Hillary fa storia: prima donna candidata alla Casa Bianca

Pubblicato il 27 luglio 2016 da redazione

Mariza Bafile

Nella storia, dalla porta grande. Hillary Clinton vi è entrata di diritto. E’ la prima donna candidata alla presidenza della Repubblica degli Stati Uniti. L’ha incoronata la “convention” di Philadelphia. Anzi, l’ha fatto lo stesso agguerrito senatore “socialista”, Bernie Sanders, sconfitto alle primarie, quando il suo stato, il Vermont, è stato chiamato a pronunciarsi.

Rompendo il protocollo, ha preso il microfono e ha chiestoall’assemblea di acclamare,all’unanimità, Hillary candidata dei democratici. Un “fair-play” che ha sorpreso, dopo una campagna elettorale combattuta fino all’ultimo delegato. Così il partito democratico si è mostrato finalmente unito, compatto senza crepe né rancori. Anche Hillary Clinton, otto anni fa, fece lo stesso, quando si schierò apertamente al fianco di Obama nella “convention”, una volta metabolizzata la sconfitta.

La grande assemblea democratica si era aperta tra polemiche e proteste. Polemiche per le oltre 20mila mail rese note da Wikileakse dalle quali emergono dettagli scomodi su quanto avrebbero fatto i vertici del partito Democratico, dietro le quinte, per favorire la candidatura di Clinton.

La reazione irata di Sanders, che si è visto pregiudicato da un atteggiamento poco etico, ha portato inevitabilmente alle dimissioni di Debbie Wasserman Schultz, presidente della Dnc (Democratic National Comitee). E alle proteste dei “sanderisti” che hanno manifestato il proprio dissenso e anche tentato un “occupy” della sala stampa del Wells Fargo Center di Philadelphia sulle note di “We shall over come”. Lo stesso Sanders è dovuto intervenire per controllare il suo “popolo”.

Hillary Clinton, quindi, acclamata ma anche contestata; una candidata alla quale comunque i “fans” di Sanders, arrivati da ogni parte dell’America non faranno mancare il proprio sostegno. Clinton, ora, avrà alcuni mesi per convincere l’elettorato indeciso, i pochi “radicali” democratici e, soprattutto, l’ala moderata dei repubblicani che reputa Donald Trump un pericolo per il Paese e una catastrofe per il partito.

La candidata democratica, partita in questa contesa elettorale da gran favorita, ora dovrà risalire la china e ridurre il vantaggio di cui godrebbe, secondo alcuni sondaggi, il Tycoon newyorchese. Non dovrebbe esserle difficile, una volta calmate le acque in casa propria. Ora anche Sanders si prodigherà affinché vinca la sua ex avversaria.

D’altronde, l’ex First lady, per i progressisti americani, rappresenta l’unica carta disponibile, di fronte al discorso aggressivo, xenofobo, reazionario del magnate del mattone. E il sostegno offerto dai big di Hollywood certamente lavorerà a suo favore.

Dopo il discorso di Sanders e di Michelle Obama, ieri è toccato all’ex presidente Bill Clinton. Per lui è stato forse il discorso più difficile da affrontare perché ha parlato da padre e marito e non soltanto da politico, ha rivelato storie intime e ha presentato al pubblico l’immagine “privata” di Hillary.

Clinton, che prossimamente potrebbe tornare alla Casa Bianca ma non in veste di “Commander in Chief” della nazione più potente del mondo, ha impostato il suo discorso su come conobbe e conquistò Hillary, ponendo particolare enfasi sulle sue qualità umane e sulla sua personalità: sulla donna impegnata nella difesa dei diritti umani, dei bambini,degli immigrati e dei disabili.

E mentre ora si attende il discorso della candidata democratica, Donald Trump, nel tentativo di distrarre l’attenzione degli americani dalla “convention” democratica si è gettato a capofitto in una serie di dichiarazioni che hanno gelato il mondo politico.

