A scuola di calcio con il Celtic

Pubblicato il 20 luglio 2016 da redazione

CARACAS – Il calcio è uno sport divertente; le regole di base sono piuttosto semplici, ci sono degli avversari da evitare, c’è spirito di squadra e spesso una sana competitività (che, si badi bene, non dovrebbe mai essere esasperata, cosa che non tutti i genitori o istruttori comprendono appieno); quasi mai ci si annoia durante il gioco o l’allenamento.

Anche l’aspetto della socializzazione non è da sottovalutare; il calcio, in quanto sport di gruppo, insegna a condividere con i propri compagni di squadra molti dei momenti felici legati al gioco e all’allenamento e aiuta a creare delle amicizie che in diversi casi vengono portate avanti anche negli anni.

Questa settimana, a Caracas, si sta svolgendo un campus del Celtic Glasgow, uno dei team piú famosi e blasonati della serie A scozzese, insieme al club venezuelano Shantonella. All’iniziativa, che si sta svolgendo sul campo principale del complesso sportivo La Guacamaya, stanno partecipando circa 200 bambini provenienti da diversi angoli del Venezuela con un sogno nel cassetto: “diventare calciatori”.

Questa é la seconda edizione del campus e partecipano aspiranti calciatori con un’etá compresa tra i 5 ed 20 anni suddivisi in 8 categorie: (Under 20, U18, U16, U14, U12, U10, U8 ed U6).

“Questa é un’attivitá che svolgiamo grazie all’alleanza tra i due club (Shantonella e Celtic, ndr). Iniziative come queste servono a far crescere il calcio venezuelano e inoltre i più bravi potranno svolgere uno stage di una settimana a Glasgow con il settore giovanile della squadra.

A scuola di calcio con il Celtic

A scuola di calcio con il Celtic

Gli allenamenti si stanno svolgendo con la metodología che adotta il Celtic con le sue squadre. – spiega Alí Ribero direttore marketing dello Shantonella, aggiungendo – L’alleanza é nata grazie al fatto che la nostra metodología di allenamento è molto simile a quella della squadra di calcio di Glasgow. E’ nostra intenzione che i ragazzini vivano un’esperienza nuova praticando lo sport che ci unisce: il calcio”.

Dal canto suo Douglas Madera Buscarini, presidente del Shantonella Fútbol Club ci spiega: “Siamo fieri di essere stati inseriti nel programa di alleanze che ha il Celtic a livello mondiale. Noi abbiamo avuto il privilegio di essere stata la prima squadra sudamericana che sia entrata a far parte di questo programma. Siamo emozionati per questa seconda edizione e speriamo che nel futuro ce ne siano altre”.

Tra questi 200 campioncini c’erano anche tre italo-venezuelani, i cuginetti Destro che sono venuti da Barquisimeto per partecipare al campus del Celtic. “Questa é la seconda volta che partecipo. Mi sto divertendo tantissimo e sto imparando tante cose nuove durante gli allenamenti e le partitelle” ci dice Daniel Antonio De Farías Destro.

Suo cugino Adrian Corona Destro ci confessa: “Questa é la mia prima esperienza in un campus a Caracas. Ho imparato tante finte nuove, e quella che mi é piaciuta di piú é la Brown e non vedo l’ora di metterla in pratica in campo”.

Mentre suo fratello Sebastian racconta: “E’ un campus molto interessante, sto perfezionando tante cose su come fare un passaggio perfetto, finte e la definizione sotto porta”. I cuginetti Destro sono tutti attaccanti ed il loro sogno nel cassetto é emulare campioni del calibro di Leo Messi, Gonzalo Higuain e Carlos Tevez.

Per il secondo anno consecutivo, l’allenatore inviato dal Celtic é stato Craig Beveridge che ha parlato degli allenamenti che svolgono i ragazzini in questo stage: “Noi lavoreremo su tutti gli aspetti calcistici che servono per far crescre il bagaglio tattico di questi ragazzini. In Venezuela ci sono diversi giocatori bravi ed é stato dimostrato nella Coppa America dove la vinotinto ha avuto un’ottima performance. Nella nostra squadra ha militato anche un giocatore venezuelano: Miku Fedor. Le caratteristiche dei calciatori venezuelani sono la tecnica e e la velocità”.

