Renzi e Mattarella, non cederemo mai al terrore

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

mattarellanizza

ROMA. – Solidarietà e fermezza, nella convinzione che l’Europa non cederà alla cultura della morte e del fanatismo. A otto mesi dalla strage del Bataclan l’Italia torna a vivere il dolore delle vittime innocenti di Francia.

E lo fa a partire dai suoi vertici istituzionali, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente del Consiglio Matteo Renzi, dai quali immediate arrivano la vicinanza e la solidarietà al governo e al popolo transalpino.

Con una convinzione, messa nero su bianco da Renzi nella sue Enews: oggi, come nel novembre 2015, “reagire è un dovere morale”.

Per l’Italia gli echi della strage della Promenade des Anglais arrivano già in piena notte, quando il ministro dell’Interno Angelino Alfano convoca, per le 9 del mattino, il Comitato Analisi Strategica Antiterrorismo. E, alla stessa ora, Renzi partecipa alla riunione con i vertici delle agenzie di intelligence.

L’esigenza è fare un punto, anche in chiave di sicurezza interna, a pochissime ore dall’attacco. Ma subito dopo arriva il momento del dolore. “Non cederemo mai a chi predica e pratica la cultura della morte”, è la ferma linea tracciata da Mattarella.

Una linea, peraltro, di solidarietà piena con il vicino transalpino: “L’orrore, il dolore della Francia sono il nostro orrore, il nostro dolore”, scandisce il capo dello Stato.

Concetti ai quali si rifà anche Renzi. “Le immagini di Nizza continuano a rimbombare nella testa e fanno male. Ma i terroristi non l’avranno vinta, mai”, sottolinea il premier, mostrandosi quasi attonito di fronte ai fotogrammi di morte provenienti da una città da cui “siamo abituati a ricevere cartoline di bellezza”.

Cartoline di un’Europa che, dinnanzi all’avanzare della minaccia fondamentalista, “deve reagire unita e senza perdere tempo”, sottolinea invece il sottosegretario agli Affari Ue Sandro Gozi, che assieme ai suoi omologhi del Pse, si reca all’ambasciata di Francia di Roma.

E da Palazzo Farnese arrivano forse le parole più forti da parte di un membro del governo italiano. “Vinceremo la nostra battaglia contro i nazisti islamici”, è infatti l’affondo di Gozi. Toni di sfida che, tuttavia, non preannunciano alcun cambio nella linea del governo italiano, prudente rispetto ad eventuali scatti in avanti, a partire dai bombardamenti in Siria.

Una linea che trova ancora una volta la trincea di Lega, Fdi e, in parte, anche FI. “Questa è una guerra dichiarata, servono le maniere forti”, attacca Matteo Salvini scagliandosi contro “l’accoglienza incontrollata, le moschee abusive, gli imam che predicano odio, il silenzio delle comunità islamiche” in Italia.

“Sgomento e dolore” giungono anche dal Pd che, lontano dai toni leghisti, sottolinea la necessità di agire soprattutto sull’integrazione definendo “un errore” stabilire un nesso tra terrorismo e immigrazione. Vicinanza arriva anche dal M5S che con Luigi Di Maio rimarca come, ora, “si imponga una riflessione seria sulla sicurezza”.

Tutte posizioni che lunedì si troveranno a confronto nel vertice convocato da Renzi con i capigruppo di maggioranza e opposizione. Nel tentativo di trovare quell’unità nazionale oggi negata, al presidente Francois Hollande, dai partiti di opposizione.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

11:37Netanyahu, ambasciata Usa a Gerusalemme entro un anno

(ANSAmed) - TEL AVIV, 17 GEN - Benyamin Netanyahu ha definito "una buona cosa" la decisione Usa di tagliare i fondi all'Unrwa (l'agenzia Onu per i profughi palestinesi) e si è detto fiducioso che Trump sposterà l'ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme "molto più velocemente di quanto si pensi, probabilmente entro un anno". La mossa Usa - ha detto in viaggio in India ai media israeliani - "è la prima volta di una sfida all'Unrwa, dopo 70 anni. Un'agenzia che perpetua la narrativa palestinese e la cancellazione del sionismo... E' una buona cosa che si siano mossi in avanti e che abbiano sfidato questa istituzione". Per quanto riguarda l'ambasciata, Netanyahu ha sottolineato che "si muoverà molto più velocemente di quanto si pensi, un anno da oggi". (ANSAmed).

11:31Ciclismo: Vuelta di San Juan, i convocati di Cassani

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Dal 21 al 28 gennaio, in Argentina, è in programma la 36/a Vuelta di San Juan. Per questa gara a tappe, il coordinatore delle squadre nazionali, Davide Cassani, su indicazione del ct Marino Amadori, ha convocato i seguenti corridori: Mattia Bais, Federico Burchio, Filippo Calderaro, Leonardo Fedrigo, Filippo Rocchetti, Attilio Viviani. Alla corsa argentina parteciperanno 26 team, sette dei quali fanno parte del World tour, cinque sono Uci Professional, sette Continental, oltre ad altrettante rappresentative nazionali. Al via anche Vincenzo Nibali.