Infatti, ha assicurato che da presidente ordinerà controlli stringenti sui francesi e i tedeschi che vorranno entrare nel paese. Ritiene che Francia e Germania, con le loro politiche di tolleranza verso l’immigrazione musulmana, sono oggi un covo di terroristi.

– E’ colpa loro – ha affermato categorico -. E sapete perché… perché hanno permesso alla gente di entrare nel loro territorio.

Ma non è tutto. Ha sorpreso anche nell’affermare che gli Stati Uniti usciranno dal Wto, dal Nafta e dal recentemente firmato Trans Pacific Partnership.

– Rinegozieremo gli accordi o usciremo – ha detto il Tycoon -. Questi accordi commerciali sono un disastro – ha aggiunto -. Il wto è un disastro.

Secondo Trump, poi, le aziende americane che delocalizzano all’estero dovrebbero pagare una tassa sui beni supplementari che reintroducono nel mercato. Non sono mancate bordate contro l’Unione Europea considerata dal candidato repubblicano una “specie di alleanza per competere con gli Stati uniti”.

Ultima ora

00:45F1: Usa, Hamilton in pole, seconda Ferrari Vettel

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la pole position del Gran Premio degli Stati Uniti. Sulla pista di Austin in Texas, il leader del Mondiale ha preceduto la Ferrari di Sebastian Vettel e il compagno di scuderia Valtteri Bottas. Quinta l'altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Quarta posizione per la Red Bull di Daniel Ricciardo (stesso tempo di Raikkonen ma stabilito prima), mentre sesto tempo per il compagno di scuderia Max Verstappen che dovrà scontare una penalità di 15 posizioni in griglia per aver sostituito la Power Unit. Settimo crono per la Force India di Ocon davanti alla Renault di Sainz ed alla McLaren di Alonso. Decima l'altra Force India di Perez davanti alla Williams di Massa.

00:30Calcio:Sarri’se io ministro Economia,Spalletti della Difesa’

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Handanovic è straordinario, forse il più forte portiere del mondo in questo momento, ma in generale abbiamo trovato di fronte un'intera squadra molto solida. Sono soddisfatto di quello che ha fatto il Napoli: avere il 75% di supremazia territoriale senza concedere tanto agli avversari sono segnali che il match l'abbiamo giocato su buoni livelli''. Ai microfoni di Premium Sport, l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri valuta così lo 0-0 del San Paolo contro l'Inter: ''Dal punto di vista delle palle gol sono due punti persi, ma se continuiamo con questo genere di prestazioni sarà difficile non fare risultato pieno''. Spalletti mi ha definito Ministro dell'Economia? Allora lui è il Ministro della Difesa".

00:28Csm:Davigo non scende in politica e critica politici e toghe

(ANSA) - SIENA, 21 OTT - Piercamillo Davigo non sarà candidato alle prossime elezioni politiche, né intende "assumere incarichi di governo". Lo ha detto oggi zittendo le voci che lo davano in lizza con i 5 stelle. "I magistrati - ha detto non sono capaci di fare politica, tantomeno lo sarei io". Davigo pero' è poi passato a dure critiche sia per i politici che il Csm. Al Parlamento contesta "di non prendere decisioni nemmeno quando per legge dovrebbe allontanare persone condannate per reati anche gravi come l'abuso d'ufficio, incidendo negativamente sulla fiducia dei cittadini".Poi del Csm critica le corsie preferenziali nell'occupare posti dirigenziali per magistrati che hanno avuto incarichi in ministeri o sono rientrati dalla politica. "Fate passare davanti quelli che hanno fatto politica. Non voglio delegittimare il Csm - ha aggiunto - ma quando sono stati arrestati i docenti che si spartivano nelle università incarichi ho sentito colleghi dire in mail che questa cosa la fa il Csm tutti i giorni, 'uno a me e uno a te'".

