Migranti: 39 morti nel Canale di Sicilia

Pubblicato il 21 luglio 2016 da redazione

Migranti: 39 morti nel Canale di Sicilia

Migranti: 39 morti nel Canale di Sicilia

PALERMO – Strage di uomini e donne nel Canale di Sicilia con uno spettacolo di orrore e morte che si è presentato agli occhi dei soccorritori, l’altra sera sulla nave Aquarius di Sos Mediterranee, con a bordo l’equipe di Medici senza frontiere, e oggi a quelli della nave militare irlandese. In totale 39 morti, tra loro 21 donne e un minore.

L’altra sera i soccorritori di Nave Aquarius hanno scorto cadaveri ammonticchiati su un gommone, mentre altri migranti tendevano le mani per la disperazione chiedendo aiuto dopo aver trascorso non si sa ancora quante ore accanto ai cadaveri. Ventuno donne e un uomo morti è stato il bilancio dopo che i sopravvissuti sono stati aiutati a salire sulla nave che una volta era impegnata come guardapesca dell’Atlantico del Nord. Ventuno donne di cui alcune forse erano accompagnate dai loro mariti o figli.

A bordo dei due gommoni raggiunti da Aquarius vi erano 177 uomini e 32 donne (2 incinte) e 50 bambini.

– Quando la nostra équipe si è avvicinata al primo gommone, ha visto dei cadaveri che giacevano sul fondo dell’imbarcazione in una pozza di carburante – ha detto Jens Pagotto, capo missione di Msf per le operazioni di ricerca e soccorso – I sopravvissuti hanno passato diverse ore a bordo con i cadaveri. Molti sono troppo traumatizzati per riuscire a raccontare quanto accaduto. Non è ancora chiaro come queste donne siano decedute.

Nel pomeriggio di oggi una scena quasi simile: la nave militare irlandese James Joyce ha raggiunto un barcone in legno carico di migranti e l’equipaggio ha tratto in salvo 452 persone. Successivamente, su indicazione degli stessi migranti, è stata ispezionata la stiva, nella quale sono stati trovati i 17 cadaveri: tutti uomini, tra loro un ragazzo minorenne. Causa del decesso – secondo prime informazione – potrebbe essere stata un’asfissia provocata dai gas di scarico del motore del barcone.

Sono stati complessivamente 1128 i migranti tratti in salvo nelle ultime 24 ore nel Canale di Sicilia nel corso di 8 distinte operazioni di soccorso, tutte coordinate dalla Guardia Costiera. I migranti si trovavano a bordo di fatiscenti barconi, gommoni e due piccole imbarcazioni.

Sono intervenute nelle operazioni, tra 20 e 40 miglia a nord della Libia, Nave Grecale della Marina Militare, inserita nell’operazione “Mare Sicuro”, la nave Enterprise di Eunavformed, la nave militare irlandese James Joyce e la nave Sea Watch 2 dell’omonima Organizzazione non governativa. A Pozzallo (Ragusa) è arrivata la nave Bourbon Argos di Msf, con a bordo 628 persone (tra cui 101 donne e 13 bambini) recuperate al largo della Libia davanti a Sabratah.

Tra le persone soccorse anche un uomo di 73 anni e un bambino di soli 7 mesi in viaggio con la famiglia. E’ invece approdata a Catania la nave della Marina spagnola Reina Sofia, di Eunavformed con a bordo 841 profughi e un cadavere.

Le notizie sulle ultime tragedie del Mediterraneo non placano le polemiche sull’accoglienza delle migliaia di persone che arrivano nei porti siciliani. Per Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, presidente e segretario generale di Anci Sicilia “i numerosissimi sbarchi degli ultimi giorni aggravano in maniera esponenziale una situazione già molto difficile e aggiunti alle attuali presenze rappresentano, per i Comuni siciliani luoghi di sbarco, una criticità insostenibile specie sul fronte dei minori stranieri non accompagnati”.

– Alla luce di quanto sta accadendo – afferma – è ancor più grave la mancata attuazione da parte del governo nazionale del promesso intervento di trasferimento di minori in altre regioni italiane.