Per chi volesse partecipare alla Celtic Soccer Accademy, c’é ancora tempo fino a venerdì e può contattare gli organizzatori tramite la posta elettronica celticfccamp@ unetealclub.com

Fioravante De Simone

Ultima ora

09:52Afghanistan: attaccata sede di Save The Children

(ANSA) - KABUL, 24 GEN - Un commando armato ha attaccato oggi la sede della ong Save The Children a Jalalabad City, capoluogo della provincia orientale afghana di Nangarhar, causando un bilancio provvisorio di almeno undici feriti. Secondo una fonte ufficiale un kamikaze si è fatto esplodere all'ingresso dell'edificio che ospita l'organizzazione, permettendo al commando di penetrare all'interno. La tv Tolo ha precisato che l'attacco è avvenuto intorno alle 9 locali (le 5,30 italiane) e, citando il portavoce del governo provinciale Attaullah Khoghyani, ha aggiunto che è in corso uno scontro a fuoco fra i militanti e le forze di sicurezza. Tre dei cinque membri del commando sono stati uccisi dalle forze speciali, ha reso noto via twitter Yousuf Saha, capo ufficio stampa dell'ex-presidente Hamid Karzai. Fondata 98 anni fa e basata a Londra, Save The Children è una ong internazionale che promuove i diritti dei bambini portando aiuto ad essi nelle zone più povere dei Paesi in via di sviluppo

07:51Venezuela: Maduro, agli ordini popolo se mi vuole candidare

(ANSA) - CARACAS, 23 GEN - Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha detto oggi che è "agli ordini delle forze rivoluzionarie" se lo vogliono proporre come "candidato della patria" per le elezioni presidenziali che si svolgeranno entro la fine del prossimo mese di aprile, secondo quanto deciso oggi dall'Assemblea Costituente. "Io sono solo un umile lavoratore, un operaio del popolo, ma se il Psuv e il Grande Polo Patriottico (partito e coalizione di governo, Ndr), se i lavoratori, le donne e i giovani pensano che io debba essere il candidato della patria delle forze rivoluzionarie, allora io sono agli ordini per una candidatura presidenziale", ha detto Maduro alla stampa. L'erede di Hugo Chavez ha aggiunto che "in questo modo Venezuela dice al mondo che più ci imporranno sanzioni e più convocheremo elezioni" perché nel suo paese "non decide Donald Trump né le elite dominanti dell'Unione Europea, non decidono gli imperi, decide il popolo".

06:20Libia: attentato Bengasi, sale a 27 bilancio morti

(ANSA) - BENGASI, 24 GEN - E' salito ad almeno 27 morti il bilancio delle esplosioni provocate ieri sera da due autobomba davanti ad una moschea a Bengasi. I feriti sono oltre 30. Il portavoce delle forze militari e della polizia della città, il capitano Tarek Alkharraz, ha detto che la prima autobomba e' esplosa nel quartiere di Salmani verso le 8:20 ora locale (le 7:20 in Italia) e la seconda mezz'ora più tardi, mentre i residenti ed il personale medico evacuavano i feriti.

23:26Vino adulterato: pm chiede rinvio a giudizio per 9 persone

(ANSA) - FIRENZE, 23 GEN - Commercializzavano vino di bassa qualità, adulterato con l'aggiunta di alcol, che poi veniva venduto come Chianti doc, Brunello di Montalcino o Sassicaia. Al termine dell'inchiesta condotta dai carabinieri del Gruppo tutela della salute di Roma e del Nas di Firenze e coordinata dalla Dda fiorentina, il pm Giulio Monferini ha chiesto il rinvio a giudizio per 9 persone. Il gip Fabio Frangini ha fissato la prima udienza il 5 aprile. L'inchiesta, avviata nel 2015, portò all'arresto di 3 persone (poi ai domiciliari) mentre altre 7 vennero iscritte nel registro degli indagati. Le accuse vanno dall'associazione per delinquere per frode in commercio alla contraffazione di marchio e origine del vino, dalla frode in commercio alla vendita di sostanze non genuine e riciclaggio. Il vino dopo essere adulterato veniva imbottigliato in un'azienda di Empoli, dove poi erano apposte false etichette prima di inviarlo a dei depositi in Lazio e Emilia Romagna. Da qui partiva per l'estero, in particolare per il Costa Rica.

