Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

Pubblicato il 18 luglio 2016 da ansa

Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

Ue-Usa ad Ankara: Con pena di morte addio all’Europa

BRUXELLES – La Turchia di Erdogan deve fermare la sua “vendetta” sui golpisti e gli oppositori, tornare sulla strada del rispetto delle regole democratiche, dello stato di diritto, della separazione dei poteri e dei diritti umani e rinunciare all’idea di ripristinare la pena di morte, se non vuole dire addio alle sue aspirazione europee.

Le migliaia di arresti, l’assassinio del vice sindaco di un comune di Istanbul dicono il contrario. Ma da Bruxelles, dove il tentato golpe e la reazione del governo sono stati al centro del Consiglio esteri cui per la prima volta della storia ha partecipato un segretario di stato americano, Federica Mogherini e John Kerry lanciano un monito chiaro di Europa e Usa uniti sulla stessa linea:

– Non ci sono scuse per portare la Turchia su un percorso diverso.

Ed il capo della diplomazia di Obama da una parte sfida Ankara a mandare “prove solide e non accuse” per l’estradizione di Gulen, dall’altra sottolinea che la reazione di Ankara sarà seguita “molto attentamente” dalla Nato. Il Washington Post interpreta la frase come una minaccia allo status di membro dell’Alleanza Atlantica, i portavoce di Kerry chiariscono che è lettura eccessiva.

Nel pomeriggio il segretario generale dell’ Alleanza, dopo una telefonata con Erdogan, ribadisce che è “essenziale” che Ankara “come tutti gli alleati assicuri il pieno rispetto della democrazia” ed etichetta la Turchia come “alleato di valore” cui la Nato “dà solidarietà in questi tempi difficili”.

Ma a preoccupare “fortissimamente” l’Europa non sono solo quelli che il ministro degli esteri Paolo Gentiloni definisce tout court “gli abusi delle ultime 24-36 ore”, in cui è evidente che Ankara avesse “liste già pronte”, come denuncia il Commissario per il vicinato Johannes Hahn. Cosa di cui lo stesso Gentiloni non dubita.
Lo strappo più grande sarebbe quello di tornare alla pena capitale.

– Nessun paese può diventare membro della Ue se introduce la pena di morte – scandisce Federica Mogherini.
Concetto identico a quello espresso dal portavoce di Angela Merkel a Berlino:

– Siamo categoricamente contro la pena di morte. Un Paese che la pratica non può essere membro della Ue.
E la stessa Cancelliera lo sottolinea con “urgenza” al diretto interessato con una telefonata ad Erdogan. Ora per Unione europea e Stati Uniti si apre la partita della pressione politica e diplomatica per far tornare la Turchia sui suoi passi.

Paolo Gentiloni, che non dà credito alle voci di golpe costruito a tavolino, evidenzia che con Ankara ci sono “moltissime leve” a cominciare dalla ripresa del dialogo facendo pesare che la Ue è il vicino più grande ed il primo partner commerciale.

Ma da una parte rimprovera all’Europa di aver “chiuso la porta 10 anni fa” e di averla riaperta “due anni fa soltanto perché c’era un’emergenza sui flussi migratori”. Dall’altra avverte che con la Turchia si aprirà una “partita geopolitica di un certo interesse”.

Non la nomina esplicitamente, ma allude alla Russia quando parla di “soggetti che si stanno muovendo su scala internazionale per far capire che ci sono altre relazioni possibili che si possono aprire”. Ed invita la Ue ad “essere fermi sui principi ma neanche troppo ingenui”.

Anche se, avverte, la Turchia non si deve illudere di essere protetta dall’accordo sui rifugiati:
– I principi restano principi, non ci rinunciamo perché c’è l’accordo, altrimenti è l’edificio stesso della Ue ad essere messo in discussione.

(Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

Archivio Ultima ora