Draghi apre all’intervento dello Stato sulle banche

Pubblicato il 21 luglio 2016 da redazione

photograph made available on 13 March 2016 showing a Euro symbol projected onto the European Central Bank (ECB) in Frankfurt am Main, Germany 12 March 2016.  EPA/BORIS ROESSLER

photograph made available on 13 March 2016 showing a Euro symbol projected onto the European Central Bank (ECB) in Frankfurt am Main, Germany 12 March 2016. EPA/BORIS ROESSLER

ROMA – Mario Draghi ‘apre’ ai paracadute pubblici sulle banche, “in circostanze eccezionali” e di fronte a “un mercato dei crediti deteriorati” non funzionante che obbligherebbe alla svendita. Per questo il presidente della Bce invita a iniziare a risolvere quanto prima il “grande problema” delle sofferenze degli istituti italiani, anche con una serie di misure da parte del governo per rendere le cessioni degli Npl possibili; perché, sottolinea, la soluzione comunque “richiede tempo”.

Una linea condivisa dal Fondo Monetario Internazionale, che in vista del G20 invita l’Europa ad affrontare il nodo banche, perché rappresentano un rischio per la crescita. Mentre Confindustria alimenta, alla luce degli stress test e delle difficoltà a smaltire le sofferenze, il pericolo di una nuova fase di credit crunch.

Nonostante l’ipotesi rilanciata da Draghi non sia una novità, perché contemplata già nelle regole, il presidente della Bce l’ha voluta ribadire rispondendo a diverse domande dopo la riunione del board, proprio nel momento in cui si fa sempre più strada l’idea di una garanzia, ancorché solo potenziale, dello Stato sulla ricapitalizzazione di Mps dopo una cessione degli Npl.

Le parole di Draghi, ampiamente festeggiate dalle banche di tutto il Continente che hanno tenuto in territorio positivo i listini, hanno tenuto banco nella prima riunione dopo la Brexit dove il board ha lasciato i tassi invariati, mantenuto gli acquisti di asset di 80 miliardi al mese fino al marzo 2017.

Sono rimandate a settembre eventuali nuove decisioni quando il quadro economico sarà più chiaro e quando si capiranno gli effetti della Brexit (dopo la quale il mercato ha mostrato una certa capacità di resistenza, spiega Draghi) e della Turchia.

Ma se il backstop pubblico delle banche prospettato da Draghi è possibile, vi sono comunque una serie di paletti: innanzitutto serve “un accordo con la Ue, e in specie con la Direzione Competition della Commissione” (la stessa del duro negoziato della Gacs ndr), ha rimarcato Draghi il quale ha sottolineato che tale intesa deve avvenire nell’ambito delle “regole esistenti”.

Sono loro quindi che dovranno stabilire se e come verranno coinvolti i risparmiatori in cambio del sì a un aiuto pubblico, sebbene da più parti si sottolinei come nella Ue abbiano compreso l’idea di non affossare il retail e si possano trovare soluzioni di indennizzo.

– Le norme della direttiva Brrd sulla ‘burden sharing’ – ha comunque spiegato Draghi – hanno tutta la flessibilità necessaria per gestire condizioni straordinarie.

E se Draghi rimanda alle trattative fra Roma e Bruxelles e alle loro prerogative, tuttavia ricorda come a Francoforte la soluzione rapida del problema importa perché gli Npl non sono tanto un rischio “alla stabilità” ma impattano “sulla redditività futura e sulla capacità di erogare prestiti” delle banche e in sostanza sul funzionamento quelle misure straordinarie che la Bce ha largamente messo in campo (Tltro e Qe).

Di certo “le banche sono in una posizione molto migliore rispetto al 2009” ma il problema dei crediti va approcciato sotto tre aspetti: supervisione, sviluppo del mercato dei crediti e interventi dei governi.

L’esperienza di altri paesi ha peraltro dimostrato come una soluzione “in tempi brevissimi” non è possibile e quindi bisogna proseguire nella strada intrapresa con le misure varate nei mesi scorsi. Quello che conta è far partire il mercato di questi crediti e anche aggredire gli stock ereditati (va ricordato che fra incagli e sofferenze lorde si arriva a quota 360 miliardi di euro) con tutta una serie “di misure legislative” anche sui tempi della giustizia.

(Andrea D’Ortenzio/ANSA)

Ultima ora

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

00:35Calcio: serie B, Cesena-Bari 1-1

(ANSA) - CESENA, 20 GEN - Finisce in parità la sfida dell'"Orogel Stadium Manuzzi" tra Cesena e Bari, ultima sfida del sabato nella 22/a giornata di serie B. All'acuto di Laribi nel primo tempo risponde il Bari con un'autorete di Suagher. Pareggio alla fine giusto giunto al termine di una gara vivace in cui non sono mancate le occasioni da una parte e dall'altra, la più clamorosa la traversa colpita dal barese Cissè a 5' dal termine. Il Bari è sesto con 35 punti, il Cesena raggiunge l'Entella a quota 24.

22:33Calcio: Lipsia ko, raggiunto da Bayer e M.Gladbach

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Lipsia perde 2-1 a Friburgo e viene agganciato al secondo posto dal Bayer Leverkusen, vittorioso 4-1 sul campo dell'Hoffenheim, e dal Borussia Moenchengladbach, impostosi 2-0 sull'Augusta. Dopo 19 turni di Bundesliga, la capolista Bayern Monaco ha 13 punti di vantaggio con una partita in meno e domani riceve il Werder Brema. Molto affollata la zona Champions-Europa League. Alle spalle del terzetto a 31 punti, ci sono a quota 30 il Borussia Dortmund, oggi un pareggio 1-1 a Berlino in casa dell'Hertha, lo Schalke 04, che battendo domani l'Hannover scavalcherebbe tutti portandosi al secondo posto da solo, e l'Eintracht, vittorioso per 3-1 a Wolfsburg. In coda, il Magonza batte lo Stoccarda 3-2 e lo raggiunge al quart'ultimo posto. Nella sfida Amburgo-Colonia ha la meglio il fanalino di coda, che vince 2-0 in trasferta.

22:27Calcio: tripletta di Aguero, il City riprende a correre

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Niente cambia in vetta alla Premier League dopo il sabato di incontri della 24/a giornata. Vince 3-0 il Manchester City nell'impegno tardo pomeridiano col Newcastle e mantiene 12 punti di vantaggio sul Manchester United, che si impone 1-0 in casa del Burnley, e 15 sul Chelsea, vittorioso 4-0 a Brighton. Il Liverpool giocherà lunedì a Swansea per riagganciare, in caso di vittoria, la squadra di Conte al terzo posto. Il Tottenham gioca domani e nel frattempo l'Arsenal, con un liberatorio 4-1 al Crystal Palace dopo due pareggi e una sconfitta, gli si è avvicinato. All'Ethiad Stadium il primo gol dei Citizens è stato assegnato ad Aguero, che su cross di De Bruyne ha sfiorato di testa il pallone. Nella ripresa, El Kun ha segnato altre due reti, la prima su rigore. Ed il City riparte dopo il ko con il Liverpool. Lo United ha capitalizzato al massimo una rete di Martial al 9' della ripresa, mentre l'Arsenal ha dilagato sul Palace segnando con Monreal, Iwobi, Koscielny e Lacazette.

22:16Incidenti montagna: alpinista scivola e muore

(ANSA) - PANIA DELLA CROCE (LUCCA), 20 GEN - Un alpinista è morto a seguito delle ferite riportate per una caduta nel Vallone dell'Inferno sul versante occidente della Pania della Croce (Lucca). L'uomo, secondo quanto si appreso, sarebbe finito nella Buca della neve. A dare l'allarme al 118, intorno alle 17, gli altri componenti del gruppo che si trovavano con l'uomo. L'elicottero Pegaso 3 a causa delle condizioni atmosferiche e dell'approssimarsi del buio non ha potuto raggiungere l'alpinista ma è riuscito a trasportare gli uomini della stazione di Lucca, insieme con il medico, a circa 1 ora e 20 minuti di distanza, lungo il sentiero del pastore che sale al Rifugio Rossi. Sul posto si è diretta anche la squadra di Querceta(Lucca). L'uomo era in condizioni disperate. In corso le operazioni di recupero della salma. Il Sast (Soccorso alpino e speleologico Toscano) ricorda che in quota le condizioni della neve non sono buone: vento e pioggia hanno fatto affiorare strati di neve molto ghiacciata.

Archivio Ultima ora