Si lancia con paracadute da hotel nel centro di Cagliari

Pubblicato il 23 luglio 2016 da ansa

(ANSA) – CAGLIARI, 23 LUG – “Sono entrato nell’hotel come un normale ospite, ho raggiunto il 14/o piano e mi sono lanciato dal tetto con il paracadute”. Così Ulisse Idra, di 26 anni, originario di San Nicolò d’Arcidano (Oristano) racconta all’ANSA il suo lancio dal T-Hotel di Cagliari compiuto due giorni fa. L’atleta oristanese si è lanciato dal tetto dell’albergo T-Hotel, filmando tutto con una telecamera. Dieci secondi di volo in piena notte e poi l’atterraggio in una via dei Giudicati deserta. Il video è stato pubblicato su un blog (www.cagliariquotidiano.net) e sulla pagina facebook dello stesso Ulisse Idra: in breve tempo ha fatto il giro del web. “Sono anni che mi lancio con il paracadute e da otto faccio base jumping – racconta Ulisse Idra – fa parte della mia vita, mi fa star bene. Da tempo pensavo di lanciarmi dal tetto del T-Hotel e allora l’ho fatto”. L’atleta è istruttore di paracadutismo con oltre ottomila lanci alle spalle, un esperto.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

19:31Atletica: la Roma Appia run taglia traguardo 20 edizioni

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Si annuncia un'edizione da record, per la Roma Appia run, che quest'anno taglia il traguardo delle 20 edizioni. La gara podistica su strada, organizzata dall'Acsi, si disputerà come al solito su cinque pavimentazioni diverse: asfalto, sampietrino, basolato lavico, sterrato e, per finire, la pista dello stadio Nando Martellini, alle Terme di Caracalla. Una gara da correre insieme al mito di Abebe Bikila che, sui sampietrini e sul basolato lavico dell'Appia Antica, vinse la maratona delle Olimpica del 1960. La prova, in programma domenica 15 aprile, ha già toccato quota 2 mila iscritti e si disputerà come ogni anno sulla distanza di 13 o 4 km. Dalle iscrizioni finora registrate, da sottolineare i numerosi atleti provenienti dall'estero, specialmente dalla Spagna, dalla Francia e dalla Gran Bretagna.

19:29Maltempo: ancora forti venti sull’Italia e mareggiate

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Forti correnti di origine nord-atlantica stanno causando un deciso rinforzo dei venti interessando, in queste ore, le regioni del centro-nord per poi estendersi da domani al Meridione. Lo rileva una nuova allerta meteo della Protezione civile, che sottolinea come i forti venti porteranno anche un deciso aumento del moto ondoso su tutti i mari, specie quelli occidentali e meridionali, con possibilità di forti mareggiate lungo le coste esposte. Dalla tarda serata di oggi, indica l'avviso, ci saranno venti da forti a burrasca su Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Sardegna e i settori sud-occidentali sulla Liguria, con raffiche di burrasca forte sui settori alpini e appenninici e sulla Sardegna settentrionale. Dalle prime ore di domani si prevedono venti di burrasca o burrasca forte su Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia. Dalla tarda mattinata di domani, inoltre, persisteranno venti di burrasca nord-occidentali su Lazio, Abruzzo e Molise, con raffiche di burrasca forte specie sui settori costieri e lungo i rilievi. Saranno possibili inoltre forti mareggiate lungo le coste esposte. Valutata ancora per la giornata di domani allerta arancione per rischio idrogeologico localizzato sul Veneto, bacino dell'Alto Piave, a causa della frana della Busa del Cristo, nel Comune di Perarolo di Cadore (Belluno), sulla quale è in corso un continuo e attento monitoraggio. E' stava valutata allerta gialla, invece, su alcuni settori umbri. (ANSA).

19:25Vienna insiste, con Alfano introdurre tema doppio passaporto

(ANSA) - BERLINO, 16 GEN - Vienna mantiene ferma la sua posizione sul doppio passaporto per gli altoatesini di lingua tedesca e ladina: la ministra degli Esteri, Karin Kneissl, del Fpoe di Heinz-Christian Strache, vuole "introdurre attivamente" il tema in un incontro con il collega italiano, Angelino Alfano, oggi a Roma, secondo quanto scrive l'Apa. "È una parte dell'accordo di governo", ha affermato, sottolineando di nuovo che la misura potrà esser presa solo "in dialogo fra Vienna, Roma e Bolzano". "Ho molto apprezzato le parole del premier Sebastian Kurz e della collega Kneissl sul fatto che siamo paesi che discutono, ma che non prendono iniziative unilaterali", ha detto a sua volta Alfano dopo l'incontro con la collega austriaca. "La posizione italiana sulla doppia cittadinanza è quella storica: il pieno riconoscimento dell'accordo De Gasperi-Gruber, un accordo di successo".

