Renzi e Mattarella, non cederemo mai al terrore

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

mattarellanizza

ROMA. – Solidarietà e fermezza, nella convinzione che l’Europa non cederà alla cultura della morte e del fanatismo. A otto mesi dalla strage del Bataclan l’Italia torna a vivere il dolore delle vittime innocenti di Francia.

E lo fa a partire dai suoi vertici istituzionali, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Matteo Renzi, dai quali immediate arrivano la vicinanza e la solidarietà al governo e al popolo transalpino.

Con una convinzione, messa nero su bianco da Renzi nella sue Enews: oggi, come nel novembre 2015, “reagire è un dovere morale”.

Per l’Italia gli echi della strage della Promenade des Anglais arrivano già in piena notte, quando il ministro dell’Interno Angelino Alfano convoca, per le 9 del mattino, il Comitato Analisi Strategica Antiterrorismo. E, alla stessa ora, Renzi partecipa alla riunione con i vertici delle agenzie di intelligence.

L’esigenza è fare un punto, anche in chiave di sicurezza interna, a pochissime ore dall’attacco. Ma subito dopo arriva il momento del dolore. “Non cederemo mai a chi predica e pratica la cultura della morte”, è la ferma linea tracciata da Mattarella.

Una linea, peraltro, di solidarietà piena con il vicino transalpino: “L’orrore, il dolore della Francia sono il nostro orrore, il nostro dolore”, scandisce il capo dello Stato.

Concetti ai quali si rifà anche Renzi. “Le immagini di Nizza continuano a rimbombare nella testa e fanno male. Ma i terroristi non l’avranno vinta, mai”, sottolinea il premier, mostrandosi quasi attonito di fronte ai fotogrammi di morte provenienti da una città da cui “siamo abituati a ricevere cartoline di bellezza”.

Cartoline di un’Europa che, dinnanzi all’avanzare della minaccia fondamentalista, “deve reagire unita e senza perdere tempo”, sottolinea invece il sottosegretario agli Affari Ue Sandro Gozi, che assieme ai suoi omologhi del Pse, si reca all’ambasciata di Francia di Roma.

E da Palazzo Farnese arrivano forse le parole più forti da parte di un membro del governo italiano. “Vinceremo la nostra battaglia contro i nazisti islamici”, è infatti l’affondo di Gozi. Toni di sfida che, tuttavia, non preannunciano alcun cambio nella linea del governo italiano, prudente rispetto ad eventuali scatti in avanti, a partire dai bombardamenti in Siria.

Una linea che trova ancora una volta la trincea di Lega, Fdi e, in parte, anche FI. “Questa è una guerra dichiarata, servono le maniere forti”, attacca Matteo Salvini scagliandosi contro “l’accoglienza incontrollata, le moschee abusive, gli imam che predicano odio, il silenzio delle comunità islamiche” in Italia.

“Sgomento e dolore” giungono anche dal Pd che, lontano dai toni leghisti, sottolinea la necessità di agire soprattutto sull’integrazione definendo “un errore” stabilire un nesso tra terrorismo e immigrazione. Vicinanza arriva anche dal M5S che con Luigi Di Maio rimarca come, ora, “si imponga una riflessione seria sulla sicurezza”.

Tutte posizioni che lunedì si troveranno a confronto nel vertice convocato da Renzi con i capigruppo di maggioranza e opposizione. Nel tentativo di trovare quell’unità nazionale oggi negata, al presidente Francois Hollande, dai partiti di opposizione.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

07:28Trump: Mattis e Kelly giurano, sono in carica

NEW YORK - L'ex generale James Mattis e il generale in congedo John Kelly hanno giurato, entrando ufficialmente in carica nell'amministrazione Trump. Mattis e' il nuovo capo del Pentagono. Kelly il ministro degli Interni.

07:25Trump in Studio Ovale, firma decreto su Obamacare

NEW YORK - Donald Trump, nel suo primo atto nello Studio Ovale, firma un decreto esecutivo diretto alle agenzie governative per ridurre il peso dell'Obamacare. Lo afferma il portavoce della Casa Bianca, Sean Spicer.

07:19Trump, bene conferme Mattis e Kelly, subito al lavoro

NEW YORK - ''Sono soddisfatto della conferma dei generali Mattis e Kelly''. Lo afferma il presidente americano Donald Trump, commentando la loro conferma in Senato. ''Sono due leader qualificati che inizieranno subito a lavorare per difendere il nostro paese e mettere al sicuro i nostri confini''.

07:01Trump: Senato conferma Kelly ministro dell’interno

WASHINGTON - Il Senato americano ha confermato il generale in congedo John Kelly come segretario dell'Homeland Security Department, corrispondente al ministero dell'interno. Poche ore fa il Senato ha confermato anche la nomina dell'ex generale James Mattis a segretario della difesa.

04:28Bus ungherese si incendia in A4, 4 morti e alcuni feriti

VENEZIA - Sarebbero 4, secondo le prime informazioni, le persone decedute nell'incidente avvenuto poco prima di mezzanotte lungo la A4, a Verona est che ha coinvolto un autobus di nazionalità ungherese, pare con a bordo diversi ragazzi tra i 14 e i 18 anni. Ci sarebbero anche alcuni feriti. Secondo una prima ricostruzione, l'autobus ha preso fuoco dopo essere finito contro un pilone dell'autostrada. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco. Al momento il tratto autostradale é stato chiuso in direzione Venezia con uscita obbligatoria a Verona Sud.

02:19Trump e Melania entrano alla Casa Bianca

(ANSA) - NEW YORK, 21 GEN - Donald Trump e Melania entrano alla Casa Bianca con tutta la famiglia Trump al completo. La coppia uscirà a breve per partecipare ai balli in loro onore.

02:17Trump: polizia, 217 arresti in scontri a Washington

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - Sono 217 gli arresti effettuati a Washington durante le proteste nel corso dell'Inauguration Day. Lo ha reso noto la Polizia della capitale americana, riferendo inoltre che sei poliziotti sono rimasti feriti in maniera lieve negli scontri con i manifestanti.

Archivio Ultima ora