L’incubo infinito dell’Europa

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

Attacco Parigi, polizia francese

Attacco Parigi, polizia francese

ROMA. – Come in un terrificante e apparentemente ineluttabile déja vu, l’Europa è stata nuovamente colpita al cuore dal terrorismo di ispirazione islamica. Per diverse ore ci sono stati molti dubbi sulla matrice dell’attentato di Nizza, compiuto da un tunisino definito “depresso e instabile” per un divorzio e senza legami conosciuti con il terrorismo.

Un atto di un folle? Qualcosa che ricordava la pazzia di Andreas Lubitz, il copilota che nel marzo 2015 aveva fatto schiantare l’aereo della German Wings sulla Alpi della Provenza francese? Queste indecisioni sono state spazzate via dagli investigatori francesi: “E’ un attacco in perfetto stile jihadista”.

E Hollande, camminando attonito nei luoghi del sangue e dell’orrore ha confermato: “Colpiranno ancora”.

Siamo di fronte a un nuovo orrendo passo della guerra portata avanti dal Califfato contro l’Occidente, ma soprattutto di fronte a quella che il politologo francese Olivier Roy chiama “l’islamizzazione del radicalismo”, rovesciando il ragionamento comune della “radicalizzazione dell’islamismo”.

Cani sciolti, cellule dormienti oppure più semplicemente giovani emarginati che sfogano la loro follia adottando il jihadismo come strumento e come ideologia. Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il terrorista di Nizza, non era un musulmano particolarmente osservante, ma aveva un padre definito un “estremista islamico”.

I componenti della cellula di Molenbeek fumavano e bevevano birra e non frequentavano le moschee. I macellai di Dacca venivano da famiglie borghesi e benestanti. Ma l’Isis per tutti loro è stato un punto di riferimento, un’ispirazione, il simbolo da adottare.

Nel caso degli orrendi attentati di Parigi e di Bruxelles attraverso una capillare organizzazione messa in piedi da ‘foreign fighter’ in contatto diretto con Raqqa, la capitale siriana dell’Isis. A Dacca attraverso un’organizzazione locale. Nel caso di Nizza nulla di tutto questo.

Ma nelle settimane scorse l’Isis aveva invitato ad attaccare l’Europa con ogni mezzo e ogni luogo per sferrare un contrattacco in un momento in cui perde terreno e battaglie tra la Siria e l’Iraq sotto la pressione militare della coalizione internazionale. E l’uso di auto e pullman è una consuetudine ben conosciuta da tempo per attacchi terroristici in molte parti del mondo.

La campagna globale e contro l’Europa – basti ricordare i recenti attacchi di Istanbul e appunto Dacca – passa, secondo le analisi di queste ore dell’intelligence francese, anche attraverso il gesto folle di un uomo semplicemente ispirato dal jihadismo che aveva precedenti per violenza ma che non era conosciuto per nessun contatto con il mondo del terrorismo.

Nel giorno della morte di 84 persone nel momento delle celebrazioni dei valori e dei principi – libertà, uguaglianza e fratellanza – che sono alle base della costruzione europea, l’Europa si trova balbettante a ripetere le stesse vuote parole che erano state pronunciate dopo Parigi e dopo Bruxelles.

La costruzione di una politica comune di sicurezza con scambi efficaci e concreti tra polizie e intelligence è lontana da venire. La fiducia e la collaborazione tra i Paesi membri è ancora molto scarsa. E’ uno dei motivi per i quali la Francia viene colpita è proprio per la sua politica nazionale in Medio Oriente, nel Maghreb e nell’Africa subsahariana.

Non c’è una politica europea. Ma questo non vuol certo dire che gli altri Paesi possano sentirsi al sicuro. Tra i continui attacchi del terrorismo e la Brexit, l’Europa sbanda come una nave in tempesta con le vele stracciate e senza un capitano.

Ci vogliono coraggio e determinazione, nuove idee, nuova capacità di leadership e di visione per tornare a pensare a un’Europa coesa che possa affrontare unita le tremende sfide di inizio millennio. Sulla nave bisogna fissare la bussola: non c’è più molto tempo per ritrovare la rotta.

