Berlino invita alla cautela, Monaco chiede misure drastiche

Pubblicato il 25 luglio 2016 da ansa

Police officers operate on a scene following an explosion in Ansbach, Germany, 25 July 2016. EPA/DANIEL KARMANN

Police officers operate on a scene following an explosion in Ansbach, Germany, 25 July 2016. EPA/DANIEL KARMANN

BERLINO – Dopo quattro atti di violenza che in una settimana hanno insanguinato la Germania, nel Paese l’unità di intenti delle forze politiche è messa a dura prova. In particolare quella dei due partiti gemelli conservatori della coalizione di governo.

Dietro i toni differenti usati per valutare l’attentato di Ansbach dai due uomini d’ordine di Cdu e Csu – i ministri dell’Interno del governo federale Thomas de Maizière e di quello bavarese Joachim Hermann – si riaccende la polemica che per un anno ha diviso Berlino e Monaco.

Da un lato, il governo federale cerca di mostrare nervi saldi e mette in guardia dal “generalizzare i sospetti sui rifugiati”. Dall’altro, l’esecutivo bavarese è assai meno prudente nell’attribuire da subito la matrice islamica all’attentato di Ansbach e nel chiedere misure drastiche, soprattutto sull’immigrazione.

– La cancelliera è sconvolta per le violenze e viene continuamente aggiornata sugli sviluppi nella sua casa di vacanza nell’Uckermak – fa sapere la vice-portavoce Ulrike Demmer nella consueta conferenza stampa del governo del lunedì. Non c’è il portavoce ufficiale, Steffen Seibert.

La politica sarebbe in ferie, Angela Merkel resta nella sua casetta estiva, anche se a meno di 100 chilometri dalla capitale. Tre dei quattro atti della settimana di sangue – Wuerzburg, Reutlingen e Ansbach – hanno visto protagonisti dei profughi.

La politica sui migranti della cancelliera torna sul banco degli imputati, mentre emergono i buchi nei controlli durante il grande flusso dello scorso anno. Il ministro de Maizière invita più volte a non generalizzare sui rifugiati:

– La grande maggioranza dei profughi viene in Germania per vivere in pace

Poi rivela che sono solo 59 i richiedenti asilo indagati in Germania per sospetta appartenenza a organizzazioni terroristiche, a fronte di migliaia di persone che arrivano.

– E nella maggior parte dei casi, i sospetti non sono mai stati confermati dai fatti.

Ma secondo la polizia criminale tedesca (Bka) il numero dei rifugiati sospettati di far parte di organizzazioni terroristiche è in aumento: dall’inizio della crisi dei migranti le segnalazioni sono state 369, 60 hanno portato ad un’indagine e il trend è in crescita.

– Considerata l’ondata migratoria verso la Germania, dobbiamo assumere che nella massa ci siano anche membri attivi o in sonno – dicono gli investigatori della Bka – di organizzazioni terroristiche islamiche. Gli attentati di Parigi, del resto, ci hanno dimostrato che l’Isis usa anche i rifugiati per fare entrare i terroristi in Europa.

Dalla Baviera il ministro Hermann chiede misure drastiche a tutto campo: dare efficacia alle espulsioni, intensificare i controlli ai confini, impiegare l’esercito. E che a Monaco si respiri un’aria diversa rispetto a Berlino lo dimostra la proposta del sindaco Spd della città, Dieter Reiter, di vietare zaini e borse durante la prossima Oktoberfest:

– Credo che la gente lo comprenderebbe dopo quello che è successo.

