Emergenza in Venezuela, la Camera approva la risoluzione di Porta e Quartapelle (Pd)

Pubblicato il 28 luglio 2016 da redazione

Emergenza in Venezuela, approvata la risoluzione di Porta e Quartapelle (Pd) nella quale si chiede a Governo e Parlamento di assumere un’iniziativa internazionale sul piano politico e umanitario

Emergenza in Venezuela, approvata la risoluzione di Porta e Quartapelle (Pd) nella quale si chiede a Governo e Parlamento di assumere un’iniziativa internazionale sul piano politico e umanitario

ROMA – Emergenza in Venezuela: la Commissione Affari Esteri della Camera dei deputati, con il parere favorevole del Governo, ha approvato la risoluzione del presidente del Comitato degli italiani nel mondo Fabio Porta e del capogruppo dei deputati del Pd Lia Quartapelle nella quale si chiede di assumere un’iniziativa internazionale sul piano politico e umanitario e di attuare con urgenza anche interventi per aiutare la collettività italiana riguardo a medicine e pensioni.

L’iniziativa italiana, secondo la risoluzione Porta-Quartapelle, dovrebbe inserirsi nel quadro più generale delle diverse iniziative avviate negli scorsi mesi: Unasur, OSA, Unione Europea, Vaticano e anche gli Stati Uniti si stanno da tempo prodigando in vari modi per facilitare una soluzione pacifica del conflitto politico-istituzionale in atto nel Paese sudamericano.

“L’emergenza economica ed umana in Venezuela ci vede impegnati, insieme a Governo e Parlamento, per porre in essere con urgenza tutte le iniziative politiche e diplomatiche nonché ogni tipo di intervento pubblico per trovare soluzioni concrete alla grave situazione umanitaria, che colpisce in molti modi anche la collettività italiana ivi residente”.

E’ questo il senso della risoluzione presentata in Commissione Affari Esteri dall’on. Fabio Porta e dal capogruppo dei deputati del Pd Lia Quartapelle, sottoscritta da un folto numero di deputati del Pd ed approvata con il parere favorevole del Governo.

Un’attenzione specifica la risoluzione dedica alla presenza e alla condizione della grande collettività italiana in Venezuela.

Fabio Porta, parlamentare italiano eletto nella circoscrizione Estero-rip.America Meridionale e presidente del Comitato Italiani nel mondo della Camera dei deputati è da tempo impegnato in prima fila per sollecitare il Governo italiano ad inviare in Venezuela aiuti umanitari, in particolare i medicinali che scarseggiano, e a ripristinare il pagamento delle prestazioni assistenziali (integrazione al minimo, maggiorazioni sociali, assegni familiari) revocate dall’Inps da più di un anno ad oltre 3.000 pensionati italo-venezuelani.

Giova ricordare che il 2015 si è chiuso in Venezuela con un tasso di inflazione del 180.9%, il più elevato al mondo, che i prodotti maggiormente colpiti sono stati i prodotti alimentari e le bevande, che il Fondo monetario internazionale prevede un tasso di inflazione per il 2016 di circa il 700%.

Porta, nel testo della sua risoluzione, ha sottolineato che “il Venezuela sta affrontando una grave crisi umanitaria anche per la carenza di medicinali, forniture e dispositivi medici e che il Paese latinoamericano sta vivendo uno dei momenti più difficili della sua lunga storia, una storia alla quale l’emigrazione italiana ha contribuito in maniera estesa e significativa, arrivando anche ad essere parte consistente e rilevante della classe dirigente del Paese.

Le elezioni legislative del 2015, con la netta vittoria dell’opposizione all’attuale Governo del presidente Maduro, se da un lato hanno confermato la dinamica democratica e pluripartitica delle istituzioni venezuelane, dall’altro hanno acuito tensioni socio-politiche già esistenti determinando un atteggiamento di chiusura rispetto al Parlamento da parte del potere Esecutivo, cui è seguito un totale stallo della vita sociale ed economica.

“Ecco perché – evidenzia la risoluzione – il nostro Paese che ha una importante presenza di italo-discendenti (oltre che di italiani) in Venezuela, nonché una ottima reputazione presso la popolazione può utilmente concorrere a scongiurare derive violente, nello spirito del dialogo reciproco e della riconciliazione nazionale”.

Proprio per questo, secondo la risoluzione presentata dai parlamentari del Pd, “è da considerare l’opportunità da parte dell’Esecutivo italiano, nella persona del suo ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, di incontrare il suo omologo su una agenda di carattere governativo.

E’ parimenti da considerare l’opportunità che una delegazione di parlamentari si rechi quanto prima in Venezuela per incontrare i propri omologhi in base ad una agenda di carattere parlamentare; una operazione del genere, a due fronti, sarebbe un segnale forte e allo stesso tempo rispettoso, di stimolo al dialogo”.

Nelle conclusioni, la risoluzione presentata dall’on. Porta ribadisce che “considerato che si fanno sempre più pressanti le richieste dei connazionali residenti in Venezuela e delle famiglie dei loro discendenti, che chiedono gesti concreti di solidarietà per affrontare la crisi economica e soprattutto l’emergenza umanitaria dovuta alla carenza di medicine e di beni di prima necessità, il Governo si deve impegnare a realizzare con urgenza tutte le iniziative nonché gli interventi opportuni per favorire una soluzione pacifica della crisi politica e, al tempo stesso, lenire la situazione umanitaria, consentendo la spedizione di medicinali e – per quanto riguarda la collettività italiana residente in Venezuela – l’immediata e positiva definizione del problema relativo al pagamento delle prestazioni assistenziali dell’INPS sospese a causa della rigida applicazione del cambio venezuelano alle pensioni italiane”.

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora