Berlusconi cala l’asso Parisi: “Pronto a fare il leader”

Pubblicato il 21 luglio 2016 da ansa

Cav cala l’asso Parisi: “Pronto a fare il leader”

Cav cala l’asso Parisi: “Pronto a fare il leader”

ROMA – L’idea che Stefano Parisi potesse essere uno dei protagonisti della sfida per la futura leadership del centrodestra non è di questi giorni. Ma anche se il tempo per metabolizzarla c’è stato tutto, ha comunque fatto saltare i nervi dentro Forza Italia.

Sia per la tempistica, sia per la convinzione – che serpeggia tra gli azzurri – che la discesa in campo dell’ex manager faccia parte del nuovo corso di Forza Italia che ha come registi la famiglia Berlusconi, Gianni Letta ed i vertici delle aziende (Confalonieri in primis).

E non è un caso che a far salire la temperatura tra i big azzurri sia un passaggio in particolare dell’intervista di Parisi alla Stampa: quello in cui il capo dell’opposizione al comune di Milano dice che Renzi può restare a palazzo Chigi anche se dovesse perdere il referendum.

Insomma: una ‘mano tesa’ all’attuale premier che qualche mese fa aveva già offerto lo stesso presidente di Mediaset dalle colonne del quotidiano Milanese ottenendo in cambio un fuoco di fila di critiche dai colonnelli azzurri. Non è un mistero che Berlusconi sia un fan della prima ora dell’ex Ad di Fastweb e che sia stato proprio lui a proporlo come candidato al comune di Milano.

Il modello del Cavaliere è sempre stato quello di un persona fuori dai partiti, ‘un uomo del fare’, capace di guidare un movimento che deve tornare a guardare allo spirito del ’94. E nonostante il diretto interessato smentisca di ambire a fare il nuovo coordinatore di Forza Italia, i suoi progetti sembrano chiari: convention a settembre e “un programma politico liberale e popolare”.

Insomma il percorso è tracciato ma Forza Italia rischia l’implosione. E non sembra nemmeno un caso che a vedere di buon occhio la discesa in campo di Parisi siano i vertici del Pd secondo cui l’ex manager è un ottimo candidato per rianimare il centrodestra. Certo, per i Dem, così come per una parte di Forza Italia, l’autocandidatura ed i tempi potrebbero bruciarlo prima del tempo.

L’argomento sarà uno dei temi ‘caldi’ del vertice di domani ad Arcore dove il Cavaliere ha convocato non solo i capigruppo con i loro vice, ma anche i dirigenti del partito: Toti, Carfagna, Matteoli e Gasparri per citarne alcuni. All’origine la riunione serviva per fare il punto sul partito e sulla campagna referendaria ma ora, dopo l’intervista di Parisi, la situazione cambia.

Le ambizioni dell’ex manager non piacciono al cosiddetto ‘asse del Nord’, ma anche a diversi big azzurri che ricordano non solo che il modello Milano ha fallito visto che le elezioni sono state perse ma a questo punto occorre che l’ex capo del governo dia il via libera alla cabina di regia che si occupi della gestione di Fi fino al suo ritorno. Il progetto di Parisi, poi, va a sbattere anche con gli alleati, soprattutto Lega e Fratelli d’Italia.

Sia Salvini che Giorgia Meloni ribadiscono che non ci sarà nessuna scelta calata dall’alto ma che il futuro leader lo sceglieranno gli elettori con le primarie. E poi il centrodestra a cui guardano i due leader è quello che si ritroverà sabato ad Arezzo in una kermesse organizzata dalla Meloni per ribadire il ‘no’ al referendum. Un appuntamento a cui saranno presenti anche altri azzurri tra cui Giovanni Toti da sempre a favore del dialogo con Salvini e Meloni.

(Yasmin Inangiray/ANSA)

Ultima ora

05:19Filippine: Eruzione vulcano Mayon, evacuazione di massa

(ANSA) - MANILA, 23 GEN - Sempre più intensa l'attività del vulcano Mayon, il più attivo delle Filippine, che sta eruttando fontane di lava mentre pennacchi di cenere alti fino a 700 metri escono dal cratere. Le autorità hanno avvertito che potrebbe essere imminente una violenta eruzione e hanno innalzato il livello di allerta a 4 su una scala di cinque. Oltre trentamila persone sono fuggite dai villaggi della provincia di Albay, dove si trova il vulcano, e hanno trovato rifugio negli alloggi dei centri di evacuazione predisposti dalle autorità. Secondo l'Istituto filippino di vulcanologia e sismologia, un'eruzione esplosiva potrebbe verificarsi entro poche ore. E' considerata di pericolo l'area fino a 8 km dal cratere, dove vivono migliaia di persone. Il fiume di lava ha già raggiunto i villaggi più vicini, colpiti anche da una pioggia di rocce e detriti. Al momento non si segnalano né morti né feriti. Molti voli sono stati cancellati, e l'intera area è stata interedetta al traffico aereo.

01:14Calcio: Liverpool battuto dall’ultima in classifica

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Una settimana dopo aver inflitto al Manchester City, dominatore della Premier League, la sua prima sconfitta in campionato, il Liverpool è riuscito nell'impresa di andare a perdere (1-0) sul campo dello Swansea, ultima in classifica, nel posticipo del 24/o turno. Si è così interrotta la striscia di 18 risultati utili consecutivi della formazione allenata da mister Jurgen Klopp, tra tutte le competizioni. La rete di Alfie Mawson, al 40', ha siglato uno dei risultati più inattesi della stagione e lasciato il Liverpool in quarta posizione, a -3 dal Chelsea.

00:50Calcio: Allegri, l’importante era restare in scia al Napoli

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "L'importante era vincere. Alla fine c'è stata un po' di ansia perché ci mancavano un po' le gambe. Abbiamo alle spalle sei giorni di lavoro importante ed i ragazzi l'hanno sentito. Potevamo chiudere la partita già nel primo tempo ed ancora con un paio di occasioni nella ripresa. Non ci siamo riusciti e quindi complimenti al Genoa". Massimiliano Allegri sa che la Juventus non ha giocato una partita entusiasmante, ma si prende i 3 punti grazie all'1-0, rete di Douglas Costa. "E' importante che la squadra vinca anche se Higuain non segna" ha commentato. Lotta scudetto riservata a Napoli e Juventus? "Il campionato è ancora lungo tutti quelli che ci stanno dietro possono ancora rientrare - ammette Allegri - Ora davanti (di un punto, ndr) abbiamo il Napoli e quindi era importante restargli in scia".

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

Archivio Ultima ora