(Pierluigi Mennitti/Ansa)

Ultima ora

18:20Manchester, ‘Abedi ha costruito bomba da solo’

(ANSA) - LONDRA, 25 MAG - Salman Abedi, l'attentatore di Manchester, avrebbe costruito da solo l'ordigno con cui si è fatto esplodere all'arena. Lo sostiene Sky News citando fonti vicine agli inquirenti secondo cui il giovane britannico potrebbe però aver ricevuto istruzioni su come realizzarla da altri. Intanto si è appreso che Abedi sarebbe volato a Manchester dall'aeroporto di Duesseldorf, ma secondo la polizia tedesca l'attentatore avrebbe soltanto fatto scalo nella città del Nordreno-Westfalia e avrebbe trascorso poco tempo nella zona di transito dell'aeroporto. Il kamikaze di Manchester sarebbe giunto in Germania dall'aeroporto Ataturk di Istanbul pochi giorni prima dell'attacco. Fonti della sicurezza di Ankara, citate da media locali, non precisano però se prima si trovasse in Turchia o abbia solo fatto scalo nella metropoli sul Bosforo.

18:13Cei: Bassetti, serve lavoro, non rubare speranza a giovani

(ANSA) - ROMA, 25 MAG - Il lavoro per i giovani, l'attenzione alle famiglie, la vicinanza agli ultimi. Il neo presidente Cei, il card. Gualtiero Bassetti, parla delle sue priorità. L'arcivescovo di Perugia che gira con la sua utilitaria per trovare la gente, il pastore che risponde alla crisi con gli Empori della solidarietà, il porporato che, come lui ha detto, si fa guidare "più dalle ragioni del cuore che da quelle dell'intelletto" - "mi sono definito un improvvisatore perché è il contrario di calcolatore" -, per prima cosa lancia "un grido forte" per i giovani. "Nessuno rubi la speranza ai giovani, quando manca il lavoro si toglie la dignità". Il cardinale ha risposto alle domande dei giornalistima si è anche lasciato ad una confidenza sulla sua elezione: "Ero partito confidando sulla mia giovane età...". Sulla politica: "La Chiesa fa riferimento a quella con la 'p' maiuscola". Glissa sul Family Day ("sono temi che affronteremo") ed esalta l'Amoris Laetitia di Papa Francesco: "è un capolavoro, non è opinabile, è magistero".

18:10Calcio: diritti tv, ok bando Serie A

(ANSA) - MILANO, 25 MAG - L'assemblea della Lega Serie A ha deliberato a maggioranza (13 club favorevoli su 20) l'approvazione del bando per la vendita dei diritti tv del campionato per il triennio 2018-2021. Sarà pubblicato domani e il giorno ultimo per le offerte "è fissato prima dell'apertura delle buste dell'asta per i diritti tv Uefa per la Champions", prevista dal 12 giugno, come ha spiegato il subcommissario di Lega, Paolo Nicoletti, senza scendere nei dettagli del bando: "E' una struttura interessante per il mercato".

18:09F1: Marchionne, per vincere Mondiale c’è da lavorare molto

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 25 MAG - Per vincere il Mondiale la Ferrari deve lavorare "molto: l'impegno è quello di sviluppare continuamente la macchina durante la stagione; ogni vettura, anche questa qui di Montecarlo ha dei cambiamenti importanti". Lo ha detto l'ad di Fca e presidente e ad della Ferrari, Sergio Marchionne, a Maranello per l'inaugurazione dei nuovi spazi del Museo Ferrari. Quanto al buon avvio nel Mondiale, con Vettel in testa alla classifica piloti con 104 punti e Raikkonen quarto con 49, ha argomentato, "lo sognavo, è arrivato. E' una squadra veramente brava - ha aggiunto riferendosi al team -: in scuderia finalmente abbiamo dei ragazzi che sono puntati nella direzione giusta, stanno lavorando bene, i piloti ci sono, la macchina c'è, quindi...". La Rossa, ora, è a somiglianza di Marchionne? "No - ha replicato Marchionne - è a somiglianza della Ferrari. Finalmente sta uscendo la vera scuderia. Oggi ha fatto bene, Sebastian è andato veramente bene, vediamo".

