Corte dei Conti, “avvisi” a Marino e Alemanno

Pubblicato il 22 luglio 2016 da ansa

alemanno-marino

ROMA – Un danno erariale di 253 milioni di euro. E’ quanto la Corte dei Conti del Lazio quantifica per le irregolarità e lievitazione dei costi legati alla realizzazione della linea C della metropolitana di Roma. I giudici contabili danno un colpo significativo alle indagini notificando per 32 persone, tra cui gli ex sindaci di Roma Gianni Alemanno e Ignazio Mario, un invito a dedurre che è assimilabile ad una chiusura inchiesta.

Il provvedimento è stato consegnato dagli uomini della Guardia di Finanza a funzionari pubblici che, a vario titolo, hanno gestito l’appalto per la realizzazione dell’opera.

– La mia azione è stata tutta rivolta a difendere gli interessi di Roma Capitale – si difende Alemanno -. Risponderò con una documentata relazione all’atto di citazione.

Su delega dei magistrati contabili la Gdf ha svolto indagini, a partire dal 2014, finalizzate ad acquisire atti ed informazioni, tra cui il procedimento arbitrale attivato nel 2007, il procedimento di formazione dell’atto transattivo del 2011, e poi quello di attuazione della Delibera Cipe del 2012 e quello di formazione dell’atto dell’anno successivo.

L’appalto in questione era stato aggiudicato dalla S.r.l. Roma Metropolitane al contraente generale – Metro C – per un importo a base d’asta pari a oltre 2.5 miliardi di euro, e perfezionato a seguito della sottoscrizione del contratto di affidamento allo stesso Contraente Generale il 12 ottobre 2006.

Le Fiamme Gialle hanno, quindi, ricostruito le procedure adottate relativamente alla realizzazione dell’opera pubblica, dal bando di gara a oggi, evidenziando, tra l’altro, il sistematico ricorso all’utilizzo del cosiddetto “sistema delle riserve”, iscritte nel registro di contabilità per un ammontare pari a circa 1,4 miliardi di euro, quale strumento che ha, di fatto, consentito al General Contractor – Metro C – di recuperare i ribassi offerti in sede di aggiudicazione della gara d’appalto e, al tempo stesso, di procurarsi ingenti risorse aggiuntive.

Le anomalie riscontrate, che hanno comportato una consistente lievitazione dei costi, sono state tutte attentamente scandagliate e da questa operazione è stato possibile, ad esempio, accertare che il General Contractor iscriveva le prime riserve due mesi dopo la sottoscrizione del contratto d’appalto (12.10.2006).

Si tratta di una procedura ‘contabile’ continuata nel tempo, nonostante le favorevoli pattuizioni accordate, sin da subito, al General Contractor. Con il provvedimento notificato oggi dalle Fiamme gialle viene contestato un danno erariale quantificato in 253 milioni di euro, in quanto somme indebitamente riconosciute da Roma Metropolitane al General Contractor Metro C, nell'”accordo transattivo” dell’8 giugno 2011.

I funzionari pubblici e agli ex sindaci della Capitale, a cui è stato notificato il provvedimento della Procura, nonché i vertici ed i tecnici di Roma Metropolitane e della Struttura Tecnica di Missione del ministero delle infrastrutture e dei trasporti che, nel tempo, si sono susseguiti, dovranno, entro i termini stabiliti dalla magistratura contabile, fornire le loro deduzioni in relazione a quanto contestatogli.

(Marco Maffettone/Ansa)

Ultima ora

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

23:44Juve:Agnelli, disappunto per ko, ma obiettivo leggenda

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Il risultato di ieri è un motivo di disappunto, ma dobbiamo restare concentrati sull'obiettivo finale: questa stagione ci può e deve portare nella leggenda". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, questa sera al Museo delle Scienze e della Tecnologia di Milano dove presenta il nuovo logo del club.

23:26Investiti da treno nel Fiorentino, 1 morto e un ferito

(ANSA) - MONTELUPO (FIRENZE), 16 GEN - Una persona è morta, un'altra è rimasta ferita, sembra in modo non grave, in un incidente avvenuto, poco dopo le 21, alla stazione ferroviaria di Montelupo (Firenze). Secondo le prime informazioni le due persone sarebbero state investite dal treno regionale Pisa-Firenze. Ancora da chiarire la dinamica di quanto successo. Sul posto, oltre al 118, la polfer e i carabinieri. La linea ferroviaria è interrotta in entrambe le direzioni. (ANSA).

23:21Maltempo: Firenze, domani chiusi parchi, giardini e cimiteri

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Chiusi domani a Firenze parchi, giardini e cimiteri comunali. Lo ha deciso l'unità di crisi, presieduta dalla vicesindaca Giachi, che si è insediata alle 19 al centro operativo della Protezione civile all'Olmatello, a Firenze. In un nuovo alert system lanciato dalla protezione civile del Comune dopo che le nuove previsioni meteo hanno confermato, per domani, codice arancione per il vento forte, si invitano poi i cittadini a prestare la massima attenzione ed evitare, domani, spostamenti e attività all'aperto in particolare dalle 7 alle 13. Il centro coordinerà l'attività delle strutture operative per fronteggiare eventuali criticità. Al momento, però, non si registrano emergenze. (ANSA).

23:15Trasporti: riattivato traffico in Stazione Centrale a Milano

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - E' stato pienamente riattivato alle 19.45 il traffico ferroviario nella stazione Milano Centrale, dopo che un guasto alla linea elettrica di alimentazione dei treni ha fortemente rallentato la circolazione ferroviaria dalle 17.05. Secondo quanto comunica RFI, i treni a lunga percorrenza e i regionali hanno registrato ritardi medi di circa un'ora, con un picco massimo di tre ore per due treni, oltre a limitazioni di percorso, deviazioni e cancellazioni. Sono in corso di accertamento le cause del guasto che ha interessato i binari dall'1 al 12. (ANSA).

23:02Donne uccise a Bergamo, esclusa ipotesi serial killer

(ANSA) - BERGAMO, 16 GEN - Perde definitivamente peso l'ipotesi di un killer seriale che si aggira nella Bergamasca dato che è stato accertato che non è stata la stessa mano a uccidere Gianna Del Gaudio e Daniela Roveri. Pur non trascurando nulla, il procuratore capo di Bergamo Walter Mapelli spegne quella che già dall'inizio per gli inquirenti era sembrata una ipotesi poco verosimile. La procura aveva comunque chiesto ai medici legali che hanno eseguito le autopsie delle due donne di comparare le ferite e verificare eventuali analogie. Dalla comparazione la conferma che i due omicidi non sono collegati né collegabili. Gianna è stata colpita più di una volta, Daniela solo una. Inoltre il taglio alla gola inferto a Daniela è orizzontale, mentre è diagonale quello che ha ucciso Gianna. Infine l'arma con cui è stata sgozzata Gianna ha scalfito anche la spina dorsale, quella che ha ucciso Daniela, invece, ha praticamente tranciato le vertebre della spina dorsale. (ANSA).

22:43Focara: accesa grande pira a Novoli su note della ‘pizzica’

(ANSA) - NOVOLI (LECCE), 16 GEN - Anche quest'anno la pioggia, che è caduta per quasi tutto il giorno su Novoli, non ha fermato la tradizionale accensione della Focara, il più grande falò del Mediterraneo, eretto in onore di Sant'Antonio Abate. Per la prima volta è stato il ritmo della 'pizzica' a scandire quello dei fuochi pirotecnici che hanno infiammato la gigantesca pira alta 25 metri e larga 20 metri. Sulle note del brano 'Fuecu' di Daniele Durante, il corpo di ballo de La Notte della Taranta ha danzato come una "comunità che attraverso il fuoco sprigiona energia e sentimento", ha sottolineato il coreografo Fabrizio Mainini. Una comunità di circa 70mila persone che il paese di 8.500 abitanti accoglierà fino al 18 gennaio. Prevista esibizione di Vinicio Capossela che eseguirà per la prima volta un brano scritto nel 2008, ispirato dal rito dell'enorme falò: 'Focara Focara'. Presenti anche il governatore della Puglia, Michele Emiliano, con il sindaco di Novoli e presidente della fondazione Focara, Gianmaria Greco.

Archivio Ultima ora