Rio: esclusi almeno 90 atleti, ma la Russia punta a un team di 200

Pubblicato il 27 luglio 2016 da ansa

Tatiana Kashirina of Russia competes in the women's 75 kg category final at the Weightlifting European Championships in Tel Aviv, Israel, 12 April 2014.  EPA/JIM HOLLANDER

Tatiana Kashirina of Russia competes in the women’s 75 kg category final at the Weightlifting European Championships in Tel Aviv, Israel, 12 April 2014. EPA/JIM HOLLANDER

LONDRA – A dieci giorni dall’inizio di Rio 2016 sono almeno 90 (di cui 67 dell’atletica leggera) i russi che dovranno rinunciare al sogno olimpico. Il loro numero sembra però destinato ad aumentare, e secondo il Telegraph lo scandalo doping di Stato potrebbe far cadere gli sportivi russi come birilli, al punto che alla fine in Brasile andranno appena una quarantina dei 387 atleti della squadra olimpica russa.

A Mosca e dintorni, la previsione del giornale britannico ha destato scalpore e persino rabbia, e se il presidente del Comitato olimpico russo Aleksandr Zhukov si è affrettato a dichiarare che si tratta di una notizia inverosimile, il capo della Federazione russa di canottaggio, Veniamin But, ha assicurato che “nel peggiore dei casi” a Rio gareggeranno almeno 200 russi. Intanto però la voragine sportiva si allarga.

La Federazione internazionale di canoa ha annunciato l’esclusione dai Giochi di cinque atleti russi menzionati nel rapporto Wada sul doping di Stato, e tra loro c’è anche Aleksandr Dyachenko, oro nel K2 200 metri quattro anni fa. Nella ‘lista nera’ sono finiti pure la campionessa di nuoto Yulia Yefimova, perché positiva a un test antidoping nel 2013, e altri sei nuotatori.

E poi ancora Tatiana Kashirina, argento a Londra nel sollevamento pesi, la ciclista Olga Zabelinskaia, due volte bronzo olimpico, e il due volte campione del mondo di lotta libera Viktor Lebedev, incappato nelle maglie dell’antidoping dieci anni fa.

Domenica scorsa infatti il Cio ha rimesso alle singole federazioni la decisione di escludere o meno la Russia dalle gare dei Giochi di loro competenza. Per i russi il Comitato olimpico internazionale ha però alzato un po’ l’asticella da superare per andare a Rio: innanzitutto i loro test antidoping saranno riesaminati, e poi tutti gli atleti russi che in passato hanno avuto problemi con sostanze proibite dovranno dire addio alle Olimpiadi, anche se hanno già scontato la squalifica.

Per la Russia di Putin, che fa anche dello sport uno strumento di propaganda, si tratta di una bella batosta. Vedremo quanto forte. Il leader del Cremlino ne ha persino discusso con il Consiglio di sicurezza, e questo fa capire quanto a Mosca siano in apprensione per la questione olimpica.

La Russia comunque ai Giochi ci sarà, e il fatto che il Cio abbia deciso di non chiuderle completamente le porte di Rio 2016 è già una mezza vittoria per Mosca. Alcune federazioni internazionali hanno già confermato la partecipazione di atleti russi: il disco verde è per esempio arrivato dal tiro e dal judo (della cui federazione Putin è presidente onorario), e si attendono dal badminton, dal tiro con l’arco e dall’equitazione.

Sono invece a rischio i russi del sollevamento pesi e del canottaggio. Le cose insomma potevano andare peggio. All’antivigilia del verdetto Cio, Mosca aveva annullato la cerimonia di partenza della squadra olimpica russa, domani invece Putin stringerà la mano ai suoi atleti diretti a Rio.

Ultima ora

21:52Gentiloni, più partecipazione se non sarà fiera odio

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - C'è il rischio astensionismo? "Un po' dipende anche da noi: partecipare è importante sempre, questa volta lo è particolarmente, perché si decide a chi affidare il governo mentre stiamo uscendo dalla crisi. Ma se facciamo una campagna elettorale che è una fiera dell'odio, delle proposte" non credibili "e delle paure è difficile avere partecipazione, facciamo una campagna elettorale credibile". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al Tg5.

