Commando francesi in Libia, Sarraj protesta

Pubblicato il 21 luglio 2016 da ansa

Commando francesi in Libia, Sarraj protesta

Commando francesi in Libia, Sarraj protesta

ROMA – La presenza di commandos e agenti francesi nell’est della Libia, come anche di americani e britannici in altre zone del paese, era nota attraverso indiscrezioni e valutazioni di analisti. Ma ora l’abbattimento di un elicottero nei pressi di Bengasi ha costretto Parigi ad ammettere il dato di fatto, innescando una protesta del nascente governo di unità nazionale libico.

La vicenda è nata domenica scorsa, quando hanno cominciato a circolare voci dell’abbattimento di un elicottero, poi tracimate martedì attraverso anonime fonti militari libiche che hanno rivelato come la caduta del mezzo causato da milizie islamiche attive a Bengasi avesse provocato la morte di due commandos delle forze speciali francesi che erano a bordo.

Dopo una prima ma parziale ammissione del ministero della Difesa di Parigi, il giorno seguente era stato lo stesso il presidente Francois Hollande ad ammettere che tre francesi sono morti in un “incidente di elicottero” in Libia dove la Francia “conduce pericolose operazioni di intelligence”.

L’ammissione fatta al massimo livello sulla presenza almeno di agenti segreti francesi in Libia ha suscitato un’evidente irritazione a Tripoli: il Consiglio presidenziale libico, nucleo del nascente governo di unità nazionale guidato dal premier Fayez Al Sarraj, in un comunicato “ha espresso il proprio profondo malcontento” e ha rivelato di aver “preso contatti diretti e al più alto livello con le autorità francesi per informarsi di questa presenza”.

Pur apprezzando “gli sforzi nella lotta contro il terrorismo”, l’organismo guidato da Sarraj afferma che “questo non giustifica affatto un intervento a nostra insaputa”. Centinaia di manifestanti mercoledì hanno protestato a Tripoli contro la presenza francese che evoca il lancio dell’intervento militare del 2011 che portò alla caduta del rais Muammar Gheddafi e la dominazione coloniale degli anni Quaranta nel Fezzan, la parte sud-ovest del Paese.

La durezza della reazione e la protesta di piazza sono spiegabili con le informazioni che circolano da mesi su un sostegno operativo francese al generale Khalifa Haftar, l’uomo forte dell’est della Libia dove – a Tobruk – è insediato il parlamento che da otto mesi nega la fiducia al governo di Sarraj, limitando la sua legittimazione internazionale. Il motivo di fondo dello stallo alla Camera dei rappresentanti a Tobruk resta sempre l’assenza di garanzie sul futuro dell’ingombrante generale.

L’appoggio francese ad Haftar contrasta nei fatti con le dichiarazioni di sostegno al governo di unità nazionale di Sarraj che Parigi ha rilasciato anche nelle ultime ore in linea con l’orientamento della comunità internazionale, Italia in testa.

E’ noto, tanto che il New York Times lo ricorda come un mero ‘background’, che forze speciali di Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti sono sul terreno libico per combattere contro jihadisti. I terroristi di più o meno conclamata pericolosità asserragliati fra l’altro nel centro di Sirte (‘capitale’ dell’Isis in Libia assediata dalle milizie fedeli a Sarraj) e in sacche di resistenza di Bengasi (che i soldati di Haftar non riescono ad eliminare nonostante vuoti proclami ricorrenti).

(Rodolfo Calò/ANSA)

Ultima ora

21:44Calcio: Prandelli riparte da Emirati, nuovo tecnico Al-Nasr

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Cesare Prandelli ricomincia dagli Emirati Arabi. L'ex ct azzurro sarà infatti il nuovo tecnico dell'Al Nasr. Lo ha ufficializzato il club sul suo sito, facendo sapere che la presentazione avverrà lunedì prossimo, con una conferenza stampa. Prandelli è reduce dalla sfortunata esperienza nella Liga sulla panchina del Valencia, terminata con la risoluzione contrattuale dopo pochi mesi. Prandelli è il secondo tecnico italiano a sedersi sulla panchina dell'Al-Nasr dopo Walter Zenga (2011-2013).

