Berlino invita alla cautela, Monaco chiede misure drastiche

Pubblicato il 25 luglio 2016 da ansa

Police officers operate on a scene following an explosion in Ansbach, Germany, 25 July 2016. EPA/DANIEL KARMANN

Police officers operate on a scene following an explosion in Ansbach, Germany, 25 July 2016. EPA/DANIEL KARMANN

BERLINO – Dopo quattro atti di violenza che in una settimana hanno insanguinato la Germania, nel Paese l’unità di intenti delle forze politiche è messa a dura prova. In particolare quella dei due partiti gemelli conservatori della coalizione di governo.

Dietro i toni differenti usati per valutare l’attentato di Ansbach dai due uomini d’ordine di Cdu e Csu – i ministri dell’Interno del governo federale Thomas de Maizière e di quello bavarese Joachim Hermann – si riaccende la polemica che per un anno ha diviso Berlino e Monaco.

Da un lato, il governo federale cerca di mostrare nervi saldi e mette in guardia dal “generalizzare i sospetti sui rifugiati”. Dall’altro, l’esecutivo bavarese è assai meno prudente nell’attribuire da subito la matrice islamica all’attentato di Ansbach e nel chiedere misure drastiche, soprattutto sull’immigrazione.

– La cancelliera è sconvolta per le violenze e viene continuamente aggiornata sugli sviluppi nella sua casa di vacanza nell’Uckermak – fa sapere la vice-portavoce Ulrike Demmer nella consueta conferenza stampa del governo del lunedì. Non c’è il portavoce ufficiale, Steffen Seibert.

La politica sarebbe in ferie, Angela Merkel resta nella sua casetta estiva, anche se a meno di 100 chilometri dalla capitale. Tre dei quattro atti della settimana di sangue – Wuerzburg, Reutlingen e Ansbach – hanno visto protagonisti dei profughi.

La politica sui migranti della cancelliera torna sul banco degli imputati, mentre emergono i buchi nei controlli durante il grande flusso dello scorso anno. Il ministro de Maizière invita più volte a non generalizzare sui rifugiati:

– La grande maggioranza dei profughi viene in Germania per vivere in pace

Poi rivela che sono solo 59 i richiedenti asilo indagati in Germania per sospetta appartenenza a organizzazioni terroristiche, a fronte di migliaia di persone che arrivano.

– E nella maggior parte dei casi, i sospetti non sono mai stati confermati dai fatti.

Ma secondo la polizia criminale tedesca (Bka) il numero dei rifugiati sospettati di far parte di organizzazioni terroristiche è in aumento: dall’inizio della crisi dei migranti le segnalazioni sono state 369, 60 hanno portato ad un’indagine e il trend è in crescita.

– Considerata l’ondata migratoria verso la Germania, dobbiamo assumere che nella massa ci siano anche membri attivi o in sonno – dicono gli investigatori della Bka – di organizzazioni terroristiche islamiche. Gli attentati di Parigi, del resto, ci hanno dimostrato che l’Isis usa anche i rifugiati per fare entrare i terroristi in Europa.

Dalla Baviera il ministro Hermann chiede misure drastiche a tutto campo: dare efficacia alle espulsioni, intensificare i controlli ai confini, impiegare l’esercito. E che a Monaco si respiri un’aria diversa rispetto a Berlino lo dimostra la proposta del sindaco Spd della città, Dieter Reiter, di vietare zaini e borse durante la prossima Oktoberfest:

– Credo che la gente lo comprenderebbe dopo quello che è successo.

(Pierluigi Mennitti/Ansa)

Ultima ora

18:13Elezioni: Katainen, spero in governo stabile filo Europa

(ANSA) - STRASBURGO, 16 GEN - "Vorrei evitare di interferire nella campagna elettorale italiana. E' una situazione molto delicata. Spero che l'Italia sia guidata da un governo stabile pro-europeo, e che questo tipo di idee siano sostenute dalla maggioranza degli italiani". Lo ha detto il commissario per il lavoro Jyrki Katainen rispondendo alle domande dei giornalisti sulle prossime elezioni in Italia oggi a Strasburgo. "Spetta agli italiani decidere che direzione prendere", ha aggiunto.

