Fallito il golpe in Turchia, Erdogan torna a Istanbul

Pubblicato il 15 luglio 2016 da ansa

People gather at a pro-government rally in central Istanbul's Taksim square, Saturday, July 16, 2016. (ANSA/AP Photo/Emrah Gurel)

People gather at a pro-government rally in central Istanbul’s Taksim square, Saturday, July 16, 2016. (ANSA/AP Photo/Emrah Gurel)

ROMA. – Violento capovolgimento della situazione in poche ore in Turchia, dove il colpo di stato di militari contro Erdogan è fallito: lo hanno affermato prima i servizi di intelligence turchi poi il ministro degli Interni e il primo ministro, che hanno fatto sapere anche che la polizia, fedele al presidente-sultano islamico, ha arrestato i militari golpisti, che poche ore prima avevano dichiarato vittoria, seppure solo a Istanbul e ad Ankara, affermando di aver “ripristinato” la normalità.

Il tutto mentre il presidente, in fuga su un aereo privato dal quale avrebbe chiesto asilo – negato – alla Germania e forse anche alla Gran Bretagna quando la situazione era ancora incerta, è riatterrato a Istanbul, accolto da una folla festante di suoi sostenitori.

Il golpe è stato sventato, ha annunciato Erdogan in tv, promettendo che i congiurati “pagheranno duramente” per aver “attentato all’unità e alla sovranità nazionale”. Sul terreno, mentre le tv ritrasmettono in tutto il mondo immagini di dimostranti filo-Erdogan che a Istanbul affrontano in modo non violento i carri armati, si ha notizia di una bomba contro il palazzo del parlamento nazionale ad Ankara, di almeno 17 poliziotti uccisi in scontri armati e di un elicottero abbattuto da un jet.

Un’altalena che nel giro di un’ora e mezza circa ha visto i militari golpisti dichiarare la vittoria, la presa del potere, per ripristinare la laicità dello stato, la democrazia, il rispetto dei diritti umani e la libertà. Una dichiarazione che sembrava aver messo fine anche alla resistenza del governo, che annunciava già mezz’ora dopo il fallimento del putsch, attribuito a un gruppo interno alle forze armate.

Sembrava che i militari, benché epurati in 16 anni di governo del partito islamico Akp, avessero ripreso il potere per rimettere la barra del timone al centro per la terza volta in meno di 60 anni. Tutti gli obiettivi strategici erano caduti uno dopo l’altro: carri armati attorno al Parlamento ad Ankara e all’aeroporto Ataturk di Istanbul e il conseguente blocco di tutti i voli; tutti i social network e le comunicazioni fuori dai media ufficiali bloccati, con la conseguente difficoltà a reperire informazioni.

L’esercito aveva poi imposto il coprifuoco e la legge marziale e, secondo vari media, preso in ostaggio il capo di Stato maggiore delle forze armate, imposto da Erdogan. Il presidente Erdogan, che al momento del putsch era in vacanza al mare a Marmaris, si era rifatto vivo dopo circa due ore con un messaggio lanciato ai suoi sostenitori e a tutto il Paese attraverso uno smartphone via FaceTime esortando alla ribellione:

“Sono ancora io il presidente, resistete”, aveva detto, apparendo da una località sconosciuta con un’anonima tenda verde alle sue spalle. Erdogan ha promesso che i ‘traditori’ pagheranno un prezzo salatissimo per la loro azione.

Poi alcune fonti militari Usa hanno diffuso la notizia che il presidente-sultano era in fuga su un volo privato diretto prima in Germania, che gli avrebbe negato l’atterraggio, poi verso Londra, in attesa di un’autorizzazione all’atterraggio.

Smentita da Palazzo Chigi invece l’indiscrezione che voleva che fosse diretto verso Ciampino.

All’inizio sembrava sporadica e timida la reazione ai militari golpisti, con una folla di manifestanti dispersa dai soldati sparando in aria su un ponte sul Bosforo. Poi la protesta è andata crescendo, sotto l’occhio globale delle telecamere, fino a quando si è trasformata in festa.

Le tv hanno alternato immagini di proteste pacifiche a quelle di soldati in mimetica scortati e portati agli arresti via da poliziotti con i giubbotti antiproiettile. Nel frattempo c’erano state le prese di posizione di molti dei più importanti leader occidentali, da Barack Obama a Angela Merkel alla Nato, che hanno preso posizione per il “governo democraticamente eletto”.

Infine l’atterraggio del Jetstream di Erdogan, tornato in patria, all’aeroporto Ataturk di Istanbul, con una folla festante che lo ha accolto sventolando bandiere turche, ha messo la parola fine al tentativo di colpo di stato, a una notte che ha rischiato di portare la Turchia sull’orlo della guerra civile, seppure sotto l’azione di un pugno di 159 soldati, secondo quanto ha dichiarato, a partita ormai chiusa, il capo della polizia di Istanbul.

Ultima ora

19:09Calcio: Defrel e Under raggiungono la Roma negli Usa

(ANSA) - FIUMICINO, 20 LUG - I neo acquisti della Roma, Gregoire Defrel e Cengiz Under, più il giovane senegalese Sidy Coly Keba, sono partiti oggi dall’aeroporto di Fiumicino per raggiungere la squadra impegnata nella tournee estiva negli Stati Uniti d’America. Ad accompagnarli, il dg Mauro Baldissoni. Tante le foto e le richieste di autografi e selfie da parte dei passeggeri in transito, di chiara fede giallorossa, per i tre giocatori. Tra i più gettonati, l’attaccante Defrel che proprio questa mattina si è sottoposto alle consuete visite mediche prima di partire quindi nel pomeriggio per gli Usa.

