Commando francesi in Libia, Sarraj protesta

Pubblicato il 21 luglio 2016 da ansa

Commando francesi in Libia, Sarraj protesta

Commando francesi in Libia, Sarraj protesta

ROMA – La presenza di commandos e agenti francesi nell’est della Libia, come anche di americani e britannici in altre zone del paese, era nota attraverso indiscrezioni e valutazioni di analisti. Ma ora l’abbattimento di un elicottero nei pressi di Bengasi ha costretto Parigi ad ammettere il dato di fatto, innescando una protesta del nascente governo di unità nazionale libico.

La vicenda è nata domenica scorsa, quando hanno cominciato a circolare voci dell’abbattimento di un elicottero, poi tracimate martedì attraverso anonime fonti militari libiche che hanno rivelato come la caduta del mezzo causato da milizie islamiche attive a Bengasi avesse provocato la morte di due commandos delle forze speciali francesi che erano a bordo.

Dopo una prima ma parziale ammissione del ministero della Difesa di Parigi, il giorno seguente era stato lo stesso il presidente Francois Hollande ad ammettere che tre francesi sono morti in un “incidente di elicottero” in Libia dove la Francia “conduce pericolose operazioni di intelligence”.

L’ammissione fatta al massimo livello sulla presenza almeno di agenti segreti francesi in Libia ha suscitato un’evidente irritazione a Tripoli: il Consiglio presidenziale libico, nucleo del nascente governo di unità nazionale guidato dal premier Fayez Al Sarraj, in un comunicato “ha espresso il proprio profondo malcontento” e ha rivelato di aver “preso contatti diretti e al più alto livello con le autorità francesi per informarsi di questa presenza”.

Pur apprezzando “gli sforzi nella lotta contro il terrorismo”, l’organismo guidato da Sarraj afferma che “questo non giustifica affatto un intervento a nostra insaputa”. Centinaia di manifestanti mercoledì hanno protestato a Tripoli contro la presenza francese che evoca il lancio dell’intervento militare del 2011 che portò alla caduta del rais Muammar Gheddafi e la dominazione coloniale degli anni Quaranta nel Fezzan, la parte sud-ovest del Paese.

La durezza della reazione e la protesta di piazza sono spiegabili con le informazioni che circolano da mesi su un sostegno operativo francese al generale Khalifa Haftar, l’uomo forte dell’est della Libia dove – a Tobruk – è insediato il parlamento che da otto mesi nega la fiducia al governo di Sarraj, limitando la sua legittimazione internazionale. Il motivo di fondo dello stallo alla Camera dei rappresentanti a Tobruk resta sempre l’assenza di garanzie sul futuro dell’ingombrante generale.

L’appoggio francese ad Haftar contrasta nei fatti con le dichiarazioni di sostegno al governo di unità nazionale di Sarraj che Parigi ha rilasciato anche nelle ultime ore in linea con l’orientamento della comunità internazionale, Italia in testa.

E’ noto, tanto che il New York Times lo ricorda come un mero ‘background’, che forze speciali di Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti sono sul terreno libico per combattere contro jihadisti. I terroristi di più o meno conclamata pericolosità asserragliati fra l’altro nel centro di Sirte (‘capitale’ dell’Isis in Libia assediata dalle milizie fedeli a Sarraj) e in sacche di resistenza di Bengasi (che i soldati di Haftar non riescono ad eliminare nonostante vuoti proclami ricorrenti).

(Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

15:48Calcio: Cagliari, ecco Lykogiannis, “qui per dare il meglio”

(ANSA) - CAGLIARI, 23 GEN - La storia rossoblù parla ancora greco. Katergiannakis, Oikonomou, Tachtsidis. E ora Charalampos Lykogiannis, classe 1993, esterno sinistro appena arrivato dallo Sturm Graz, una delle big del campionato austriaco. "Sono qui per dare il meglio di me stesso e aiutare la squadra - ha detto questa mattina nella sua prima conferenza stampa a Cagliari -. So che qui rispetto allo Sturm Graz dovrò lottare per altri traguardi, ma non mi spavento. Per me è un grande passo, so che è difficile giocare nel campionato italiano ma mi piacciono le sfide". Pronto per entrare in campo? "Non vedo l'ora di iniziare gli allenamenti con i miei nuovi compagni. Se sono pronto per giocare? Prima devo lavorare in gruppo, sarà l'allenatore a decidere quando sarà il momento di mandarmi in campo". I vecchi rossoblù greci Tachtsidis e Oikonomou gli hanno parlato bene dell'ambiente: "Ho parlato con loro prima di accettare - ha raccontato - entrambi mi hanno consigliato Cagliari, mi hanno parlato di un grande club con tifosi eccezionali. Avevo altre richieste da parte di squadre di Serie A ma non ho avuto esitazioni nello scegliere il Cagliari". Occuperà la fascia sinistra. "Penso di avere forza fisica e di essere veloce. Ho un tiro potente, calcio le punizioni e mi piace provarci da fuori area, crosso in maniera precisa. La mia posizione in campo? Sono un terzino sinistro ma in passato ho giocato anche come difensore centrale. I miei modelli? Mendy del Manchester City, ma ora è infortunato, quindi dico Roberto Carlos". (ANSA).

