Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

Pubblicato il 18 luglio 2016 da ansa

Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

BRUXELLES – La Turchia di Erdogan deve fermare la sua “vendetta” sui golpisti e gli oppositori, tornare sulla strada del rispetto delle regole democratiche, dello stato di diritto, della separazione dei poteri e dei diritti umani e rinunciare all’idea di ripristinare la pena di morte, se non vuole dire addio alle sue aspirazione europee.

Le migliaia di arresti, l’assassinio del vice sindaco di un comune di Istanbul dicono il contrario. Ma da Bruxelles, dove il tentato golpe e la reazione del governo sono stati al centro del Consiglio esteri cui per la prima volta della storia ha partecipato un segretario di stato americano, Federica Mogherini e John Kerry lanciano un monito chiaro di Europa e Usa uniti sulla stessa linea:

– Non ci sono scuse per portare la Turchia su un percorso diverso.

Ed il capo della diplomazia di Obama da una parte sfida Ankara a mandare “prove solide e non accuse” per l’estradizione di Gulen, dall’altra sottolinea che la reazione di Ankara sarà seguita “molto attentamente” dalla Nato. Il Washington Post interpreta la frase come una minaccia allo status di membro dell’Alleanza Atlantica, i portavoce di Kerry chiariscono che è lettura eccessiva.

Nel pomeriggio il segretario generale dell’ Alleanza, dopo una telefonata con Erdogan, ribadisce che è “essenziale” che Ankara “come tutti gli alleati assicuri il pieno rispetto della democrazia” ed etichetta la Turchia come “alleato di valore” cui la Nato “dà solidarietà in questi tempi difficili”.

Ma a preoccupare “fortissimamente” l’Europa non sono solo quelli che il ministro degli esteri Paolo Gentiloni definisce tout court “gli abusi delle ultime 24-36 ore”, in cui è evidente che Ankara avesse “liste già pronte”, come denuncia il Commissario per il vicinato Johannes Hahn. Cosa di cui lo stesso Gentiloni non dubita.
Lo strappo più grande sarebbe quello di tornare alla pena capitale.

– Nessun paese può diventare membro della Ue se introduce la pena di morte – scandisce Federica Mogherini.
Concetto identico a quello espresso dal portavoce di Angela Merkel a Berlino:

– Siamo categoricamente contro la pena di morte. Un Paese che la pratica non può essere membro della Ue.
E la stessa Cancelliera lo sottolinea con “urgenza” al diretto interessato con una telefonata ad Erdogan. Ora per Unione europea e Stati Uniti si apre la partita della pressione politica e diplomatica per far tornare la Turchia sui suoi passi.

Paolo Gentiloni, che non dà credito alle voci di golpe costruito a tavolino, evidenzia che con Ankara ci sono “moltissime leve” a cominciare dalla ripresa del dialogo facendo pesare che la Ue è il vicino più grande ed il primo partner commerciale.

Ma da una parte rimprovera all’Europa di aver “chiuso la porta 10 anni fa” e di averla riaperta “due anni fa soltanto perché c’era un’emergenza sui flussi migratori”. Dall’altra avverte che con la Turchia si aprirà una “partita geopolitica di un certo interesse”.

Non la nomina esplicitamente, ma allude alla Russia quando parla di “soggetti che si stanno muovendo su scala internazionale per far capire che ci sono altre relazioni possibili che si possono aprire”. Ed invita la Ue ad “essere fermi sui principi ma neanche troppo ingenui”.

Anche se, avverte, la Turchia non si deve illudere di essere protetta dall’accordo sui rifugiati:
– I principi restano principi, non ci rinunciamo perché c’è l’accordo, altrimenti è l’edificio stesso della Ue ad essere messo in discussione.

(Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

10:31Calcio: l’Inter festeggia i 54 anni di Zhang Jindong

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - L'Inter e il vicepresidente Javier Zanetti festeggiano, su Twitter, il proprietario del club nerazzurro, Zhang Jindong. Il numero uno di Suning oggi compie 54 anni. "Buon compleanno chairman", scrive la società sul social. Sul sito, oltre ai messaggi d'auguri, sono state pubblicate le fotografie di Zhang ad Appiano Gentile, insieme con Erick Thohir, il figlio Steven, l'allenatore Stefano Pioli e a tutta la squadra nerazzurra.

10:28Calcio: Barcellona, quattro nomi per il dopo Luis Enrique

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - I dirigenti del Barcellona s'interrogano sul futuro tecnico della squadra, dopo l'annunciato addio di Luis Enrique al termine della stagione. Secondo il Mundo deportivo, la cerchia di candidati alla panchina dei blaugrana si è ristretta a quattro candidati: Ernesto Valverde, Juan Carlos Unzue, Eusebio Sacristan e Ronald Koeman. Nei giorni scorsi, durante una tappa del Giro di Catalogna di ciclismo, Unzue, attuale vice di Luis Enrique, di fatto, aveva avanzato la propria candidatura, ma questo non vuol dire - secondo il giornale spagnolo - che la sua successione a 'Lucho' sia ormai cosa fatta. Anzi. I dirigenti stanno valutando tutti i pro e i contro, in modo da affidare una delle squadre più forti del mondo a mani sicure.

