Hillary fa storia: prima donna candidata alla Casa Bianca

Pubblicato il 27 luglio 2016 da redazione

Mariza Bafile

Nella storia, dalla porta grande. Hillary Clinton vi è entrata di diritto. E’ la prima donna candidata alla presidenza della Repubblica degli Stati Uniti. L’ha incoronata la “convention” di Philadelphia. Anzi, l’ha fatto lo stesso agguerrito senatore “socialista”, Bernie Sanders, sconfitto alle primarie, quando il suo stato, il Vermont, è stato chiamato a pronunciarsi.

Rompendo il protocollo, ha preso il microfono e ha chiestoall’assemblea di acclamare,all’unanimità, Hillary candidata dei democratici. Un “fair-play” che ha sorpreso, dopo una campagna elettorale combattuta fino all’ultimo delegato. Così il partito democratico si è mostrato finalmente unito, compatto senza crepe né rancori. Anche Hillary Clinton, otto anni fa, fece lo stesso, quando si schierò apertamente al fianco di Obama nella “convention”, una volta metabolizzata la sconfitta.

La grande assemblea democratica si era aperta tra polemiche e proteste. Polemiche per le oltre 20mila mail rese note da Wikileakse dalle quali emergono dettagli scomodi su quanto avrebbero fatto i vertici del partito Democratico, dietro le quinte, per favorire la candidatura di Clinton.

La reazione irata di Sanders, che si è visto pregiudicato da un atteggiamento poco etico, ha portato inevitabilmente alle dimissioni di Debbie Wasserman Schultz, presidente della Dnc (Democratic National Comitee). E alle proteste dei “sanderisti” che hanno manifestato il proprio dissenso e anche tentato un “occupy” della sala stampa del Wells Fargo Center di Philadelphia sulle note di “We shall over come”. Lo stesso Sanders è dovuto intervenire per controllare il suo “popolo”.

Hillary Clinton, quindi, acclamata ma anche contestata; una candidata alla quale comunque i “fans” di Sanders, arrivati da ogni parte dell’America non faranno mancare il proprio sostegno. Clinton, ora, avrà alcuni mesi per convincere l’elettorato indeciso, i pochi “radicali” democratici e, soprattutto, l’ala moderata dei repubblicani che reputa Donald Trump un pericolo per il Paese e una catastrofe per il partito.

La candidata democratica, partita in questa contesa elettorale da gran favorita, ora dovrà risalire la china e ridurre il vantaggio di cui godrebbe, secondo alcuni sondaggi, il Tycoon newyorchese. Non dovrebbe esserle difficile, una volta calmate le acque in casa propria. Ora anche Sanders si prodigherà affinché vinca la sua ex avversaria.

D’altronde, l’ex First lady, per i progressisti americani, rappresenta l’unica carta disponibile, di fronte al discorso aggressivo, xenofobo, reazionario del magnate del mattone. E il sostegno offerto dai big di Hollywood certamente lavorerà a suo favore.

Dopo il discorso di Sanders e di Michelle Obama, ieri è toccato all’ex presidente Bill Clinton. Per lui è stato forse il discorso più difficile da affrontare perché ha parlato da padre e marito e non soltanto da politico, ha rivelato storie intime e ha presentato al pubblico l’immagine “privata” di Hillary.

Clinton, che prossimamente potrebbe tornare alla Casa Bianca ma non in veste di “Commander in Chief” della nazione più potente del mondo, ha impostato il suo discorso su come conobbe e conquistò Hillary, ponendo particolare enfasi sulle sue qualità umane e sulla sua personalità: sulla donna impegnata nella difesa dei diritti umani, dei bambini,degli immigrati e dei disabili.

E mentre ora si attende il discorso della candidata democratica, Donald Trump, nel tentativo di distrarre l’attenzione degli americani dalla “convention” democratica si è gettato a capofitto in una serie di dichiarazioni che hanno gelato il mondo politico.

