Renzi: Uniti contro il terrore, ma nessun allarmismo

Pubblicato il 18 luglio 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi presiede il vertice dei capigruppo di maggioranza e opposizione convocato dopo l'attentato a Nizza, 18 luglio 2016 a Roma. ANSA/ PRESIDENZA DEL CONSIGLIO - TIBERIO BARCHIELLI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi presiede il vertice dei capigruppo di maggioranza e opposizione convocato dopo l’attentato a Nizza, 18 luglio 2016 a Roma. ANSA/ PRESIDENZA DEL CONSIGLIO – TIBERIO BARCHIELLI

ROMA – L’Italia non è immune da pericoli. Il Paese è esposto, anche per la sua posizione geografica, ai rischi legati al terrorismo: il rischio zero non esiste. Ma non ci sono allarmi specifici, diretti. Dunque, occorrono “prudenza ed equilibrio” davanti all’opinione pubblica.

Nessun allarmismo e unità politica di fronte alla minaccia del fondamentalismo. E’ il discorso con cui Matteo Renzi ha accolto questa mattina a Palazzo Chigi i capigruppo di maggioranza e opposizione. Tutti, tranne quelli della Lega.

Assenti in polemica con il governo, ma biasimati dagli altri partiti. Che hanno anche condiviso la linea italiana sulla Turchia: se Erdogan introduce la pena di morte – è la posizione in asse con l’Ue – è fuori dall’Europa.

Non è la prima volta che i numerosi presidenti di gruppo di Camera e Senato fanno ingresso a Palazzo Chigi per un confronto sulla lotta al terrorismo. Il primo vertice, su iniziativa di Renzi, risale a settembre dello scorso anno.

Ma questa volta, al termine di una settimana segnata dalla preoccupazione per l’attentato di Nizza e il tentato colpo di Stato in Turchia, il confronto dura quasi tre ore. In un clima sereno, raccontano, senza evidenti spigolosità. Tanto che quasi tutti biasimano la scelta della Lega di non partecipare a quella che il Carroccio ha definito una “inutile passerella”.

– Per noi questo tavolo è fondamentale – dice il Cinque Stelle Stefano Lucidi, che con la collega Laura Castelli (ma lo stesso fa anche Anna Cinzia Bonfrisco di Cor) scrive ai presidenti Grasso e Boldrini per chiedere la convocazione di un dibattito in Parlamento.

– Bene il dialogo, sia il governo per primo ad abbassare i toni della propaganda – dice Arturo Scotto di Si.

Mentre Renzi avanza una proposta:
– Possiamo sostituire, se volete, i tradizionali interventi in Aula prima dei vertici Ue, con dibattiti su temi specifici, dall’economia alla sicurezza.

Proprio in uno spirito unitario, il governo propone la nascita di una commissione indipendente di tecnici, incaricata di studiare la “radicalizzazione” nell’ambito delle comunità islamiche, che consegni un rapporto in 90-120 giorni. Ma esistono già documenti, segnala Angelino Alfano, come quello di alcuni studiosi che analizzano come distinguere nelle moschee ‘chi spara da chi prega’.

I ministri Alfano, Roberta Pinotti e il sottosegretario Marco Minniti, che parlano per il governo, offrono interventi ricchi di dati e dettagli. E concedono anche qualche apertura, come quella – riferisce Massimo Artini di Al – a rivalutare per il futuro l’operazione di impiego dei militari “Strade sicure”. Bisogna valutarne l’efficacia, di fronte a lupi solitari che agiscono, come a Nizza, con azioni di “car jihad”.

Nessuno si spinge a chiedere una risposta sul ‘modello israeliano’, evocata all’ingresso da Bonfrisco. Piuttosto, Minniti parla di cybersecurity e accenna alla possibilità di accordi antiterrorismo con i provider del Web. Alfano cita azioni specifiche come formare gli Imam a predicare in italiano. Mentre l’ex premier Enrico Letta, parlando a un convegno a Milano, sollecita una “Fbi europea”.

