La spina nel fianco della famiglia presidenziale venezuelana

Pubblicato il 25 luglio 2016 da redazione

di Mauro Bafile

CARACAS. – Una spina nel fianco della famiglia presidenziale. Un altro duro colpo all’attendibilità internazionale dell’esecutivo. I flash di agenzia, le notizie riportate dai quotidiani e le indiscrezioni che corrono veloci lungo la rete assicurano che i nipoti della “First Lady” di Miraflores, Cilia Flores, avrebbero ammesso di essere implicati in una vasta rete di traffico di droga.

Se ciò è vero, l’arresto e la confessione di Antonio Campo Flores, figlioccio del presidente Maduro, e Francisco Flores de Freitas, nipote di Cilia Flores, sono le prove di cui gli Stati Uniti avevano bisogno per confermare la complicità di esponenti del governo non solo nella violazione sistematica dei diritti umani, ma anche in atti di corruzione e nel traffico di droga, e per giustificare la decisione dell’amministrazione Obama di dare l’ok a una serie di sanzioni nei confronti non del Venezuela e dei venezuelani, come a volte si vorrebbe far credere, ma di alcuni funzionari ed ex funzionari dell’amministrazione attuale.

Antonio Campos Flores e Francisco Flores furono arrestati lo scorso anno a Haitì in un’operazione condotta dalla Dea con la collaborazione della polizia locale. I due presunti “narcos” sarebbero stati fermati a Port-au-Prince mentre, secondo l’accusa, organizzavano l’invio di 800 chili di cocaina al colosso del nord attraverso l’Honduras.

Immediatamente estradati negli “States”, il 17 dicembre in un tribunale di New York si sono dichiarati innocenti. Ma, stando a quanto pubblicato dai maggiori quotidiani all’estero e assicurato dalle agenzie internazionali, già sull’aereo che li portava negli Stati Uniti avrebbero confessato di dirigere una vasta organizzazione delinquenziale.

Dichiarazione, questa, alla quale pochi danno credito. Sono in molti a chiedersi perché o chi abbia consigliato ai nipoti di Cilia Flores di assumersi ogni responsabilità e rischiare il carcere a vita.

Come già avvenuto al momento dell’arresto un anno fa, in seno al governo vi è un comprensibile riserbo e ai mass-media controllati dallo Stato o dal “chavismo” pare sia stato dato l’ordine di non parlare dell’“affaire”. Ma la proibizione imposta dalle alte sfere del potere non ha frenato il “tam-tam” dei social-network.

L’immagine del presidente Maduro a livello internazionale continua a subire colpi. A nulla vale denunciare un presunto complotto per rimuovere il capo dello Stato. Prima l’Osa, con la richiesta di Luis Almagro di applicare la “Carta Democratica” al Venezuela; poi la polemica in seno al Mercosur, iniziata dal Paraguay, per il normale avvicendamento della Presidenza dell’organizzazione che avrebbe dovuto assumere il Venezuela; quindi la richiesta dell’Onu di accettare l’esistenza di una crisi umanitaria, e infine le esigenze espresse dalla Commissione Interamericana dei Diritti Umani che si è fatta eco delle preoccupazioni dell’Onu.

Insomma, il governo del presidente Maduro è in balia della tempesta e non riesce a uscirne. Intanto, stando ai sondaggi delle maggiori agenzie demoscopiche, la popolarità del capo dello Stato ha raggiunto i minimi storici e se oggi dovesse realizzarsi il Referendum revocatorio, il trionfo dell’Opposizione sarebbe assicurato.

L’“affaire” dei nipoti del presidente Maduro sbarca in Parlamento. La deputata Delsa Solórzano, infatti, ha affermato che mercoledì se ne parlerà in seno alla “Subcomisión Especial Antidroga”. Tante le domande senza risposta. Ad esempio, perché Antonio Campos Flores e Francisco Flores avevano passaporti diplomatici ai quali non tutti hanno accesso.

E mentre si apre un nuovo capitolo nella vicenda dei presunti “narcos” apparentemente beccati “in flagrante” dalla Dea, il tema del Referendum revocatorio continua a tener banco. Opposizione e “chavismo” sembrano ormai smarriti nel loro labirinto.

I primi soffrono per la mancanza di un programma preciso per la conquista del potere. Non un coro ma voci sparse. Mentre il Tavolo dell’Unità ribadisce i capisaldi per avviare un dialogo con il governo, il presidente dell’Assemblea Nazionale, Henry Ramos Allup, sorprende nel negare che esistano esigenze inderogabili per iniziare le manovre d’intesa.

– Se si parte con pretese – ha detto il presidente del Parlamento – non si arriverà mai a un dialogo.

Il Referendum revocatorio è l’obiettivo che si è posto il Tavolo dell’Unità che ha convocato a una “grande manifestazione” mercoledì prossimo per esigere al Consiglio Nazionale Elettorale la data del prossimo passo, l’ultimo prima della consulta popolare: la raccolta del 20 per cento delle firme della lista elettorale.

Il Cne, fino ad oggi, ha guadagnato tempo. Stando a indiscrezioni sarebbe in attesa di ordini “superiori”. Ma tanto nell’esecutivo come nel “chavismo” vi sarebbe confusione. Se è vero che il governo del presidente Maduro vorrebbe evitare la consulta popolare, che stando ai sondaggi lo condannerebbe irrimediabilmente a un ritiro forzato, lo è anche che in seno al Psuv vi è una corrente sempre più forte orientata verso la realizzazione del Referendum per rimandare le elezioni amministrative. La maggior parte dei governatori del partito è sicura che l’elettorato, posto in condizione di scegliere, voterebbe i candidati dell’Opposizione.

Non si sa fino a quando il Consiglio Nazionale Elettorale sarà in grado di temporeggiare e neanche quale sarà l’atteggiamento delle Forze Armate, ora che il ministro della Difesa è stato investito di grandi poteri.

Mentre il presidente del Psuv, Diosdado Cabello, insiste nel dire che quest’anno, ma neanche il prossimo, vi saranno le condizioni per una consultazione popolare, stando a indiscrezioni, sembrerebbe che alcuni settori del governo e dell’opposizione avrebbero già iniziato incontri per analizzare la possibilità di una transizione “soft” che permetta la sopravvivenza del “chavismo” alla crisi e la sua convivenza con i partiti dell’arco costituzionale. Conversazioni molto delicate, tanto per l’argomento come per i tempi a disposizione.

Il confronto tra governo e opposizione si fa sempre più aspro mentre la qualità di vita del venezuelano peggiora di giorno in giorno. Le agenzie demoscopiche, nei loro sondaggi, coincidono nell’affermare che l’accesso a una buona alimentazione è negato a un numero sempre maggiore di venezuelani.

I risultati dei rilevamenti smentiscono le recenti affermazioni del vicepresidente Ricardo Menèndez che, partecipando a un “forum” organizzato dall’Onu, ha affermato categoricamente che il 94 per cento dei venezuelani consuma tre e anche quattro pasti al giorno.

Le agenzie demoscopiche, invece, coincidono nel sostenere che il 90 per cento dei venezuelani acquista ogni giorno un volume minore di alimenti (Datos), il 31 per cento assicura di consumare meno di 3 pasti il giorno (Venebarómetro) e il 15 per cento afferma che, a causa dalle circostanze, è obbligata ad una alimentazione monotona e insufficiente.

Stando poi all’“Encuesta Condiciones de Vida” dello scorso anno, i venezuelani seguirebbero ormai una “dieta di sopravvivenza”: il 12,1 per cento mangerebbe meno di due pasti al giorno costituitida farina di mais, riso, pasta e grassi. Scomparsi dalla mensa familiare, frutta e vegetali.

In ultimo da segnalare l’ingente somma di denaro (22 milioni di dollari e 700 milioni di bolívares) necessaria per riscattare la fabbrica di pannolini, assorbenti per donne e carta igienica, Kimberly Clark, che aveva dichiarato fallimento di fronte all’impossibilità di ottenere valuta per importare materia prima.

Insomma, sembrerebbe che il governo starebbe provocando il crack di aziende, negando loro la valuta, per poi appropriarsene e investirvi grosse quantità di denaro per renderle nuovamente produttive. C’è da chiedersi: cui prodest?

