Draghi apre all’intervento dello Stato sulle banche

Pubblicato il 21 luglio 2016 da redazione

photograph made available on 13 March 2016 showing a Euro symbol projected onto the European Central Bank (ECB) in Frankfurt am Main, Germany 12 March 2016.  EPA/BORIS ROESSLER

photograph made available on 13 March 2016 showing a Euro symbol projected onto the European Central Bank (ECB) in Frankfurt am Main, Germany 12 March 2016. EPA/BORIS ROESSLER

ROMA – Mario Draghi ‘apre’ ai paracadute pubblici sulle banche, “in circostanze eccezionali” e di fronte a “un mercato dei crediti deteriorati” non funzionante che obbligherebbe alla svendita. Per questo il presidente della Bce invita a iniziare a risolvere quanto prima il “grande problema” delle sofferenze degli istituti italiani, anche con una serie di misure da parte del governo per rendere le cessioni degli Npl possibili; perché, sottolinea, la soluzione comunque “richiede tempo”.

Una linea condivisa dal Fondo Monetario Internazionale, che in vista del G20 invita l’Europa ad affrontare il nodo banche, perché rappresentano un rischio per la crescita. Mentre Confindustria alimenta, alla luce degli stress test e delle difficoltà a smaltire le sofferenze, il pericolo di una nuova fase di credit crunch.

Nonostante l’ipotesi rilanciata da Draghi non sia una novità, perché contemplata già nelle regole, il presidente della Bce l’ha voluta ribadire rispondendo a diverse domande dopo la riunione del board, proprio nel momento in cui si fa sempre più strada l’idea di una garanzia, ancorché solo potenziale, dello Stato sulla ricapitalizzazione di Mps dopo una cessione degli Npl.

Le parole di Draghi, ampiamente festeggiate dalle banche di tutto il Continente che hanno tenuto in territorio positivo i listini, hanno tenuto banco nella prima riunione dopo la Brexit dove il board ha lasciato i tassi invariati, mantenuto gli acquisti di asset di 80 miliardi al mese fino al marzo 2017.

Sono rimandate a settembre eventuali nuove decisioni quando il quadro economico sarà più chiaro e quando si capiranno gli effetti della Brexit (dopo la quale il mercato ha mostrato una certa capacità di resistenza, spiega Draghi) e della Turchia.

Ma se il backstop pubblico delle banche prospettato da Draghi è possibile, vi sono comunque una serie di paletti: innanzitutto serve “un accordo con la Ue, e in specie con la Direzione Competition della Commissione” (la stessa del duro negoziato della Gacs ndr), ha rimarcato Draghi il quale ha sottolineato che tale intesa deve avvenire nell’ambito delle “regole esistenti”.

Sono loro quindi che dovranno stabilire se e come verranno coinvolti i risparmiatori in cambio del sì a un aiuto pubblico, sebbene da più parti si sottolinei come nella Ue abbiano compreso l’idea di non affossare il retail e si possano trovare soluzioni di indennizzo.

– Le norme della direttiva Brrd sulla ‘burden sharing’ – ha comunque spiegato Draghi – hanno tutta la flessibilità necessaria per gestire condizioni straordinarie.

E se Draghi rimanda alle trattative fra Roma e Bruxelles e alle loro prerogative, tuttavia ricorda come a Francoforte la soluzione rapida del problema importa perché gli Npl non sono tanto un rischio “alla stabilità” ma impattano “sulla redditività futura e sulla capacità di erogare prestiti” delle banche e in sostanza sul funzionamento quelle misure straordinarie che la Bce ha largamente messo in campo (Tltro e Qe).

Di certo “le banche sono in una posizione molto migliore rispetto al 2009” ma il problema dei crediti va approcciato sotto tre aspetti: supervisione, sviluppo del mercato dei crediti e interventi dei governi.

L’esperienza di altri paesi ha peraltro dimostrato come una soluzione “in tempi brevissimi” non è possibile e quindi bisogna proseguire nella strada intrapresa con le misure varate nei mesi scorsi. Quello che conta è far partire il mercato di questi crediti e anche aggredire gli stock ereditati (va ricordato che fra incagli e sofferenze lorde si arriva a quota 360 miliardi di euro) con tutta una serie “di misure legislative” anche sui tempi della giustizia.