Infatti, ha assicurato che da presidente ordinerà controlli stringenti sui francesi e i tedeschi che vorranno entrare nel paese. Ritiene che Francia e Germania, con le loro politiche di tolleranza verso l’immigrazione musulmana, sono oggi un covo di terroristi.

– E’ colpa loro – ha affermato categorico -. E sapete perché… perché hanno permesso alla gente di entrare nel loro territorio.

Ma non è tutto. Ha sorpreso anche nell’affermare che gli Stati Uniti usciranno dal Wto, dal Nafta e dal recentemente firmato Trans Pacific Partnership.

– Rinegozieremo gli accordi o usciremo – ha detto il Tycoon -. Questi accordi commerciali sono un disastro – ha aggiunto -. Il wto è un disastro.

Secondo Trump, poi, le aziende americane che delocalizzano all’estero dovrebbero pagare una tassa sui beni supplementari che reintroducono nel mercato. Non sono mancate bordate contro l’Unione Europea considerata dal candidato repubblicano una “specie di alleanza per competere con gli Stati uniti”.

Ultima ora

16:20Sicurezza: Gabrielli, noi stufi fare ‘foglie fico’

(ANSA) - VERCELLI, 18 GEN - "Nel momento in cui avvengono fatti gravi, il magistrato va a cercare una posizione di garanzia, e molto spesso il questore è il soggetto a cui riferire le responsabilità. Torino docet. Quindi noi abbiamo detto basta, siamo stanchi di fare le foglie di fico rispetto a responsabilità che non sono le nostre". Così il capo della Polizia Franco Gabrielli a Torino rispondendo ad alcune domande sulla circolare per la gestione delle manifestazioni pubbliche che stabilisce precise responsabilità su safety e security. "Il fatto che oggi qualcuno non faccia gli eventi perché non ha i soldi, mi fa sorgere il fondato sospetto che prima si facevano le cose così, perché si è sempre fatto", aggiunge Gabrielli, ricordando che "più che la famigerata circolare Gabrielli esiste un secondo comma dell'articolo 40 del codice penale, secondo il quale chi ha l'obbligo giuridico di impedire che avvenga un tragico fatto, e non lo impedisce, equivale a cagionarlo: e quello è il fondamento del reato colposo".(ANSA).

16:16Calcio: Rosetti,al momento challenge allenatori non previsto

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - "Se è prevista in futuro la chiamata della Var da parte degli allenatori? Il Var è un protocollo internazionale Ifab ed è questo che determina la stesura delle regole. In questo momento il challenge non è previsto". Lo dice il responsabile Var in Italia, Roberto Rosetti, a margine di un convegno Ussi a Roma. "A fine stagione - ha specificato Rosetti - faremo una relazione e anche delle proposte. Ma in questo momento dobbiamo lavorare sulle regole. Se mi piace come idea? A me piacciono tante idee...". "Spiegare in diretta al pubblico le decisioni? State correndo troppo - conclude l'ex fischietto internazionale - Anche in questo caso non è previsto come non sono previste le immagini sul maxischermo".

16:15Cadavere uomo in giardino, droga tra ipotesi decesso

(ANSA) - CAMAIORE (LUCCA), 18 GEN - Non si esclude un malore dovuto all'assunzione di droga e al freddo della scorsa notte, come causa del decesso dell'uomo, identificato poi come un tunisino di 43 anni, rinvenuto privo di vita stamani nel cortile di una villa in ristrutturazione in Versilia, a Camaiore (Lucca). E' quanto emerge dagli investigatori. Le indagini sono seguite dai carabinieri. Sarà comunque l'autopsia, affidata al medico legale Stefano Pierotti, a chiarire le cause del decesso. Secondo quanto ricostruito, il nordafricano, già noto alle forze dell'ordine, viveva in una casa poco distante dalla villa, abitazione che aveva ricevuto in eredità da un italiano, deceduto anni fa. L'uomo è stato rinvenuto nudo nel giardino: gli abiti sono stati trovati, a terra, poco lontano.(ANSA). Ad accorgersi del corpo senza vita alcuni passanti che hanno immediatamente allertato i soccorsi.

