Venezuela, tutto il potere ai militari

Pubblicato il 18 luglio 2016 da redazione

di Mauro Bafile

CARACAS – Per alcuni è stato un “coup d’etat silenzioso”, assai diverso da quelli cruenti che ci ha regalato la storia del passato; per altri, invece, una decisione necessaria e sofferta. Comunque sia, l’annuncio del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha sorpreso. Ancor più hanno stupito le caratteristiche del provvedimento reso noto dal capo dello Stato.

Di certo, nonostante il nome che gli è stato assegnato, non si tratta di un ammortizzatore sociale. No, la “Gran Misión Abastecimiento Seguro”, rappresenta ben altro. La sua creazione, comunicata lo scorso lunedì, è il riconoscimento di un fallimento; dell’incapacità di risolvere il maggior problema della società venezuelana: quello dell’approvvigionamento di generi alimentari, medicine e prodotti per l’igiene.

Il presidente Maduro non destituisce i ministri incapaci, non li sostituisce con altri all’altezza della situazione. Preferisce delegare all’istituzione armata ogni potere. In effetti, con la “Gran Misión Abastecimiento Seguro”, il capo dello Stato investe di “poteri speciali”, in materia di economia e alimentazione, il comandante delle Forze Armate e ministro della Difesa, Vladimir Padrino López.

Tutte le istituzioni dello Stato, vice-presidenza della Repubblica compresa, dovranno seguire le linee strategiche dettate dal Ministero della Difesa in materie assai delicate e sensibili come lo sono l’economia, il controllo della produzione, l’importazione di beni e l’approvvigionamento di generi alimentari, medicine e prodotti per l’igiene.

Se poi dovesse diventare realtà la “Compañía Anónima Militar Mineral, Petrolífera y Gasífera”, allora il ministro della Difesa avrebbe il controllo anche delle principali fonti di ricchezza del Paese: petrolio e gas.

Il generale Vladimir Padrino López, che a suo tempo ha manifestato apertamente la propria simpatia e lealtà al “chavismo”, è assai stimato in seno alle Forze Armate – si è formato nell’Accademia Militare, ha svolto tutti gli incarichi possibili in seno all’istituzione armata, ha frequentato due corsi di “post-grado” – ed è considerato una persona onesta. A differenza di altri militari d’alto rango e di alcuni funzionari del governo, non è nella “black-list” del Dipartimento di Stato Americano.

Così, il presidente Maduro consegna alle Forze Armate, già onnipresenti in “posti chiave”, un assegno in bianco. In sintesi, di questo si tratta. Il capo dello Stato, così facendo, mette mano all’ultima risorsa a sua disposizione: il suo Jolly, l’asso nella manica.

E insiste nell’attribuire la mancanza di alimenti e medicine ai meccanismi di distribuzione in mano alla “destra” e a quei settori che promuovono la presunta “guerra economica” tante volte denunciata, piuttosto che alla contrazione del settore produttivo e alla crisi economica provocata da una strategia discutibile.

I militari, con la creazione della “Gran Misión Abastecimiento Seguro” avranno la responsabilità di gestire i porti, attraverso i quali giungono al paese le importazioni, e di distribuire i prodotti in modo tale da permetterne l’acceso alla popolazione.

Non è tutto. Qualora lo dovesse considerare necessario, il Ministero della Difesa potrà esigere alle aziende private percentuali dei beni prodotti e addirittura procedere al loro esproprio.

La società latinoamericana, dopo aver chiuso il triste capitolo delle dittature che ha caratterizzato il secolo scorso, è stata sempre restia a delegare ai militari responsabilità proprie dei civili. In Venezuela, in particolare, i governi di turno, dal 1958 al 1999, hanno sempre mantenuto l’istituzione armata al margine di tutto ciò che non fosse di loro specifica competenza.

Le Forze Armate, erano considerate un’istituzione creata per la difesa del territorio dai pericoli esterni, la cui collaborazione era imprescindibile in caso di disastri naturali.

Il Venezuela, con l’elezione dell’estinto presidente Chávez, ha vissuto un giro di boa. Da allora, molti posti ritenuti “chiave” nei ministeri sono occupati da militari “attivi” o “in pensione”. Ora, con la creazione della “Gran Misión Abastecimiento Seguro”, il potere del Ministero della Difesa,è in pratica “assoluto” in settori vitali per l’economia del paese. E il generale Vladimir Padrino López si è trasformato in un “super-ministro” dalle responsabilità enormi.

