A Chef per una sera è di scena il Venezuela con “el pabellón criollo”

Pubblicato il 22 luglio 2016 da redazione

Sandra Gatti, nata a Maracaibo, cresciuta a Caracas e titolare, ora in Italia, della scuola di ballo Salsavor

Sandra Gatti, nata a Maracaibo, cresciuta a Caracas e titolare, ora in Italia, della scuola di ballo Salsavor

CARACAS. – Il nuovo Format firmato Cocalo’s Club, vede protagonista, nella sua seconda serata, “el pabellon criollo”, un piatto unico tipico venezuelano, riconosciuto come il piatto nazionale per eccellenza, di cui però saranno svelati gli ingredienti ai commensali italiani durante la serata.

A proporcelo è la bella Sandra Gatti, nata a Maracaibo, cresciuta a Caracas e titolare, ora in Italia, della scuola di ballo Salsavor, insieme al maestro Nikpali Francesco.

Come membro della squadra, addetta alla presentazione degli Chef per una sera, sono stata a trovare Sandra e le ho chiesto notizie relative alla sua vita “venezolana”. Mi vanto di conoscerla bene perchè ci frequentiamo da qualche anno, sono un’allieva della sua scuola di ballo ed abbiamo partecipato insieme a numerosi eventi, sia in ambito culinario che “ballerino”, ma la parte della sua adolescenza vissuta in America Latina era per me ancora un mistero.

Con lei c’era la sua mamma, la signora Clodolinda o più semplicemente Tilde, che ha soddisfatto alcune mie curiosità.

Signora Tilde, mi racconta la storia di Sandra?

Sandra ha una storia piuttosto variopinta che sicuramente è stata determinante nella maturazione delle sue passioni.

I suoi genitori, che ancora non si conoscevano, si trasferirono in Venezuela negli anni ’50, ognuno con la rispettiva famiglia. La signora Tilde racconta di aver compiuto 20 anni sulla nave che la conduceva alla sua nuova vita.

Negli stessi anni in cui molti nostri connazionali decidevano di lasciare l’Italia per trasferirsi in un paese sconosciuto che però offriva molte probabilità di lavoro e vita dignitosa rispetto alla nostra nazione, la signora Tilde, insieme a sua madre e sua sorella, raggiungeva i suoi cari che le avevano precedute.

L’infanzia di Sandra ha come cornice la grande Caracas, il ballo in strada, una mamma dalle mani d’oro che confezionava vestiti e insieme alla nonna preparava in casa i pasti della famiglia. Da fanciullina curiosa qual era, lei osservava e riproduceva, tanto che all’età di tre anni, come racconta la signora Tilde, per imitare la sua mamma e sua nonna, rovesciò un chilo di farina sul tavolo iniziando ad impastare.

Se, come dice, in Venezuela si stava bene, perché avete deciso di tornare?

Il rientro non è stato facilissimo. E’ stato come rivivere la prima ormai lontana migrazione. Più volte Sandra ha pensato di tornare nella Venezuela dove era nata e cresciuta, esattamente come il suo papà aveva desiderato tornare nel suo paese natìo ma la vita da migrante comporta importanti rinunce, soprattutto affettive e la decisione finale è stata quella di rimanere e costruire in Italia il proprio futuro.

La sua professione di insegnante di scuola di ballo nasce sulla pista. Insieme ad alcuni suoi amici venezuelani, anch’essi rientrati in Italia, organizzava spesso feste. Già bravissima a ballare perché nata e cresciuta con la musica latino americana.

chef per una sera

Perché protagonista a Chef per una sera?

La cucina è un’arte. Che sia per professione o per passione, le doti fondamentali di chi ama pasticciare sono fantasia e creatività e, generalmente, chi possiede queste due doti non le dedica ad una sola attività. Come la nostra prima Chef Tania, titolare insieme al fratello Maurizio di “Sartarelli Parrucchierie”, crea fantastiche acconciature nel suo salone, così la nostra seconda Chef, Sandra Gatti, titolare insieme a Nikpali Francesco della “Scuola di ballo Salsavor” usa la sua fantasia per ideare coreografie nelle quali si esibiranno i suoi allievi.

Entrambe hanno proposto un piatto molto particolare, delizia per gli occhi e per il palato. Della prima serata conosciamo il successo, della seconda ne siamo ugualmente certi perché, oltretutto, a condurre la serata, come nel primo evento, sarà il nostro bravissimo e coinvolgente direttore artistico Luca Sestili

Maria Grazia Cichetti, Blogger

http://blog.giallozafferano.it/marygraceincucina/
http://diariodiunastrega.altervista.org/

Ultima ora

11:46Hong Kong: in carcere tre leader ‘movimento ombrelli’

(ANSA) - PECHINO, 17 AGO - L'Alta Corte di Hong Kong ha ribaltato il verdetto di primo grado disponendo il carcere a carico dei leader di Demosisto, Joshua Wong e Nathan Law, nonche' di Alex Chow, tra i promotori del "movimento degli ombrelli", la protesta pro-democrazia del 2014 andata in scena nell'ex colonia britannica. Wong è stato condannato a sei mesi di prigione, Law a 8 e Chow a 7: per tutti e tre c'è anche la pena accessoria a non potersi candidare a cariche politiche per cinque anni, fino al 2022.