19:08Calcio: finale Europeo U21 del 2019 sarà giocata a Udine

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Sarà Udine la sede della finale del Campionato Europeo Under 21 del 2019 che verrà organizzato in Italia. La scelta è stata annunciata nel corso del Consiglio federale della Figc svoltosi oggi a Roma. A Bologna, che insieme a Reggio Emilia ospiterà le parte della Nazionale Italiana, si svolgerà invece la gara inaugurale della manifestazione Uefa. Nel corso del Consiglio, poi, il direttore generale Michele Uva ha presentato il report realizzato dal Centro Studi e Formazione in merito ai casi di discriminazione razziale e territoriale nel calcio professionistico italiano. Dall'analisi si evince che durante il periodo di riferimento esaminato (compreso tra il 2010-11 e il 2016-17) i giudici sportivi di primo grado di Lega Serie A, Lega Serie B e Lega Pro hanno registrato complessivamente 264 episodi di discriminazione, di cui 130 avvenuti nei campi della Serie A, 34 in quelli appartenenti alla serie cadetta ed i restanti 100 negli stadi di Lega Pro. Il fenomeno discriminatorio è in diminuzione

19:04Scherma: Mondiali, azzurri tutti avanti nelle qualificazioni

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - En plein azzurro dopo le prime due giornate di qualificazione ai Campionati del Mondo a Lipsia. Tutti e ventiquattro gli atleti italiani sono entrati nei tabelloni principali delle rispettive competizioni. Dopo che nella prima giornata Andrea Santarelli e Camilla Mancini avevano ottenuto il pass rispettivamente nella spada maschile e nel fioretto femminile, anche nella seconda giornata l'Italia festeggia il raggiungimento dell'obiettivo minimo. Alberta Santuccio, Mara Navarria e Giulia Rizzi hanno infatti superato la fase di qualificazione, approdando al main draw dove era già ammessa, come testa di serie Rossella Fiamingo. Da domani si assegnano titoli e medaglie. Si inizia con la sciavole maschile, e subito dopo il fioretto femminile. L'Italia sarà in pedana con gli sciabolatori Luigi Samele, Luca Curatoli, Enrico Berrè ed Aldo Montano, mentre nel fioretto femminile occhi puntati su Arianna Errigo, Martina Batini, Alice Volpi e Camilla Mancini.

18:56Calcio: Fiorentina, Bernardeschi non va in ritiro

(ANSA) - MOENA (TRENTO), 20 LUG - Federico Bernardeschi non raggiungerà il ritiro di Moena. L'attaccante della Fiorentina, che avrebbe dovuto riprendere tra oggi e domani dopo il periodo di vacanze, ha inviato un certificato medico confermato dalla stessa società viola: il giocatore, spiega la nota ufficiale del club, è affetto da gastroenterite acuta che lo costringe ad osservare quattro giorni di riposo. Bernardeschi è da tempo al centro di una trattativa per il suo trasferimento alla Juventus, per questo negli ultimi giorni è stato bersaglio di striscioni di protesta.

15:18Legali Carminati, certificato mafia capitale non c’è

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "E' stato certificato che mafia capitale non esiste, sono riconosciute due associazioni una del 'benzinaro' (ovvero la stazione la stazione di servizio a Corso Francia dove gravitavano i personaggi della malavita legati all'associazione, ndr) e un'altra legata al mondo delle cooperative". Così gli avvocati di Massimo Carminati, Ippolita e Giosuè Naso. "Oltre all'associazione è caduto anche il metodo mafioso", hanno aggiunto. I giudici hanno detto che "la mafia a Roma non esiste, come andiamo dicendo da 30 mesi" ha aggiunto Naso. "La presa d'atto della inesistenza dell'associazione mafiosa - ha aggiunto - ha provocato una severità assurda e insolita. Mai visto che a nessuno di 46 imputati non venissero date attenuanti. Sono pene date per compensare lo schiaffo morale dato alla procura". Per Naso "certamente lo sconfitto è Pignatone", il procuratore capo di Roma, "non so se ci sono dei vincitori".

15:08L.elettorale: Grasso, a settembre riprenda dialogo

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - "Auspico che da settembre riprenda, alla Camera o in Senato, il dialogo tra i Gruppi per dare al Paese una legge chiara e funzionale, che tenga nel giusto equilibrio il principio costituzionale della rappresentanza e l'esigenza politica della governabilità". Così il presidente del Senato Pietro Grasso nel corso della cerimonia del Ventaglio.

15:08Comuni: ddl per ballottaggio al 40%, il sì del Pd

(ANSA) - ROMA, 20 LUG - Arriva in Commissione Affari costituzionali il testo base della legge che abbassa dal 50% al 40% la soglia necessaria per vincere le elezioni comunali senza ballottaggio. Lo ha depositato il relatore Massimo Parisi (Sc-Ala) il giorno dopo in cui il Pd, con il responsabile Enti Locali Matteo Ricci, in una audizione in qualità di vicepresidente dell'Anci, ha dato il via libera all'abbassamento. Durante la discussione generale il Pd non si era pronunciato mentre M5s, con Andrea Cecconi, ha detto No.

Archivio Ultima ora