21:27Morto Michele Gesualdi, fece appello per legge biotestamento

(ANSA) - FIRENZE, 18 GEN - E' morto oggi Michele Gesualdi, 75 anni, l'ex presidente della Provincia di Firenze che fu anche uno degli allievi di don Milani, da tempo malato di Sla. Nei mesi scorsi aveva fatto un appello a favore del testamento biologico, scrivendo una lettera ai presidenti di Camera e Senato perché la legge fosse approvata rapidamente: "Sarebbe un atto di rispetto e di civiltà che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie", rilevava nella sua lettera. "Ricordo Michele Gesualdi con affetto e commozione. Ricordo l'esuberanza e la sua passione. Sono vicino alla sua famiglia", le parole di Matteo Renzi. "Era uno dei ragazzi di Don Milani. Come ultimo gesto ha lasciato al Paese un grande contributo di civiltà sul fine vita con la sua testimonianza personale. A lui va la gratitudine mia e della comunità per ciò che ha fatto per #Firenze e per le istituzioni. Addio #MicheleGedualdi" scrive il sindaco Dario Nardella su twitter.

21:24Figc: Carraro, società fanno male a disinteressarsi

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - "Le società di serie A fanno malissimo a non occuparsi della Lega, non nominando i propri organi, e a non occuparsi della Federazione". Così Franco Carraro, ex presidente della Figc, ha parlato della situazione di stallo del calcio italiano, a margine della presentazione a Milano del suo libro, 'Mai dopo le 23. Le molte vite di un riformista'. "La tradizione dice che chi dirige il calcio italiano deve conoscere bene il calcio professionistico e avere esperienza", ha aggiunto. Ai giornalisti che gli hanno chiesto cosa pensa della candidatura di Damiano Tommasi alla presidenza della Figc ha risposto: "Io non mi esprimo sui candidati. Il calcio ha una serie di componenti e sono tutte importanti. Scelgano tra loro ma devono trovare un minimo comune denominatore - ha continuato -, ma mi sembra che da un po' di tempo a questa parte ci sia disinteresse verso l'interesse generale". "Poi - ha concluso - bisogna studiare come migliorare la situazione organizzativa e tecnica del calcio italiano".

21:21Gb: zoo di Londra ‘battezza’ okapi in omaggio a Meghan

(ANSA) - LONDRA, 18 GEN - Lo zoo di Londra rende omaggio a modo suo a Meghan Markle, l'attrice americana che il 19 maggio prossimo sposerà il principe Harry a Windsor: 'battezzando' con il suo nome, Meghan, un esemplare cucciolo di okapi nato di recente in cattività. "E' una grande opportunità anche per attirare l'attenzione sulle okapi, una specie in estremo pericolo di estinzione", ha sottolineato Gemma Metcalf, un'addetta dello zoo che ha seguito le fasi della nascita di 'Meghan' e che la sta ora assistendo assieme alla madre Oni. L'okapi è un animale africano che ha il suo habitat naturale nella martoriata Repubblica Democratica del Congo. Assomiglia a una zebra, ma é imparentata con le giraffe.

21:17Pena morte: il boia tornerà in azione in Texas dopo un anno

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - La mano del boia torna in azione in Texas dopo un anno. A essere giustiziato oggi sarà Anthony Shore, 55 anni, detto 'Tourniquet Killer' (killer del laccio emostatico), serial killer e stupratore anche di minorenni reo confesso. L'uomo commise i suoi crimini tra gli anni '80 e '90 ma fu arrestato solo nel 2003, incastrato dal suo Dna trovato su una delle vittime. Shore stuprò e uccise ragazzine dai 9 ai 14 anni di età e una 21enne, in totale cinque persone. Shore è il primo a essere giustiziato da quando un anno fa si è insediato il nuovo procuratore della contea di Harris, la democratica Kim Ogg. Un precedente che non si verificava da oltre 30 anni. La Ogg non crede nella pena di morte come deterrente per i crimini, tuttavia nel caso di Shore ritiene sia la cosa giusta.

21:12Incidente Milano: morto anche il quarto operaio

(ANSA) - MILANO, 18 GEN - E' terminato il periodo di accertamento della morte cerebrale per Giancarlo Barbieri, 62 anni, uno degli operai coinvolti nell'incidente alla Lamina avvenuto martedì, che ha provocato la morte di altre tre persone, compreso suo fratello Arrigo. I medici dell'ospedale San Raffaele hanno quindi decretato la morte dell'uomo anche dal punto di vista legale.

21:11Francia: oltre 100 detenuti rifiutano di rientrare in cella

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Ancora tensioni nelle carceri francesi. 123 detenuti di Fleury-Mérogis, il mega-carcere a sud di Parigi, rifiutano di rientrare nelle loro celle: è quanto riferisce Bfm-Tv, precisando che un intervento della polizia in corso. Il penitenziario di Fleury Mérogiis è tra i più grandi d'Europa. Qui è incarcerato in condizioni di massima sicurezza anche l'unico superstite del commando che perpetrò gli attentati parigini del 13 novembre, Salah Abdeslam.

Archivio Ultima ora