18:09Hamas proclama ‘Giornata di collera’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 25 MAG - Hamas ha indetto per domani in Cisgiordania una 'Giornata di collera' contro Israele in un gesto di sostegno con lo sciopero della fame ad oltranza intrapreso il 17 aprile scorso - su iniziativa del dirigente di al-Fatah Marwan Barghouti - da un migliaio di palestinesi reclusi in Israele per reati legati alla intifada. In un messaggio di incitamento alla protesta Hamas fa appello ai palestinesi della Cisgiordania a "scontrarsi con gli occupanti israeliani". Da parte sua il quotidiano israeliano Maariv ha appreso che dietro le quinte sono in corso tentativi per mettere fine alla protesta dei detenuti. Da parte palestinese, secondo il giornale, vi prendono parte il capo dell'Intelligence generale Zihad Hab-el-Rih (secondo la grafia ebraica, ndr) e Hussein a-Sheikh, ministro dell'Anp per le questioni civili. Anche lo Shin Bet (il servizio di sicurezza interna di Israele) è coinvolto in questi contatti, secondo i media, nel timore che la protesta dei detenuti dilaghi nei Territori.

18:08Trump, ‘punire i colpevoli di fuga notizie’

(ANSA) - WASHINGTON, 25 MAG - "Se necessario i colpevoli delle fughe di notizie dovranno essere perseguiti col massimo della pena": lo afferma il presidente americano Donald Trump in una nota. L'Amministrazione di Trump ha intenzione di "andare fino in fondo" sui leaks dell'intelligence americana sulle indagini per l'attentato di Manchester e ha ordinato un'indagine approfondita con l'intenzione di arrivare anche a un'incriminazione. I leaks, ha detto, rappresentano una minaccia. "Le presunte fughe di notizie dalle agenzie governative - afferma Trump - sono molto preoccupanti. Sono andate avanti per molto tempo e la mia amministrazione su questo andrà fino in fondo. La fuga di notizie di informazioni sensibili pone gravi minacce alla nostra sicurezza nazionale". Per questo - prosegue il presidente americano - "sto chiedendo al Dipartimento di giustizia e ad altre agenzie competenti di avviare un'indagine approfondita su questo problema e, se necessario, i colpevoli dovranno essere perseguiti col massimo della pena".

18:06Calcio: addio a Farina, al funerale tanti giovani arbitri

(ANSA) - GENOVA, 25 MAG - Sono stati i suoi allievi che hanno portato fuori il feretro dopo la cerimonia funebre. Quei ragazzi che ogni week end Stefano Farina portava sui campi della serie B: l'ex arbitro morto martedì dopo una lunga malattia era, infatti, il designatore dei fischietti del campionato cadetto. Così molti arbitri della Can B hanno voluto accompagnarlo fuori dalla chiesa per rendergli omaggio. Questa mattina oltre 2000 persone, tra cui i vertici dell'Aia con il presidente Marcello Nicchi in testa e molti dirigenti di società calcistiche si sono date appuntamento nella chiesa dell'Assunta a Ovada per l'ultimo saluto all'ex arbitro internazionale nato a Genova 54 anni fa. E' stato il vescovo di Ascoli Piceno e vecchio amico di Farina Giovanni D'Ercole, a celebrare la funzione raccontando dell'ultimo messaggio dell'amico che gli chiedeva "pregate per me". Farina lascia la moglie un figlio. Arbitro della Sezione di Novi Ligure dal dicembre del 1979, Farina aveva debuttato in Serie A nel gennaio del 1995 dirigendo complessivamente 236 gare della massima serie e 117 di Serie B. Nel curriculum dell'ex fischietto anche due finali di Supercoppa Italiana e la finale di Supercoppa Europea del 2006. Osservatore Uefa, Farina è stato rappresentante degli arbitri in attività e responsabile della Can D e della Can Pro. Dal 2014 era responsabile della Can B.

Archivio Ultima ora