(di Stefano Polli/ANSA)

Ultima ora

06:48Giappone, ministra della Difesa Inada rassegna dimissioni

(ANSA) - TOKYO, 28 LUG - La ministra della Difesa giapponese Tomomi Inada ha presentato la lettera di dimissioni al premier Shinzo Abe, a seguito di un'accesa campagna mediatica condotta negli ultimi mesi dall'opposizione, che accusa la ministra di aver disposto l'insabbiamento di informazioni relative alla missione delle Forze di Autodifesa nel Sud Sudan. Abe ha accettato le dimissioni, che giungono pochi giorni prima del rimpasto di governo in cui la ministra sarebbe stata con ogni probabilità sostituita, e a poche ore dall'annuncio dell'inchiesta della commissione interna per fare luce sulla vicenda.

06:36Sale la tensione in Venezuela, altri 3 giovani morti

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Cresce la tensione in Venezuela in seguito allo sciopero nazionale di 48 ore convocato dall'opposizione contro la riforma costituzionale promossa da Nicolas Maduro. Oggi altri tre giovanissimi, uno di 16, un altro di 28 e un altro ancora di 20 anni, sono morti durante le manifestazioni. Gli Stati Uniti hanno ordinato ai familiari dei diplomatici americani che vivono a Caracas di lasciare la capitale prima della prossima consultazione elettorale.

06:34Usa, Senato approva nuove sanzioni verso Russia

(ANSA) - WASHINGTON, 28 LUG - Il Senato Usa ha approvato a larghissima maggioranza - 98 voti favorevoli e 2 contrari - un provvedimento legislativo che dà il via libera a nuove sanzioni verso Russia, Iran e Corea del Nord e che include anche limiti al potere del presidente Donald Trump di alleggerire o interrompere misure verso il governo di Mosca. Portando quindi di fatto il pacchetto, dopo l'approvazione avvenuta già alla Camera, sul tavolo del presidente di cui è necessaria la firma. La Casa Bianca ha segnalato aperture a riguardo ma non ha ancora esplicitato l'impegno del presidente alla firma.

00:51Vaccini: Camera conferma fiducia a governo, 305 sì

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge vaccini con 305 voti a favore, 147 contrari e due astenuti. L'esame del testo proseguirà dalle 9, con le votazioni relative agli ordini del giorno. Il voto finale e definitivo sul provvedimento è previsto alle 12 dopo le dichiarazioni di voto che verranno trasmesse in diretta televisiva a partire dalle 10.

23:02Calcio:Montella,ottima vittoria ma non sottovalutare ritorno

(ANSA) - MILANO, 27 LUG - "Il risultato è ottimo ma non ci lascia tranquilli, non possiamo sottovalutare la partita di ritorno, in cui saremo più avanti sul piano fisico e tecnico". Vincenzo Montella commenta così il successo per 1-0 con cui il suo Milan ha vinto l'andata del preliminare di Europa League in trasferta contro i romeni del Craiova. "Non mi potevo aspettare di più, il Craiova ci ha messo in difficoltà perché era più avanti di noi nella preparazione e ha giocatori abili. Mi è piaciuto il modo con cui la squadra si approccia alla sofferenza - ha detto Montella a Sky dopo la partita in Romania -. Siamo stati un po' scolastici. Si sta inserendo qualche calciatore, siamo in costruzione e ci sarà tempo per costruire. Il mio compito è portare avanti più giocatori possibili". Il risultato è stato anche salvato da una prodezza di Gianluigi Donnarumma. "Donnarumma ha fatto una parata importantissima, in un momento decisivo della partita''.

22:24Calcio: Europa League, Craiova-Milan 0-1

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Il Milan batte 1-0 (1-0) la squadra romena del Csu Craiova nella partita di andata del terzo turno preliminare di Europa League. In gol per i rossoneri Rodriguez al 44' pt

21:45Sospeso processo disciplinare a Emiliano

(ANSA) - ROMA, 27 LUG - Sospeso il processo disciplinare al governatore della Puglia Michele Emiliano con invio degli atti alla Consulta. È quanto ha deciso la sezione disciplinare del Csm nel procedimento a Emiliano, magistrato in aspettativa sotto accusa per la sua attività politica come dirigente del Pd. La Consulta dovrà verificare la legittimità costituzionale della norma che prevede come illecito disciplinare per un magistrato, anche se fuori, l'iscrizione ad un partito politico. "Sono molto soddisfatto, avevo più volte detto che c'era un forte dubbio interpretativo e che ci fosse la necessità di un chiarimento. Indipendentemente da come deciderà la Corte Costituzionale, il Csm ha ritenuto che la questione di legittimità da noi sollevata possa avere fondamento". Lo ha detto Michele Emiliano, commentando la decisione della sezione disciplinare del Csm di sospendere il procedimento a suo carico e trasmettere gli atti alla Consulta.

Archivio Ultima ora