Tra i temi toccati nel vertice di Chigi anche la Libia: gli esponenti del governo notano la riduzione della potenza di fuoco dell’Isis, con il passaggio da migliaia a poche centinaia dei miliziani asserragliati a Sirte. Quanto alla Turchia, alcuni dei capigruppo esprimono perplessità sulla ‘autenticità’ del golpe o avanzano il sospetto di sostegni esterni ai golpisti, ad esempio dagli Stati Uniti.

Minniti per il governo si limita a dire che in base alle informazioni di intelligence è stato “un vero tentativo di colpo di Stato”. Ora, sottolinea il governo, la preoccupazione è per il rispetto dei diritti: se la Turchia reintroduce la pena di morte nel paese, “ha chiuso” con l’Ue. E così l’Italia resta in linea, come fin dall’inizio, sottolinea Renzi, con Usa e Unione europea.

Ai capigruppo il premier, riferiscono diversi partecipanti, racconta anche un episodio: al recente vertice Nato di Varsavia Erdogan ha proposto di tenere l’incontro successivo in Turchia, ma non ha ricevuto risposta. Un fatto che viene interpretato come il segnale di un certo isolamento di Ankara.

(Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

05:42Shutdown: nessun accordo al Senato Usa, voto rinviato (2)

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - Il Senato degli Stati Uniti voterà a mezzogiorno ora di Washington (le sei del pomeriggio in Italia) nel tentativo di revocare lo shutdown, la chiusura dell'amministrazione federale scattata alla mezzanotte di sabato, che entra quindi nel terzo giorno. I colloqui fra democratici e repubblicani non hanno però al momento portato ad un accordo. E' stato il leader della minoranza democratica al Senato, Chuck Schumer, ad annunciare per primo in serata chenon è stato raggiunto un accordo che consenta la revoca dello shutdown con l'inizio della settimana lavorativa. Le aspettative sono che a mezzogiorno (le sei del pomeriggio in Italia) il Senato voti su un provvedimento di spesa temporaneo, possibilmente che consenta la 'riapertura' del governo fino al prossimo 8 febbraio con il contestuale impegno da parte del leader della maggioranza repubblicana al Senato, Mitch McConnell, di indire una votazione sul nodo dell'immigrazione prima di quella data.

01:53Mo: Abu Mazen chiederà a Ue riconoscimento Palestina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Il presidente palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) chiederà all'Ue di riconoscere ufficialmente lo Stato di Palestina, nel corso della sua visita odierna a Bruxelles. Lo ha detto all'agenzia France Press in un'intervista ripresa dda molti media internazionali il ministro degli Esteri dell'Anp, Riyad Al-Maliki. Abu Mazen, ha detto, "si aspetta che i ministri degli esteri europei riconoscano collettivamente lo stato di Palestina", in risposta alla decisione Usa su Gerusalemme capitale di Israele. Abu Mazen deve incontrare oggi il capo della diplomazia europea Federica Mogherini e i 28 ministri degli ESteri dell'Ue, al margine della loro riunione mensile. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva avuto lo stesso incontro l'11 dicembre scorso. "Se gli europei vogliono avere un ruolo, allora devono essere equilibrati nel trattamento delle parti e ciò dovrebbe iniziare con il riconoscimento dello stato di Palestina", ha affermato ancora il capo della diplomazia palestinese.