La mancanza di alimenti è senz’altro uno dei problemi più sentiti dai venezuelani. Durante lo scorso fine settimana, oltre 130mila cittadini, giunti da ogni angolo del Paese, hanno varcato la frontiera per acquistare generi alimentari, medicine e beni di consumo in Colombia.

A differenza di quanto dichiarato dal governatore dello Stato Tàchira, non hanno affrontato per svago o per fare “shopping”, i disagi che oggi comporta attraversare la frontiera. Non hanno acquistato beni di lusso o superflui. Si sono limitati a quei prodotti che in Venezuela sono reperibili solo a prezzi da capogiro nel mercato nero.

Molti agricoltori hanno acquistato in Colombia i semi indispensabili per ottenere un ottimo e abbondante raccolto. Anche in questa occasione, le foto del “Puente Internacional Simón Bolívar” e del “Puente Francisco de Paula Santander” stracolmi di venezuelani hanno fatto il giro del mondo.

Un duro colpo per la credibilità del governo che, nonostante l’evidenza, continua ad affermare che in Venezuela è possibile acquistare di tutto e a ripetere che il problema principale non è dovuto alla produzione o alla mancanza di beni ma alla loro distribuzione.

La crisi economica, la perdita di qualità di vita, la mancanza di generi alimentari, medicine e ogni tipo di prodotto essenziale, hanno riflessi importanti nell’ambito politico. Stando alle rilevazioni demoscopiche di Venebarómetro, il 58 per cento dei venezuelani sarebbe disposto ad apporre la propria firma per il Referendum Revocatorio.

Insomma, 11,4 milioni di elettori risponderebbero all’appello del Tavolo dell’Unità che, per superare il prossimo esame posto dal Consiglio Nazionale Elettorale, dovrebbe raccoglierne solamente 3,9 milioni. Sempre secondo Venebarómetro, nella remota eventualità in cui si realizzasse la consulta popolare, il 60 per cento dei venezolani consultati avrebbe manifestato la volontà di recarsi alle urne e, di questi, l’88 per cento voterebbe a favore della destituzione del capo dello Stato. Solo l’11 per cento, lo farebbe per ratificarlo alla presidenza.

Non sorprende la radiografia che fa del paese Padre Ugalde, ex Rettore dell’Università Cattolica del Venezuela. Durante un dibattito pubblico promosso dal “Grupo Espacio Abierto”, il dotto prelato ha sostenuto che senza unità e senza un progetto preciso, nessun governo dell’Opposizione durerà più di tre mesi.

Ugalde ha definito la situazione del Paese un “gran disastro”. Ha condannato la strategia di Miraflores, che a suo dire invita al dialogo per guadagnare tempo, e sottolineato che “l’unità non deve essere finalizzata alla caduta del governo del presidente Maduro ma alla risoluzione dei problemi politici, economici e sociali”.

– Senza un “progetto-Paese” – ha aggiunto – il nuovo governo non durerà più di tre mesi. Dovrà combattere la mancanza di alimenti con l’aiuto internazionale, creare una rete di solidarietà, aprire le frontiere, liberare i prigionieri politici e recuperare le Forze Armate affinchési rispetti pienamente la Costituzione.

Mentre prosegue la polemica politica, che coinvolge principalmente Governo e Parlamento, il Tavolo dell’Unità, noncurante della decisione che comunicherà nei prossimi giorni il Consiglio Nazionale Elettorale, ha iniziato la campagna per il Referendum Revocatorio.

Gli esponenti della coalizione eterogenea dell’Opposizione hanno iniziato un tour nelle diverse città del Paese per pubblicizzare il Referendum, farne conoscere le ragioni e la dinamica e, soprattutto, sensibilizzare l’opinione pubblica.

Ultima ora

12:02Ciclismo: Giro Islanda in solitaria, nuova impresa Di Felice

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Archiviato con successo il "giro d'Italia in solitaria" (3.600 km in appena 9 giorni), Omar Di Felice, 37enne fondista romano, si appresta a compiere una nuova straordinaria impresa. Sabato 27 gennaio, infatti, partirà per l'Islanda dove, questa volta completamente da solo e senza auto di supporto al seguito, percorrerà in 9 giorni il periplo dell'isola lungo i 1.400 km della Ring Road, la suggestiva e pittoresca Route 1. Si tratta di una sorta di allenamento invernale, solo con il bagaglio minimo necessario per 'l'esplorazione in solitaria' dell'Islanda, affrontando lo SkeiÐarársandur, una vasta distesa di sabbia e detriti fluviali, soggetta a frequenti inondazioni di origine glaciale e vulcanica. Per evitare poi la temuta galleria di HvalfjörÐur, un tunnel di 6 km ad una profondità di 165 metri sotto il livello del mare, che di recente si è allagato per un'eruzione vulcanica, Omar Di Felice sarà costretto ad allungare il tracciato di 100 km.

