Fallito il golpe in Turchia, Erdogan torna a Istanbul

Pubblicato il 15 luglio 2016 da ansa

People gather at a pro-government rally in central Istanbul's Taksim square, Saturday, July 16, 2016. (ANSA/AP Photo/Emrah Gurel)

People gather at a pro-government rally in central Istanbul’s Taksim square, Saturday, July 16, 2016. (ANSA/AP Photo/Emrah Gurel)

ROMA. – Violento capovolgimento della situazione in poche ore in Turchia, dove il colpo di stato di militari contro Erdogan è fallito: lo hanno affermato prima i servizi di intelligence turchi poi il ministro degli Interni e il primo ministro, che hanno fatto sapere anche che la polizia, fedele al presidente-sultano islamico, ha arrestato i militari golpisti, che poche ore prima avevano dichiarato vittoria, seppure solo a Istanbul e ad Ankara, affermando di aver “ripristinato” la normalità.

Il tutto mentre il presidente, in fuga su un aereo privato dal quale avrebbe chiesto asilo – negato – alla Germania e forse anche alla Gran Bretagna quando la situazione era ancora incerta, è riatterrato a Istanbul, accolto da una folla festante di suoi sostenitori.

Il golpe è stato sventato, ha annunciato Erdogan in tv, promettendo che i congiurati “pagheranno duramente” per aver “attentato all’unità e alla sovranità nazionale”. Sul terreno, mentre le tv ritrasmettono in tutto il mondo immagini di dimostranti filo-Erdogan che a Istanbul affrontano in modo non violento i carri armati, si ha notizia di una bomba contro il palazzo del parlamento nazionale ad Ankara, di almeno 17 poliziotti uccisi in scontri armati e di un elicottero abbattuto da un jet.

Un’altalena che nel giro di un’ora e mezza circa ha visto i militari golpisti dichiarare la vittoria, la presa del potere, per ripristinare la laicità dello stato, la democrazia, il rispetto dei diritti umani e la libertà. Una dichiarazione che sembrava aver messo fine anche alla resistenza del governo, che annunciava già mezz’ora dopo il fallimento del putsch, attribuito a un gruppo interno alle forze armate.

Sembrava che i militari, benché epurati in 16 anni di governo del partito islamico Akp, avessero ripreso il potere per rimettere la barra del timone al centro per la terza volta in meno di 60 anni. Tutti gli obiettivi strategici erano caduti uno dopo l’altro: carri armati attorno al Parlamento ad Ankara e all’aeroporto Ataturk di Istanbul e il conseguente blocco di tutti i voli; tutti i social network e le comunicazioni fuori dai media ufficiali bloccati, con la conseguente difficoltà a reperire informazioni.

L’esercito aveva poi imposto il coprifuoco e la legge marziale e, secondo vari media, preso in ostaggio il capo di Stato maggiore delle forze armate, imposto da Erdogan. Il presidente Erdogan, che al momento del putsch era in vacanza al mare a Marmaris, si era rifatto vivo dopo circa due ore con un messaggio lanciato ai suoi sostenitori e a tutto il Paese attraverso uno smartphone via FaceTime esortando alla ribellione:

“Sono ancora io il presidente, resistete”, aveva detto, apparendo da una località sconosciuta con un’anonima tenda verde alle sue spalle. Erdogan ha promesso che i ‘traditori’ pagheranno un prezzo salatissimo per la loro azione.

Poi alcune fonti militari Usa hanno diffuso la notizia che il presidente-sultano era in fuga su un volo privato diretto prima in Germania, che gli avrebbe negato l’atterraggio, poi verso Londra, in attesa di un’autorizzazione all’atterraggio.

Smentita da Palazzo Chigi invece l’indiscrezione che voleva che fosse diretto verso Ciampino.

All’inizio sembrava sporadica e timida la reazione ai militari golpisti, con una folla di manifestanti dispersa dai soldati sparando in aria su un ponte sul Bosforo. Poi la protesta è andata crescendo, sotto l’occhio globale delle telecamere, fino a quando si è trasformata in festa.

Le tv hanno alternato immagini di proteste pacifiche a quelle di soldati in mimetica scortati e portati agli arresti via da poliziotti con i giubbotti antiproiettile. Nel frattempo c’erano state le prese di posizione di molti dei più importanti leader occidentali, da Barack Obama a Angela Merkel alla Nato, che hanno preso posizione per il “governo democraticamente eletto”.

Infine l’atterraggio del Jetstream di Erdogan, tornato in patria, all’aeroporto Ataturk di Istanbul, con una folla festante che lo ha accolto sventolando bandiere turche, ha messo la parola fine al tentativo di colpo di stato, a una notte che ha rischiato di portare la Turchia sull’orlo della guerra civile, seppure sotto l’azione di un pugno di 159 soldati, secondo quanto ha dichiarato, a partita ormai chiusa, il capo della polizia di Istanbul.

Ultima ora

01:51Rigopiano:da hotel solo morti,altri 3.Bilancio sale a 9

(ANSA) - PENNE (PESCARA), 24 GEN - Continuano senza sosta le ricerche di superstiti tra le macerie dell'hotel Rigopiano a Farindola che ieri in tarda serata ha restituito 4 cadaveri: uno é della vittima individuata ieri, due sono un uomo e una donna ancora da identificare e l'ultimo é quello di Linda Salzetta, l'estetista del Rigopiano e sorella di Fabio, il tuttofare dell'hotel. Ormai i morti sono nove. E i dispersi sono ancora 20.

23:29Calcio: Coppa Africa, Senegal e Tunisia ai quarti

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Senegal e Tunisia promosse ai quarti della Coppa d'Africa, Zimbabwe e Algeria a casa. Così hanno deciso gli incontri del terzo ed ultimo turno del gruppo B del torneo in corso in Gabon. Il Senegal ha pareggiato 2-2 con l'Algeria ed ha vinto il gruppo. Nei quarti affronterà il Camerun. Spettacolare 2-4 tra Zimbabwe e Tunisia. Quest'ultima, come seconda, incrocerà il Burkina Faso.

22:27Calcio: Niang-Ocampos, idea scambio prestiti fra Milan-Genoa

(ANSA) - MILANO, 23 GEN - M'Baye Niang al Genoa e Lucas Ocampos al Milan. I due club starebbero lavorando sull'ipotesi di scambiarsi questi giocatori in prestito fino al termine della stagione, e secondo quanto filtra, l'epilogo della vicenda dipende soprattutto dalla volontà dell'attaccante francese, che ha già giocato al Genoa in prestito per sei mesi due stagioni fa, trovando spazio e gol che al Milan gli mancavano. La soluzione è tornata di attualità ora che l'attaccante francese sta vivendo un momento opaco e in rossonero rischia di trovare meno spazio per l'arrivo di Gerard Deulofeu. L'ad del Milan Adriano Galliani nel tardo pomeriggio ha annullato la sua partecipazione alla presentazione del libro di Ruud Gullit perché, secondo quanto filtrato, impegnato in un'operazione di mercato. E l'affare in questione sarebbe proprio lo scambio con il Genoa del suo amico Enrico Preziosi.

22:24Calcio: Rugani, pronti alla rivincita contro il Milan

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "Il passo falso di Firenze ci ha fatto bene, lo abbiamo dimostrato con la Lazio. E ora siamo pronti alla rivincita contro il Milan: le due sconfitte con i rossoneri, in campionato e in Supercoppa, ci hanno lasciato l'amaro in bocca, vogliamo assolutamente vincere". Così Daniele Rugani, che contro i rossoneri dovrebbe giocare dall'inizio, a Jtv, il canale tv bianconero. "Entriamo - ha detto il difensore bianconero - nella fase cruciale della stagione, dobbiamo dimostrare di essere solidi, per continuare a crescere e migliorare. Roma e Napoli sono pericolose, specie i giallorossi che hanno trovato una grande solidità difensiva". "Sappiamo - ha aggiunto Rugani - di dovere crescere, anche tecnicamente, per arrivare in fondo alla Champions: il segreto sta nel mettersi sempre in discussione ed essere a disposizione, poi i risultati arrivano".

22:10Province: Sardegna si ribella a taglio nazionale su risorse

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - Il Consiglio nazionale dell'Anci ha già detto che non darà l'intesa al decreto del presidente del Consiglio che taglia circa 60 milioni alle Province sarde e alla Città metropolitana di Cagliari e ora la Regione si prepara alla battaglia arrivando anche a proporre un ricorso se il Dpcm dovesse essere adottato. E' quanto emerso al termine della riunione di questa sera tra l'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu, quello della Programmazione, Raffaele Paci, il presidente del Cal Sardegna, Andrea Soddu, il presidente regionale dell'Anci, Pier Sandro Scano, e il sindaco metropolitano di Cagliari, Massimo Zedda. E' stato proprio Zedda, che siede nel Consiglio nazionale dell'Anci, a annunciare la decisione dell'associazione che non dovrebbe dare l'intesa al decreto nella conferenza unificata Stato-Regioni in programma giovedì. "Ci opporremo in tutte le sedi - ha spiegato Erriu - viene a mancare un'importante somma che non permette agli enti locali sardi di espletare le proprie funzioni".

22:09Formazione: deputato Genovese condannato a 11 anni

(ANSA) - MESSINA, 23 GEN - Francantonio Genovese, ex parlamentare del Pd poi passato a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni dal tribunale di Messina al processo - che vede altri 22 imputati - scaturito dall'operazione 'Corsi d'oro' sull'uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale. Il cognato di Genovese, Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e ora di FI, ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, ha avuto 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi. Condannato anche l'ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta: 6 anni e 6 mesi.

22:00Trump: Marchionne a Casa Bianca, con a.d. Ford e Gm

(ANSA) - WASHINGTON, 23 GEN - Il presidente Donald Trump riceverà domani alla Casa Bianca gli amministratori delegati di Fca, Ford e General Motors. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer. Sergio Marchionne, Mark Fields e Mary Barra avranno una colazione con il presidente.

Archivio Ultima ora