19:24Dopo nozze con italiana migrante lascia Cie e torna a casa

(ANSA) - BRINDISI, 16 GEN - Ha lasciato il Cie di Restinco (Brindisi), in virtù di una revoca del provvedimento che ne disponeva il "trattenimento", Jasvir, il 40enne indiano che ha sposato sabato Mina, la donna italiana con cui conviveva a Sorrento. Dopo la funzione civile l'uomo era dovuto rientrare al Centro di identificazione ed espulsione. Jasvir otterrà un nuovo permesso di soggiorno, per motivi familiari, dalla Questura di Napoli. Nel frattempo il Tribunale di Brindisi gli ha concesso la libertà accogliendo l'istanza del suo avvocato. Ciò è stato possibile a seguito del matrimonio con una donna italiana. Jasvir e Mina si sono sposati al Comune di San Vito di Normanni, il più vicino al Cie di Restinco, in cui l'uomo si trovava da tre mesi in virtù di un provvedimento che ne disponeva l'espulsione notificatogli dopo un controllo per strada, mentre era con la sua compagna, durante il quale era stato trovato sprovvisto del permesso di soggiorno. Dopo le nozze, Jasvir non aveva potuto partecipare ai festeggiamenti.

19:11Kosovo: ucciso Ivanovic, stop a dialogo Belgrado-Pristina

(ANSA) - BELGRADO, 16 GEN - Dopo l'uccisione in Kosovo del leader politico serbo Oliver Ivanovic, il governo di Belgrado ha deciso di ritirare la propria delegazione impegnata da oggi a Bruxelles in una nuova sessione di negoziati a livello tecnico con rappresentanti del Kosovo. Lo ha annunciato il capo delegazione Marko Djuric, direttore dell'Ufficio governativo serbo per le questioni del Kosovo. "La nostra delegazione torna immediatamente a Belgrado", ha detto. Il dialogo tra Belgrado e Pristina si tiene con la mediazione della Ue. L'assassinio di Ivanovic è "un atto terroristico e criminale diretto a destabilizzare la situazione in Kosovo, un attacco all'intero popolo serbo", ha detto Djuric, annunciando ai cronisti a Bruxelles la decisione di ritirare la delegazione serba dai colloqui tecnici con Pristina e di far ritorno a Belgrado. "Lo scopo è di scatenare il caos e di spingere i serbi del Kosovo e l'intera Serbia nell'inferno di nuovi scontri", ha affermato Djuric.

19:11Coree: ct hockey Sud, atlete Nord un danno

(ANSA) - PECHINO, 16 GEN - L'ipotesi che alcune giocatrici di hockey femminile della Corea del Nord possano unirsi al suo team in una rappresentativa comune ai Giochi invernali di PyeongChang non ha entusiasmato Sarah Murray, ct della nazionale sudcoreana, secondo cui la sua squadra subirebbe un "danno". Di ritorno dalla preparazione negli Usa, Murray è stata netta: "credo sia un danno alle nostre giocatrici che hanno guadagnato la loro occasione e credo meritino di andare alle Olimpiadi". Il talento del Nord, in più, "non è sufficiente per fare la differenza".

19:07Alluvione Livorno: Nogarin,riflettere responsabilità sindaci

(ANSA) - LIVORNO, 16 GEN - "Tra qualche tempo arriverà il momento di aprire una riflessione, a livello di Anci ad esempio, sul grado di responsabilità che viene attribuita ai sindaci in caso di eventi calamitosi di questa portata e di questo impatto". Lo ha detto il sindaco di Livorno Filippo Nogarin nella sua breve comunicazione al Consiglio comunale sull'inchiesta per l'alluvione del settembre scorso che lo vede indagato, in concorso, per omicidio colposo. Nell'interrogatorio davanti al procuratore Ettore Squillace Greco e ai pm titolari dell'inchiesta sull'alluvione di Livorno, "ho risposto a tutte le domande e sono pronto a tornare in ogni momento davanti agli inquirenti per chiarire ulteriori dubbi", ha continuato confermando quanto lui stesso aveva postato su facebock dove aveva annunciato di essere indagato per "concorso in omicidio colposo". Nogarin ha poi confermato di voler restare al suo posto nonostante che dai banche delle opposizioni sia arrivata anche la richiesta di dimissioni.

Archivio Ultima ora