Renzi e Mattarella, non cederemo mai al terrore

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

mattarellanizza

ROMA. – Solidarietà e fermezza, nella convinzione che l’Europa non cederà alla cultura della morte e del fanatismo. A otto mesi dalla strage del Bataclan l’Italia torna a vivere il dolore delle vittime innocenti di Francia.

E lo fa a partire dai suoi vertici istituzionali, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Matteo Renzi, dai quali immediate arrivano la vicinanza e la solidarietà al governo e al popolo transalpino.

Con una convinzione, messa nero su bianco da Renzi nella sue Enews: oggi, come nel novembre 2015, “reagire è un dovere morale”.

Per l’Italia gli echi della strage della Promenade des Anglais arrivano già in piena notte, quando il ministro dell’Interno Angelino Alfano convoca, per le 9 del mattino, il Comitato Analisi Strategica Antiterrorismo. E, alla stessa ora, Renzi partecipa alla riunione con i vertici delle agenzie di intelligence.

L’esigenza è fare un punto, anche in chiave di sicurezza interna, a pochissime ore dall’attacco. Ma subito dopo arriva il momento del dolore. “Non cederemo mai a chi predica e pratica la cultura della morte”, è la ferma linea tracciata da Mattarella.

Una linea, peraltro, di solidarietà piena con il vicino transalpino: “L’orrore, il dolore della Francia sono il nostro orrore, il nostro dolore”, scandisce il capo dello Stato.

Concetti ai quali si rifà anche Renzi. “Le immagini di Nizza continuano a rimbombare nella testa e fanno male. Ma i terroristi non l’avranno vinta, mai”, sottolinea il premier, mostrandosi quasi attonito di fronte ai fotogrammi di morte provenienti da una città da cui “siamo abituati a ricevere cartoline di bellezza”.

Cartoline di un’Europa che, dinnanzi all’avanzare della minaccia fondamentalista, “deve reagire unita e senza perdere tempo”, sottolinea invece il sottosegretario agli Affari Ue Sandro Gozi, che assieme ai suoi omologhi del Pse, si reca all’ambasciata di Francia di Roma.

E da Palazzo Farnese arrivano forse le parole più forti da parte di un membro del governo italiano. “Vinceremo la nostra battaglia contro i nazisti islamici”, è infatti l’affondo di Gozi. Toni di sfida che, tuttavia, non preannunciano alcun cambio nella linea del governo italiano, prudente rispetto ad eventuali scatti in avanti, a partire dai bombardamenti in Siria.

Una linea che trova ancora una volta la trincea di Lega, Fdi e, in parte, anche FI. “Questa è una guerra dichiarata, servono le maniere forti”, attacca Matteo Salvini scagliandosi contro “l’accoglienza incontrollata, le moschee abusive, gli imam che predicano odio, il silenzio delle comunità islamiche” in Italia.

“Sgomento e dolore” giungono anche dal Pd che, lontano dai toni leghisti, sottolinea la necessità di agire soprattutto sull’integrazione definendo “un errore” stabilire un nesso tra terrorismo e immigrazione. Vicinanza arriva anche dal M5S che con Luigi Di Maio rimarca come, ora, “si imponga una riflessione seria sulla sicurezza”.

Tutte posizioni che lunedì si troveranno a confronto nel vertice convocato da Renzi con i capigruppo di maggioranza e opposizione. Nel tentativo di trovare quell’unità nazionale oggi negata, al presidente Francois Hollande, dai partiti di opposizione.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

22:17Mafia foggiano: Csm, l’80% degli omicidi senza un colpevole

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - L'80 per cento dei 300 delitti di sangue che dagli anni Ottanta ad oggi sono ascrivibili alla mafia del foggiano "sono ancora irrisolti" cioè senza un colpevole. Il dato allarmante è nella risoluzione della Sesta Commissione del Csm, oggi all'esame del plenum che l'ha approvata all'unanimità, che tira le somme di un giro di audizioni di vertici degli uffici giudiziari, delle forze di polizia e dell'avvocatura, fatte in Puglia all'indomani dell'ultimo sanguinoso agguato nel Gargano costato la vita anche a due testimoni. Il quadro che emerge è preoccupante: si tratta di una mafia "feroce e profondamente radicata sul territorio, su cui esercita un vero e proprio controllo militare". Un radicamento che in alcuni contesti "è così forte, da produrre una generalizzata omertà", che in alcuni casi diventa "connivenza" se non addirittura "consenso". Non è un caso che dal 2007 non ci sono più pentiti e che le denunce sono "pressochè inesistenti".

22:08Torino: inchiesta Appendino, duello su norme contabili

(ANSA) - TORINO, 18 OTT - "Secondo noi il debito di 5 milioni andava riconosciuto e finanziato nel bilancio 2017. Lo mettemmo nero su bianco nella nostra relazione". La dichiarazione è di Herri Fenoglio, presidente dei revisori dei conti del Comune di Torino, a proposito del caso Ream, l'intoppo che ha portato la magistratura a inviare un avviso di garanzia alla sindaca Chiara Appendino, al capo di gabinetto Paolo Giordana e all'assessore Sergio Rolando. Il reato ipotizzato è il falso ideologico. Quella somma, in base all'impostazione delle indagini, doveva comparire nel bilancio di previsione di Palazzo Civico: ma non comparve. Fu posticipata al 2018. Di conseguenza le relative delibere (due) sono contraffatte. E il bilancio non è a posto. Rolando ribadisce invece che "tutto è stato fatto nel rispetto delle norme, ho fiducia nei magistrati e quando sarò convocato risponderò a tutte le domande". La deputata Alessia Morani (Pd) ironizza sul 'Movimento 5 Falsi' e il Codacons si costituisce come persona offesa.