01:09Papa: si congeda da Perù, “terra di speranza, siate uniti”

(ANSA) - LIMA, 21 GEN - "Ho iniziato il mio pellegrinaggio tra voi dicendo che il Perù è una terra di speranza. Terra di speranza per la biodiversità che vi si trova insieme con la bellezza di luoghi capaci di aiutarci a scoprire la presenza di Dio". Così il Papa nel suo saluto al Perù al termine della messa alla Base aerea di Las Palmas alla quale secondo le autorità locali hanno assistito 1,3 milioni di persone "Terra di speranza - ha detto - per la ricchezza delle sue tradizioni e dei suoi costumi che hanno segnato l'anima di questo popolo". Terra di speranza "per i giovani, che non sono il futuro ma il presente del Perù". "A loro chiedo di scoprire nella sapienza dei loro nonni, degli anziani, il Dna che ha guidato i vostri grandi santi - ha aggiunto -. Non sradicatevi. Nonni e anziani, non smettete di trasmettere alle giovani generazioni le radici del vostro popolo e la sapienza della via per arrivare al cielo". "Vi invito a non aver paura di essere i santi del XXI secolo. Fratelli peruviani, avete tanti motivi per sperare, l'ho visto, l'ho toccato con mano in questi giorni. Custodite la speranza. E non c'è miglior modo di custodire la speranza che rimanere uniti", ha concluso Francesco.

00:44Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della sesta giornata di ritorno della Superlega di pallavolo: Calzedonia Verona - Diatec Trentino 1-3 Lube Civitanova - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Wixo Piacenza 2-3 BCC Castellana Grotte - Gi Group Monza 3-2 Taiwan Latina - Callipo Vibo Valentia 3-0 Kioene Padova - Bunge Ravenna 2-3 Sir Safety Perugia - Biosì Sora 3-0 - Classifica: Perugia 51; Civitanova 47; Modena 45; Trentino 33; Verona 32; Padova 30; Piacenza e Milano 29; Ravenna 27; Latina 22; Monza 19; Vibo Valentia 12; Castellana Grotte 10; Sora 7.

00:36Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Risultati della prima giornata del campionato di serie A di basket: GrissinBon Reggio E. - Sidigas Avellino 89-86 Red October Cantù - Banco Sardegna Sassari 102-96 Fiat Torino - Happy Casa Brindisi 68-82 Segafredo Bologna - Dolomiti Trentino 82-75 Umana Venezia - Openjobmetis Varese 63-75 Germani Brescia - VL Pesaro 88-70 The Flexx Pistoia - Betaland Capo d'Orlando 91-69 EA7 Armani Milano - Vanoli Cremona domani - Classifica: Brescia e Avellino 24; Milano e Venezia 22; Torino 20; Bologna e Cantù 18; Cremona e Sassari 16; Trentino 14; Reggio Emilia 12; Pistoia, Varese, Brindisi e Capo d'Orlando 10; Pesaro 8.

23:24Cav, Renzi ha chiuso con comunismo ma Pd rimasto senza anima

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Renzi ora è accusato di aver portato il Pd al 21% per il suo cattivo carattere, ma ha un merito: ha chiuso con la tradizione comunista del suo partito, ma non ha dato un'anima al Pd che ormai è una scatola vuota che si riempie solo con aspirazioni di potere". Lo afferma Silvio Berlusconi a "Non è l'Arena" su La7 parlando di Renzi.

23:19Shutdown: Statua Libertà e Ellis Island aperte,paga New York

(ANSA) - WASHINGTON, 21 GEN - La Statua della Liberta' e Ellis Island a New York saranno aperte domani ai visitatori, anche se lo shutdown dell'amministrazione federale Usa dovesse proseguire. Lo ha annunciato il governatore dello Stato di New York Andrew Cuomo. Sara' infatti l'autorità statale a sostenere le spese necessarie per l'apertura dei siti compreso il salario dei dipendenti federali che vi lavorano. I due 'monumenti' - come gli altri nel Paese gestiti dalle autorità federali - sono rimasti chiusi a partire dalla mezzanotte di sabato quando è scattato lo shutdown. Cuomo ha spiegato che i siti sono vitali per l'industria del turismo. Da ciò la decisione di farsi carico della spesa per tenerli aperti, 65mila dollari al giorno, cifra inferiore rispetto alle entrate. La stessa decisione fu presa in occasione dello shutdown nel 2013 durante l'amministrazione Obama.

Archivio Ultima ora