Trump all’attacco in Usa, stretta alle nostre frontiere

Pubblicato il 15 luglio 2016 da ansa

Trump ha scelto il vice: è il governatore dell'Indiana Mike Pence

Trump ha scelto il vice: è il governatore dell’Indiana Mike Pence

WASHINGTON. – L’orrore dell’attacco a Nizza arriva negli Stati Uniti nel clima infuocato di una campagna elettorale più che mai polarizzata con i fronti opposti che si sfidano anche sul tema della risposta alla minaccia terroristica.

Così le reazioni alla scia di sangue che non si ferma sono immediate, con il candidato Donald Trump che parte all’attacco del fronte democratico, punta ancora una volta il dito contro il presidente Barack Obama e invoca una stretta per i controlli alle frontiere.

Ma è poi il repubblicano Newt Gingrich a offrire una sponda più dura e risoluta con la proposta shock di sottoporre ad un ‘test’ tutti i musulmani negli Stati Uniti ed espellere tutti coloro che risultano seguaci della sharia, la legge islamica.

Gli Stati Uniti “dovrebbero francamente controllare il background di ogni residente di origini musulmane e deportare chi crede nella sharia” ha detto il repubblicano ex speaker della camera, che per giorni era stato segnalato tra i papabili candidati alla vicepresidenza nel ticket con Trump prima che il tycoon confermasse di aver scelto il governatore dell’Indiana Mike Pence.

La sharia, ha insistito Gingrich “è incompatibile con la civiltà occidentale” e a suo avviso l’attacco di Nizza rappresenta “l’incapacità delle classi dirigenti occidentali, che non hanno il fegato di fare ciò che è giusto, ciò che è necessario, e di dirci la verità, a cominciare da Barack Obama”.

Obama è stato il primo bersaglio anche di Trump: “Se (a Nizza) risulta essere terrorismo islamico, il presidente Barack Obama deve dirlo”, ha detto in un’intervista a Fox News tornando sulla polemica in cui il candidato accusa il presidente Obama di non voler riconoscere il terrorismo di natura estremista islamica.

“Stiamo tentando di essere talmente corretti politicamente da commettere grossi errori”, ha aggiunto. E sono ancora una volta i due fronti che si scontrano, come già accaduto in questa lunga stagione elettorale scandita dal sangue, in Europa – con gli attacchi a Bruxelles e in Francia colpita dal terrorismo tre volte in 18 mesi – e negli Stati Uniti, che dopo San Bernardino e Orlando vedono crescere la paura per i ‘lupi solitari’ radicalizzati ‘in casa’ e che riempiono il vuoto del loro personale disagio con la propaganda estremista.

Ne è consapevole anche la candidata democratica Hillary Clinton che pure reagisce con tempestività, ribadendo però la sua ‘visione’ contrapposta a Trump nel sottolineare che “bisogna restare affianco ai nostri alleati, non dobbiamo abbandonarli, e dobbiamo rafforzare le nostre alleanze, compresa la Nato”.

E’ lo scontro che corre sottopelle e surclassato in queste ore soltanto dalla conferma della scelta di Mike Pence come candidato vicepresidente in ticket con Trump. Dopo i fatti di Nizza il candidato repubblicano aveva cancellato la conferenza stampa in cui era attesa l’ufficializzazione del ‘compagno di corsa’.

Non ha tuttavia resistito e ha comunicato via twitter di aver preso la sua decisione. Ed è subito comparso anche il logo che sugella il patto della nuova (e anche per certi versi anomala) coppia della politica americana che farà domani la sua prima uscita pubblica.

Intanto arriva però il plauso dei repubblicani, anche quelli che a Trump non hanno mai concesso piena fiducia. Si congratula Marco Rubio, plaude lo speaker della Camera Paul Ryan che apprezza i valori conservaori di Pence, grazie al quale sembra proprio ‘pace fatta’ fra Trump e il Grand Old Party, alla vigilia della convention che lo incoronerà.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora