Renzi, la svolta della campagna referendum fa salire i consensi

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

Renzi, "svolta" campagna referendum fa salire consensi

Renzi, “svolta” campagna referendum fa salire consensi

ROMA. – Il risultato “importantissimo” di aver depositato, “a dispetto dell’allarmismo di alcuni”, 600mila firme in Cassazione. E un luogo simbolo, la ‘prodiana’ Santi Apostoli, a far da sede al comitato per il “Sì”. Sono i due ‘buoni auspici’ con cui Matteo Renzi si prepara a lanciare la fase decisiva della campagna per il referendum costituzionale.

Con in più una convinzione: la ‘svolta’ impressa alla comunicazione, con la ‘spersonalizzazione’ del voto, sta già portando i suoi frutti e “aiuta molto a crescere nei consensi”. Certo, restano i problemi con la minoranza del Pd, che torna sugli scudi dopo la fusione dei verdiniani con i deputati di Sc vicini al viceministro Enrico Zanetti. Ed è pronta a rilanciare sul fronte della legge elettorale, con la richiesta di ‘rottamare’ l’Italicum renziano.

Le polemiche si smorzano leggermente, all’indomani della nascita di un nuovo gruppo parlamentare zanettian-verdiniano. Ma solo perché, spiegano dalla minoranza Pd, di fronte a un evento come la strage di Nizza non si può indugiare sulle polemiche della politica italiana.

La questione non viene però archiviata perché, sottolineano da sinistra, attraverso Zanetti i verdiniani hanno adesso un rappresentante nel governo. Dunque resta la richiesta di dimissioni del viceministro, tanto che si sta valutando anche la presentazione di un documento per chiedere il passo indietro.

“Le dimissioni non arriveranno”, replica tranchant Zanetti. E aggiunge che al di là delle polemiche “inutili”, il “contributo di Ala in Parlamento è molto visibile da mesi e anche utile in termini di consolidamento dell’azione di governo”. Come a dire: niente di nuovo, è da tempo che Verdini e i suoi puntellano la maggioranza, con il loro contributo alle riforme.

Ma se alla Camera un’accelerazione è stata imposta dalla scissione di Scelta civica (Zanetti e i suoi avversari si contendono il simbolo del partito, con il rischio di arrivare in tribunale), i verdiniani non intendono per ora stressare i toni e formalizzare un ingresso in maggioranza: i loro voti, assicurano, resteranno aggiuntivi al Senato.

Nei prossimi mesi si impegneranno nella campagna referendaria, poi dopo il voto – spiegano – si potrà valutare di mettere ‘in regola’ i rapporti parlamentari.

Della polemica non si cura Renzi, che dedica ogni impegno all’obiettivo referendario. “Non era facile”, sottolinea nella sua newsletter ‘Enews’, raccogliere le firme tra i cittadini. Tanto che – è la punzecchiatura – “non è un caso che il comitato per il ‘No’ abbia fallito”.

Ora la macchina del Pd, sottolineano i renziani, è pronta a partire a pieno regime con la campagna per il sì. Con il coordinamento del comitato nazionale, che ha preso sede in piazza Santi Apostoli, nel cuore di Roma. Da quel luogo simbolo delle vittorie di Prodi contro Berlusconi, lo stesso Renzi domenica 24 potrebbe inaugurare ufficialmente la campagna con i volontari, dopo aver, sabato 23, invitato alla mobilitazione l’assemblea nazionale del Pd.

Ma intanto, sottolinea il premier, “ogni giorno che passa diventa più chiaro che il referendum è sulla Costituzione, sul funzionamento del Parlamento e non su altro: questo ci aiuta molto a crescere nei consensi, coinvolgendo anche persone che magari non sono del Pd o mie sostenitrici ma che capiscono la rilevanza storica di questo passaggio per l’Italia”.

La minoranza Pd, però, smorza gli entusiasmi: “Le preoccupazioni di chi vuol votare No sono fondate e hanno presa anche in parte del nostro elettorato”, scrive Roberto Speranza sul Foglio, tornando a chiedere una segreteria Pd “autonoma” dal governo e modifiche radicali alla legge elettorale.

Martedì i bersaniani Federico Fornaro e Andrea Giorgis presenteranno la loro proposta: una legge elettorale che guardi al modello ‘francese’, ma si adatti alla realtà tripolare italiana.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

04:05Wp, per Cia Russia intervenuta per far vincere Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 10 DIC - La Cia ha concluso in una valutazione segreta che Mosca è intervenuta nelle elezioni Usa per aiutare Donald Trump a vincere la presidenza più che per minare solo la fiducia nel sistema elettorale americano: lo scrive il Wp citando fonti informate sulla vicenda. Gli 007 Usa hanno individuato attori legati al governo russo che hanno fornito a Wikileaks migliaia di email hackerate ai danni del partito democratico e di altre organizzazioni, compreso il presidente della campagna di Hillary Clinton John Podesta.