Ultima ora

00:26Calcio: Mondiali 2018, Italia-Albania 2-0

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - L'Italia batte 2-0 l'Albania in una gara del gruppo G di qualificazioni ai Mondiali. Al Barbera di Palermo, decidono i gol di De Rossi su rigore al 12' (con il centrocampista della Roma che spiazza il laziale Strakosha) e di Immobile al 71' con un colpo di testa da posizione ravvicinata ma decentrata, su cross dalla destra di Zappacosta. Al 57' la partita è stata sospesa per 8 minuti a causa del lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi. Le altre gare del girone: Spagna-Israele 4-1 (13' Silva, 46' pt Vitolo, 51' Diego Costa, 76' Refaelov, 88' Isco); Liechtenstein-Macedonia 0-3 (43' Nikolov, 68' e 73' Nestorovski). In classifica, Spagna e Italia restano appaiate in vetta con 13 punti e proseguono il testa a testa per il primo posto. Entrambe hanno un solo pareggio (nello scontro diretto a Torino), ma gli iberici sono avanti per differenza reti: +17 (19 gol fatti e 2 subiti) contro il +9 degli azzurri (13-4). Si qualifica direttamente solo la prima, la seconda va allo spareggio.

23:57Calcio: Italia-Albania, stop di 8′ per petardi e fumogeni

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Italia-Albania, partita di qualificazione ai Mondiali in corso al Barbera di Palermo, è ripresa dopo circa 8' di stop: al 57' infatti, sul risultato di 1-0 per gli azzurri, l'arbitro sloveno Vincic aveva mandato le due squadre negli spogliatoi per il ripetuto lancio di petardi e fumogeni in campo da parte di alcuni tifosi albanesi. La partita era stata disturbata allo stesso modo già nel primo tempo, in occasione del rigore che ha portato l'Italia sull'1-0 al 12', e lo speaker dello stadio aveva lanciato un appello. Così come, al nuovo episodio di intemperanze nella ripresa, aveva fatto il capitano dell'Albania Ansi Agolli andando sotto il settore dei propri tifosi.

23:41Moto: Rossi, io indietro ma forse sono sulla strada giusta

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Piloti della MotoGp in difficoltà, nella seconda giornata di prove libere del Gran Premio del Qatar, a causa del grip della pista peggiorato rispetto a ieri. "Dobbiamo migliorare l'entrata in curva - dice Valentino Rossi a Sky Sport - In Fp2 il grip posteriore era sì faticoso, ma tutto sommato andavo bene. Invece nella Fp3 le condizioni sono peggiorate, con la pista più sporca. Ho avuto un problema al sensore di un ammortizzatore che non abbiamo potuto risolvere come si doveva. Non abbiamo lavorato bene quest'inverno, siamo un po' indietro, ma forse abbiamo imboccato la strada giusta". "Possiamo migliorare, soprattutto sul grip posteriore - spiega il compagno di squadra di Rossi nella Yamaha, Maverick Vinales - Oggi la pista era diversa. La mia scivolata? Sono solo finito su parte più sporca, nulla di grave". "Oggi si faceva più fatica - concorda il campione del mondo Marc Marquez - Noi abbiamo cambiato troppo la moto, perdo soprattutto nell'uscita di curva. Il passo gara? Si può fare meglio...".

23:05Trump: repubblicani ritirano riforma sanitaria

(ANSA) - WASHINGTON, 24 MAR - I repubblicani, a corto di voti, ritirano il loro disegno di legge per la riforma sanitaria che doveva sostituire l'Obamacare. Secondo fonti della Cnn, sarebbe stato Trump a chiedere tale mossa. Il voto previsto alla Camera dei Rappresentanti è quindi annullato. Secondo fonti del Congresso, lo speaker della Camera, Paul Ryan ha chiamato il presidente Donald Trump mezz'ora prima del voto e il presidente gli ha chiesto di ritirare il disegno di legge repubblicano con cui l'Amministrazione e molti repubblicani volevano sostituire l'Obamacare. Ma Trump, commentando sul Washington Post e il New York Times, si mostra ottimista: "Ora avanti sulle tasse. E quando l'Obamacare esploderà, allora forse i democratici apriranno su un accordo". E Ryan ha invece commentato: "Oggi è un giorno deludente per noi", "abbiamo deluso le aspettative".