11:27Calcio: in Bundesliga arriva il primo arbitro donna

(ANSA) - BERLINO, 17 AGO - Dopo essersi fatta le ossa per un decennio in seconda divisione, nella stagione ormai alle porte Bibiana Steinhaus entrerà nella storia del calcio tedesco diventando la prima donna a fischiare nella massima serie. Trentotto anni, funzionario di polizia, è tra i quattro arbitri promossi dalla Federcalcio tedesca (DFB) nell'elite dei 24 che dirigono in Bundesliga. "Per ogni arbitro, sia uomo che donna, il sogno è arrivare in Bundesliga - commentò lo scorso maggio, quando la promozione fu annunciata - Ho lavorato molto duramente per quello obiettivo. Negli ultimi anni ho avuto qualche qualche battuta d'arresto, quindi sono molto felice della fiducia ricevuta dalla commissione esaminatrice". Figlia di un arbitro, Steinhaus ha cominciato nel 1999 dirigendo partite di calcio femminile. E' diventata arbitro Fifa nel 2005 e nel 2007 si è guadagnata un posto in seconda divisione, primo arbitro professionista donna in Germania.

11:12Incendi: fiamme su Monte Faito, arrestato piromane

(ANSA) - NAPOLI, 17 AGO - Arrestato il responsabile degli incendi che dalla mattina del 15 agosto hanno colpito il Monte Faito, nel Napoletano. Si tratta di un 60enne che ai Carabinieri ha raccontato: "Non so perché l'ho fatto, ho preso i fiammiferi e ho dato fuoco". L'uomo, di Vico Equense (Napoli), già noto alle forze di polizia, in un primo momento ha negato le sue responsabilità. Ma le indagini dei militari, supportate dalle immagini dei sistemi di video sorveglianza comunali, lo hanno incastrato. E così si è ricostruito che l'uomo si spostava con la sua Motoape: fiamme, quelle da lui causate, che hanno cancellato 18 ettari di bosco, che hanno ferito una persona, distrutto case e che hanno visto il coinvolgimento di due canadair, due elicotteri e squadre dei Vigili del fuoco a terra che hanno lavorato incessantemente il 15 e il 16 agosto, soprattutto per impedire che le fiamme potessero propagarsi alle aree residenziali della località Faito.

11:12Terremoto:Palazzo Seneca di Norcia proclamato hotel del 2017

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 17 AGO - Palazzo Seneca di Norcia proclamato hotel dell'anno 2017 da Virtuoso Travel, il network mondiale più importante per professionisti del turismo di lusso. La cerimonia di consegna del premio si è svolta la notte scorsa a Las Vegas: lo hanno ritirato i fratelli Federico e Vincenzo Bianconi, proprietari dell'hotel, il primo a riaprire nel centro storico della città dopo il terremoto. "E' un premio che ci emoziona, ci fa piangere e ci dà una carica incredibile", raccontano all'ANSA. "E' un riconoscimento per l'amore che abbiamo per la nostra terra, per il desiderio di migliorarsi sempre e di coinvolgere gli altri in un percorso che non sia solo nostro ma di comunità. Il nostro fine è ospitare facendo conoscere chi siamo e i nostri valori", sottolineano. La struttura, che risale al 1500, negli anni scorsi era stata oggetto di un profondo adeguamento sismico. Proprio questo ha consentito all'hotel di resistere alle scosse. (ANSA).

11:06Incidenti montagna: settantenni passano notte a 4.000 metri

(ANSA) - AOSTA, 17 AGO - Due alpinisti francesi, di 72 e 70 anni, hanno trascorso la notte all'addiaccio a quasi 4.000 metri dopo aver sbagliato il percorso per rientrare al rifugio. E' accaduto nei giorni scorsi nel Massiccio des Ecrins, in Francia. I due avevano completato la traversata della Meije ma non sono riusciti a raggiungere al rifugio, restando bloccati su un pendio ghiacciato a 3.800 metri senza un rampone. A dare l'allarme è stato il gestore del rifugio. L'elicottero della gendarmerie è riuscito a salire solo il giorno dopo e a recuperare i due. Condotti all'ospedale di Briancon, è stato loro riscontrato un principio di congelamento.

11:03Picchiato da 5 minorenni sorpresi a fumare spinelli

(ANSA) - MILANO, 17 AGO - Aggredito e picchiato da cinque minorenni che aveva sorpreso a farsi una canna: è successo nella notte tra sabato e domenica nella località turistica di Montecampione, nel Bresciano al 26enne muratore Roberto Alessi. Il giovane stava tornando a casa e, per fare luce, aveva acceso la torcia del cellulare. Quella luce ha allarmato cinque minorenni che stavano fumando qualche spinello in un albergo abbandonato. Forse pensando che il 26enne li avesse ripresi, i ragazzini - quattro turisti milanesi e un quattordicenne di Piancamuno - lo hanno seguito e poi picchiato con calci e pugni. Roberto è riuscito a chiamare un amico, che ha subito avvertito i carabinieri. Tre dei 5 aggressori sono scappati, due subito bloccati, tutti sono comparsi ieri davanti al giudice del tribunale dei minori con l'accusa di lesioni aggravate e rapina in concorso. Il giudice ha convalidato l'arresto: due sono stati affidati in comunità, tre ai genitori.

10:50Migranti: la Spagna ne salva 600 in 24 ore

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - La Guardia Costiera spagnola ha tratto in salvo nell'arco di 24 ore 600 migranti, incluso un bebe', che cercavano di arrivare nel Paese dalle coste marocchine: lo riporta la Bbc online. I migranti, tra cui c'erano anche 35 bambini, erano a bordo di 15 imbarcazioni, incluse piccole barche a remi e una moto d'acqua. Secondo le Nazioni Unite oltre 9.000 migranti sono arrivati in Spagna dall'inizio dell'anno, il triplo rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Secondo alcune stime, oltre 120 persone sono morte annegate mentre cercavano di raggiungere le coste spagnole.

Archivio Ultima ora