A Chef per una sera è di scena il Venezuela con “el pabellón criollo”

Pubblicato il 22 luglio 2016 da redazione

Sandra Gatti, nata a Maracaibo, cresciuta a Caracas e titolare, ora in Italia, della scuola di ballo Salsavor

Sandra Gatti, nata a Maracaibo, cresciuta a Caracas e titolare, ora in Italia, della scuola di ballo Salsavor

CARACAS. – Il nuovo Format firmato Cocalo’s Club, vede protagonista, nella sua seconda serata, “el pabellon criollo”, un piatto unico tipico venezuelano, riconosciuto come il piatto nazionale per eccellenza, di cui però saranno svelati gli ingredienti ai commensali italiani durante la serata.

A proporcelo è la bella Sandra Gatti, nata a Maracaibo, cresciuta a Caracas e titolare, ora in Italia, della scuola di ballo Salsavor, insieme al maestro Nikpali Francesco.

Come membro della squadra, addetta alla presentazione degli Chef per una sera, sono stata a trovare Sandra e le ho chiesto notizie relative alla sua vita “venezolana”. Mi vanto di conoscerla bene perchè ci frequentiamo da qualche anno, sono un’allieva della sua scuola di ballo ed abbiamo partecipato insieme a numerosi eventi, sia in ambito culinario che “ballerino”, ma la parte della sua adolescenza vissuta in America Latina era per me ancora un mistero.

Con lei c’era la sua mamma, la signora Clodolinda o più semplicemente Tilde, che ha soddisfatto alcune mie curiosità.

Signora Tilde, mi racconta la storia di Sandra?

Sandra ha una storia piuttosto variopinta che sicuramente è stata determinante nella maturazione delle sue passioni.

I suoi genitori, che ancora non si conoscevano, si trasferirono in Venezuela negli anni ’50, ognuno con la rispettiva famiglia. La signora Tilde racconta di aver compiuto 20 anni sulla nave che la conduceva alla sua nuova vita.

Negli stessi anni in cui molti nostri connazionali decidevano di lasciare l’Italia per trasferirsi in un paese sconosciuto che però offriva molte probabilità di lavoro e vita dignitosa rispetto alla nostra nazione, la signora Tilde, insieme a sua madre e sua sorella, raggiungeva i suoi cari che le avevano precedute.

L’infanzia di Sandra ha come cornice la grande Caracas, il ballo in strada, una mamma dalle mani d’oro che confezionava vestiti e insieme alla nonna preparava in casa i pasti della famiglia. Da fanciullina curiosa qual era, lei osservava e riproduceva, tanto che all’età di tre anni, come racconta la signora Tilde, per imitare la sua mamma e sua nonna, rovesciò un chilo di farina sul tavolo iniziando ad impastare.

Se, come dice, in Venezuela si stava bene, perché avete deciso di tornare?

Il rientro non è stato facilissimo. E’ stato come rivivere la prima ormai lontana migrazione. Più volte Sandra ha pensato di tornare nella Venezuela dove era nata e cresciuta, esattamente come il suo papà aveva desiderato tornare nel suo paese natìo ma la vita da migrante comporta importanti rinunce, soprattutto affettive e la decisione finale è stata quella di rimanere e costruire in Italia il proprio futuro.

La sua professione di insegnante di scuola di ballo nasce sulla pista. Insieme ad alcuni suoi amici venezuelani, anch’essi rientrati in Italia, organizzava spesso feste. Già bravissima a ballare perché nata e cresciuta con la musica latino americana.

chef per una sera

Perché protagonista a Chef per una sera?

La cucina è un’arte. Che sia per professione o per passione, le doti fondamentali di chi ama pasticciare sono fantasia e creatività e, generalmente, chi possiede queste due doti non le dedica ad una sola attività. Come la nostra prima Chef Tania, titolare insieme al fratello Maurizio di “Sartarelli Parrucchierie”, crea fantastiche acconciature nel suo salone, così la nostra seconda Chef, Sandra Gatti, titolare insieme a Nikpali Francesco della “Scuola di ballo Salsavor” usa la sua fantasia per ideare coreografie nelle quali si esibiranno i suoi allievi.

Entrambe hanno proposto un piatto molto particolare, delizia per gli occhi e per il palato. Della prima serata conosciamo il successo, della seconda ne siamo ugualmente certi perché, oltretutto, a condurre la serata, come nel primo evento, sarà il nostro bravissimo e coinvolgente direttore artistico Luca Sestili

Maria Grazia Cichetti, Blogger

http://blog.giallozafferano.it/marygraceincucina/
http://diariodiunastrega.altervista.org/

Ultima ora

13:4444 i lobbysti iscritti a registro della Camera

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - Nel nuovo Registro dei portatori di interessi, cioè i lobbisti, accreditati alla Camera dei deputati hanno ottenuto l'iscrizione 44 soggetti, di cui 35 persone giuridiche e 9 persone fisiche. Lo ha riferito la vicepresidente della Camera Marina Sereni, nel corso di un seminario svoltosi a Montecitorio e organizzato dall'Associazione Stampa Parlamentare (Asp). Il Registro è stato istituito da due mesi in attuazione del Regolamento sulle attività di lobbing che la Camera si è dotata nel 2016. Oltre ai soggetti che hanno ottenuto l'iscrizione al Registro, ha spiegato Sereni, vanno aggiunte 59 persone giuridiche e 11 persone fisiche che hanno presentato domanda e sono in attesa di risposta, cosa che arriverà dopo la verifica dei requisiti previsti dal Regolamento.