23:04Juve-tifo:Agnelli in atti,davamo retta a chi stava con Conte

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Il rapporto tra la Juve e Rocco Dominello nasce - stando ad alcune intercettazioni agli atti dell'inchiesta della magistratura di Torino delle quali l'ANSA ha preso visione - a seguito delle richieste dell'allora tecnico bianconero Antonio Conte di "gestire la curva". In una telefonata del 5/8/206 tra Andrea Agnelli e il suo avvocato Chiappero, il presidente Juve ricostruisce l'inizio di una vicenda che lo ha portato ad essere deferito dal procuratore Figc e messo sotto la lente d'ingrandimento dell'Antimafia. Agnelli dice: "E poi, ribadisco che lui (Dominello) si accompagnava a Germani, e Germani era pappa e ciccia con Conte...La pressione che metteva Conte la conosci anche tu, a chiunque stesse vicino a Conte noi gli davamo un po' più retta". Quindi, dice Agnelli, "se Germani sta vicino a Conte, Dominello sta vicino a Germani, noi diamo più retta a questo. Perchè noi ci abbiamo voglia? No, perchè poi la curva fa casino, non siete capaci di gestire un c.., cioè non devo spiegare a te come ragiona Antonio"

22:34Accoltellato fuori locale durante lite per gelosia, grave

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Un ragazzo è stato accoltellato la scorsa notte davanti a un locale all'Eur, dove alcune settimane fa furono esplosi all'esterno alcuni colpi d'arma da fuoco. La polizia ha arrestato un 21enne, coetaneo del ferito. Potrebbe essere la gelosia il movente dell'aggressione. Alle 4 le pattuglie del reparto Volanti e del commissariato Esposizione sono intervenute nella discoteca per una lite violenta tra ragazzi. L'arrestato e un suo amico, romani, usciti dal locale avrebbero aggredito un giovane, colpevole, a loro dire, di aver trascorso la serata con la ex fidanzata del primo. Durante l'aggressione l'arrestato ha estratto un coltello e ha colpito la vittima 4 volte prima di essere fermato dagli addetti alla sicurezza del locale e da altri ragazzi. Il ferito è stato portato al pronto soccorso in codice rosso, l'arrestato nel carcere di Regina Coeli. Il suo complice, fuggito, è stato rintracciato dai poliziotti dopo una breve indagine e denunciato in stato di libertà per concorso nel reato di tentato omicidio.

22:22Moto: Qatar, Vinales torna davanti nella Fp3

(ANSA) - ROMA, 24 MAR - Maverick Vinales riprende il comando delle prove libere del Gran Premio del Qatar, prima prova del Mondiale 2017, classe MotoGp: in testa nella Fp1 e 5/o nella Fp2, lo spagnolo della Yamaha torna in vetta nella Fp3, seppur con un tempo di oltre mezzo secondo più lento di quello di ieri (1'54"834 contro 1'54"316). Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, spicca il balzo di Andrea Iannone: il pilota della Suzuki, dopo un 13/o e un 15/o posto mai sotto l'1'56, ottiene un brillante 1'54"848, 2/o tempo. In ritardo Valentino Rossi in 1'55"790: è solo 13/o nella Fp3, ma accede alla Q2 di domani grazie all'1'55"414 della Fp2, 10/o tempo combinato. Fuori dalla Q2, invece, Jorge Lorenzo su Ducati, cui non basta l'1'55"461: è 9/o nella Fp3, ma 12/o nella combinata. Accedono quindi alla Q2: Vinales (1'54"316), Iannone (+0"532), Marc Marquez (+0"596), Johann Zarco (+0"692), Andrea Dovizioso (+0"726), Scott Redding (+0"769), Dani Pedrosa (+0"797), Jonas Folger (+0"892), Cal Crutchlow (+0"895) e Rossi (+1"098).

Archivio Ultima ora