12:01Calcio: Costa dedica gol a Dybala che ringrazia,torno presto

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - Una 'dybalamask', il gesto di esultanza di Paulo Dybala, per festeggiare il gol partita della Juventus contro il Genoa. E' la speciale dedica che Douglas Costa ha riservato al compagno di squadra infortunato, che sui social ricambia la gentilezza. "Grazie @douglascosta per il gol e per questa #dybalamask l'originale torna presto", scrive la 'Joya' regalando ai tifosi bianconeri qualche speranza sul suo pronto rientro. "Dopo una settimana di lavoro era importante prendere tre punti", è invece la gioia su Twitter di Benatia. "Siamo tornati con una vittoria", gli fa eco Khedira sempre su Twitter, dove Giorgio Chiellini rafforza il concetto: "vittoria importante dopo la sosta". "Riprendiamo il nostro cammino con una vittoria fondamentale e con la nostra solita ambizione" è il messaggio su Twitter di Marchisio, reduce da un problema muscolare ma che, come annunciato da Allegri, giovedì sarà aggregato nuovamente al gruppo.

11:41Valanghe: elicotteri evacuano turisti in valle Lunga

(ANSA) - BOLZANO, 23 GEN - E' in corso l'evacuazione di un albergo e alcune case in valle Lunga, in alta val Venosta. La scorsa notte una slavina è scesa nei pressi dell'albergo Langtauferer Hof. Le masse nevose hanno anche sfiorato il maso didattico Erlebnisschule a Melago. Davanti all'albergo è stata istituita una piazzola di atterraggio per gli elicotteri. In mattina è prevista l'evacuazione con gli elicotteri di 75 turisti e qualche decina di abitanti della zona. La situazione è comunque tranquilla e i turisti sono sereni, racconta chi è sul posto.

11:17Tennis:Australia,Edmund sorprende Dimitrov, semifinale è sua

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Cominciano con una sorpresa anche i quarti maschili a Melbourne. Con la sconfitta inattesa del numero tre del mondo Grigor Dimitrov. Il bulgaro ha ceduto per 6-4 3-6 6-3 6-4 al britannico Kyle Edmund, numero 49 del ranking mondiale, mai così avanti in uno Slam. Ora il 23enne nato a Johannesburg, che aveva eliminato anche l'azzurro Andreas Seppi, attende il vincente di Nadal-Cilic.

11:15Calcio: Allegri respinge critiche,’contano solo i tre punti’

(ANSA) - TORINO, 23 GEN - "I tre punti sono l'unica cosa che importa": Massimiliano Allegri allontana così dalla sua Juventus le critiche per la vittoria di misura contro il Genoa. "Rientrare dalle soste è sempre complicato", osserva su Twitter il tecnico bianconero, secondo cui "nella maratona della serie A serve un ritmo costante". Proprio quello tenuto dalla Juve, che pur non brillando con i tre punti resta in scia al Napoli.

11:13Tennis: Australia, Svitolina ko, Mertens vola in semifinale

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Sono cominciati col botto i quarti di finale degli Australian Open femminili a Melbourne: Elise Mertens ha infatti rispedito a casa Elina Svitolina concedendole appena quattro game. E' la prima tennista belga a raggiungere una semifinale Slam da Kirsten Flipkens (Wimbledon 2013) e la prima a riuscirci Down Under dopo Kim Clijsters (2012). Giovedì, nella sua prima semifinale Major in carriera, la Mertens troverà dall'altra parte della rete la vincente di Wozniacki-Suarez Navarro. Mercoledì gli altri due quarti con le sfide Halep-Pliskova e Kerber-Keys.

11:01Stalking: minacce e violenze a ex moglie,arrestato a Potenza

(ANSA) - POTENZA, 23 GEN - Su richiesta della Procura della Repubblica di Potenza, la Squadra mobile del capoluogo lucano ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un uomo di 38 anni indagato per violazione degli obblighi di assistenza familiare, maltrattamenti in famiglia e atti persecutori ai danni dell'ex moglie. In particolare, la Polizia ha accertato che per anni l'uomo ha molestato verbalmente e telefonicamente, con ripetuti messaggi, la donna, da cui è separato dal settembre 2016. E nello scorso mese di luglio gli agenti della Questura potentina sono intervenuti per un violento litigio tra i due: il 38enne si era recato sul luogo di lavoro dell'ex moglie, dove, alla presenza della figlia, l'ha minacciata di morte.

Archivio Ultima ora