Minoranza Pd propone il “Mattarellum 2.0”, il gelo di Renzi

Pubblicato il 19 luglio 2016 da ansa

Minoranza Pd propone il "Mattarellum 2.0", il gelo di Renzi

Minoranza Pd propone il “Mattarellum 2.0”, il gelo di Renzi

ROMA – Aprire subito un tavolo di confronto sulla legge elettorale, anche per convincere tanti ‘oppositori’ dell’Italicum a votare la riforma costituzionale. Lo chiede a Matteo Renzi la minoranza del Pd, che mette sul tavolo la proposta di un una legge totalmente nuova: il “Mattarellum 2.0”, un sistema con collegi uninominali e premio di governabilità. Ma, ferma restando la disponibilità al dialogo in Parlamento, sulla proposta dei bersaniani si registra una prima reazione assai fredda dei dirigenti Pd. E dal renziano Andrea Marcucci arriva una stroncatura:

– Sarebbe un passo indietro.

Renzi trascorre la giornata tra il Piemonte e la Campania, in visita a due aziende e all’istituto Telethon di Pozzuoli: lì dove c’è “l’Italia che non si lamenta ma rilancia” ed è “più forte di polemiche e paure”. Il governo, ribadisce, sta facendo la sua parte, a partire dalle riforme istituzionali, giunte a uno snodo cruciale:

– In questi due anni abbiamo tolto di mezzo l’agenda del passato, ora c’è il passaggio chiave del referendum che sancisce le riforme e poi potremo affrontare l’Italia dei prossimi 30 anni.

E’ sul referendum, conferma il premier, che sono concentrate tutte le energie del governo. Ma nella stessa maggioranza il fronte referendario mostra crepe. Il segretario Lorenzo Cesa, a nome dell’Udc (ma il presidente Gianpiero D’Alia fa sapere di non essere d’accordo) dice ‘No’ alla riforma Boschi e chiede a Renzi di rivedere almeno l’Italicum per evitare un “effetto Erdogan” con tutti i poteri concentrati nelle mani del vincitore.

E nelle stesse ore una parte di Ncd ribadisce una critica più complessiva alla linea del governo, dalla legge elettorale alla giustizia. Tanto che le fibrillazioni degli alfaniani al Senato, dove Renato Schifani rassegna le dimissioni da capogruppo, hanno come contraccolpo un rallentamento dell’attività parlamentare, a partire dalla sospensione dell’esame del ddl tortura.

Proprio per accogliere le preoccupazioni di un pezzo di maggioranza, il Pd ha aperto a modifiche alla legge elettorale. E lo stesso Renzi, pur difendendo il ‘suo’ Italicum, si è rimesso sul tema alla volontà del Parlamento. Ma i dirigenti Dem sottolineano che la condizione indispensabile per rimettere mano all’Italicum è che emerga una maggioranza parlamentare per approvare le modifiche.

E invece, osservano, non se ne vedono all’orizzonte. C’è chi – come Ncd – invoca il premio alla coalizione e non alla lista, chi – come i Giovani turchi guidati da Matteo Orfini – propone il modello greco (proporzionale a turno unico con premio al vincitore) e adesso la minoranza Pd avanza l’idea del Mattarellum 2.0.

– C’è una fioritura di nuove proposte – nota Andrea Marcucci – ma con quale maggioranza?

Il Mattarellum 2.0 proposto dai bersaniani Federico Fornaro e Andrea Giorgis prevede 475 collegi uninominali a turno unico, più un premio di maggioranza di 90 seggi alla lista o alla coalizione vincente, un ‘premietto’ di 30 seggi per il secondo partito e 23 seggi da assegnare a chi abbia superato il 2%.

– Garantisce governabilità e rappresentanza – assicura Roberto Speranza, che invia la proposta ai vertici Pd -. Non è un contributo “contro” qualcuno ma costruttivo.

Ma ‘in cambio’ chiede che il tavolo sulla legge elettorale venga aperto subito, prima del referendum. I vertici Pd per ora non commentano, ma alcuni parlamentari di maggioranza fanno notare che il modello del collegio uninominale difficilmente troverà consensi: la proposta di Mattarellum di Giachetti, ricordano, fu bocciata due anni fa. E con il Mattarellum 2.0, afferma Marcucci, “non ci sarebbero né vinti né vincitori la sera del voto”, con il rischio di larghe intese.

Dalla sinistra Dem invece Gianni Cuperlo esprime apprezzamento a “tutto ciò che va nella direzione di superare l’Italicum”. Cuperlo guarda con interesse, così come Sinistra italiana, anche alla proposta di modello “greco” di Orfini. Ma un possibile interlocutore, come il M5s, per ora chiude la porta.

– Discutiamo solo a partire dal nostro Democratellum – dice Danilo Toninelli.

(Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

23:44Juve:Agnelli, disappunto per ko, ma obiettivo leggenda

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Il risultato di ieri è un motivo di disappunto, ma dobbiamo restare concentrati sull'obiettivo finale: questa stagione ci può e deve portare nella leggenda". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, questa sera al Museo delle Scienze e della Tecnologia di Milano dove presenta il nuovo logo del club.

23:26Investiti da treno nel Fiorentino, 1 morto e un ferito

(ANSA) - MONTELUPO (FIRENZE), 16 GEN - Una persona è morta, un'altra è rimasta ferita, sembra in modo non grave, in un incidente avvenuto, poco dopo le 21, alla stazione ferroviaria di Montelupo (Firenze). Secondo le prime informazioni le due persone sarebbero state investite dal treno regionale Pisa-Firenze. Ancora da chiarire la dinamica di quanto successo. Sul posto, oltre al 118, la polfer e i carabinieri. La linea ferroviaria è interrotta in entrambe le direzioni. (ANSA).

23:21Maltempo: Firenze, domani chiusi parchi, giardini e cimiteri

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Chiusi domani a Firenze parchi, giardini e cimiteri comunali. Lo ha deciso l'unità di crisi, presieduta dalla vicesindaca Giachi, che si è insediata alle 19 al centro operativo della Protezione civile all'Olmatello, a Firenze. In un nuovo alert system lanciato dalla protezione civile del Comune dopo che le nuove previsioni meteo hanno confermato, per domani, codice arancione per il vento forte, si invitano poi i cittadini a prestare la massima attenzione ed evitare, domani, spostamenti e attività all'aperto in particolare dalle 7 alle 13. Il centro coordinerà l'attività delle strutture operative per fronteggiare eventuali criticità. Al momento, però, non si registrano emergenze. (ANSA).

23:15Trasporti: riattivato traffico in Stazione Centrale a Milano

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - E' stato pienamente riattivato alle 19.45 il traffico ferroviario nella stazione Milano Centrale, dopo che un guasto alla linea elettrica di alimentazione dei treni ha fortemente rallentato la circolazione ferroviaria dalle 17.05. Secondo quanto comunica RFI, i treni a lunga percorrenza e i regionali hanno registrato ritardi medi di circa un'ora, con un picco massimo di tre ore per due treni, oltre a limitazioni di percorso, deviazioni e cancellazioni. Sono in corso di accertamento le cause del guasto che ha interessato i binari dall'1 al 12. (ANSA).

23:02Donne uccise a Bergamo, esclusa ipotesi serial killer

(ANSA) - BERGAMO, 16 GEN - Perde definitivamente peso l'ipotesi di un killer seriale che si aggira nella Bergamasca dato che è stato accertato che non è stata la stessa mano a uccidere Gianna Del Gaudio e Daniela Roveri. Pur non trascurando nulla, il procuratore capo di Bergamo Walter Mapelli spegne quella che già dall'inizio per gli inquirenti era sembrata una ipotesi poco verosimile. La procura aveva comunque chiesto ai medici legali che hanno eseguito le autopsie delle due donne di comparare le ferite e verificare eventuali analogie. Dalla comparazione la conferma che i due omicidi non sono collegati né collegabili. Gianna è stata colpita più di una volta, Daniela solo una. Inoltre il taglio alla gola inferto a Daniela è orizzontale, mentre è diagonale quello che ha ucciso Gianna. Infine l'arma con cui è stata sgozzata Gianna ha scalfito anche la spina dorsale, quella che ha ucciso Daniela, invece, ha praticamente tranciato le vertebre della spina dorsale. (ANSA).

22:43Focara: accesa grande pira a Novoli su note della ‘pizzica’

(ANSA) - NOVOLI (LECCE), 16 GEN - Anche quest'anno la pioggia, che è caduta per quasi tutto il giorno su Novoli, non ha fermato la tradizionale accensione della Focara, il più grande falò del Mediterraneo, eretto in onore di Sant'Antonio Abate. Per la prima volta è stato il ritmo della 'pizzica' a scandire quello dei fuochi pirotecnici che hanno infiammato la gigantesca pira alta 25 metri e larga 20 metri. Sulle note del brano 'Fuecu' di Daniele Durante, il corpo di ballo de La Notte della Taranta ha danzato come una "comunità che attraverso il fuoco sprigiona energia e sentimento", ha sottolineato il coreografo Fabrizio Mainini. Una comunità di circa 70mila persone che il paese di 8.500 abitanti accoglierà fino al 18 gennaio. Prevista esibizione di Vinicio Capossela che eseguirà per la prima volta un brano scritto nel 2008, ispirato dal rito dell'enorme falò: 'Focara Focara'. Presenti anche il governatore della Puglia, Michele Emiliano, con il sindaco di Novoli e presidente della fondazione Focara, Gianmaria Greco.

Archivio Ultima ora