15:47Calcio: Di Francesco, in certi casi non posso mettere becco

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Ci sono delle situazioni in cui io allenatore non posso mettere becco, questo è un dato di fatto. Non si tratta di essere d'accordo o no, io ho scelto di allenare la Roma e lo farò fino in fondo al meglio delle mie possibilità qualsiasi cosa accada". Riguardo all'improvvisa necessità da parte della Roma di vendere nel mercato invernale alcuni elementi di primo piano della rosa, il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco chiarisce la propria posizione: "se ci sono delle situazioni da limare io non posso fare i conti a casa di nessuno. Faccio l'allenatore e posso scegliere una strada in cui dico 'me ne torno a casa' o affronto la situazione senza scappare, e io non scappo mai".

15:44Vaccini: Grasso, mantenere obbligatorietà, salute figli faro

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Con i vaccini si salvano milioni di persone. Chi afferma il contrario dice pericolosissime falsità. Negli ultimi anni, complice una drammatica e strumentale disinformazione, tantissimi non hanno più vaccinato i propri bambini e la soglia di sicurezza e' scesa pesantemente sotto la linea di guardia. Su certi temi, il 'fai da te' offerto dal web, e' molto pericoloso". Lo scrive su facebook il presidente del Senato e leader di Leu Pietro Grasso. Per i vaccini si può scegliere o la via "dell'informazione capillare ed efficace, che porta ad una scelta volontaria consapevole e responsabile". Ma "quando questa via non produca gli effetti attesi, come è evidente sia successo nel nostro Paese- sottolinea Grasso-, penso sia giusto adottare misure più drastiche e, personalmente, ritengo necessario mantenere l'obbligatorietà dei vaccini - affiancata da una costante e trasparente informazione sulla vaccino-vigilanza - fino a quando non raggiungeremo la giusta soglia di sicurezza per tutti".

15:41Vela: Vascotto tattico di Luna Rossa nelle Tp52 Super series

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il triestino Vasco Vascotto, già vincitore in diverse classi veliche di 25 titoli mondiali, 15 europei e 25 italiani, è entrato a far parte del team di Luna Rossa e dell'equipaggio che parteciperà alle Tp 52 Series, nella qualità di tattico. Vascotto affiancherà Francesco Bruni, timoniere del Tp 52 Luna Rossa, ed è già presente a Cagliari insieme al team per partecipare agli allenamenti e osservazione degli oltre 40 giovani velisti - provenienti da tutta Italia - selezionati quali possibili futuri componenti dell'equipaggio. Un progetto volto ad allargare il raggio d'azione del team nella preparazione alla 36/a America's cup di vela, coinvolgendo nella sfida del team targato Prada i giovani più promettenti della vela agonistica italiana. Vascotto ha preso parte per l'ultima all'America's cup nel 2007, a Valencia, in qualità di skipper di Mascalzone Latino-Capitalia, team che faceva capo a Vincenzo Onorato. Ultimamente Vascotto lavorava su Azzurra, la barca ammiraglia dello Yacht club Costa Smeralda.

15:39Agguato ad Andria, ucciso pregiudicato 45enne

(ANSA) - ANDRIA, 23 GEN - Un pregiudicato, Vito Di Biase, di 45 anni, è stato ucciso in agguato compiuto poco fa ad Andria, nel rione Valentino. La vittima, sottoposta alla sorveglianza speciale, è stata assassinata sotto casa con diversi colpi di arma da fuoco. Aveva piccoli precedenti penali contro il patrimonio e non era inserita in contesti di criminalità organizzata. Indagini sono in corso da parte di polizia e carabinieri, coordinati dalla procura di Trani. (ANSA).

15:31Prodi, mio ritorno? Penso proprio di no, mi hanno rottamato

(ANSA) - BRUXELLES, 23 GEN - "Penso proprio di no". Così Romano Prodi esclude un suo eventuale ritorno alla politica attiva, a margine di una conferenza a Bruxelles. "Non mi vogliono, mi hanno rottamato, ma la mia soddisfazione è che non si sono accorti che il prezzo del rottame è salito, salito, salito", ha detto Prodi, aggiungendo che in questi ultimi dieci anni dalla fine del suo ultimo governo "é cambiato il mondo".

15:30Cav convoca vertice a Arcore, odg divisione collegi e Lazio

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il nodo Lazio sarà al centro di una riunione che Silvio Berlusconi ha convocato ad Arcore nel pomeriggio al suo rientro da Bruxelles. All'incontro sarà presente il vertice del partito. Il vertice servirà per fare il punto anche sulla divisione dei collegi maggioritari che spettano a Forza Italia. Nel pomeriggio infatti nella sede del partito si recheranno i parlamentari uscenti per l'accettazione delle candidature. Per quanto riguarda la regione Lazio, Fabio Rampelli, capogruppo di Fdi resta il nome in pole anche se in queste ore circola con insistenza l'ipotesi di chiedere a Stefano Parisi, leader di Energie per l'Italia la sua disponibilità a correre.

Archivio Ultima ora