E Il sindaco M5S di Augusta (Sr), Cettina Di Pietro, scrive sul blog di Grillo:

“Sono pronta a iniziare lo sciopero della fame affinchè venga tutelata la sicurezza dei miei concittadini se il 5 agosto non si muoverà nulla. C’è una grande emergenza ad Augusta dove continuano ad approdare migranti con cifre record che superano ogni altro approdo in Sicilia, anche con arrivi di 1.139 persone in un solo giorno”.

Ultima ora

09:45Calcio: Mihajlovic il futuro è Torino, se Cairo vuole resto

(ANSA) - TORINO, 28 MAG - "Ho rivisto il mio Toro, oggi abbiamo giocato bene". Soddisfatto della prova del suo Torino il tecnico granata Mihajlovic dopo il 5-3 con cui ha superato il Sassuolo: "Il nono posto finale è giusto - aggiunge il tecnico serbo - con meno alti e bassi e più punti in trasferta avremmo lottato per l'Europa League". Per il futuro Mihajlovic ha le idee chiare: "Della nostra rosa credo che le conferme saranno 12 o 13, a parte prestiti e giovani che andranno in prestito. Belotti? Ci auguriamo che rimanga con noi, ma con la testa giusta. Se dovesse andare via arriveranno tanti soldi, ma non si può comprare tutto: è difficile trovare giocatori come lui". Ancora con il tecnico serbo in panchina: "Se Cairo mi ha confermato non ci dovrebbero essere problemi anche perché si sa che i contratti lasciano il tempo che trovano". Chi invece dovrebbe cambiare aria, è il tecnico del Sassuolo, Eusebio Di Francesco. "Domani incontrerò Carnevali per capire quale sarà il futuro: ho due anni di contratto, ho una clausola".

09:37Australia: disavventura per pescatore, squalo salta in barca

(ANSA) - SYDNEY, 29 MAG - Brutta avventura per un pescatore in Australia, che si è visto saltare dall'acqua nella sua barchetta un grande squalo bianco di oltre due metri e mezzo. E' accaduto a Terry Selwood di 73 anni, che stava pescando al largo di Evans Head a nord di Sydney, e se l'è cavata con una ferita al braccio. "Ho intravisto un turbinio di qualcosa che saltava dall'acqua dentro la barca", ha detto Selwood alla radio nazionale Abc. "Si è lanciato sopra il motore ed è atterrato in coperta. Era lungo due metri e 700 e circa 200 chili, e la mia barca misura 4 metri e mezzo di lunghezza". "La pinna pettorale dello squalo mi ha colpito all'avambraccio e mi ha gettato a terra", ha detto ancora. "Ero lì carponi e ci guardavamo negli occhi e poi ha cominciato a ballare e a scuotersi e sono riuscito appena a calarmi nella stiva. Perdevo sangue, ero scioccato, non potevo registrare cosa era successo", ha aggiunto. Selwood ha raggiunto la radio e ha chiamato il soccorso marino a Evans Head. Un equipaggio è accorso a salvarlo

09:26Bimbo morto: oggi l’autopsia

(ANSA) - ANCONA, 29 MAG - E' in programma oggi nell'ospedale di Ancona l'autopsia sul piccolo Francesco, il bambino di 7 anni morto sabato scorso nel presidio pediatrico 'Salesi' per le complicazioni di un'otite bilaterale curata per circa 15 giorni a casa solo con preparati omeopatici. All'esame autoptico, affidato al medico legale Mauro Pesaresi, possono partecipare periti di parte dei tre indagati: il dottor Massimiliano Mecozzi, l'omeopata da cui il bimbo era in cura, e i genitori di Francesco, due commercianti di Cagli. Tutti e tre hanno ricevuto un avviso di garanzia dalla procura di Urbino per concorso in omicidio colposo. Solo la sera del 23 maggio i genitori si erano decisi a chiamare il 118 viste le condizioni critiche del piccolo. Ma la corsa nell'Ospedale di Urbino e poi il trasferimento al 'Salesi' si sono rivelati inutili, così come un intervento neurochirurgico condotto nella notte del 24 maggio per aspirare l'ascesso cerebrale. L'infezione era ormai troppo estesa, e Francesco non si è mai risvegliato dal coma.