13:43Voto Gb: sondaggio, continua risalita Labour su Tory

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - Continua la risalita nei sondaggi del Labour che sta riducendo il distacco coi Conservatori in vista delle elezioni dell'8 giugno. Secondo la rivelazione di Survation per Itv, i Tories restano il primo partito col 43% dei consensi ma i Laburisti li inseguono al 37%, in crescita di ben tre punti rispetto alla settimana precedente. Fra gli altri partiti, i libdem sono all'8% mentre l'Ukip al 4%. Il sondaggio riflette le difficoltà della premier e leader conservatrice Theresa May che sono emerse anche nel corso del dibattito televisivo a distanza di ieri sera col capo dell'opposizione Jeremy Corbyn. May mentre rispondeva alle domande che le venivano poste è stata interrotta diverse volte dai mormorii del pubblico e talvolta da risolini di sarcasmo.

13:41Calcio: Musacchio, pronto a dare il massimo

(ANSA) - MILANO, 30 MAG - "Darò il massimo per questa squadra, in ogni allenamento e in ogni partita". Mateo Musacchio inizia la sua nuova avventura calcistica con una promessa di dedizione al Milan, che lo ha acquistato per circa 18 milioni di euro dal Villarreal, portando a termine un'operazione tentata anche un anno fa dalla vecchia dirigenza rossonera. "La trattativa è iniziata l'estate scorsa ed è durata parecchi mesi, ora sono qui e sono molto felice", ha detto a Milan Tv il difensore centrale argentino, che possiede il passaporto italiano. "Il Milan ha una grande storia, ha vinto tanti titoli, so cosa significa indossare questa maglia e darò sempre il massimo", ha garantito Musacchio, pronto ad affrontare con il Milan l'Europa League, che ha giocato nelle ultime 3 stagioni con il Villarreal, arrivando in semifinale nel 2015-16. "E' una competizione importante, è bello giocarla perché ci sono grandi squadre, come si è visto negli ultimi anni - ha spiegato l'argentino -.Voglio decisamente fare bella figura in Europa League".

13:39Bangladesh: ciclone Mora, cinque morti e 20 feriti

(ANSA) - DACCA, 30 AMG - E' di cinque morti ed una ventina di feriti il primo bilancio del passaggio oggi sul Bangladesh del ciclone Mora. Lo riferisce il quotidiano The Daily Star di Dacca. Queste prime vittime, hanno segnalato le autorità locali, sono state provocate nei distretti di Chittagong e Cox's Bazar dalla caduta di alberi sulle case e da un infarto. In una conferenza stampa, il Dipartimento di meteorologia del Bangladesh ha reso noto che il ciclone, che sta perdendo forza trasformandosi in una depressione tropicale, si dirige verso Tripura ed altre località del nord-est bengalese.

13:39Terremoto: primo ok dal Pe su ricostruzione con 95% fondi Ue

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAG - La commissione sviluppo regionale del Parlamento europeo ha approvato all'unanimità l'accordo provvisorio raggiunto lo scorso 24 maggio tra Eurocamera e Consiglio che prevede il cofinanziamento per la ricostruzione sino al 95% dei territori del Centro Italia distrutti dal terremoto. Lo rende noto la delegazione 5 stelle del Parlamento europeo sottolineando che "si tratta di circa 1 miliardo di euro". "Abbiamo votato a favore - spiega l'eurodeputata Rosa D'Amato, membro della commissione sviluppo regionale - ma è un chiaro compromesso al ribasso e un perfetto esempio di come non funzionano le istituzioni europee. Il risultato è una solidarietà solo di facciata". La proposta del Movimento 5 Stelle era il cofinanziamento al 100% e senza nessun tetto ma alcuni Stati dell'Ue avevano spinto per introdurre una quota di cofinanziamento nazionale.

13:36Danimarca: Sirenetta di Copenaghen dipinta di rosso

(ANSA) - COPENAGHEN, 30 MAG - La Sirenetta di Copenaghen, che dal 1913 dà il benvenuto nel porto della capitale danese, e' stata dipinta di rosso da sconosciuti in quello che potrebbe essere - secondo i media locali - un gesto di protesta contro l'annuale strage delle balene pilota nel Paese. Di fronte alla statua, realizzata dallo scultore Edvard Eriksen in onore dello scrittore e poeta danese Hans Christian Andersen, la polizia ha trovato la scritta in inglese la 'Danimarca difenda le balene delle isole Faeröer'. Il messaggio sarebbe riferito alla caccia alle balene pilota nelle acque delle isole dell'Atlantico del Nord durante i mesi estivi da parte degli abitanti delle Faeröer, una pratica iniziata alla fine del 16mo secolo che ogni anno costa la vita a circa 800 balene.

13:31Calcio: Zidane, Dybala pericolo n.1

(ANSA) - ROMA, 30 MAG - "Le finali di Champions non hanno favorite: la cosa più difficile è arrivare fino in fondo, poi le possibilità di alzare la Coppa sono 50 e 50": lo ha detto Zinedine Zidane, nella conferenza del media day Real per la finale di Champions. "Dybala pericolo numero uno? Si', direi che e' lui - ha aggiunto il tecnico dei madridisti - ma anche gli altri sono forti, penso a Higuain, Alves...La Juve è una squadra tosta, ma noi cercheremo di farle male. La gente può dire quel che vuole, su Bale e Isco io non mi faccio condizionare", aggiunge Zidane. "Bale dovrebbe dirmi che vuole giocare questa finale dopo l'infortunio? No, lui non deve dirmi nulla - ha risposto il tecnico merengue alle insistenti domande dei media spagnoli - I due sono pronti, e io decidero'. Ma d'altra parte hanno fatto sedici partite insieme quest'anno, chi lo dice che sono in ballottaggio per una maglia?...".

Archivio Ultima ora