18:13Abusa di studentessa minorenne, arrestato

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Per due mesi ha abusato di una sua studentessa minorenne. Per questo oggi è stato arrestato dalla polizia un insegnante romano di 53 anni, in seguito alla denuncia dei genitori della ragazza. Dopo aver intercettato alcuni messaggi sul telefono della giovane, i due - insospettiti dallo strano comportamento a scuola e nei loro confronti - sono riusciti a scoprire che da due mesi loro figlia era vittima di abusi sessuali. Teatro della violenza un'aula dove il professore teneva lezioni private. A mettere fine agli abusi, gli agenti del commissariato Viminale, diretto da Giovanna Petrocca, che raccolta la denuncia di uno dei genitori hanno avviato le indagini insieme con la Procura di Roma. Su delega del sostituto procuratore Stefano Pizza, la giovane è stata ascoltata presso i locali della Procura, in audizione protetta.

18:11Calcio: Interr Ausilio a Barcellona per trattare Rafinha

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - Dopo l'arrivo in nerazzurro del difensore Lisandro Lopez, l'Inter lavora per rinforzare anche il centrocampo. Il direttore sportivo Piero Ausilio, in queste ore, è a colloquio col Barcellona per trattare il trasferimento di Rafinha. La formula sarebbe il prestito con diritto di riscatto e i due club stanno lavorando proprio per trovare un accordo sulla cifra dell'opzione per l'eventuale acquisizione a titolo definitivo a giugno. Il brasiliano, che non gioca dall'aprile 2017 per un infortunio al menisco, sarebbe deciso a vestire la maglia nerazzurra. In caso di fumata bianca, sarebbe il secondo rinforzo per l'Inter nel mercato di gennaio dopo Lisandro Lopez che ieri ha firmato il contratto e svolto il primo allenamento con i nuovi compagni di squadra. Il difensore argentino sarà presentato ai tifosi con una diretta social, come avvenuto anche con gli ultimi acquisti del club nerazzurro, probabilmente nella giornata di giovedì.

18:10Timmermans a Fontana, vero pericolo è esclusione altri

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Dobbiamo proteggere i valori che condividiamo da europei: siamo tutti uguali, non dipende dalla razza o dalla religione. Credo che il pericolo per l'Europa non venga da altri paesi o altre religioni, ma dalla paura che ispira troppo spesso l'esclusione degli altri". Così il vicepresidente della Commissione Ue Frans Timmermans, oggi a Strasburgo commenta le dichiarazioni del leghista Fontana sui migranti.

18:05Moscovici: Di Maio, si confronti con me, spiace ingerenza

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Chiedo un confronto pubblico a Moscovici, in quanto noi pensiamo che la ricetta di stare nei parametri non abbia funzionato, ma io non penso che debba aumentare il debito pubblico. Noi vogliamo fare investimenti in deficit ad alto moltiplicatore per ripagare il debito e, tra l'altro, Moscovici viene da una nazione che ha sforato il 3% per anni". Lo afferma il candidato premier M5S Luigi Di Maio a CorriereLive sottolineando come dall'Ue arrivi "un'ingerenza che un po' dispiace. E' successo sul referendum e non ha portato neanche bene".

18:04Calcio: Zamparini, anche il Napoli voleva Dybala

(ANSA) - PALERMO, 16 GEN - "Anche il Napoli voleva Dybala. I partenopei mi offrirono Jorginho più un'importante contropartita economica, 30 milioni circa. Ci stavo pensando ma la Juve è stata più brava e rapida a chiudere".Così il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, a Radio Kiss Kiss. "Per Dybala quella di Napoli sarebbe stata la piazza perfetta. Torino non lo è anche perché è difficile che alla Juventus un calciatore diventi un idolo".E sulla lotta scudetto, Zamparini ha detto: "Prego per il Napoli, è arrivato il momento che la Juventus finisca di vincere. Gli azzurri però non devono avere l'ansia di dover vincere sempre". Una battuta anche sulle vicende politiche del calcio italiano. "Chi andrà a capo della Federcalcio - ha spiegato - non potrà cambiare nulla. Il nostro Paese è così, chi occupa la sedia vuole farlo sino alla morte Siamo un Paese senza cultura del calcio, i miglioramenti si fanno solo negli interessi dei grandi club e non abbiamo neanche l'umiltà di imparare da quelli che sono più avanti di noi".

18:01Lazio: Meloni, candidato?Stiamo lavorando,soluzione ad horas

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ve la regaleremo nelle prossime ore. Stiamo lavorando molto con grande pazienza per avere l'unità della coalizione che per noi è la questione più importante di tutte perché per vincere c'è bisogno di questa unità". Così la leader Fdi Giorgia Meloni a Rtl 102.5.

Archivio Ultima ora