Altafini, l’ex core ‘ngrato

Pubblicato il 25 luglio 2016 da Emilio Buttaro

Josè Altafini con il giornalista Emilio Buttaro

Josè Altafini con il giornalista Emilio Buttaro

Dopo più di 40 anni può finalmente tirare un sospiro di sollievo perché quell’etichetta ora, non la sente quasi più sua. Era l’aprile del 1975 quando Josè Altafini con la maglia della Juve, realizzò il gol scudetto al Napoli, la sua ex squadra.

“Sono cntento perchè Higuain mi sostituirà – ha spiegato Altafini ai microfoni di un’emittente italiana (Radio Capital) – adesso core ‘ngrato sarà lui e non più io. Quando lasciai il Napoli, non mi trattennero e mi diedero quell’etichetta dopo che segnai un gol agli azzurri”.

Sotto il Vesuvio di cori ‘ngrati che hanno seguito lo stesso percorso di Altafini e Higuain sono su tutti Ciro Ferrara e Fabio Quagliarella, i cui trasferimenti però non suscitarono lo stesso clamore dei sudamericani.

Bisogna allargare l’orizzonte per trovare altri “traditori doc” disposti a lasciare una maglia con cui si identificavano per seguire la causa bianconera. Nel 1976 Roberto Boninsegna, uno dei simboli dell’Inter di allora, diventa il nuovo attaccante della Juventus ma il trasferimento boom arriva 14 anni dopo quando Roberto Baggio saluta la Fiorentina e va alla Juve per la cifra record di 25 miliardi di lire con il popolo viola che insorge contro l’allora presidente Pontello.

A volte capita che ad avere la meglio siano i tifosi, come accade a metà degli anni ’90 quando Beppe Signori icona della Lazio è a un passo dal trasferimento al Parma ma la Roma biancoceleste si mobilita al punto da bloccare il presidente Cragnotti.

A Napoli, la piazza che è stata anche di Maradona sarà difficile, quasi impossibile, digerire la cessione di un altro argentino capace di far sognare una città che vive anche di passione e che ha dentro di sè il senso della gratitudine.

“A quei tempi mi volevano ben cinque squadre – ha spiegato ancora Altafini – e io scelsi chi giocava in Coppa dei Campioni. Higuain è stato lasciato libero di decidere”.

Già, da oggi è lui il core ‘ngrato del terzo millennio.

Emilio Buttaro

emiliobuttaro
Emilio Buttaro

Classe 1967 ha iniziato a svolgere attività giornalistica all'età di sedici anni. Nell'85 ha vinto il concorso nazionale "Vota lo speaker" indetto dalla FIPAV (Federazione Italiana Pallavolo) e l'anno dopo è stato il più giovane cronista accreditato al Festival di Sanremo. Laureato in scienze politiche, si occupa anche della conduzione di eventi sempre con uno stile giornalistico. Ha collaborato e collabora con varie testate nazionali tra cui: Il Messaggero, La Stampa (redazione sportiva), Radio 24 - Il Sole 24 Ore, Radio Tv Capodistria, SBS emittente radiotelevisiva continentale australiana, Agenzia di Stampa Italpress




Ultimi articoli


18 settembre 2017

L’ora dei bomber



28 agosto 2017

Samp con le grandi



22 maggio 2017

Juve, come te nessuno mai



02 maggio 2017

Inzaghi re di Roma



20 febbraio 2017

Riapre Zemanlandia



08 febbraio 2017

Il festival del gol



30 gennaio 2017

Juve normal, Inter dream!!!



16 gennaio 2017

Giochi riaperti



09 gennaio 2017

Anno nuovo, vita vecchia



19 dicembre 2016

Juve 100 punti in 12 mesi



13 dicembre 2016

L’anti-Juve si chiama Roma



29 novembre 2016

La rinascita di Candreva



21 novembre 2016

Insigne riconquista Napoli



31 ottobre 2016

La carica del Capitano



24 ottobre 2016

L’aeroplanino ora vola davvero



26 settembre 2016

Cuore Toro



19 settembre 2016

Vita da bomber



12 settembre 2016

Pupone no limits



29 agosto 2016

E’ sempre Napoli champagne



22 agosto 2016

Partita la caccia alla Juve



08 luglio 2016

Quel Contismo da preservare