11:27Maltempo: Livorno, vento forte,interrotti collegamenti isole

(ANSA) - LIVORNO, 17 GEN - Interrotti i collegamenti con le isole minori a causa del forte vento di Libeccio che sferza la costa Livornese, e numerosi interventi dei vigili del fuoco in città e all'isola D'Elba. A causa del forte vento in nottata lo Star Kinn, un cargo porta cellulosa ormeggiato all'alto fondale ha rotto gli ormeggi danneggiando nell'urto la banchina e lo scafo. La punta massima registrata a Livorno è stata di 65 nodi, circa 120 km/h alle 6.10 di stamani. Sospeso anche il collegamento con Capraia e alle 5.00, come confermano dalla capitaneria di Portoferraio, sono stati interrotti i collegamenti dei traghetti anche con l'isola d'Elba. Gli interventi dei vigili del fuoco al momento sono concentrati nel centro di Livorno, anche con disagi alla circolazione per la chiusura al traffico di un tratto del viale Italia, e sull'Isola d'Elba.

11:21Uccisa in parco Milano, c’è video e foto sospetto assassino

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Le telecamere hanno filmato il sospetto assassino di Marilena Negri, la donna di 67 anni uccisa con una coltellata al collo all'interno del parco Villa Litta di Milano la mattina del 23 novembre scorso. Quella che sembrava solo un'ipotesi è ora confermata dalla decisione della Squadra mobile di diffondere il video e la foto che immortalano il killer. Un tentativo degli investigatori e della procura per accelerare le indagini con la speranza che qualcuno lo riconosca. Sarà fornita, inoltre, la foto della collanina strappata alla donna e che, secondo la ricostruzione, avrebbe spinto l'uomo ad aggredirla. L'autopsia sulla Negri ha decretato che l'assassino ha colpito una sola volta e di punta la carotide ma il medico legale si è riservato di spiegare nella relazione (da consegnerà entro 60 giorni) se la morte è avvenuta per dissanguamento, per soffocamento (il sangue avrebbe riempito i polmoni della vedova) o per infarto.

11:16Maltempo:pioggia e forti raffiche vento, disagi a Catanzaro

(ANSA) - CATANZARO, 17 GEN - Forti raffiche di vento e pioggia a tratti intensa stanno creando numerosi disagi a Catanzaro e in provincia. Tante le richieste di intervento giunte già dalla tarda serata di ieri alla sala operativa del comando provinciale dei vigili del fuoco del capoluogo. In particolare le squadre sono impegnate per alberi abbattuti e finiti su auto in sosta, rimozione di ostacoli, cartelloni e pannelli pubblicitari divelti. Due squadre sono impegnate per la messa in sicurezza di alcune lamiere divelte sulla facciata del teatro Politeama. Sono segnalate anche delle mareggiate sulle coste. Precipitazioni si registrano un po' in tutta la regione anche se al momento, fa sapere la Protezione civile regionale, non si registrano criticità.(ANSA).

10:56Tennis: Australia, Seppi passa al terzo turno

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Passa al terzo turno Andreas Seppi agli Australian Open. Il 33enne altoatesino, numero 76 della classifica mondiale e fresco reduce dal successo nel challenger di Canberra, ha superato oggi in tre set il giapponese Yoshihito Nishioka, con il punteggio di 6-1 6-3 6-4 in poco meno di due ore di gioco. Un match sempre dominato in cui Andreas ha sempre tenuto a distanza il 22enne rivale, numero 168 del ranking. Nel terzo parziale Seppi ha annullato una pericolosa palla break sul 4-4, quindi sul 5-4 ha strappato il servizio al rivale chiudendo la pratica. Una buona notizia anche in chiave Davis visto che Nishioka potrebbe essere avversario dell'Italia nella sfida con il Giappone in programma nel primo week end di febbraio a Morioka.

10:51Mafia: sequestrate 5 aziende a Gela, per oltre 1 mln euro

(ANSA) - GELA (CALTANISSETTA), 17 GEN - La direzione investigativa antimafia di Caltanissetta sta eseguendo a Gela il sequestro di cinque aziende riconducibili, secondo l'accusa, alla famiglia mafiosa dei Rinzivillo. Il provvedimento, emesso dal gip del tribunale nisseno su richiesta della procura. Indagini su operazioni bancarie e accertamenti patrimoniali hanno permesso, secondo i magistrati, di scoprire i prestanome e i ruoli svolti nelle cinque società che operavano "nella fornitura di manodopera altamente specializzata nel settore degli impianti petroliferi in tutta Italia e all'estero".

Archivio Ultima ora