“Ruby-Ter”, Berlusconi: 11 telefonate non più prove contro Cav

Pubblicato il 20 luglio 2016 da ansa

“Ruby-Ter”, Berlusconi:

“Ruby-Ter”, Berlusconi:

MILANO – Per il gip Stefania Donadeo, che aveva chiesto al Senato l’autorizzazione all’utilizzo, quelle undici telefonate tra Silvio Berlusconi e due delle ospiti delle serate hard ad Arcore, Iris Berardi e Barbara Guerra, sono “rilevanti” perché dimostrerebbero le “trattative” per elargire “alle due donne somme di denaro” e “immobili” in cambio di una sorta di “lealtà processuale”.

Ed ora, dopo che Palazzo Madama ha bocciato la richiesta, la Procura di Milano potrà usare quelle intercettazioni, agli atti del procedimento ‘Ruby ter’ con al centro l’accusa di corruzione in atti giudiziari, solo nei confronti delle due ‘olgettine’ ma non come prove a carico del leader di FI.

Ad ogni modo, gli inquirenti sono convinti di aver raccolto, anche aldilà di quelle undici telefonate, una mole di prove, tra intercettazioni, documenti, messaggi WhatsApp, file e video, per dimostrare che l’ex Cavaliere avrebbe comprato con “oltre 10 milioni di euro” il silenzio o la reticenza della marocchina e delle altre ragazze passate dalle feste ‘a luci rosse’ di Villa San Martino al banco dei testimoni.

Nei prossimi mesi, il gup di Milano Laura Marchiondelli dovrà decidere se mandare a processo o meno Berlusconi e altre 23 persone, tra cui la stessa Karima El Mahroug. Nella prossima udienza, fissata per il 3 ottobre, parlerà la difesa dell’ex premier.

Le undici intercettazioni, su cui il Senato si è espresso oggi con tanto di bagarre, risalgono al 2012, quando Berlusconi era ancora senatore, ed erano state effettuate in un’altra indagine poi archiviata. Erano poi state recuperate dagli inquirenti ed inserite nel fascicolo ‘Ruby ter’.

Il giudice, nel provvedimento con cui aveva chiesto al Senato l’autorizzazione all’utilizzo su istanza del procuratore aggiunto Pietro Forno e dei pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio, aveva chiarito che si trattava di conversazioni cosiddette “casuali”: i pm non potevano prevedere “che si sarebbe intercettato il Parlamentare” e quindi non avevano l’obbligo di chiedere all’epoca l’autorizzazione al Parlamento. E, sempre secondo il gip, non vi erano “elementi ostativi” all’autorizzazione da parte di Palazzo Madama, anche perché Berlusconi, nel frattempo, “è stato dichiarato decaduto” dalla carica.

Nell’atto il gip ricostruisce alcuni passaggi delle telefonate, intercettate tra l’aprile e l’agosto del 2012, “nel pieno svolgimento dell’istruttoria dibattimentale relativa ai processi” sul caso Ruby. Conversazioni nelle quali alle “pressanti richieste” delle due giovani “di adempimento degli obblighi di dazione di quanto promesso”, Berlusconi “subordina” il loro “atteggiamento processuale”. L’ex Cavaliere, infatti, avrebbe chiesto “esplicitamente a Barbara Guerra di convincere Iris Berardi a revocare la costituzione di parte civile” e nella telefonata del 12 aprile 2012 la showgirl “confermava a Berlusconi che avrebbe messo ‘i suoi buoni uffici’ per convincere ‘la matta’”, ossia Berardi, “ad abbandonare la strada scelta”. Le due ‘olgettine’, infatti, dopo essersi costituite parti civili nel processo ‘Ruby 2’ a carico di Fede, Mora e Minetti, ritirarono la loro costituzione.

E nelle intercettazioni, come scrive il gip, Berlusconi “non esitava ad ordinare alla Guerra” di revocarla, chiamando la revoca “quella cosa lì”. Gli inquirenti potranno, invece, usare come prova documentale a carico di Berlusconi il video di una telefonata filmata dalla stessa Barbara Guerra mentre parlava con l’ex Cavaliere nel giugno 2013 (alla presenza anche di Alessandra Sorcinelli) e nella quale l’ex premier, tra le altre cose, diceva:
“Ho fatto un assegno io ieri di 160.000 euro per pagare i mobili della casa”.

E Guerra:
“Ascolta, Silvio, non è casa mia quella! Sono in mezzo a una strada ancora! Dopo 4 anni di merda! Ma stiamo scherzando?”.

(Igor Greganti/ANSA)

Ultima ora

11:23Pakistan: delitto d’onore, uccisa coppia giovani a Karachi

(ANSA) - ISLAMABAD, 22 LUG - Nell'ennesimo caso di 'delitto d'onore' pachistano, una coppia di giovani è stata uccisa ieri a Karachi (Pakistan meridionale) per "avere disonorato le loro famiglie". Secondo un resoconto della polizia il duplice omicidio è avvenuto nel quartiere di Nazimabad della città portuale e le vittime sono un ragazzo di 22 anni, Sajid Bahadur, e la sua compagna ventenne, Kalsoom. Il commissario di polizia Bashir Ajmed ha riferito che "la coppia è stata uccisa a quanto risulta in casa loro dal padre e dal fratello della ragazza con l'uso di un coltello da macellaio". Ogni anno in Pakistan centinaia di donne vengono uccise con il pretesto del 'delitto d'onore'. Nell'ottobre 2016 il Pakistan ha approvato leggi più dure nei confronti delle persone che uccidono invocando una lesione dell'onore o che stuprano. In precedenza la famiglia della vittima poteva perdonare l'aggressore, ma con la nuova legge questa prerogativa e' passata direttamente allo Stato.