10:26Calcio: ottimismo Neymar, il Barcellona può vincere tutto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "E' stato qualcosa di unico. Ho vissuto quella partita come fosse una sfida al limite dell'impossibile. E' stata una vittoria che ci ha messo tanta euforia addosso". Così Neymar junior rivive la sfida fra Barcellona e PSG, che ha segnato la Champions 2016/17. Il brasiliano, in un'intervista pubblicata da El mundo deportivo, inoltre, lancia un messaggio trasversale alla Juve, dicendosi ottimista sul finale di stagione. "Penso che possiamo vincere nuovamente tutto, se saremo concentrati e felici", ha affermato Neymar, con chiaro riferimento alla Coppa del Re, alla Liga e soprattutto alla Champions, dove nei quarti affronterà i bianconeri. Neymar, che domenica a Granada può festeggiare il 100/o gol in blaugrana, ha già rinnovato il contratto con il club fino al 2021: "Il mio sogno era di giocare nel Barca, fin da bambino era quello che volevo. Giocare in questa squadra è un sogno che si realizza per me". Riguardo il rinnovo di Messi, Neymar si lascia andare a un "Messi è il Barca e il Barca è Messi".

10:16Truffe: indennità Inps a falsi braccianti, 34 denunce

(ANSA) - CROTONE, 28 MAR - Una frode perpetrata ai danni dell'Inps da un'azienda agricola è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Crotone che ha denunciato 34 persone - il titolare dell'impresa, un consulente dell'azienda e 32 lavoratori fantasma - per truffa finalizzata al conseguimento di indebite erogazioni previdenziali ed assistenziali. Le indagini svolte dai finanzieri hanno consentito di accertare che l'azienda non disponeva effettivamente di strutture e terreni, indicati fittiziamente sulle domande di assunzione al solo scopo di giustificare il fabbisogno di manodopera. Il meccanismo fraudolento messo in atto ha permesso ai falsi lavoratori di beneficiare indebitamente di indennità varie come disoccupazione, malattia, maternità erogate dall'Inps per oltre 130.000 euro e della falsa costituzione di contributi utili ai fini pensionistici. A conclusione dell'attività sono stati disconosciuti sia i rapporti di lavoro, sia le connesse prestazioni previdenziali di cui hanno beneficiato i falsi lavoratori. (ANSA).

09:42Berlino:rubata moneta gigante da Guinness,vale 3,7 mln euro

(ANSA) - BERLINO, 28 MAR - Una moneta d'oro da record, del valore di 3,7 milioni di euro, e' stata rubata dal museo Bode di Berlino: e' la 'Big Maple Leaf', una moneta da 100 chili che su un lato ritrae il profilo della regina Elisabetta e sull'altro una foglia d'acero. La 'Big Maple Leaf', che era stata data in prestito al museo da un privato, e' spessa 3 centimetri ed ha un diametro di 53 centimetri, con un valore nominale di un milione di dollari canadesi: tuttavia, visto il suo peso e la purezza del suo oro (999,99/1.000), vale poco più di 3,7 milioni di euro. E proprio in virtù della purezza del suo oro, ha reso noto il museo, la moneta - coniata in quantità limitata dalla Zecca reale canadese nel 2007 - e' entrata nel Guinness dei primati. La moneta era esposta nel museo dal dicembre 2010. La polizia di Berlino ha reso noto che i ladri sono entrati nel museo da una finestra sul retro usando una scala verso le 3:30 di lunedì, hanno rotto la teca blindata che ospitava la moneta e sono fuggiti prima dell'arrivo della polizia.

09:41Sgominata banda, progettava furto salma Enzo Ferrari

(ANSA) - NUORO, 28 MAR - I carabinieri del Comando provinciale di Nuoro hanno sgominato una banda criminale dedita al traffico di droga e armi fra la Sardegna ed il nord Italia (Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Toscana). Gli inquirenti hanno accertato che la banda progettava anche il furto a scopo di estorsione della salma del costruttore automobilistico Enzo Ferrari. E' in corso l'esecuzione di 34 ordini di custodia cautelare assieme a numerose perquisizioni disposte dal gip di Cagliari su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. All'opera 300 militari supportati da unità cinofile, elicotteri, uomini del Reggimento paracadutisti Tuscania e dello Squadrone eliportato Cacciatori di Sardegna. L'associazione a delinquere sarebbe radicata ad Orgosolo (Nuoro) ed avrebbe compiuto reati anche nel nord Italia. Il sodalizio era dedito anche a reati contro il patrimonio. (ANSA).

08:16Sudafrica: morto Ahmed Kathrada, uno dei padri antiapartheid

(ANSA) - JOHANNESBURG, 28 MAR - E' morto questa mattina a Johannesburg Ahmed Kathrada, uno dei padri della lotta antiapartheid in Sudafrica e compagno di prigione di Nelson Mandela: Kathrada aveva 87 anni, 26 dei quali trascorsi in carcere, molti insieme a Mandela. La sua fondazione ha annunciato che il 'grande vecchio' del partito di Zuma, detto anche Kathy, e' morto dopo essere stato ricoverato in ospedale per un'embolia cerebrale all'inizio di questo mese. Nato il 21 agosto del 1929 nel nordovest del Sudafrica, Kathrada e' stato impegnato contro l'apartheid fin da giovane. Arrestato nel luglio del 1963 alla periferia di Johannesburg, fu condannato all'ergastolo l'anno successivo.

Archivio Ultima ora