Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

Pubblicato il 18 luglio 2016 da ansa

Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

BRUXELLES – La Turchia di Erdogan deve fermare la sua “vendetta” sui golpisti e gli oppositori, tornare sulla strada del rispetto delle regole democratiche, dello stato di diritto, della separazione dei poteri e dei diritti umani e rinunciare all’idea di ripristinare la pena di morte, se non vuole dire addio alle sue aspirazione europee.

Le migliaia di arresti, l’assassinio del vice sindaco di un comune di Istanbul dicono il contrario. Ma da Bruxelles, dove il tentato golpe e la reazione del governo sono stati al centro del Consiglio esteri cui per la prima volta della storia ha partecipato un segretario di stato americano, Federica Mogherini e John Kerry lanciano un monito chiaro di Europa e Usa uniti sulla stessa linea:

– Non ci sono scuse per portare la Turchia su un percorso diverso.

Ed il capo della diplomazia di Obama da una parte sfida Ankara a mandare “prove solide e non accuse” per l’estradizione di Gulen, dall’altra sottolinea che la reazione di Ankara sarà seguita “molto attentamente” dalla Nato. Il Washington Post interpreta la frase come una minaccia allo status di membro dell’Alleanza Atlantica, i portavoce di Kerry chiariscono che è lettura eccessiva.

Nel pomeriggio il segretario generale dell’ Alleanza, dopo una telefonata con Erdogan, ribadisce che è “essenziale” che Ankara “come tutti gli alleati assicuri il pieno rispetto della democrazia” ed etichetta la Turchia come “alleato di valore” cui la Nato “dà solidarietà in questi tempi difficili”.

Ma a preoccupare “fortissimamente” l’Europa non sono solo quelli che il ministro degli esteri Paolo Gentiloni definisce tout court “gli abusi delle ultime 24-36 ore”, in cui è evidente che Ankara avesse “liste già pronte”, come denuncia il Commissario per il vicinato Johannes Hahn. Cosa di cui lo stesso Gentiloni non dubita.
Lo strappo più grande sarebbe quello di tornare alla pena capitale.

– Nessun paese può diventare membro della Ue se introduce la pena di morte – scandisce Federica Mogherini.
Concetto identico a quello espresso dal portavoce di Angela Merkel a Berlino:

– Siamo categoricamente contro la pena di morte. Un Paese che la pratica non può essere membro della Ue.
E la stessa Cancelliera lo sottolinea con “urgenza” al diretto interessato con una telefonata ad Erdogan. Ora per Unione europea e Stati Uniti si apre la partita della pressione politica e diplomatica per far tornare la Turchia sui suoi passi.

Paolo Gentiloni, che non dà credito alle voci di golpe costruito a tavolino, evidenzia che con Ankara ci sono “moltissime leve” a cominciare dalla ripresa del dialogo facendo pesare che la Ue è il vicino più grande ed il primo partner commerciale.

Ma da una parte rimprovera all’Europa di aver “chiuso la porta 10 anni fa” e di averla riaperta “due anni fa soltanto perché c’era un’emergenza sui flussi migratori”. Dall’altra avverte che con la Turchia si aprirà una “partita geopolitica di un certo interesse”.

Non la nomina esplicitamente, ma allude alla Russia quando parla di “soggetti che si stanno muovendo su scala internazionale per far capire che ci sono altre relazioni possibili che si possono aprire”. Ed invita la Ue ad “essere fermi sui principi ma neanche troppo ingenui”.

Anche se, avverte, la Turchia non si deve illudere di essere protetta dall’accordo sui rifugiati:
– I principi restano principi, non ci rinunciamo perché c’è l’accordo, altrimenti è l’edificio stesso della Ue ad essere messo in discussione.

(Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora