Rapporto Idos, oltre 550mila le aziende di immigrati

Pubblicato il 19 luglio 2016 da redazione

Rapporto Idos, oltre 550mila le aziende di immigrati

Rapporto Idos, oltre 550mila le aziende di immigrati

ROMA – “Il dinamismo imprenditoriale italiano ha contagiato anche gli immigrati. Non può che far piacere a noi della CNA, che seguiamo da anni con attenzione questo fenomeno. I dati del rapporto Idos, al quale collaboriamo da tempo, dimostrano che la spinta degli immigrati all’avvio di nuove attività è cresciuta anche nel 2015, incessantemente, perfino in settori maturi, dai quali gli imprenditori autoctoni si allontanano. Un segnale positivo, in termini di emersione dal sommerso, promozione socio-economica, integrazione.

Il lavoro autonomo è, infatti, una delle migliori forme d’integrazione e per questo va favorito, puntando su una estrema semplificazione che deve riguardare però tutte le imprese italiane, quale che sia il luogo di nascita del titolare”.

Lo ha dichiarato il presidente della CNA, Daniele Vaccarino, commentando le anticipazioni del Rapporto Immigrazione e Imprenditoria, curato dal Centro studi e ricerche Idos con il sostegno della CNA, di MoneyGram e di altre strutture professionali, in uscita in autunno.

Dal Rapporto emerge che, per la prima volta dopo quattro anni, nel 2015 il numero delle imprese in Italia ha smesso di calare, anche grazie al dinamico apporto dell’imprenditoria immigrata.

Le imprese condotte da lavoratori nati all’estero sono ormai oltre 550mila, quasi un decimo di quelle registrate negli elenchi delle Camere di commercio: il 9,1 % contro il 7,4 % del 2011.

Commercio e costruzioni si confermano i comparti prevalenti, ma l’edilizia cede il passo ai più elevati ritmi di incremento segnati dalle attività di alloggio e di ristorazione e da quelle dei servizi alle imprese. Marocco, Cina e Romania sono i Paesi dai quali proviene il maggior numero di responsabili di imprese individuali, ma è il Bangladesh a distinguersi per l’incremento più sostenuto.

Lombardia e Lazio, e al loro interno Milano e Roma, rimangono le aree dove sono maggiormente diffuse le attività.

– Siamo di fronte a un folto gruppo imprenditoriale che, se adeguatamente sostenuto, può funzionare come un perno su cui innestare promettenti azioni di co-sviluppo – è la riflessione del presidente di Idos, Ugo Melchionda.

Massimo Canovi, Vice Presidente di MoneyGram per il Sud Europa, ricorda che “anche le esperienze meno strutturate possono innescare percorsi fruttuosi di crescita e di successo, come testimoniato dai numerosi imprenditori immigrati finalisti al MoneyGram Award, che si sono distinti per aver raggiunto risultati prestigiosi sul piano dell’innovazione e del profitto, ma anche dell’occupazione e della responsabilità sociale”.

Si conferma la netta tendenza alla crescita delle imprese a gestione immigrata fotografata negli ultimi anni dai dati di fonte Unioncamere/Infocamere. Dopo l’incremento di quasi 71mila unità del triennio 2011-2014 (+15,6%), anche il 2015 si è chiuso in positivo (+26mila, +5%), per un aumento complessivo che sfiora le 100mila unità (+21,3%).

Con oltre 20mila imprese in più in un anno (+6,5% sul 2014) e un aumento di oltre 77mila dal 2011 (+30,3%), il settore dei servizi conferma il proprio ruolo di traino, coprendo l’80% della crescita complessiva (e il 60,4% di tutte le imprese registrate alla fine dell’anno).

Al suo interno, sono il commercio (+12mila sul 2014, +6,6%), le attività di alloggio e ristorazione (+3mila, +7,1%) e il comparto noleggio, agenzie di viaggio e servizi alle imprese (+2.500, +9,3%) – che si distingue anche per il maggiore incremento in termini relativi – ad evidenziarsi per gli aumenti più rilevanti. Più problematico l’andamento dell’industria (meno di 3mila unità in più, +1,5%), e dell’edilizia in particolare, che mantiene un trend appena positivo (+1.000, +1%).

Resta forte la spinta degli immigrati all’avvio di nuove attività: cresce, di anno in anno, il numero delle nuove imprese iscritte nei registri camerali (68mila nel 2015, +1,4% sul 2014 e +5% rispetto allo stesso dato del 2011), pari a quasi un quinto di tutte le iscrizioni registrate nell’anno (18,3%). Si attesta all’11,6%, invece, l’impatto delle aziende degli immigrati sulle cancellazioni, quasi lo stesso numero del 2014 (+0,3%).

Come a dire che, pur a fronte di un significativo turn over, segno delle persistenti difficoltà, i lavoratori immigrati continuano a distinguersi per un marcato dinamismo, incidendo così in modo rilevante sul saldo positivo tra tutte le imprese iscritte e cancellate dai registri camerali nel corso dell’anno, il migliore dal 2011.

Con oltre 20mila imprese in più in un anno (+6,5% sul 2014) e un aumento di oltre 77mila dal 2011 (+30,3%), il settore dei servizi conferma il proprio ruolo di traino, coprendo l’80% della crescita complessiva (e il 60,4% di tutte le imprese registrate alla fine dell’anno).

Al suo interno, sono il commercio (+12mila sul 2014, +6,6%), le attività di alloggio e ristorazione (+3mila, +7,1%) e il comparto noleggio, agenzie di viaggio e servizi alle imprese (+2.500, +9,3%) – che si distingue anche per il maggiore incremento in termini relativi – ad evidenziarsi per gli aumenti più rilevanti. Più problematico l’andamento dell’industria (meno di 3mila unità in più, +1,5%), e dell’edilizia in particolare, che mantiene un trend appena positivo (+1.000, +1%).

Il commercio (36,4%) consolida il proprio primato e, insieme all’edilizia (23,4%), che pure sconta le maggiori difficoltà degli anni più recenti, raccoglie 6 imprese ogni 10. Sono le attività di noleggio, agenzie di viaggio e servizi alle imprese, invece, a distinguersi per la più elevata incidenza delle imprese condotte da immigrati sul totale: 1 ogni 6 (16,1%).

Lo stesso rapporto è di oltre 1 ogni 7 nell’edilizia (15,1%) e di oltre 1 ogni 8 nel commercio (12,9%), mentre resta ridotto l’impatto sulle start-up innovative (2,1%).

In un terzo dei casi si tratta di imprese artigiane (180mila, 32,7%), un valore più che raddoppiato nella manifattura (68,4%) e che supera i quattro quinti del totale nelle costruzioni (83,2%).

Lombardia (19,1%) e Lazio (12,8%), e al loro interno le aree di Roma (10,9%) e Milano (8,9%), principali poli di insediamento della popolazione straniera in Italia, restano in cima alla graduatoria territoriale, raccogliendo nell’insieme quasi un terzo di tutte le imprese condotte da immigrati registrate nel Paese (31,9%).

Sono Toscana (12,6%) e Liguria (11,8%), invece, a distinguersi per il più elevato impatto di queste attività sul totale e, a livello provinciale, Prato (26,2%) e Trieste (15,3%). Nell’insieme, in oltre i tre quarti dei casi si tratta di imprese con sede nel Centro-Nord (77,3%).

Guardando ai dati sui responsabili di imprese individuali, si conferma il protagonismo di marocchini (14,9%), cinesi (11,1%) e romeni (10,8%), i primi tradizionalmente concentrati nel commercio (73,3%), i secondi distribuiti soprattutto tra commercio (39,9%), manifattura (34,9%) e attività di alloggio e ristorazione (12,9%), gli ultimi dediti per quasi i due terzi all’edilizia (64,4%). Sono i bangladesi, però, aumentati di quasi 3 volte dal 2001 (+280,2%), a far registrare la crescita più sostenuta anche in quest’ultimo anno (+10%).

(aise)

Ultima ora

19:04Siccità: Pili, ora commissario governativo in Sardegna

(ANSA) - CAGLIARI, 26 LUG - "Il Governo deve immediatamente deliberare lo stato di calamità, nominare un commissario per la siccità e nel contempo emanare un atto emergenziale per attivare le interconnessioni esistenti tra i sistemi idrici". La proposta arriva dal deputato di Unidos Mauro Pili, che è intervenuto in Commissione ambiente e infrastrutture alla Camera nel corso dell'audizione del ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti. "Sull'emergenza idrica il Governo e la Regione Sardegna stanno gravemente perdendo tempo - attacca il parlamentare sardo - Nessun provvedimento è stato adottato né per quanto riguarda la dichiarazione dello stato di calamità, tantomeno per quanto riguarda la gestione commissariale della gravissima emergenza. La situazione sta divenendo giorno dopo giorno più grave dal nord al sud della Sardegna senza che niente venga pianificato per dare risposte urgenti all'emergenza". "Nell'Isola - ricorda Pili - si stima una perdita di almeno il 50% delle produzioni agricole. Siamo dinanzi ad una gestione scandalosa della risorsa idrica sia per la scarsa o inattendibile pianificazione sia per la superficialità con la quale ci si rapporta al sistema agricolo". Secondo il deputato, "il fatto che le aree in crisi siano quelle non connesse tra loro dimostra l'esigenza di far ripartire le opere in grado di collegare i bacini".(ANSA).

19:04Calcio: Astori, mi aspetto una Fiorentina competitiva

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Sono felice di essere capitano in una piazza come Firenze, mi rende orgoglioso. Vorrei però una squadra competitiva come ci ha promesso la società": è il messaggio lanciato alla società da Davide Astori attraverso i microfoni di Sky Sport. "I giocatori che se ne sono andati sono tutti importanti e hanno dato tanto alla Fiorentina lasciando il segno - ha detto ancora il neocapitano viola - Penso a Borja Valero, Gonzalo Rodriguez e Bernardeschi, sul quale la Juve ha investito molto considerandolo un grande acquisto. Ora, però, i nostri tifosi sono tutti curiosi di sapere chi prenderà il loro posto". Oggi, intanto, la squadra è tornata ad allenarsi dopo due giorni di riposo, presenti anche il neoacquisto Veretout (cui nelle prossime ore si aggiungerà l'ex Nizza Eysseric), Vecino e Kalinic, quest'ultimo reduce dal lungo permesso per ragioni familiari e sempre al centro di voci di mercato, tra Milan e Inter. Il club lavora poi per completare la difesa: i nomi più gettonati restano quelli di Paletta e Tonelli.

18:55Nuoto: Malagò, Pellegrini la più grande

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - "Sono senza parole, è un'emozione infinita: come il primo giorno, forse di più. Certo è la più grande atleta che io abbia visto". Giovanni Malagò, presidente del Coni, urla all'Ansa la sua gioia per l'impresa di Federica Pellegrini, capace di andare a cogliere l'oro mondiale nei 200 stile libero a quasi 29 anni. "Per certi versi questa è una gioia inaspettata - conclude Malagò, poco prima di premiare lui stesso la Pellegrini - ma Federica non finisce mai di stupire". A Budapest, l'azzurra si è imposta con il tempo di 1'54"73, precedendo la campionessa olimpica in carica, l'americana Katie Ledecky, che ha chiuso in 1'55"18 a pari merito con l'australiana Emma McKeon.

18:46Schulz in Italia, vede Gentiloni a Roma e Minniti a Catania

(ANSA) - CATANIA, 26 LUG - Doppio impegno italiano domani per il candidato Spd alla cancelleria tedesca Martin Schulz. Di mattina avrà un colloquio a Roma con il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sulla crisi migratoria. Nel primo pomeriggio sarà a Catania dove, accompagnato dal sindaco Enzo Bianco, salirà a bordo di un pattugliatore della guardia costiera, ormeggiato al porto, impegnata in operazioni di soccorso di migranti nel mare Mediterraneo. Successivamente, assieme al ministro dell'Interno, Marco Minniti, Schulz si recherà in un centro di accoglienza. Seguirà un incontro nel Municipio del capoluogo etneo. La visita si concluderà con una visita al cimitero monumentale ai migranti morti in mare.

18:46Migranti, Emma Bonino esorta a firma proposta legge popolare

(ANSA) - TORINO, 26 LUG - Emma Bonino, in Consiglio regionale a Torino per la campagna 'Ero straniero', esorta a firmare per la proposta di legge di iniziativa popolare che punta all'abolizione della Bossi-Fini. "Inneschiamo una competizione virtuosa, impegnatevi - chiede - investire su accoglienza e l'integrazione è fondamentale. Finora sono state raccolte circa 30 mila firme, 600 a Torino. Diamoci da fare". "L'Italia - aggiunge il presidente del Consiglio regionale Mauro Laus, che ha ricevuto l'ex senatrice ed ex ministro a porte chiuse prima dell'incontro pubblico - non può ignorare il grido di chi fugge dalla guerra e dalla povertà". Un banchetto per la raccolta delle firme è stato installato nel cortile di Palazzo Lascaris, sede dell'Assemblea legislativa piemontese. Fra coloro che hanno sottoscritto la proposta, anche il presidente della Regione, Sergio Chiamparino, e il segretario del Pd piemontese, Davide Gariglio. Il Pd contribuirà inoltre raccogliendo le firme alla prossima Festa dell'Unità a Torino. (ANSA).

18:43Algeria: migliaia donne lanciano la ‘rivolta del bikini’

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - 'Operazione bikini'. E' la singolare iniziativa ideata su Fb da una donna algerina - che nelle ultime settimane sta raggruppando migliaia di sostenitrici - che rivendica il diritto a portare il costume a due pezzi sulle spiagge. Sebbene l'Algeria, paese musulmano, non vieti formalmente il bikini, in molti non lo apprezzano. Stando a quanto scrive il sito Bfmtv, l'ideatrice del gruppo è una giovane di 27 anni della città costiera di Annaba, che ha scelto lo pseudonimo di Sara. L'iniziativa lanciata per educare alla tolleranza è nata a fine giugno. La sera che festeggia la fine del Ramadan Sara si era recata in spiaggia insieme ai suoi familiari, ma essendo l'unica donna della comitiva aveva deciso che non avrebbe indossato il costume a due pezzi. La svolta è avvenuta una volta rientrata a casa sua quando ha deciso di lanciare la sua rivoluzione a due pezzi, creando il gruppo su Facebook ed invitando le sue amiche a parteciparvi.

18:40Grecia: Acropoli chiusa nel weekend per sciopero lavoratori

(ANSA-AP) - ATENE, 26 LUG - Uno sciopero di due giorni del personale del ministero della cultura che protesta contro le carenze di organico causerà la chiusura dell'Acropoli e di altri antichi siti e musei ad Atene il prossimo fine settimana, al picco della stagione turistica. Lo sciopero non riguarderà però il Museo dell'Acropoli, all' esterno dell'antica cittadella, hanno tenuto a precisare fonti della struttura. Il sindacato dei lavoratori del ministero ha affermato oggi di volere che il governo onori l'impegno di assumere circa 230 archeologi e guardie, in sostituzione di dipendenti che negli ultimi anni sono andati in pensione. In base ai termini del piano di salvataggio internazionale della Grecia, solo un numero limitato dei dipendenti statali che vanno in pensione può essere sostituito con nuove assunzioni.

Archivio Ultima ora