16:13Obitorio ospedale troppo piccolo,bare con salme in corridoio

(ANSA) - SERRA SAN BRUNO (VIBO VALENTIA), 18 GEN - Lamentele e proteste nell'ospedale di Serra San Bruno per l'impossibilità di collocare le salme di persone decedute nell'obitorio del nosocomio per mancanza di spazi. La direzione dell'ospedale si é vista costretta a fare collocare in un corridoio due bare con le salme, suscitando le proteste dei parenti dei defunti. Nel corridoio in cui sono state collocate le salme, tra l'altro, si é determinato un sovraffollamento per la presenza dei parenti delle persone decedute. Una situazione difficile da gestire per i responsabili dell'ospedale, che già in passato avevano dovuto fare fronte a difficoltà dello stesso tipo. La Direzione sanitaria dell'ospedale ha reso noto, con un comunicato, di avere "ulteriormente sollecitato all'Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la soluzione del problema", chiedendo l'ampliamento della sala mortuaria. (ANSA).

16:04Catalogna: Puigdemont chiede voto delegato in Parlament

(ANSA) - MADRID, 18 GEN - Il presidente catalano uscente Carles Puigdemont, e gli altri neo deputati della lista JxCat in esilio a Bruxelles Clara Ponsati e Lluis Puig hanno chiesto oggi alla nuova presidenza del Parlament di poter delegare il voto. Nella seduta costitutiva ieri è stata accolta la richiesta di voto delegato dei tre deputati in carcere a Madrid Oriol Junuqeras, Jordi Sanchez e Joaquim Forn. Il governo di Madrid ha però annunciato che farà ricorso alla Corte costituzionale se a Puigdemont sarà consentito votare dall'esilio belga.

16:04Sci: Marsaglia il migliore in prova discesa Kitzbuehel

(ANSA) - KITZBUEHEL (AUSTRIA), 18 GEN - L'azzurro Matteo Marsaglia è stato il più veloce nelle prove della discesa libera di coppa del mondo in programma sabato prossimo a Kitzbuehel, disputate su un tracciato ridotto, sulla parte alta della pista, per salvaguardare il fondo nella parte finale date le condizioni meteo non buone. Marsaglia ha fermato il cronometro sull'1'24''73, solo un centesimo più veloce del francese Brice Roger. Poco più distante si è piazzato l'austriaco Vincent Krieschmayr. Appena fuori dalla top ten si sono classificati quattro italiani: Dominik Paris 13/o, Peter Fill 14/o, Mattia Casse 16/o e Werner Hell 18/o. Molto più distanti Christof Innerhofer ed Emanuele Buzzi, che hanno preferito provare le linee da utilizzare in gara.

15:36Tennis: Australia, Struff ko, tutto facile per Federer

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - Terzo turno degli Open d'Australia centrato facilmente per Roger Federer. Lo svizzero n.2 al mondo e campione in carica allo slam in corso a Melbourne ha superato in tre set con il punteggio di 6-4 6-4 7-6(4) il tedesco Jan-Lennard Struff, numero 55 Atp e al prossimo turno incontrerà il francese Richard Gasquet, numero 31 del ranking. Impresa di Fabio Fognini agli Australian open, che rimonta e batte il russo Evgeny Donskoy e vola al terzo turno. Fognini raggiunge l'altro italiano Andreas Seppi già qualificato. Lorenzo Sonego, invece, non ce l'ha fatta. Troppo forte per lui, rivelazione di questi Australian Open, la racchetta del francese Richard Gasquet. L'azzurro ha dovuto così interrompere i suoi sogni di gloria al secondo turno del torneo di Melbourne dopo aver superato di slancio la prima prova.Lorenzo Sonego non ce l'ha fatta. Sonego è stato sconfitto con il punteggio di 6-2 6-2 6-3 che lascia poco spazio all'immaginazione.

Archivio Ultima ora