21:34Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Donald Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:20Usa: corte appello Virginia conferma blocco ‘bando’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Una corte di appello federale della Virginia si è rifiutata di reintrodurre il 'bando' sugli ingressi in Usa da alcuni Paesi musulmani voluto dal presidente Trump, mantenendo quindi il blocco al provvedimento anche nella seconda stesura presentata dall'amministrazione Usa. La vicenda è così a questo punto diretta alla Corte Suprema.

21:15Manchester: Cnn, kamikaze forse addestrato in Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - Il kamikaze autore della strage a Manchester, Salman Abedi, ha con tutta probabilità ricevuto addestramento dall'Isis in Siria nei mesi precedenti all'attacco, stando ad informazioni raccolte nella fase preliminare dell'inchiesta. Lo riferisce la Cnn citando fonti Usa.

20:41Tusk, con Trump non abbiamo visione comune su Russia

(ANSA) - BRUXELLES, 25 MAG - Con Donald Trump "abbiamo fatto progressi soprattutto sull'antiterrorismo ma altre questioni restano aperte, come il clima ed il commercio. E non sono al 100% sicuro che abbiamo una posizione comune sulla Russia, anche se sul conflitto in Ucraina siamo sulla stessa linea". Lo ha detto Donald Tusk in una breve dichiarazione fatta al termine dell'incontro con Donald Trump.

20:35Maestre d’asilo arrestate per maltrattamenti a Piacenza

(ANSA) - PIACENZA, 25 MAG - Due educatrici di un asilo nido di Piacenza sono state arrestate con l'accusa di maltrattamenti nei confronti dei bambini della struttura. I carabinieri della stazione di Piacenza Levante si sono presentati con due pattuglie prelevando le due donne piacentine e portandole in caserma. Riserbo assoluto sull'indagine, ma pare che i carabinieri abbiano eseguito un arresto in flagranza di reato, probabilmente grazie a telecamere nascoste nell'asilo, e che avrebbero filmato settimane di presunti maltrattamenti. Sulla vicenda è intervenuto con una nota anche il sindaco di Piacenza Paolo Dosi: "il Comune di Piacenza è parte lesa in questa vicenda e per questo confidiamo in un'azione degli organi inquirenti quanto più rapida e approfondita possibile. È un vero fulmine a ciel sereno, privo del benché minimo campanello di allarme, sia in termini di segnalazioni delle famiglie, che di risultanza dei costanti monitoraggi". (ANSA).

20:15Catalogna: ministro difesa Madrid, impediremo referendum

(ANSA) - MADRID, 25 MAG - Il ministro della difesa spagnolo Maria Dolores de Cospedal ha affermato che il governo di Madrid impedirà lo svolgimento di un referendum sull'indipendenza della Catalogna. "Faremo quello che dovremo fare" ha detto alla radio Cadena Cope. Il presidente secessionista catalano Carles Puigdemont ha promesso che convocherà un referendum sull'indipendenza entro fine settembre nonostante il veto di Madrid. El Pais scrive oggi, citando fonti autorevoli del governo di Madrid, che il premier conservatore Mariano Rajoy "userà tutti i mezzi a sua disposizione" per evitare lo svolgimento del referendum catalano. Secondo il quotidiano l'esecutivo spagnolo ha pronto già da mesi "un memorandum segreto". Il vicepresidente catalano Oriol Junqueras ha indicato di recente che "tutto è pronto" per la tenuta del referendum, e ai primi di maggio il governo di Barcellona ha avviato le procedure per l'acquisto delle urne. La data in cui potrebbe svolgersi ancora non è stata resa nota.

Archivio Ultima ora