Renzi: Uniti contro il terrore, ma nessun allarmismo

Pubblicato il 18 luglio 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi presiede il vertice dei capigruppo di maggioranza e opposizione convocato dopo l'attentato a Nizza, 18 luglio 2016 a Roma. ANSA/ PRESIDENZA DEL CONSIGLIO - TIBERIO BARCHIELLI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi presiede il vertice dei capigruppo di maggioranza e opposizione convocato dopo l’attentato a Nizza, 18 luglio 2016 a Roma. ANSA/ PRESIDENZA DEL CONSIGLIO – TIBERIO BARCHIELLI

ROMA – L’Italia non è immune da pericoli. Il Paese è esposto, anche per la sua posizione geografica, ai rischi legati al terrorismo: il rischio zero non esiste. Ma non ci sono allarmi specifici, diretti. Dunque, occorrono “prudenza ed equilibrio” davanti all’opinione pubblica.

Nessun allarmismo e unità politica di fronte alla minaccia del fondamentalismo. E’ il discorso con cui Matteo Renzi ha accolto questa mattina a Palazzo Chigi i capigruppo di maggioranza e opposizione. Tutti, tranne quelli della Lega.

Assenti in polemica con il governo, ma biasimati dagli altri partiti. Che hanno anche condiviso la linea italiana sulla Turchia: se Erdogan introduce la pena di morte – è la posizione in asse con l’Ue – è fuori dall’Europa.

Non è la prima volta che i numerosi presidenti di gruppo di Camera e Senato fanno ingresso a Palazzo Chigi per un confronto sulla lotta al terrorismo. Il primo vertice, su iniziativa di Renzi, risale a settembre dello scorso anno.

Ma questa volta, al termine di una settimana segnata dalla preoccupazione per l’attentato di Nizza e il tentato colpo di Stato in Turchia, il confronto dura quasi tre ore. In un clima sereno, raccontano, senza evidenti spigolosità. Tanto che quasi tutti biasimano la scelta della Lega di non partecipare a quella che il Carroccio ha definito una “inutile passerella”.

– Per noi questo tavolo è fondamentale – dice il Cinque Stelle Stefano Lucidi, che con la collega Laura Castelli (ma lo stesso fa anche Anna Cinzia Bonfrisco di Cor) scrive ai presidenti Grasso e Boldrini per chiedere la convocazione di un dibattito in Parlamento.

– Bene il dialogo, sia il governo per primo ad abbassare i toni della propaganda – dice Arturo Scotto di Si.

Mentre Renzi avanza una proposta:
– Possiamo sostituire, se volete, i tradizionali interventi in Aula prima dei vertici Ue, con dibattiti su temi specifici, dall’economia alla sicurezza.

Proprio in uno spirito unitario, il governo propone la nascita di una commissione indipendente di tecnici, incaricata di studiare la “radicalizzazione” nell’ambito delle comunità islamiche, che consegni un rapporto in 90-120 giorni. Ma esistono già documenti, segnala Angelino Alfano, come quello di alcuni studiosi che analizzano come distinguere nelle moschee ‘chi spara da chi prega’.

I ministri Alfano, Roberta Pinotti e il sottosegretario Marco Minniti, che parlano per il governo, offrono interventi ricchi di dati e dettagli. E concedono anche qualche apertura, come quella – riferisce Massimo Artini di Al – a rivalutare per il futuro l’operazione di impiego dei militari “Strade sicure”. Bisogna valutarne l’efficacia, di fronte a lupi solitari che agiscono, come a Nizza, con azioni di “car jihad”.

Nessuno si spinge a chiedere una risposta sul ‘modello israeliano’, evocata all’ingresso da Bonfrisco. Piuttosto, Minniti parla di cybersecurity e accenna alla possibilità di accordi antiterrorismo con i provider del Web. Alfano cita azioni specifiche come formare gli Imam a predicare in italiano. Mentre l’ex premier Enrico Letta, parlando a un convegno a Milano, sollecita una “Fbi europea”.

Tra i temi toccati nel vertice di Chigi anche la Libia: gli esponenti del governo notano la riduzione della potenza di fuoco dell’Isis, con il passaggio da migliaia a poche centinaia dei miliziani asserragliati a Sirte. Quanto alla Turchia, alcuni dei capigruppo esprimono perplessità sulla ‘autenticità’ del golpe o avanzano il sospetto di sostegni esterni ai golpisti, ad esempio dagli Stati Uniti.

Minniti per il governo si limita a dire che in base alle informazioni di intelligence è stato “un vero tentativo di colpo di Stato”. Ora, sottolinea il governo, la preoccupazione è per il rispetto dei diritti: se la Turchia reintroduce la pena di morte nel paese, “ha chiuso” con l’Ue. E così l’Italia resta in linea, come fin dall’inizio, sottolinea Renzi, con Usa e Unione europea.

Ai capigruppo il premier, riferiscono diversi partecipanti, racconta anche un episodio: al recente vertice Nato di Varsavia Erdogan ha proposto di tenere l’incontro successivo in Turchia, ma non ha ricevuto risposta. Un fatto che viene interpretato come il segnale di un certo isolamento di Ankara.

(Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

11:07Uomo attacca con un coltello a Monaco, 4 feriti

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Un uomo ha attaccato e ferito quattro persone con un coltello a Monaco. Lo riferisce Skynews precisando che l'aggressore è in fuga e ricercato dalla polizia. Secondo la polizia nessuno dei feriti sarebbe in pericolo di vita.