23:15Fotografia: ‘Sangue bianco’,leucemia raccontata con immagini

(ANSA) - SIENA, 23 GEN - Immagini in mostra, accompagnate dalle parole di un libro, per raccontare la vita con la leucemia. E' 'Sangue bianco', esposizione della fotografa Marta Viola al via dal 2 febbraio alla galleria Seipersei di Siena. Poco più di un anno dopo il trapianto, Viola ha documentato con una serie di scatti la sua esperienza con la malattia, componendo una sorta di personale diario visivo, arricchito da pensieri messi nero su bianco. "La fotografia e la scrittura sono stati i mezzi utilizzati per vivere le mie giornate dopo la diagnosi di leucemia acuta mieloide - spiega Marta -. Inizialmente l'idea di fotografare si è imposta a causa di un disturbo visivo: tra i vari effetti della malattia c'erano anche fluorescenze e sfocature. Ho pensato di fare foto ogni volta che intravedevo qualcosa che mi incuriosiva, così avrei avuto modo di vederlo bene quando sarei stata meglio". Fotografa professionista, classe 1986, Viola lavora per cooperative sociali e associazioni, oltre che nel campo della comunicazione.

21:56Consiglio Liguria unito nel dire sì all’autonomia

(ANSA) - GENOVA, 23 GEN - Il Consiglio regionale della Liguria ha approvato all'unanimità dei votanti (Rete a sinistra /LiberaMente Liguria, gruppo di opposizione, non ha partecipato al voto) una risoluzione per chiedere una maggiore autonomia della Liguria dallo Stato. Il documento, sottoscritto da maggioranza e opposizione, impegna la Giunta Toti a "proseguire il confronto con il Governo per definire i contenuti di un'intesa, con il coinvolgimento del Consiglio regionale". "Abbiamo approvato all'unanimità il documento sull'autonomia - dice il governatore Giovanni Toti - Siamo in marcia, tutti insieme, verso un futuro di maggiore efficienza, libertà e vicinanza della politica ai cittadini". "Prendiamo atto della mancanza di volontà da parte di Toti a dare la parola ai cittadini attraverso un referendum sull'autonomia", commenta il M5S. Il Pd ha espresso soddisfazione per "l'approvazione all'unanimità di una sua mozione sull'autonomia finanziaria dei porti liguri che consentirà di finanziare opere infrastrutturali strategiche".

21:48Strage bus ungherese su A4:presentata denuncia contro ignoti

(ANSA) - VERONA, 23 GEN - Una piastra di ferro in disuso, con pezzi sporgenti, che sarebbe stata presente sull'autostrada al di la' del guardrail, è l'elemento che ha portato l'Associazione Italiana familiari vittime della strada a presentare in Procura a Verona una denuncia contro ignoti, per disastro colposo, in relazione all'incidente del 20 gennaio 2017 che vide 16 studenti ungheresi morire nel rogo del loro pullman. Basandosi su un documento redatto da esperti ungheresi, sarebbero state individuate - sostiene l'Aifvs - presunte responsabilità "da parte del gestore del tratto autostradale, dei progettisti e dei manutentori". Stando a questa ipotesi, la piastra di ferro in disuso, presente sul luogo dell'incidente, potrebbe aver causato l'esplosione degli pneumatici del bus, che contribuì a modificarne la traiettoria in uscita di strada, portandolo a schiantarsi contro il pilone della A4 e incendiandosi. Per quel disastro è indagato per omicidio stradale l'autista del pullman, un 52enne ungherese, che sopravvisse all'incidente.

Archivio Ultima ora