Trump all’attacco in Usa, stretta alle nostre frontiere

Pubblicato il 15 luglio 2016 da ansa

Trump ha scelto il vice: è il governatore dell'Indiana Mike Pence

Trump ha scelto il vice: è il governatore dell’Indiana Mike Pence

WASHINGTON. – L’orrore dell’attacco a Nizza arriva negli Stati Uniti nel clima infuocato di una campagna elettorale più che mai polarizzata con i fronti opposti che si sfidano anche sul tema della risposta alla minaccia terroristica.

Così le reazioni alla scia di sangue che non si ferma sono immediate, con il candidato Donald Trump che parte all’attacco del fronte democratico, punta ancora una volta il dito contro il presidente Barack Obama e invoca una stretta per i controlli alle frontiere.

Ma è poi il repubblicano Newt Gingrich a offrire una sponda più dura e risoluta con la proposta shock di sottoporre ad un ‘test’ tutti i musulmani negli Stati Uniti ed espellere tutti coloro che risultano seguaci della sharia, la legge islamica.

Gli Stati Uniti “dovrebbero francamente controllare il background di ogni residente di origini musulmane e deportare chi crede nella sharia” ha detto il repubblicano ex speaker della camera, che per giorni era stato segnalato tra i papabili candidati alla vicepresidenza nel ticket con Trump prima che il tycoon confermasse di aver scelto il governatore dell’Indiana Mike Pence.

La sharia, ha insistito Gingrich “è incompatibile con la civiltà occidentale” e a suo avviso l’attacco di Nizza rappresenta “l’incapacità delle classi dirigenti occidentali, che non hanno il fegato di fare ciò che è giusto, ciò che è necessario, e di dirci la verità, a cominciare da Barack Obama”.

Obama è stato il primo bersaglio anche di Trump: “Se (a Nizza) risulta essere terrorismo islamico, il presidente Barack Obama deve dirlo”, ha detto in un’intervista a Fox News tornando sulla polemica in cui il candidato accusa il presidente Obama di non voler riconoscere il terrorismo di natura estremista islamica.

“Stiamo tentando di essere talmente corretti politicamente da commettere grossi errori”, ha aggiunto. E sono ancora una volta i due fronti che si scontrano, come già accaduto in questa lunga stagione elettorale scandita dal sangue, in Europa – con gli attacchi a Bruxelles e in Francia colpita dal terrorismo tre volte in 18 mesi – e negli Stati Uniti, che dopo San Bernardino e Orlando vedono crescere la paura per i ‘lupi solitari’ radicalizzati ‘in casa’ e che riempiono il vuoto del loro personale disagio con la propaganda estremista.

Ne è consapevole anche la candidata democratica Hillary Clinton che pure reagisce con tempestività, ribadendo però la sua ‘visione’ contrapposta a Trump nel sottolineare che “bisogna restare affianco ai nostri alleati, non dobbiamo abbandonarli, e dobbiamo rafforzare le nostre alleanze, compresa la Nato”.

E’ lo scontro che corre sottopelle e surclassato in queste ore soltanto dalla conferma della scelta di Mike Pence come candidato vicepresidente in ticket con Trump. Dopo i fatti di Nizza il candidato repubblicano aveva cancellato la conferenza stampa in cui era attesa l’ufficializzazione del ‘compagno di corsa’.

Non ha tuttavia resistito e ha comunicato via twitter di aver preso la sua decisione. Ed è subito comparso anche il logo che sugella il patto della nuova (e anche per certi versi anomala) coppia della politica americana che farà domani la sua prima uscita pubblica.

Intanto arriva però il plauso dei repubblicani, anche quelli che a Trump non hanno mai concesso piena fiducia. Si congratula Marco Rubio, plaude lo speaker della Camera Paul Ryan che apprezza i valori conservaori di Pence, grazie al quale sembra proprio ‘pace fatta’ fra Trump e il Grand Old Party, alla vigilia della convention che lo incoronerà.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

14:28Rissa dopo sconfitta a calcetto, denunciata intera squadra

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Una serata di sport, e di svago, è finita a botte, con i carabinieri costretti a intervenire in un centro sportivo di Venaria Reale, nel Torinese, per sedare una rissa. Denunciata una intera squadra di calcetto, cinque persone tra i 18 e i 52 anni che, sconfitti 14-0 sul campo, hanno pensato bene di vendicarsi aggredendo gli avversari negli spogliatoi. Tre le persone costrette a farsi medicare per le ferite, con prognosi tra gli otto e i dieci giorni. Per i calciatori violenti è scattata la denuncia per lesioni personali aggravate in concorso. Tre di loro hanno alcuni precedenti penali.(ANSA).

14:28Referendum: Martina, oggi astensione consapevole

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - "Oggi astensione consapevole al #referendumlombardia. Si è sprecato tempo e denaro per un quesito inutile": lo scrive questa mattina in un tweet Maurizio Martina, ministro delle Politiche agricole e vicesegretario del Partito Democratico.

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

Archivio Ultima ora