11:17Rapine e droga, sei arresti a Cagliari

(ANSA) - CAGLIARI, 22 LUG - I carabinieri hanno eseguito all'alba sei misure cautelari (in carcere e agli arresti domiciliari) tra Cagliari e il Nuorese nei confronti di altrettante persone accusate di rapina aggravata in concorso e detenzione e spaccio di droga. Le indagini sono state condotte dai militari della Compagnia di San Vito, nel Sarrabus, che, dopo una lunga attività, sono riusciti a dare un nome e un volto agli autori di una rapina avvenuta nel territorio di San Vito. Oggi nel maxi blitz sono stati coinvolti oltre 70 militari delle Compagnie di San Vito, Jerzu, Lanusei, del Comando provinciale di Cagliari e dei Cacciatori di Sardegna. Sono state effettuate dalle prime ore del giorno numerose perquisizioni.

10:56Gerusalemme: polizia mantiene stato di allerta

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 LUG - All'indomani dei gravi incidenti in cui tre dimostranti palestinesi sono rimasti uccisi, la polizia di Gerusalemme mantiene anche oggi un elevato stato di allerta, in particolare nella Città Vecchia e nella Spianata delle Moschee. I fedeli palestinesi si oppongono alla installazione da parte di Israele di metal detector, e anche oggi prevedono di tenere preghiere di protesta non nella Spianata ma nelle strade adiacenti. Da parte sua al-Fatah ha proclamato uno sciopero generale. Forte tensione anche in Cisgiordania dopo che ieri un giovane palestinese sostenitore di Hamas ha massacrato tre membri di una famiglia israeliana nella loro abitazione nella colonia di Halamish (Neve Zuf, presso Ramallah) ed è stato poi ferito dal fuoco di un soldato in licenza. L'assalitore e' ricoverato in un ospedale israeliano. L'esercito ha arrestato il fratello e, secondo i media, potrebbe demolire la sua abitazione. I reparti militari in Cisgiordania sono mantenuti in stato di allerta.

10:50Tav: sassi contro cantiere, No Tav allontanati con idranti

(ANSA) - TORINO, 22 LUG - Il movimento No Tav torna a farsi sentire in Valle di Susa. Nella tarda serata di ieri, un'ottantina di attivisti del movimento che si oppone alla realizzazione della nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità Torino-Lione ha dato vita ad una sassaiola contro il cantiere di Chiomonte. Guadato il fiume Dora, è stato acceso un fuoco a ridosso dei jersey posti a protezione della zona rossa. I manifestanti sono stati allontanati dalle forze dell'ordine con l'uso di idranti. Su Notav.info, sito internet di riferimento del movimento, si parla anche di lancio di lacrimogeni. I No Tav hanno poi fatto ritorno al campeggio di Venaus, da dove questa sera è prevista un'altra "passeggiata" verso il cantiere della valle Clarea. (ANSA).

10:47Rapina stile “arancia meccanica” in villa, c’è anche 12enne

(ANSA) - NAPOLI, 22 LUG - A soli 12 anni tiene sotto la minaccia di un grosso cacciavite il proprietario disabile di una villa di Massa Lubrense (Napoli) mentre gli altri due fratelli, di 17 e 30 anni, svaligiano il caveau. Non solo. Con la stessa l'aplomb di un navigato rapinatore, per ingannare il tempo, intraprende una conversazione con la vittima, terrorizzata e dolorante, chiedendole "hai famiglia... che fanno i tuoi figli... quanti anni hanno... vivono con te...". L'episodio è avvenuto in pieno giorno, una domenica dello scorso mese di giugno. I tre giovani sono stati identificati e fermati dai carabinieri al termine di indagini coordinate dalla Procura di Torre Annunziata (Napoli). Tutti vivevano un campo rom della provincia a Nord di Napoli. I tre fratelli hanno razziato argenteria e denaro per circa 50mila euro, dopo avere picchiato violentemente l'uomo, malgrado fosse sulla sedia a rotelle, provocandogli lesioni e ferite, anche alla testa, giudicate dai medici guaribili in 30 giorni. (ANSA).

10:44Gb: principe George compie 4 anni, nuova foto da Palazzo

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Kensington Palace ha diffuso una nuova foto del principe George in occasione del suo quarto compleanno che cade domani. La foto è stata scattata a Kensington Palace alla fine di giugno da Chris Jackson, il fotografo di Getty Images' dei reali e mostra un sorridente George in primo piano. "Il duca e la duchessa sono lieti di condividere questa bellissima foto mentre celebrano il quarto compleanno del principe George e ringraziano tutti per i messaggi ricevuti", si legge in una nota da palazzo.

10:42Auto fuori strada contro albero, morti tre nordafricani

(ANSA) - ALESSANDRIA, 22 LUG - Tre giovani, tutti di origine nordafricana, sono morti nella notte in un incidente stradale sulla provinciale 93 che collega Pontecurone a Castelnuovo Scrivia, in provincia di Alessandria. Un quarto è rimasto ferito ed è ricoverato in prognosi riservata all'ospedale di Alessandria. I quattro viaggiavano su una Opel Meriva che è uscita di strada schiantandosi contro un albero. Sul posto, avvisati da un automobilista - sono intervenuti vigili del fuoco, carabinieri e 118. I carabinieri stanno cercando di ricostruire cause e dinamica dell'incidente. (ANSA).

Archivio Ultima ora