(Andrea D’Ortenzio/ANSA)

Ultima ora

09:55Giro: si sale ancora da San Candido a Piancacallo, 191 km

(ANSA) - SAN CANDIDO (BOLZANO), 26 MAG - Il Giro d'Italia continua a procedere con il naso all'insù, oggi 19/a tappa, da San Candido (Bolzano) a Piancavallo (Pordenone), per un totale di 191 km. E grande spazio per gli ultimi attacchi alla vetta della classifica generale, sempre dominata da Tom Dumoulin. La tappa, classificata come di 'alta montagna', presenta ampi tratti pianeggianti nella parte finale, prima dell'ultima salita. I corridori, tuttavia, saranno subito chiamati a superare il Gpm del Passo di Monte Croce Comelico (dopo 13,9 km, a 1.696 di quota) e la Cima Sappada (1.242 metri, dopo 47,3 km), su strade mediamente ampie e in buono stato, prima della lunga discesa fino a Tolmezzo. Il secondo Gpm di giornata (2/a Categoria) arriverà dopo 104,7 km, a quota 955 metri. Il percorso diventerà pianeggiante fino ad Aviano. L'ultima salita che porterà all'arrivo di Piancavallo (1.290 metri) misura 15,4 km, e una pendenza media del 7,3%, con un picco del 14%.

09:46Basket: Nba, Golden State-Cavs finale per 3/o anno di fila

(ANSA) - BOSTON, 26 MAG - Per il terzo anno consecutivo e' Golden State Warriors contro Cleveland Cavaliers la finale dei playoff Nba che assegnera' l'anello dei vincitori. Grazie ai 35 punti di LeBron James, che gli danno il primo posto nella classifica 'all time' dei marcatori dei playoff, i Cavaliers hanno battuto i Celtics a Boston in gara-5 per 135-102 chiudendo sul 4-1 la serie di finale della Eastern Conference e potranno cosi' provare a difendere il titolo conquistato nel 2016. Kyrie Irving ha messo a segno 24 punti e Kevin Love 15, in una partita senza storia, con Cleveland avanti anche di 39 punti. Per Lebron James, in particolare, sara' la settima finale Nba consecutiva, dopo le quattro con Miami (due vinte e due perse) e quelle degli ultimi due anni con i Cavaliers contro i Golden State (persa nel 2015 e vinta lo scorso anno).

09:45Sequestro reperti archeologici in Veneto, quattro denunce

(ANSA) VENEZIA, 26 MAG - Una quarantina di reperti archeologici risalenti al III e IV secolo a.C., di cui 12 falsi ma posti in vendita come autentici, sono stati recuperati in varie province del Veneto dai carabinieri del nucleo tutela patrimonio culturale di Venezia. Quattro persone, residenti tra le province di Venezia Verona e Treviso, sono state denunciate per ricettazione, impossessamento di beni culturali e contraffazione. Il valore dei reperti è di un milione di euro.

08:44Moto: Valentino Rossi, notte tranquilla in ospedale Rimini

(ANSA) - RIMINI, 26 MAG - È trascorsa tranquillamente all'ospedale 'Infermi' di Rimini la notte per Valentino Rossi, il pilota della Yamaha ricoverato nella struttura dopo essere rimasto vittima di un incidente ieri durante un allenamento di motocross sulla pista di Cavallara, nel Pesarese. A quanto si è appreso, il centauro ha riportato un lieve trauma toracico addominale. Nessun trauma cranico e nessuna frattura. Ieri sera, nel nosocomio riminese, con il 'Dottore' erano presenti la mamma, il fratello e l'inseparabile amico 'Uccio'. In giornata sono previsti ulteriori controlli. Il campione di Tavullia è giunto in ospedale cosciente e insieme ai familiari. I medici hanno comunque deciso di tenerlo in osservazione nel Reparto di rianimazione ma solo per motivi di privacy e riservatezza. Subito dopo l'incidente sulla pista di 'casa', Rossi si era rialzato ed era tornato a Tavullia, decidendo poi di raggiungere l'ospedale di Rimini in auto. Il pilota si allena spesso su quel circuito anche di notte e da solo. (ANSA).

06:15Manchester: media Gb, ancora liberi alcuni complici

LONDRA - Gli arresti delle scorse ore, pur definiti ''importanti'' dalla polizia nelle indagini sull'attacco kamikaze di lunedi' alla Manchester Arena, non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito l'attentatore Salman Abedi sia stata sgominata. Lo scrive il Guardian citando fonti investigative e svelando che alcuni complici ''sono ancora a piede libero''. Mentre il Telegraph riferisce che il materiale ritrovato nel 'covo' del terrorista a Manchester conferma i timori di piani gia' pronti per ''una seconda bomba''.

06:12Manchester: Times, attentatore si preparava da un anno

LONDRA - Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, si preparava ad agire da almeno ''un anno''. Lo scrive oggi il Times, sulla base di notizie investigative stando alle quali il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage.

06:08Russiagate: Nbc, Kushner d’interesse in inchiesta Fbi

WASHINGTON - Jared Kushner, il genero e stretto consigliere del presidente Usa Donald Trump, e' oggetto di interesse dell'Fbi nell'ambito dell'inchiesta sul Russiagate. Lo riferisce la Nbc citando diverse fonti ufficiali. Gli inquirenti ritengono che Kushner abbia informazioni rilevanti per l'inchiesta. Cio' non vuol dire che e' sospettato di alcun crimine.

Archivio Ultima ora