00:20Serie B: Pisa-Bari 0-0, pareggio non accontenta nessuno

(ANSA) - PISA, 9 DIC - Finisce senza reti l'anticipo di Serie B tra Pisa e Bari, la 'prima' del nuovo presidente in pectore del club toscano Giuseppe Corrado, in tribuna insieme al figlio Giovanni, in attesa di perfezionare l'acquisto della società nerazzurra entro la settimana prossima. Nel primo tempo il match è equilibrato con gli ospiti che si rendono pericolosi al 28' con un diagonale di Maniero deviato da Ujkani. Il Pisa invece non impensierisce mai la retroguardia pugliese anche se non subisce mai il gioco avversario. Nella ripresa i padroni di casa sono più intraprendenti e all'11' della ripresa vanno vicini al gol con Varela che centra la traversa a portiere battuto. Il Pisa fa la partita e la squadra di Colantuono controlla ma rischia nel finale dopo essere rimasto in inferiorità numerica per l'espulsione di Valiani e al 90' è ancora Varela a spaventare la squadra di Colantuono con un bel sinistro che Micai devia in angolo.

23:50Ghana: leader opposizione eletto presidente

(ANSA) - ACCRA, 9 DIC - Lo storico leader dell'opposizione Nana Akufo-Addo è stato eletto presidente del Ghana e il capo di stato uscente John Mahama ha ammesso la sconfitta, sia parlando in televisione che con una telefonata al suo rivale. Il vincitore ha ottenuto il 53,8% dei voti, lo sconfitto si è fermato al 44,4%. Lo stesso Akufo-Addo, che correva per la terza volta alle presidenziali, ha confermato via Twitter di aver ricevuto le congratulazioni di Mahama. Secondo gli analisti, il voto costituisce un segnale di protesta nei confronti dei politici in carica negli ultimi 12 anni che, nonostante una modesta crescita economica, non sono riusciti a impedire l'aumento della disoccupazione. Le elezioni in Ghana si sono sempre svolte in modo pacifico da quando, nel 1992, ci fu la transizione dal potere militare alla democrazia.

23:50Arrestato presunto autore omicidio piazzale Loreto

(ANSA) - MILANO, 9 DIC - E' stato arrestato dalla Squadra mobile di Milano uno dei presunti autori dell'omicidio di Antonio Rafael Ramirez, il 37enne di Santo Domingo ferito a morte con coltellate e con un colpo di pistola la sera del 12 novembre scorso in piazzale Loreto, a Milano. L'uomo, anch'egli sudamericano ma di cui non si conoscono ancora le generalità, è stato catturato in provincia di Siena nella notte tra il 5 e il 6 dicembre e la convalida è arrivata solo oggi. Si cerca il suo complice che, secondo indiscrezioni, sarebbe fuggito dall'Italia ma non avrebbe lasciato l'Europa. Gli investigatori mantengono il riserbo sulle modalità dell'arresto e sui dettagli dell'indagine. Proprio dopo l'aggressione del 12 novembre in piazzale Loreto, il sindaco Giuseppe Sala chiese al governo più militari per presidiare le periferie di Milano.

22:39Mente attacco a Charlie Hebdo ucciso da raid Usa in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 9 DIC - Un leader dello Stato Islamico ritenuto la mente dell'attacco al giornale satirico francese Charlie Hebdo (a Parigi nel gennaio 2015) è stato ucciso in un raid aereo americano in Siria. Lo hanno reso noto stasera fonti militari Usa, precisando che Boubaker el Hakim è morto a Raqqa lo scorso 26 novembre. Franco-tunisino, 33 anni, el Hakim è stato il mentore dei fratelli Said e Sherif Kouachi che fecero strage di giornalisti e disegnatori di Charlie Hebdo.

22:36Mps: morte Rossi, depositata relazione su esame resti

(ANSA) - SIENA, 9 DIC - Depositata la relazione sugli esami autoptici e sulla dinamica della caduta di David Rossi, l'ex capo comunicazione di Banca Mps morto dopo essere precipitato dalla finestra del suo ufficio la sera del 6 marzo 2013. La relazione, oltre 200 pagine corredate di allegati fotografici, è stata redatta dall'anatomopatologa Cristina Cattaneo, incaricata dell'autopsia e degli accertamenti medico legali, e dal colonnello del Ris Davide Zavattaro, che ha condotto l'esame sulla dinamica della caduta di Rossi. La perizia "sposa l'ipotesi del suicidio, perché non sono state trovate evidenze della presenza di terze persone", ma "restano tanti dubbi e gli stessi Cattaneo e Zavattaro li evidenziano", dice Luca Goracci, avvocato della famiglia Rossi. "La perizia esclude in modo categorico la dinamica per cui Rossi si sarebbe seduto sul davanzale della finestra prima di cadere e che le lesioni nella parte anteriore del corpo siano state provocate dalla caduta", dice il legale.

21:52Calcio: Uefa approva riforma Champions, Italia avrà 4 club

(ANSA) - ROMA, 9 DIC - La Champions League si riforma e dalla stagione 2108/19 alle prime 4 nazioni del ranking europeo verranno assegnati quattro posti. Una bella notizia per l'Italia, attualmente al 4/o posto nella classifica per nazioni continentale (preceduta da Spagna, Inghilterra e Germania), che potrà quindi raddoppiare le qualificate alla fase a gironi (oggi 2 più l'eventuale promossa dai playoff). Secondo le nuove regole, approvate oggi dal comitato Esecutivo dell'Uefa riunitosi a Nyon, alla fase a gironi si qualificheranno direttamente 26 squadre, mentre altre 6 accederanno attraverso i preliminari. La Federcalcio europea ha anche assegnato l'organizzazione della finale di Europa League 2018 a Lione, in Francia, e deciso due distinti orari per le prossime partite di Champions: due match alle 19 e sei alle 21.00, "per permettere ai tifosi di seguire più partite in una stessa sera".

Archivio Ultima ora