21:44Champions: Marotta, la Juve non è in crisi

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "La società è sempre presente agli allenamenti. Ci sono sempre momenti di confronto con l'allenatore e i giocatori. Facciamo il nostro dovere, ma non possiamo parlare di crisi". Ne è convinto l'ad della Juventus Giuseppe Marotta: "Neanche un nuovo acquisto in campo? Spesso gli acquisti vengono fatti per essere utili in prospettiva. Sento spesso parlare di Bernardeschi che a volte dimentichiamo che è del 1994, non ha ancora 24 anni e la maturità la si raggiunge intorno ai 27". "Era impensabile - aggiunge Marotta, ai microfoni di Premium sport - che potesse essere subito decisivo e trascinatore, ma è stato giusto acquistarlo adesso per farlo entrare in un contesto diverso rispetto a quello di prima. Mi sembra fuori luogo caricarlo di responsabilità". "Questa rosa - continua - nella passata stagione ha vinto tutto in Italia ed è arrivata in finale di Champions, per cui gli innesti che abbiamo fatto sono in prospettiva".

21:12Calcio: Jimenez, contro il Milan l’Aek sarà prudente

(ANSA) - MILANO, 18 OTT - "Dovremo essere prudenti, attenti ed equilibrati per fare risultato contro un Milan fortissimo e di grande tradizione in Europa. Loro non sono dove si aspettavano di essere ma hanno tutto per arrivare ai vertici. Siamo sfavoriti ma non vuol dire che non cercheremo di fare risultato". Lo dice in conferenza stampa l'allenatore dell'Aek Atene, Manolo Jimenez, che domani affronterà il Milan nella terza giornata della fase a gironi di Europa League. Al fianco del tecnico spagnolo, Lazaros Christodoulopoulos (ex di Bologna, Verona e Sampdoria): "San Siro è una trappola, sembra tranquillo ma a freddo può farti brutti scherzi. Domani saluterò volentieri Montella che mi ha allenato alla Sampdoria: da lui ho imparato tanto".

21:12Migranti: Viminale, linea non cambia

(ANSA) - TRIESTE, 18 OTT - Il prefetto di Udine, Vittorio Zappalorto, sarà a Roma, al Ministero dell'Interno, domani mattina, "perchè - ha spiegato in serata Mario Morcone, capo di Gabinetto del Viminale - la linea è una sola ed è quella del ministro dell'Interno, Marco Minniti". "Abbiamo chiamato il sindaco di Udine per dare rassicurazioni che nulla è cambiato rispetto agli impegni che Minniti ha preso con lui - ha spiegato Morcone riferendosi alle preoccupazioni espresse oggi dal sindaco, Furio Honsell -. La caserma Cavarzerani di Udine è destinata a un alleggerimento progressivo delle presenze perché la linea del ministero è l'accoglienza diffusa, quindi piccoli numeri in tutti i comuni in misura proporzionale alla popolazione residente". "Non c'è alcuna ipotesi di hub in Friuli Venezia Giulia alla Cavarzerani - ha affermato Morcone - Al contrario, c'è una politica di condivisione con i sindaci sull'accoglienza di piccoli numero di migranti. Inoltre - ha aggiunto - non è previsto per il momento alcun invio di migranti".

21:03Migranti: Serracchiani a Minniti, chiarezza su numeri Udine

(ANSA) - TRIESTE, 18 OTT - La presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha espresso in una lettera al ministro dell'Interno, Marco Minniti, la sua "preoccupazione per il paventato aumento dei rifugiati nelle strutture di Udine" e ha chiesto di "chiarire i limiti previsti per l'accoglienza nelle caserme Cavarzerani e Friuli, e di ragguagliare sull'apertura di una seconda commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale". Riferendo del nuovo bando per la gestione dell'accoglienza nelle caserme Caverzerani e Friuli di Udine, pubblicato dalla Prefettura di Udine, Serracchiani ha osservato che esso è divenuto pubblico "senza un preventivo confronto con l'Amministrazione locale" e che "per il paventato aumento dei rifugiati nelle strutture di Udine, ha creato preoccupazione, sconcerto e contrarietà anche in chi ha concretamente collaborato nella difficile opera di questi anni".

21:03Calcio: Londra, tafferugli tra polizia e tifosi Roma

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Tafferugli tra la polizia inglese e tifosi della Roma prima del match di Champions League a Londra tra i giallorossi e il Chelsea. E' quanto riporta l'Evening Standard che mostra anche un video degli scontri vicino ad un pub nei pressi di High Street Kensington. In base a quanto riferito da un portavoce della polizia è stato eseguito un arresto.

Archivio Ultima ora