Grasso: “Il referendum non è il giudizio universale”

Pubblicato il 21 luglio 2016 da ansa

Il presidente del Senato Pietro Grasso in occasione della tradizionale cerimonia del ''Ventaglio'', Roma, 21 luglio 2016. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Il presidente del Senato Pietro Grasso in occasione della tradizionale cerimonia del ”Ventaglio”, Roma, 21 luglio 2016.
ANSA/ALESSANDRO DI MEO

ROMA – Il referendum costituzionale previsto per ottobre dovrebbe svolgersi in un clima di serenità e con un serio confronto sul merito. La rappresentazione che se ne sta dando di una sorta di “giudizio universale” è del tutto “inopportuna, irrealistica e fuorviante”.

E’ questo uno dei passaggi chiave del discorso fatto dal presidente del Senato Pietro Grasso in occasione della tradizionale “Cerimonia del ventaglio” con la stampa parlamentare. Un intervento in cui parla non solo di referendum, ma anche dell’accelerazione che si dovrebbe dare a progetti di legge importanti come quello sull’editoria o sulla prescrizione; di Turchia e di migranti. Tema quest’ultimo che, secondo Grasso, non dovrebbe mai essere accostato a quello del terrorismo.

Il presidente del Senato dichiara di veder confermati i suoi timori circa una “forte polarizzazione intorno al referendum, che rischia” di essere celebrato in “un clima troppo conflittuale ed emotivo”. E fa l’esempio di quanto successo in Gran Bretagna con la Brexit per appellarsi alle forze politiche affinché non “spaventino gli elettori prefigurando conseguenze catastrofiche” che poi non darebbero gli “effetti sperati”.

Dopo aver augurato che comunque i mesi a venire diventino “un formidabile banco di prova per valutare lo stato di salute della cultura politica italiana”, Grasso sottolinea come ancora non si conosca la data del voto e chiede che i mezzi di comunicazione garantiscano “spazio adeguato ed equilibrato a tutte le ragioni di merito in ugual misura”.

Ma Grasso pensa anche al post urne quando insiste nel dire che leggi come quella per eleggere i nuovi senatori dovrebbero essere fatte il giorno dopo e quando spera che si riformino subito i regolamenti parlamentari e si chiarisca quale sarà la nuova connotazione dei gruppi senatoriali: se divisi per aree territoriali o per partiti di provenienza.

Quindi, punta il dito contro il ritardo con cui vengono affrontati certi provvedimenti cardine come quello della riforma della prescrizione (già invocata nella cerimonia del ventaglio dell’anno scorso…) che si augura approdi in Aula entro l’estate, anche perché il ddl contiene tante altre “soluzioni utili per velocizzare i tempi della giustizia”.

E sollecita l’ approvazione di testi come quelli su editoria, intercettazioni, concorrenza e quello contro il carcere per i giornalisti. Dopo aver sottolineato come sia sbagliato accostare il tema “terrorismo” a quello delle migrazioni, Grasso rivolge un altro invito a media e forze politiche: affinché non si strumentalizzi “irresponsabilmente” la paura dei cittadini. Anche perché, per quanto ci si possa preparare ad affrontare attacchi di ogni genere, c’è una componente di “imprevedibilità” difficile da arginare.

Quindi, tra i primi vertici delle istituzioni italiane a farlo, prende posizione contro le “massicce epurazioni” in atto in Turchia per le quali esprime “profonda preoccupazione” e afferma con forza che le “regole dello stato di diritto non sono derogabili” nemmeno in presenza dei reati più gravi, così come “non sono ammissibili trattamenti degradanti e disumani”.

E, a proposito di trattamenti disumani, Grasso, nel suo intervento, non parla di tortura. Ma dopo, interpellato dai cronisti sullo stop dei giorni scorsi all’esame del ddl che punta ad introdurre in Italia il reato, allarga le braccia e ammette:

– Che altro si doveva fare? Del resto se manca l’accordo politico…. Molti infatti – incalza – se la prendono con il bicameralismo quando invece a rallentare i lavori è spesso la mancanza di un accordo politico…
Grasso infine rivendica un successo del Senato: il risparmio in questa legislatura di 152 milioni di euro.

