L’incubo infinito dell’Europa

Pubblicato il 15 luglio 2016 da redazione

Attacco Parigi, polizia francese

Attacco Parigi, polizia francese

ROMA. – Come in un terrificante e apparentemente ineluttabile déja vu, l’Europa è stata nuovamente colpita al cuore dal terrorismo di ispirazione islamica. Per diverse ore ci sono stati molti dubbi sulla matrice dell’attentato di Nizza, compiuto da un tunisino definito “depresso e instabile” per un divorzio e senza legami conosciuti con il terrorismo.

Un atto di un folle? Qualcosa che ricordava la pazzia di Andreas Lubitz, il copilota che nel marzo 2015 aveva fatto schiantare l’aereo della German Wings sulla Alpi della Provenza francese? Queste indecisioni sono state spazzate via dagli investigatori francesi: “E’ un attacco in perfetto stile jihadista”.

E Hollande, camminando attonito nei luoghi del sangue e dell’orrore ha confermato: “Colpiranno ancora”.

Siamo di fronte a un nuovo orrendo passo della guerra portata avanti dal Califfato contro l’Occidente, ma soprattutto di fronte a quella che il politologo francese Olivier Roy chiama “l’islamizzazione del radicalismo”, rovesciando il ragionamento comune della “radicalizzazione dell’islamismo”.

Cani sciolti, cellule dormienti oppure più semplicemente giovani emarginati che sfogano la loro follia adottando il jihadismo come strumento e come ideologia. Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il terrorista di Nizza, non era un musulmano particolarmente osservante, ma aveva un padre definito un “estremista islamico”.

I componenti della cellula di Molenbeek fumavano e bevevano birra e non frequentavano le moschee. I macellai di Dacca venivano da famiglie borghesi e benestanti. Ma l’Isis per tutti loro è stato un punto di riferimento, un’ispirazione, il simbolo da adottare.

Nel caso degli orrendi attentati di Parigi e di Bruxelles attraverso una capillare organizzazione messa in piedi da ‘foreign fighter’ in contatto diretto con Raqqa, la capitale siriana dell’Isis. A Dacca attraverso un’organizzazione locale. Nel caso di Nizza nulla di tutto questo.

Ma nelle settimane scorse l’Isis aveva invitato ad attaccare l’Europa con ogni mezzo e ogni luogo per sferrare un contrattacco in un momento in cui perde terreno e battaglie tra la Siria e l’Iraq sotto la pressione militare della coalizione internazionale. E l’uso di auto e pullman è una consuetudine ben conosciuta da tempo per attacchi terroristici in molte parti del mondo.

La campagna globale e contro l’Europa – basti ricordare i recenti attacchi di Istanbul e appunto Dacca – passa, secondo le analisi di queste ore dell’intelligence francese, anche attraverso il gesto folle di un uomo semplicemente ispirato dal jihadismo che aveva precedenti per violenza ma che non era conosciuto per nessun contatto con il mondo del terrorismo.

Nel giorno della morte di 84 persone nel momento delle celebrazioni dei valori e dei principi – libertà, uguaglianza e fratellanza – che sono alle base della costruzione europea, l’Europa si trova balbettante a ripetere le stesse vuote parole che erano state pronunciate dopo Parigi e dopo Bruxelles.

La costruzione di una politica comune di sicurezza con scambi efficaci e concreti tra polizie e intelligence è lontana da venire. La fiducia e la collaborazione tra i Paesi membri è ancora molto scarsa. E’ uno dei motivi per i quali la Francia viene colpita è proprio per la sua politica nazionale in Medio Oriente, nel Maghreb e nell’Africa subsahariana.

Non c’è una politica europea. Ma questo non vuol certo dire che gli altri Paesi possano sentirsi al sicuro. Tra i continui attacchi del terrorismo e la Brexit, l’Europa sbanda come una nave in tempesta con le vele stracciate e senza un capitano.

Ci vogliono coraggio e determinazione, nuove idee, nuova capacità di leadership e di visione per tornare a pensare a un’Europa coesa che possa affrontare unita le tremende sfide di inizio millennio. Sulla nave bisogna fissare la bussola: non c’è più molto tempo per ritrovare la rotta.

(di Stefano Polli/ANSA)

Ultima ora

00:54Pena morte:Corte suprema autorizza condanna detenuto Alabama

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - La corte suprema Usa ha autorizzato l'Alabama ad eseguire nelle prossime ore la condanna a morte di Torrey Twane McNabb, 40 anni, accusato di aver ucciso nel 1997 un poliziotto. I giudici hanno annullato la decisione di una corte d'appello che aveva bloccato l'esecuzione per accertare se il protocollo farmaceutico legato all'iniezione potesse causare una pena crudele e inusuale.