09:13Sri Lanka: 164 morti in emergenza inondazioni che persiste

(ANSA) - COLOMBO, 29 MAG - Il monsone sud-occidentale continua a flagellare lo Sri Lanka con intense piogge ed allagamenti delle campagne e di centri urbani con un bilancio di vittime salito ad oggi a 164 morti e 104 dispersi. Lo riferisce oggi il quotidiano Daily Mirror. Nella sua pagina online il giornale pubblica i dati del Centro per la gestione dei disastri (Dmc) secondo i quali le persone colpite dall'inclemenza meteorologica sono oltre 471.000 di cui 100.000 hanno preso posto in centinaia di rifugi di emergenza costituiti in scuole, edifici pubblici e tendopoli nell'ovest e nel sud dello Sri Lanka. Il Dmc ha inoltre diramato ieri sera un messaggio urgente di evacuazione per le persone residenti lungo le rive dei fiumi Kelani, Nilwala Ganga, Gin Ganga e Kalu Ganga, le cui acque continuano a crescere per il persistere delle piogge, che da domani aumenteranno di intensità.

08:40Trump, ‘Kushner ha mia totale fiducia’

(ANSA) - NEW YORK, 29 MAG - Jared Kushner "sta facendo un ottimo lavoro per il Paese. Ha la mia totale fiducia". Lo afferma il presidente americano, Donald Trump, con il New York Times, intervenendo per la prima volta direttamente sul caso Kushner, uno dei suoi più stretti consiglieri e marito di Ivanka. "E' rispettato da tutti e sta lavorando a programmi che ci faranno risparmiare miliardi di dollari. Inoltre, e questa è forse la cosa più importante, è una brava persona".

08:39Corea Nord: Seul convoca Consiglio sicurezza nazionale

(ANSA) - PECHINO, 29 MAG - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha convocato una riunione d'urgenza del Consiglio sulla sicurezza nazionale, iniziata alle 7:30 (00:30 in Italia), come risposta immediata al lancio del missile a corto raggio deciso e fatto oggi da Pyongyang. La nuova intemperanza del Nord giunge nel mezzo degli sforzi di Seul per riaprire un canale almeno sull'assistenza umanitaria. La scorsa settimana, infatti, il ministero dell'Unificazione di Seul ha approvato la richiesta di un gruppo locale per la fornitura e la consegna di reti e sostanze repellenti contro gli insetti. Seul "replicherà con decisione alle provocazioni della Corea del Nord, ma allo stesso tempo, saremo flessibili sulla revisione dei mezzi per consentire aiuti umanitari e scambi tra civili senza compromettere le sanzioni internazionali", ha detto un funzionario ministeriale citato dall'agenzia Yonhap.

08:37Paura a Marbella, auto contro folla,ma è scontro tra bande

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - A Marbella un'auto all'improvviso si è lanciata contro la folla in una zona pedonale, falciando tre persone e facendo subito pensare ai drammatici precedenti di Nizza e Berlino. I testimoni, tutti in strada per la festa dello Champagne, scioccati parlano subito di terrorismo, dicono che l'auto sterzava per colpire più persone possibili. Dopo i primi attimi di terrore si scopre che la macchina impazzita in realtà non era lanciata a caso sulla folla, ma puntava su tre persone ben precise. Per vendetta. La polizia spagnola, dopo un inseguimento, ha arrestato l'autista e un altro passeggero dell'auto, entrambi ubriachi. Nel beach club più noto della capitale della Costa del Sol si sta celebrando lo 'Champagne Party', ma forse ne scorre troppo e tra due gruppi di inglesi scatta una rissa. Lo scontro è così violento che vengono tutti buttati fuori. Quando si ritrovano per strada continuano i tafferugli. Poco dopo tornano in macchina per investire i componenti dell'altro gruppo. Il terrorismo è escluso.

Archivio Ultima ora