(Anna Laura Bussa/ANSA)

Ultima ora

13:33Massacrato da branco:fermati in isolamento

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - Mario Castagnacci e Paolo Palmisani, i due ragazzi fermati per l'omicidio di Emanuele Morganti, massacrato di botte ad Alatri, sono stati posti in regime di isolamento nel carcere romano di Regina Coeli. Lo si apprende da alcuni legali. La decisione è stata presa per il rischio di ritorsioni e minacce nei confronti dei due ragazzi da parte d altri detenuti.

13:32L.elettorale: Salvini, Mattarellum? Lo votiamo domani

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Noi il Mattarellum lo votiamo domani mattina". Lo afferma ai cronisti a Montecitorio il segretario della Lega Nord Matteo Salvini a chi gli chiede la posizione del partito sul Mattarellum. "Se portano la legge elettorale in Aula noi la votiamo domani mattina per andare a votare il prima possibile", aggiunge Salvini che attacca: "però sono mesi che stanno perdendo tempo con le scissioni e le leggi elettorali".

13:32Migranti: Gentiloni, legge minori è scelta di civiltà

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - "Il Parlamento ha approvato la legge per i minori stranieri non accompagnati. Una scelta di civiltà per la tutela e l'integrazione dei più deboli". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

13:31Terremoto: a Norcia il sigillo dell’Università per Stranieri

(ANSA) - PERUGIA, 29 MAR - Norcia come "eccellenza italiana" da premiare per l'Università per Stranieri di Perugia. Alla fine della cerimonia per l'inaugurazione dell'anno accademico 2016-2017, il rettore Giovanni Paciullo ha chiamato sul palco dell'aula magna di palazzo Gallenga Nicola Alemanno, il sindaco della città simbolo del terremoto, presente con le altre personalità. Paciullo gli ha quindi consegnato il sigillo della Stranieri che come tradizione ogni anno va ad una "eccellenza". "È il nostro modo di rinnovare la solidarietà verso patrimoni come Norcia, Castelluccio e tutta la Valnerina" ha commentato il rettore. (ANSA).

13:31Massacrato da branco: legale Castagnacci rinuncia

(ANSA) - ROMA, 29 MAR - L'avvocato di Mario Castagnacci, Tony Ceccarelli, ha deciso di rinunciare all'incarico. "E' stata una decisione autonoma, presa senza alcuna pressione", sottolinea il legale. "Lo dico - specifica - perché in questi giorni sono stati molti i colleghi, anche di indagati più marginali, che sono stati minacciati e malmenati".

13:24Trump: Cina conferma suoi impegni di Parigi su clima

(ANSA) - PECHINO, 29 MAR - La Cina conferma tutti gli impegni sul taglio dei gas serra nonostante il presidente Usa Donald Trump abbia allentato le restrizioni sull'uso dei combustibili fossili, in una sorta di passo indietro: il portavoce del ministero degli Esteri, Lu Kang, ha affermato che si tratta di "una sfida di fronte a tutto il genere umano" e Pechino ha tutta l'intenzione di tener fede e sostenere l'accordo sul clima faticosamente raggiunto a Parigi.

13:22Trump: Xi a summit di Mar-a-Lago, ma non ospite del tycoon

(ANSA) - PECHINO, 29 MAR - Il summit tra Donald Trump e Xi Jinping si terrà il 6 e 7 aprile prossimi a Mar-a-Lago, in Florida, ma il presidente cinese non sarà ospite nella residenza super esclusiva di Palm Beach del tycoon: lo riporta, in base ai report dei media locali e a un portavoce dei servizi segreti americani, il South China Morning Post, il quotidiano in lingua inglese di Hong Kong, rilevato dal patron di Alibaba Jack Ma. Xi e tutta la delegazione cinese avranno come tappa in Usa solo Palm Beach, malgrado manchi ancora l'annuncio ufficiale sul summit. Del resto, sarebbe stato difficile vedere il presidente cinese anche semplicemente camminare sul green, rispetto ai ferri incrociati e alla pratica congiunta fatta a febbraio da Trump col premier nipponico Shinzo Abe.

Archivio Ultima ora