00:50Weinstein: Tarantino,sapevo abbastanza per fare di più

(ANSA) - NEW YORK, 20 OTT - "Sapevo abbastanza per fare di piu' di quello che ho fatto". Lo afferma il regista Quentin Tarantino in un'intervista al New York Times intervenendo sul caso di Harvey Weinstein. Tarantino ammette che le informazioni a sua disposizione "erano più di un normale gossip. Non erano di seconda mano".

00:47Brexit: May ai 27, aiutatemi a difendermi da attacchi

(ANSA) - BRUXELLES, 20 OTT - Theresa May ha chiesto ai partner europei di poter portare a casa un risultato che le consenta di difendersi dagli attacchi politici 'domestici'. La richiesta, a quanto si è appreso, è stata formulata dal premier durante la cena del summit dedicata alla Brexit.

00:23Basket: Eurolega, Milano-Fenerbahce 86-92

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Datome (16 punti) e Melli (15 e 11 rimbalzi) fanno un brutto scherzetto all'Ax Milano: con piglio deciso e carattere leonino, i due azzurri fanno la vera differenza a favore del Fenerbahce, che sbanca il Forum dopo un tempo supplementare (86-92) e manda così l'Olimpia a 0-2 in Eurolega. Milano, come una settimana fa a Mosca, non demerita nel primo tempo, ma s'inchina ai campioni d'Europa nel terzo periodo (27-16 il parziale), quando Sloukas scava un solco importante con 12 punti (17 in totale). Milano si piega ma non si spezza, meritando a pieno gli applausi che le destinano il patron Giorgio Armani e tutto il Forum che sogna il colpaccio: le triple di M'Baye (16) e Bertans (16) la tengono a contatto e le consentono di trovare il pari (80-80) a 7 secondi dalla fine con la tripla di Micov (15), che manda tutto all'overtime. Ma al supplementare il Fenerbahce fa valere il suo pedigree e con due ex della Serie A (Wanameker e Nunnally) porta a casa la vittoria.

00:19Calcio: Montella, i tifosi ci stiano vicini

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "È chiaramente un momento complesso: se avessimo vinto, ci sarebbe stato maggior entusiasmo. Ma stasera la squadra la sua partita l'ha fatta, creando tante occasioni che, purtroppo, non siamo stati in grado di concretizzare. Siamo comunque primi in classifica, almeno in Coppa". Lo ha detto Vincenzo Montella a Sky Sport, dopo lo 0-0 casalingo con l'Aek Atene in Europa League. "L'analisi della partita di oggi - ha proseguito - è fuorviata dalle sconfitte in campionato, che pesano sulla testa mia, dei giocatori e dei tifosi, i quali hanno dimostrato il loro disappunto. Ma oggi la squadra è stata più solida e più pericolosa. Manca la scintilla, manca il fiammifero che dobbiamo accendere noi stessi - ha poi ammesso il tecnico - Ma i ragazzi non sono tranquilli: vogliono dimostrare di essere da Milan, ma sono come bloccati nella testa. Il mio compito primario, ora, è quello di farli sciogliere. Quindi, chiedo alla società e soprattutto ai tifosi di starci vicino: è una squadra che ha qualità, ma deve esprimerla".

00:14Calcio: Europa League, Milan pari e vittoria dell’Atalanta

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Milan-Aek Atene 0-0 e Atalanta-Apollon Limassol 3-1 in due gare della 3/a giornata di Europa League. I rossoneri, nonostante le occasioni sprecate soprattutto nella ripresa, non abbattono il muro greco e chiudono tra i fischi. Nell'altra partita del girone D, Austria Vienna-Rijeka 1-3. Classifica: Milan 7; Aek 5; Rijeka 3; Austria V. 1. A Reggio Emilia, invece, vittoria dell'Atalanta sui ciprioti. Primo gol all'11': Spinazzola scende da sinistra e pesca l'indisturbato Ilicic che insacca da due passi. Nella ripresa, l'Apollon pareggia al 59': cross da destra di Jakolis e Schembri, tutto solo, insacca di testa. Ma dura poco: dopo una traversa di Gomez, sul successivo corner al 64', Petagna salta sull'uscita a vuoto di Bruno Vale e riporta i suoi avanti. E due minuti dopo arriva il 3-1: sull'apertura di Gomez, Ilicic fa sponda di petto per Freuler che fa secco il portiere con un diagonale da dentro l'area. Sull'altro campo del girone E, Everton-Lione 1-2. Classifica: Atalanta 7; Lione 5; Apollon 2; Everton 1.

22:38Sindaco Amatrice candidato alle regionali nel Lazio

(ANSA) - RIETI, 19 OTT - Il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, sarebbe in procinto di candidarsi alle regionali del Lazio del 2018 secondo quanto riferisce l'edizione reatina online de Il Messaggero. A sostenerlo, sempre secondo il quotidiano romano, sarà una lista civica con il suo nome, all'interno del centrodestra. L'ufficialità è attesa alla presentazione del suo libro a Roma il 24 ottobre.

Archivio Ultima ora