Grasso: “Il referendum non è il giudizio universale”

Pubblicato il 21 luglio 2016 da ansa

Il presidente del Senato Pietro Grasso in occasione della tradizionale cerimonia del ''Ventaglio'', Roma, 21 luglio 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Il presidente del Senato Pietro Grasso in occasione della tradizionale cerimonia del ”Ventaglio”, Roma, 21 luglio 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA – Il referendum costituzionale previsto per ottobre dovrebbe svolgersi in un clima di serenità e con un serio confronto sul merito. La rappresentazione che se ne sta dando di una sorta di “giudizio universale” è del tutto “inopportuna, irrealistica e fuorviante”.

E’ questo uno dei passaggi chiave del discorso fatto dal presidente del Senato Pietro Grasso in occasione della tradizionale “Cerimonia del ventaglio” con la stampa parlamentare. Un intervento in cui parla non solo di referendum, ma anche dell’accelerazione che si dovrebbe dare a progetti di legge importanti come quello sull’editoria o sulla prescrizione; di Turchia e di migranti. Tema quest’ultimo che, secondo Grasso, non dovrebbe mai essere accostato a quello del terrorismo.

Il presidente del Senato dichiara di veder confermati i suoi timori circa una “forte polarizzazione intorno al referendum, che rischia” di essere celebrato in “un clima troppo conflittuale ed emotivo”. E fa l’esempio di quanto successo in Gran Bretagna con la Brexit per appellarsi alle forze politiche affinché non “spaventino gli elettori prefigurando conseguenze catastrofiche” che poi non darebbero gli “effetti sperati”.

Dopo aver augurato che comunque i mesi a venire diventino “un formidabile banco di prova per valutare lo stato di salute della cultura politica italiana”, Grasso sottolinea come ancora non si conosca la data del voto e chiede che i mezzi di comunicazione garantiscano “spazio adeguato ed equilibrato a tutte le ragioni di merito in ugual misura”.

Ma Grasso pensa anche al post urne quando insiste nel dire che leggi come quella per eleggere i nuovi senatori dovrebbero essere fatte il giorno dopo e quando spera che si riformino subito i regolamenti parlamentari e si chiarisca quale sarà la nuova connotazione dei gruppi senatoriali: se divisi per aree territoriali o per partiti di provenienza.

Quindi, punta il dito contro il ritardo con cui vengono affrontati certi provvedimenti cardine come quello della riforma della prescrizione (già invocata nella cerimonia del ventaglio dell’anno scorso…) che si augura approdi in Aula entro l’estate, anche perché il ddl contiene tante altre “soluzioni utili per velocizzare i tempi della giustizia”.

E sollecita l’ approvazione di testi come quelli su editoria, intercettazioni, concorrenza e quello contro il carcere per i giornalisti. Dopo aver sottolineato come sia sbagliato accostare il tema “terrorismo” a quello delle migrazioni, Grasso rivolge un altro invito a media e forze politiche: affinché non si strumentalizzi “irresponsabilmente” la paura dei cittadini. Anche perché, per quanto ci si possa preparare ad affrontare attacchi di ogni genere, c’è una componente di “imprevedibilità” difficile da arginare.

Quindi, tra i primi vertici delle istituzioni italiane a farlo, prende posizione contro le “massicce epurazioni” in atto in Turchia per le quali esprime “profonda preoccupazione” e afferma con forza che le “regole dello stato di diritto non sono derogabili” nemmeno in presenza dei reati più gravi, così come “non sono ammissibili trattamenti degradanti e disumani”.

E, a proposito di trattamenti disumani, Grasso, nel suo intervento, non parla di tortura. Ma dopo, interpellato dai cronisti sullo stop dei giorni scorsi all’esame del ddl che punta ad introdurre in Italia il reato, allarga le braccia e ammette:

– Che altro si doveva fare? Del resto se manca l’accordo politico…. Molti infatti – incalza – se la prendono con il bicameralismo quando invece a rallentare i lavori è spesso la mancanza di un accordo politico…
Grasso infine rivendica un successo del Senato: il risparmio in questa legislatura di 152 milioni di euro.

(Anna Laura Bussa/ANSA)

Ultima ora

14:35Calcio: Fiorentina, Freitas “Kalinic? Nessuno ha bussato”

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Su Kalinic non ci sono novità, e comunque le voci non lo turbano: stando alla mia esperienza Nikola è uno dei migliori professionisti che abbia mai conosciuto, ad ora la Fiorentina vuole tenere la sua rosa al completo". Così il direttore sportivo viola Carlos Freitas sulla vicenda di mercato che riguarda l'attaccante croato, da tempo nel mirino dei cinesi del Tiajin. "Corvino è stato chiaro anche ieri sera, nessuno ha bussato alla nostra porta - ha ribadito il ds - stessimo dietro a tutte le voci, a quest'ora non avremmo più una squadra. Comunque sia, noi saremo sempre pronti per intervenire".

14:34Terremoto: allarme per allevatori Arquata, 12 ritrovati

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - Allarme dopo le forti scosse di stamani per 15 allevatori della zona di Arquata del Tronto, con cui i familiari non erano riusciti a mettersi in contatto. Dodici sono stati ritrovati sani e salvi, mentre 3 mancano ancora all'appello. Vigili del fuoco e agenti del Corpo forestale dello Stato stanno cercando di raggiungerli, anche se la gran quantità di neve caduta e il pericolo di slavine complicano le ricerche. Si tratta di persone che tengono i loro animali a Spelonga e Colle di Arquata, e vivono nei container.