10:53Gip nega domiciliari ‘perché a Napoli controlli saltuari’

(ANSA) - NAPOLI, 21 OTT - Niente arresti domiciliari per tre cingalesi perché "vivono a Napoli, città ad alta densità criminale nella quale il carattere saltuario dei controlli di polizia non sarebbe idoneo ad evitare il concreto pericolo di evasione, considerata anche l'elevata abilità degli indagati nel celare la propria reale identità". A sostenerlo, come si legge oggi su Il Mattino, è un gip di Firenze, Paola Belsito, che ha lasciato in carcere tre cingalesi, residenti a Napoli, e indagati per ricettazione di carte di credito e documenti di identità, reato che avrebbero commesso a Firenze. Una decisione che ha lasciato perplesso il legale dei tre extracomunitari, l'avvocato Riccardo Ferone. "Mi sono offeso come cittadino napoletano - dice - e sono esterrefatto come operatore del diritto. Ho avuto la netta sensazione che anche il giudice napoletano delegato per rogatoria abbia provato lo stesso imbarazzo". Il legale annuncia che farà richiesta di Riesame "perché parliamo di incensurati in cella per motivi 'ambientali'".

10:53Referendum autonomia: Regione Lombardia,la macchina è pronta

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - "La macchina è pronta". Lo sostiene Gianni Fava, l'assessore e coordinatore per la Regione Lombardia del referendum sull'autonomia, ricordando che si vota domani dalle 7 alle 23 nei tradizionali seggi, muniti di un documento di identità. "Il referendum per l'autonomia si svolge, per la prima volta in Italia, con modalità di voto elettronico - ricorda l'assessore - e riguarda 7.897.056 elettori, 1.523 Comuni, 3.263 edifici sede di voto e 9.224 sezioni elettorali". "Sono 24.700 le voting machine, attraverso le quali gli elettori esprimeranno il loro voto - spiega -. Sono in grado di funzionare anche in mobilità e di memorizzare i voti degli elettori in modo sicuro su memorie asportabili al termine delle votazioni. Tutte sono dotate di stampante per la verbalizzazione dei voti in fase di scrutinio e almeno 1.300 hanno anche un'urna integrata (non gestita dall'elettore) per la verifica incrociata dei voti memorizzati (ogni voto espresso viene stampato e conservato nell'urna)".

10:49Catalogna: si riunisce il governo Madrid

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Il governo spagnolo si è riunito in seduta straordinaria per dare il via libera all'attivazione dell'articolo 155 della costituzione che consente il commissariamento, almeno parziale, della Catalogna. Il consiglio dei ministri deve adottare il pacchetto di misure che sottoporrà all'approvazione del senato.

10:35Arabia Saudita: poliziotte soccorreranno donne in incidenti

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - Il dipartimento generale del traffico dell'Arabia Saudita si sta organizzando affinché le donne saudite coinvolte in incidenti stradali siano soccorse da ufficiali di polizia donne. Lo scrive il quotidiano di Riad, Arab News. Il provvedimento è una conseguenza della recente decisione del governo saudita di concedere alle donne il permesso di guidare. Una scelta storica per alcuni, solo un primo passo per altri nella direzione dell'emancipazione femminile nella monarchia del Golfo. Le saudite, infatti, rimangono vittime di severe restrizioni in un contesto in cui le ancora timide riforme intraprese dal nuovo corso del principe ereditario Muhammad ben Salman, non sembrano intaccare il muro di oppressione.

10:29Bancarotta fraudolenta, sospesi cinque professionisti

(ANSA) - BRINDISI, 21 OTT - Un provvedimento che dispone la sospensione cautelare dalla professione per 4 mesi è stato eseguito nei confronti di due avvocati, due farmacisti e un commercialista operanti a Brindisi, Lecce e Torino, a vario titolo coinvolti in una inchiesta della procura di Brindisi e del nucleo di polizia tributaria della Gdf sul fallimento di una farmacia. Le accuse a vario titolo contestate sono le violazioni della normativa fallimentare e l'estorsione. Nell'ambito dell'indagine, del pm Raffaele Casto, sono stati anche eseguiti perquisizioni e sequestri. Dall'analisi della contabilità della farmacia, la cui società era stata ammessa a concordato preventivo, ci sarebbe stata una distrazione di liquidità pari a 2mln di euro. Perciò è ipotizzato il reato di bancarotta fraudolenta.A due degli indagati è contestata anche l'estorsione in danno dei dipendenti della farmacia, costretti a rinunciare ad alcune mensilità e a parte del Tfr per un totale di 90mila euro, come condizione per il mantenimento del rapporto di lavoro.

10:17Cade da trattore, morto bimbo di un anno

(ANSA) - FIRENZE, 21 OTT - E' morto, al pediatrico Meyer di Firenze, il bambino di un anno ricoverato in condizioni critiche dopo che ieri pomeriggio era caduto da un trattore a Gragnano, nel comune di Capannori (Lucca). Da quanto appreso da fonti sanitarie il piccolo, nella caduta, aveva riportato un grave trauma cranico. Sulla dinamica dell'incidente, in base alle prime informazioni, sembra che il bambino fosse con il nonno sul trattore, che era fermo, quando è caduto. Soccorso dai sanitari del 118 era stato trasferito d'urgenza, con l'elisoccorso, all'ospedale Meyer dove è deceduto stamani intorno alle 6.30.

Archivio Ultima ora