.

Archivio Ultima ora