23:54Calcio: Spalletti, vera fortuna è allenare questi ragazzi

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "A questi calciatori vanno fatti i complimenti: continuate a dirci che siamo fortunati, ma la mia vera fortuna è allenare questi ragazzi. Sanno fare il loro mestiere, sanno dove vogliono andare e oggi sono venuti qui a giocare una buonissima partita''. Ai microfoni di Premium Sport, l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti, risponde così a chi continua a definire la sua squadra fortunata. ''Che poteva anche essere giocata anche meglio. A volte i giocatori del Napoli sembrano i figli di Goldrake, per le cose quasi incredibili che fanno, e giocare contro di loro non è facile. Dobbiamo ancora imparare tanto, perché in alcune situazioni potevamo anche fare gol, ma abbiamo anche fatto dei passi in avanti importanti''. ''Ci vuole del tempo - aggiunge Spalletti -e noi dobbiamo essere bravi ad accorciarlo. Se poi mi continuate a chiedere se lotteremo per lo Scudetto, vi rispondo di sì, lo vinceremo (ironico, ndr)".

23:45Basket: Serie A, Venezia-Cremona 92-81

(ANSA) - VENEZIA, 21 OTT - I Campioni d'Italia dell'Umana Reyer Venezia mantengono l'imbattibilità in campionato, piegando nell'anticipo della quarta giornata la Vanoli Cremona 92-81 e allungando così in testa alla classifica in solitaria per almeno 24 ore. Gli ospiti, guidati dal CT della Nazionale Sacchetti, affrontano l'incontro a viso aperto, partendo meglio degli avversari (12-20 al 5') e riuscendo poi più volte a rientrare in partita dopo il sorpasso veneziano. Decisivo il terzo quarto, in cui l'Umana Reyer serra le fila in difesa, prendendo il largo dopo il 56-52 al 23'. Venezia sfrutta la maggior profondità, trovando proprio dalla panchina le cose migliori (50 punti dei giocatori non partiti in quintetto sui 92 totali, mentre Cremona trova solo 13 punti dalle riserve), con Watt mvp (20 punti in 13', con 27 di valutazione) e Orelik ancora una volta micidiale nel tiro da 3. Nelle file cremonesi, il migliore è ancora una volta Johnson-Odom, autore di 27 punti, ma non basta, così come l'apporto sotto le plance di Sims

23:23Calcio: Inter, Vecino “stasera un punto importante”

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Abbiamo fatto una partita importante, sapevamo che sarebbe stato difficile contro quella che al momento è la squadra più forte. Nel secondo tempo abbiamo sofferto un po', ma questo punto è importante per la classifica e per il morale". Queste le parole del centrocampista dell'Inter Matias Vecino dopo il pareggio senza reti al San Paolo di Napoli. "Inter da scudetto? Noi ci sentiamo forti, ma abbiamo ancora molto da crescere: dobbiamo guardare partita dopo partita", ha concluso Vecino.

23:20Calcio: serie A, Napoli-Inter 0-0

(ANSA) - NAPOLI, 21 OTT - L'Inter blocca il Napoli, finisce 0-0 il secondo anticipo della nona giornata di serie A. Al San Paolo i partenopei ci provano subito con Hamsik, l'Inter risponde con un cross di Perisic fermato da Koulibaly. La squadra di Sarri va vicina al gol al 20': tiro di Callejon respinto da Handanovic che ribatte anche la successiva conclusione di Mertens. Fiammata Inter al 41' con un destro di Borja Valero deviato in calcio d'angolo da Reina. Nerazzurri vicinissimi al vantaggio al 47' con Vecino che dopo aver scambiato con Icardi salta Reina e prova il tiro, Albiol salva sulla linea. Al 56' Callejon serve Hamsik la cui conclusione finisce a lato di un soffio. Al 76' Insigne, la cui presenza è stata in dubbio fino all'ultimo, tenta il tiro a giro da fuori area, palla di poco fuori. Handanovic ancora protagonista all'84' quando respinge un tiro da fuori di Zielinski e al 90' quando evita l'autogol di Miranda. Napoli sempre primo in classifica con 25 punti, l'Inter insegue a quota 23.

Archivio Ultima ora