L’Italia si blinda dopo l’attentato di Nizza

Pubblicato il 15 luglio 2016 da ansa

blinda

ROMA. – Un ristorante a Dacca, un lungomare a Nizza. Luoghi affollati, non presidiati dalle forze dell’ordine. Sono potenzialmente infiniti i target simili in un Paese come l’Italia. Impossibile proteggerli tutti, tenuto conto che le misure di sicurezza sono già spinte al Livello 2, il massimo. Dopo, c’è solo l’attacco in corso.

Di questa preoccupazione si è discusso al Viminale: già alla riunione del Comitato nazionale dell’ordine e della sicurezza pubblica; poi a quella del Comitato strategico antiterrorismo (Casa) convocata dopo la strage di Nizza. E si è deciso di dare un’indicazione precisa a prefetti e questori: in caso di assembramenti, si valuti la possibilità di chiudere le vie limitrofe, proprio per evitare attacchi con il metodo del ‘car jihad’, come accaduto nella città francese.

Il punto sulla sicurezza dell’Italia dopo l’attacco sul lungomare è stato fatto a Palazzo Chigi col premier Matteo Renzi, in riunione con il sottosegretario all’Intelligence, Marco Minniti. Poi al Viminale, col ministro dell’Interno, Angelino Alfano, che ha presieduto la riunione del Casa: organismo che riunisce settimanalmente 007 e forze di polizia per valutare la minaccia terroristica.

Alla fine è partita la circolare a prefetti e questori, che vengono invitati a “rivisitare” i piani di controllo sul territorio ed a “riqualificare” gli obiettivi sensibili alla luce della nuova minaccia, che prende di mira affollati ‘soft target’.

Il documento chiede pertanto di valutare la possibilità di disporre “zone di rispetto e prefiltraggio”, nonchè, dove possibile, il “divieto di circolazione” ed il “blocco del transito” in prossimità di zone dove è previsto assembramento di persone, come concerti, feste, eventi religiosi, località turistiche.

Ci saranno dunque più agenti, anche in borghese, in queste situazioni, mischiati tra la gente. E si impedirà la circolazione, quando sarà ritenuto opportuno. L’esempio lo ha fatto lo stesso Alfano rispondendo a chi gli chiedeva come si pensa di poter proteggere obiettivi così esposti come quello colpito a Nizza.

“Quando era prefetto di Roma – ha ricordato il ministro – l’attuale capo della Polizia, Franco Gabrielli, chiuse via della Conciliazione per il Giubileo, una scelta che suscitò polemiche. Sarà comunque ciascun prefetto a valutare, in base al suo territorio, cosa fare e cosa non fare”.

La partita chiave si gioca comunque sul piano della prevenzione, cogliendo per tempo i segnali di pericolo. E non è semplice perche, ha riflettuto il titolare del Viminale, la minaccia è sempre più ‘liquida’, è difficilmente afferrabile, affidata ad attori solitari la cui azione è imprevedibile. Noi siamo al lavoro giorno e notte per rendere più efficiente il sistema”.

E’ stata anche data l’indicazione di intensificare gli scambi informativi con altri Paesi. Tanti i warning in arrivo, nessuna specifica minaccia. Le analisi d’intelligence indicano comunque un pericolo aumentato dalla nuova strategia dell’Isis di non chiamare più i militanti a combattere in Siria ed Iraq, ma invitarli a colpire negli stessi Paesi occidentali.

E la ‘competizione’ con al Qaeda si gioca anche su chi fa gli attentati più sanguinosi. In Italia occhi puntati quindi sul fenomeno dei ‘returneès, combattenti di ritorno dei teatri di guerra e sulle carceri, luogo ad alto rischio radicalizzazione.

Nella giornata di oggi non si sono registrate – come accaduto invece in passato – esultanze di detenuti alla notizia della strage. Ma ciò può essere anche dettato dalla maggiore prudenza degli islamisti. Monitoraggio attento anche sul web, per registrare eventuali messaggi di sostegno all’attacco terroristico.

E si continua con la strategia dell’espulsione dei soggetti sospetti: 99 sono stati allontanati dall’1 gennaio 2015, tra i quali 7 imam. Il problema è stanare i non sospetti, come era l’attentatore tunisino di Nizza, sconosciuto alle forze di polizia ed all’intelligence.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

02:41Manchester: esplosione a concerto, forse terrorismo

(ANSA) - LONDRA, 23 MAG - Paura e sangue in Gran Bretagna, nella Manchester Arena, dove una potente esplosione ha causato morti e feriti. L'episodio è trattato dagli inquirenti come un fatto di terrorismo. Alcune testimonianze fanno riferimento ad almeno "20-30 persone" viste a terra. L'episodio, descritto subito dagli investigatori come "un serio incidente", ha tutta l'aria di essere un attacco compiuto con un ordigno, anche se al momento non vi sono conferme. E' avvenuto ieri sera subito dopo la fine di un concerto di Ariana Grande - pop star americana 24enne, rimasta illesa secondo una sua portavoce - e ha scatenato il panico fra la gente. La struttura, la più grande arena indoor d'Europa, con una capienza di oltre 21.000 posti, era affollata soprattutto di giovani e giovanissimi. Immagini registrate da testimoni oculari hanno mostrato scene di terrore, con urla seguite dal fuggi fuggi generale. Mentre la polizia accorreva in forze e così pure i mezzi di soccorso.

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

Archivio Ultima ora