14:29Maltempo: Sardegna, arriva l’esercito a Fonni e Desulo

(ANSA) - NUORO, 18 GEN - Un battaglione dell'esercito e i mezzi pesanti dei vigili del fuoco, allertati dalla Prefettura di Nuoro, sono in arrivo da Cagliari a Fonni e Desulo, i due paesi più alti del Nuorese isolati da ieri per le abbondanti nevicate. I mezzi dell'Anas e della Provincia non riescono a sfondare i muri di neve e ghiaccio depositati sulle strade. "Mi è stata appena comunicata la notizia dell'arrivo dell'esercito chiamato dalla Prefettura - conferma all'ANSA il sindaco di Desulo Gigi Littarru - Il loro aiuto serve principalmente per liberare la Desulo-Fonni che ci impedisce di uscire dal pese, poi una volta qui spero ci diano una mano per sfondare i muri di neve sia in paese che in campagna dove sono ancora tanti i pastori isolati". La situazione è "drammatica" soprattutto nelle campagne, scrive su Facebook la sindaca di Fonni Daniela Falconi. "L'emergenza da noi c'è ancora tutta. Siamo praticamente isolati: la Fonni-Desulo, il passo Caravai e la statale 389 da Jenna Erru a Fonni sono intransitabili e i mezzi della Provincia e dell'Anas non riescono a fare breccia. Da Cagliari stanno arrivando i vigili del fuoco con i mezzi pesanti e una squadra farà base in Comune per coordinare la macchina dei soccorsi e provare a raggiungere gli ovili. Il vero disastro - ribadisce la prima cittadina - è nelle campagne, gli ovili sono inaccessibili e quasi tutti irraggiungibili. Le persone stanno bene ma la situazione è davvero drammatica". Quanto all'abitato di Fonni, la sindaca scrive: "In paese operano quattro ruspe di privati ma molti punti rimangono inaccessibili. Ci sono circa 30 persone tra volontari e operai dell'Agenzia Forestas che stanno liberando manualmente i viottoli con pale e turbine del Comune. La Pro Vita sta aiutando le assistenti sociali e le ragazze dell'assistenza domiciliari a gestire tutte le persone che sono in difficoltà". (ANSA).

14:27Giorno memoria: Fedeli ad Auschwitz, da qui si torna diversi

(ANSA) - CRACOVIA, 18 GEN - "Un viaggio della memoria nei luoghi dove si è consumata la più grande tragedia del 900. Da lì si torna diversi, anche nei comportamenti quotidiani, nei valori, nel senso di responsabilità". La ministra dell'Istruzione Valeria Fedeli saluta così i circa cento studenti che partecipano con lei al Viaggio della Memoria organizzato insieme all'Ucei, l'Unione delle comunità ebraiche italiane. Prima tappa Cracovia, domani Auschwitz: è "contenta e orgogliosa", la neo ministra, che il suo primo viaggio all'estero sia nei luoghi della Shoah. "Ciascuno di noi - ha detto agli studenti- dovrà misurarsi con quello che ha letto, studiato, visto nei film. Ma non sarà la stessa cosa. Andare nei luoghi dello sterminio è un'esperienza che segna ciascuno di noi e che ti fa tornare diverso. Questo viaggio ci fa diventare tutti testimoni e protagonisti attivi di una diversa cultura e di una diversa conoscenza della storia".

14:22Gentiloni a Berlino

(ANSA) - BERLINO, 18 GEN - Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni è appena giunto a Berlino nella sede della Cancelleria dove lo ha accolto Angela Merkel. Il premier, in costante contatto con l'Italia per seguire l'evoluzione delle forti scosse di terremoto che hanno colpito l'Italia centrale, avrà ora un bilaterale con la cancelliera, al termine del quale è prevista una conferenza stampa.

14:22Pd: Rossi, io mai in staff Renzi, vincerò corsa congressuale

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - "Faccio il presidente della Regione Toscana, mi candido per fare il segretario nazionale del Pd e vincerò pure la corsa congressuale", e "quindi non entrerò mai nello staff di Renzi". Lo ha detto il presidente della Regione Toscana, e candidato alla segreteria nazionale del partito, Enrico Rossi, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle ipotesi di composizione della nuova segreteria del Pd guidato da Matteo Renzi. Per Rossi "il partito ha bisogno di essere profondamente ricostruito, però bisogna partire anche da un'autocritica sugli errori fatti sia come segretario sia come premier". "Siamo nello stesso partito, non c'è storia, non c'è prospettiva fuori dal Pd - ha aggiunto -. Voglio costruire all'interno del Pd un'area che si ispiri e che si richiami alle idee di fondo del socialismo, dell'eguaglianza, della redistribuzione della ricchezza. Insomma, occorre spostare l'asse del Pd a sinistra".

14:21Terremoto: Gentiloni, rafforzare impegno esercito

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in contatto continuo con la Protezione Civile e il Commissario Errani, ha chiesto al Ministro Pinotti un ulteriore, rafforzato impegno dell'esercito - assieme alla strutture operative già presenti - per garantire la massima presenza e prossimità dello Stato nei luoghi già colpiti dal sisma e oggi interessati dalle nuove scosse.

Archivio Ultima ora