Hillary fa storia: prima donna candidata alla Casa Bianca

Pubblicato il 27 luglio 2016 da redazione

Mariza Bafile

Nella storia, dalla porta grande. Hillary Clinton vi è entrata di diritto. E’ la prima donna candidata alla presidenza della Repubblica degli Stati Uniti. L’ha incoronata la “convention” di Philadelphia. Anzi, l’ha fatto lo stesso agguerrito senatore “socialista”, Bernie Sanders, sconfitto alle primarie, quando il suo stato, il Vermont, è stato chiamato a pronunciarsi.

Rompendo il protocollo, ha preso il microfono e ha chiestoall’assemblea di acclamare,all’unanimità, Hillary candidata dei democratici. Un “fair-play” che ha sorpreso, dopo una campagna elettorale combattuta fino all’ultimo delegato. Così il partito democratico si è mostrato finalmente unito, compatto senza crepe né rancori. Anche Hillary Clinton, otto anni fa, fece lo stesso, quando si schierò apertamente al fianco di Obama nella “convention”, una volta metabolizzata la sconfitta.

La grande assemblea democratica si era aperta tra polemiche e proteste. Polemiche per le oltre 20mila mail rese note da Wikileakse dalle quali emergono dettagli scomodi su quanto avrebbero fatto i vertici del partito Democratico, dietro le quinte, per favorire la candidatura di Clinton.

La reazione irata di Sanders, che si è visto pregiudicato da un atteggiamento poco etico, ha portato inevitabilmente alle dimissioni di Debbie Wasserman Schultz, presidente della Dnc (Democratic National Comitee). E alle proteste dei “sanderisti” che hanno manifestato il proprio dissenso e anche tentato un “occupy” della sala stampa del Wells Fargo Center di Philadelphia sulle note di “We shall over come”. Lo stesso Sanders è dovuto intervenire per controllare il suo “popolo”.

Hillary Clinton, quindi, acclamata ma anche contestata; una candidata alla quale comunque i “fans” di Sanders, arrivati da ogni parte dell’America non faranno mancare il proprio sostegno. Clinton, ora, avrà alcuni mesi per convincere l’elettorato indeciso, i pochi “radicali” democratici e, soprattutto, l’ala moderata dei repubblicani che reputa Donald Trump un pericolo per il Paese e una catastrofe per il partito.

La candidata democratica, partita in questa contesa elettorale da gran favorita, ora dovrà risalire la china e ridurre il vantaggio di cui godrebbe, secondo alcuni sondaggi, il Tycoon newyorchese. Non dovrebbe esserle difficile, una volta calmate le acque in casa propria. Ora anche Sanders si prodigherà affinché vinca la sua ex avversaria.

D’altronde, l’ex First lady, per i progressisti americani, rappresenta l’unica carta disponibile, di fronte al discorso aggressivo, xenofobo, reazionario del magnate del mattone. E il sostegno offerto dai big di Hollywood certamente lavorerà a suo favore.

Dopo il discorso di Sanders e di Michelle Obama, ieri è toccato all’ex presidente Bill Clinton. Per lui è stato forse il discorso più difficile da affrontare perché ha parlato da padre e marito e non soltanto da politico, ha rivelato storie intime e ha presentato al pubblico l’immagine “privata” di Hillary.

Clinton, che prossimamente potrebbe tornare alla Casa Bianca ma non in veste di “Commander in Chief” della nazione più potente del mondo, ha impostato il suo discorso su come conobbe e conquistò Hillary, ponendo particolare enfasi sulle sue qualità umane e sulla sua personalità: sulla donna impegnata nella difesa dei diritti umani, dei bambini,degli immigrati e dei disabili.

E mentre ora si attende il discorso della candidata democratica, Donald Trump, nel tentativo di distrarre l’attenzione degli americani dalla “convention” democratica si è gettato a capofitto in una serie di dichiarazioni che hanno gelato il mondo politico.

Infatti, ha assicurato che da presidente ordinerà controlli stringenti sui francesi e i tedeschi che vorranno entrare nel paese. Ritiene che Francia e Germania, con le loro politiche di tolleranza verso l’immigrazione musulmana, sono oggi un covo di terroristi.

– E’ colpa loro – ha affermato categorico -. E sapete perché… perché hanno permesso alla gente di entrare nel loro territorio.

Ma non è tutto. Ha sorpreso anche nell’affermare che gli Stati Uniti usciranno dal Wto, dal Nafta e dal recentemente firmato Trans Pacific Partnership.

– Rinegozieremo gli accordi o usciremo – ha detto il Tycoon -. Questi accordi commerciali sono un disastro – ha aggiunto -. Il wto è un disastro.

Secondo Trump, poi, le aziende americane che delocalizzano all’estero dovrebbero pagare una tassa sui beni supplementari che reintroducono nel mercato. Non sono mancate bordate contro l’Unione Europea considerata dal candidato repubblicano una “specie di alleanza per competere con gli Stati uniti”.

Ultima ora

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

Archivio Ultima ora